In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Caiazzo. 'Una Lirica per l'Anima': nuove sezioni per il concorso poetico nazionale presentato dalla Pro Loco

Le associazioni Pro Loco Caiazzo “Nino Marcuccio” e “Termopili d’Italia”, con il patrocinio del Comune di Caiazzo e ...

Leggi tutto >>

Da Caiazzo in Slovenia il fantasiologo Carrese per illustrare la sua 'mission' a Radio Capodistria

Intervista allo studioso casertano Massimo Gerardo Carrese, esperto di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione. Alla trasmissione ...

Leggi tutto >>

Caiazzo-Casapesenna. Sfortunati ma apprezzati protagonisti di 'The Wall' su Canale 5, martedì, i gestori della tenuta 'Pegaso'

Battuti dalla sorte ma vincitori per simpatia, Luigi e Nicola Piccolo, rispettivamente padre e figlio, titolari del noto locale ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Comune: pagamento 'facile' per tributi e servizi, esclusi però i parcheggi (per cui sarebbe dovuto)

Quanto prima a Caiazzo tributi e servizi comunali si potranno pagare anche con carta di credito o debito. Al ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Cultura 'snobbata' dal preposto assessore che 'lesina' sulla biblioteca comunale?

I consiglieri di opposizione del gruppo “Caiazzo Bene Comune” (Michele Ruggieri, Marilena Mone, Amedeo Insero e Mauro Carmine ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Basket, CSI: la squadra 'griffata' Pepe in Grani 'asfalta' anche l’NBK Marcianise

Squadra che vince non cambia: neanche sponsor! CSI Basket e Pepe in Grani: accoppiata vincente... da sempre e su ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. 'Accecato' dalla nebbia intensa, giovane automobilista finisce fuori strada... e all'ospedale

É accaduto all'alba di martedì 4 dicembre alla periferia di Caiazzo, lungo la provinciale 336 dove, a causa della ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Comune: Giaquinto come Trump e tutti i grandi statisti: avrà un suo 'ufficio di staff'

Disco verde dell’Amministrazione Comunale all’istituzione di un ufficio di supporto agli organi di direzione politica al fine di realizzare ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Comune, alta tensione in Consiglio: la minoranza, inascoltata, abbandona l'aula e adisce il prefetto

Altro che strenne natalizie e tradizionale scambio di auguri per l'ultima seduta annuadel Consiglio comunale caiatino, come presumiamo ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Apicoltori: il Comune sponsorizza corso per una nuova opportunità lavorativa in proprio

Interessante iniziativa per i giovani che volessero cimentarsi con l'apicoltura. Domenica 2 dicembre nell'aula consiliare del Comune di Caiazzo, con ...

Leggi tutto >>

Dragoni-Baia Latina. Dimensionamento scolastico: i sindaci ne discutono col governatore regionale De Luca

Lunedì 11 dicembre Silvio Lavornia, sindaco di Dragoni, accompagnato dal suo omologo di Baia Latina,

Alvignano. Scuole: comunità preoccupata per il ridimensionamento deciso dai vertici regionali

L’intera comunità  vuole scongiurare quel che molti definiscono sopruso calato dall’alto”!

Figli di Portici famosi: l’industriale Luigi Petriccione

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi di Portici per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

Luigi Petriccione è nato a Portici, l’11 agosto 1839.

Industriale nel settore del grano e della pasta alimentare, è stato padrone e direttore di un mulino e di un pastificio, ha  rivestito importanti cariche amministrative e pubbliche.

Nel  1878, è stato eletto presidente del  primo Consiglio Direttivo della Scuola per la lavorazione del corallo di Torre del Greco.

La nuova scuola «… è un’istituzione di tipo consorziale, alle dipendenze dello Stato, amministrata da un formato dai rappresentanti di quattro Enti che la sostengono […] Il Consiglio Direttivo risulta composto dal senatore Luigi Palmieri per lo Stato; dal deputato avv. Della Rocca per la Provincia; dal dott. Agostino Brancaccio, deputato provinciale ed assessore comunale di Torre del Greco; dall’onorevole Luigi Petriccione per la Camera di Commercio di Napoli, che viene eletto Presidente».

Sempre interessato alla vita pubblica, adoperandosi fattivamente per il Comune di San Giovanni a Teduccio, oggi quartiere di Napoli, il 5 agosto 1880 ne è stato eletto sindaco.

Partecipò alle lotte amministrative napoletane

Nell’anno 1880, è stato eletto consigliere della Deputazione provinciale di Napoli.

Nello stesso anno 1880, è stato candidato nel collegio elettorale di Torre Annunziata, alle elezioni politiche. Al ballottaggio, tenuto il 23 maggio, è stato rieletto deputato alla Camera del Regno d’Italia.

A Montecitorio, ha quindi occupato uno scanno per tre legislature consecutive: XIV, 26.05.1880  – 02.10.1882;  XV, 22.11.1882 – 27.04.1886; XVI, 10.06.1886 – 22.10.1890.

Ha sempre preso parte attiva ai lavori parlamentari, avversando soprattutto la strategia del trasformismo di Agostino Depretis (Mezzana Corti Bottarone, 31 gennaio 1813 – Stradella, 29 luglio 1887)

Per quanto parlamentare, ha mantenuto il suo posto in consiglio provinciale, sedendo tra i banchi fino al 1888.

Ha fatto parte della Deputazione provinciale napoletana ancora per due mandati: 1890 – 1891 e 1896 – 1898.

Il 2 gennaio 1885, ha assunto la presidenza della Camera di Commercio e Arti di Napoli. Succedendo al senatore Tito Cacace (Napoli, 21 gennaio 1800 – 10 febbraio 1892), ha ricoperto «… la carica – con la sola interruzione – dal marzo al giugno 1922, d’una presidenza del cav. Giovanni Carelli – fino al 1913 e cioè fin quasi all’indomani della nuova riforma, che delle vecchie “Camere di Commercio” nel 1910, sostituì le “Camere di Commercio e Industria”.

Durante la sua gestione, protrattasi per circa un trentennio, «… venne edificata l’attuale sede della Camera in Piazza Bovio, inaugurata nel 1899».

Grazie al suo patrocinio, il comune di San Giovanni a Teduccio, nel 1886, ha ottenuto l’istituzione di una scuola serale di disegno industriale e di elementi di meccanica. Finalità della scuola, in origine sistemata in alcuni locali del convento di Santa Maria del Soccorso, annesso all’omonima cinquecentesca chiesa, era l’istruzione e la preparazione dei giovani alle specializzazioni lavorative  e ciò con evidente beneficio della cittadinanza di San Giovanni a Teduccio».

Per i notevoli benefici apporti alla crescita della comunità sangiovannese, il 23 marzo 1889 , dall’amministrazione civica del comune di San Giovanni a Teduccio  è stato dichiarato cittadino onorario.

Filantropo e mecenate,per i meriti acquisiti è stato insignito della commenda della Corona d’Italia.

Il 3 gennaio 1904, nella sala Borsa «… con la presenza del Presidente del Consiglio Provinciale, di deputati e senatori, di rappresentanti del Comune, nonché di industriali», ha presieduto il comizio indetto dalla Camera di Commercio e delle Arti «… per sollecitare il Governo alla pronta attuazione delle proposte formulate dalla Commissione reale per l’incremento di Napoli».

L’ottantenne industriale Luigi Petriccione, decede nella sua abitazione a San Giovanni a Teduccio, il 13 febbraio 1919.

I suoi resti mortali riposano nella cappella della Famiglia Petriccione, eretta all’interno del cimitero di Portici.

Sulla lapide che copre il loculo, si legge la seguente scarna iscrizione:

LUIGI PETRICCIONE / NATO L’11 AGOSTO 1839 / MORTO IL 12 FEBRAIO 1919

Nel 1922, la scuola d’istruzione professionale «… giusta decreto reale assumeva la denominazione «Luigi Petriccione» secondo voti espressi a tal riguardo dal collegio Insegnanti e dal consiglio locale per debita riconoscenza al Comm. Luigi Petriccione, tanto solerte e benemerito amministratore dell’Istituto».

Nastrino dell’onorificenza attribuitagli

 Commendatore del’Ordine della Corona d’Italia

Articolo correlato:

https://wp.me/p60RNT-3TH

L’articolo Figli di Portici famosi: l’industriale Luigi Petriccione proviene da Lo Speakers Corner.

(Tonia Ferraro – http://www.lospeakerscorner.eu – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

La Festa del Mandarino dei Campi Flegrei

di Ciro Santisola

NAPOLI Nella fantastica scenografia del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore dei Frati Minori Conventuali in piazza San Gaetano giovedì 13 dicembre sarà dato il via alla VII edizione Festa del Mandarino dei Campi Flegrei.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione no-profit L’Immagine del Mito, «… che agisce e opera su base assolutamente volontaria, con l’unica finalità di rivalutare il territorio dei Campi Flegrei mettendo in luce le qualità uniche dei prodotti, promuovendo tutti gli aspetti produttivi, creando così le premesse per un nuovo sviluppo dell’agricoltura e dei suoi derivati», si protrarrà fino al 16 febbraio 2019 con diversi eventi, che si terranno in varie località dell’area flegrea.

la kermesse flegrea, infatti è nata «… dalla necessità di rivalutare questo agrume dalle eccellenti proprietà nutritive e organolettiche che, da tempo, è stato sostituito da ibridi più facilmente edibili (tra cui la clementina dal sapore meno intenso ma più richiesto perché privo di semi) con conseguente abbandono della produzione».

Ai curiosi, si evidenzia che «… il mandarino è un agrume di origine cinese che arriva in Italia, all’Orto botanico di Palermo, nel 1810 e dopo qualche anno, nel 1816, approda nel Real Orto Botanico di Napoli retto dal botanico Michele Tenore per acquisire la denominazione di Citrus Deliciosa. Da qui viene piantato, nel 1818, al Real Parco di Capodimonte, precisamente nell’Orto delle Delizie per allietare la tavola della famiglia reale dei Borbone in inverno». Ancor’oggi, a distanza di 200 anni, i mandarini continuano a crescere nel Giardino Torre all’interno del bosco. Inoltre, grazie all’impegno della dirigenza dell’Associazione L’Immagine del Mito, il mandarino dei Campi Flegrei e il liquore di mandarino dei Campi Flegrei, superata la preliminare fase istruttoria espletata dall’Assessorato regionale all’Agricoltura, dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali sono stati inclusi nelle rispettive sezioni Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati e Bevande analcoliche, distillati e liquori dell’elenco dei Prodotti Tradizionali (PAT) della Regione Campania (G.U. n.168/2015).

La Festa, come per le precedenti edizioni, evidenzierà particolarmente l’aspetto gastronomico, dal momento che: «… chef stellati, bar e ristoranti dei comuni che negli anni hanno partecipato alla manifestazione inseriscono abitualmente nei propri menu ricette raffinate, sia dolci che salate, a base di mandarino. Infine liquore, da gustare freddo a fine pranzo, viene attualmente prodotto da diverse distillerie tra cui, in particolare, le distillerie Assunta Iacono di Sant’Angelo di Ischia e la distilleria Helios di Lucio Troise di Quarto Flegreo.

Si riportano le tappe e il calendario degli appuntamenti programmati:

NAPOLI – al Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore, giovedì 13 e venerdì 14 dicembre, dalle 9.30 alle 14, si terrà:

  • la degustazione di prodotti a base di mandarino (panettone, marmellate, spremute, mandarinetto) preparati da rinomati pasticcieri e dalle aziende agricole del territorio;
  • la promozione della cosmesi al mandarino naturale: dall’acqua tonica per il corpo a bassissimo tasso alcolico al sapone da toilette e al profumo.

L’ingresso alla Festa del Mandarino dei Campi Flegrei è vincolato all’acquisto del biglietto per la visita agli scavi della città greco-romana.

Parteciperanno gli allievi dell’istituto agrario Giovanni Falcone di Pozzuoli – Licola con i conservati in barattoli e gli allievi degli istituti alberghieri Gioacchino Rossini di Napoli – Bagnoli ed Elena di Savoia di Napoli, che forniranno il servizio di accoglienza.

La Festa vorrà essere anche un’occasione di «… conoscenza e promozione di associazioni, centri culturali, scuole e piccole realtà produttive impegnate sul territorio per salvare questo pregiato agrume; ne è un esempio l’associazione “Terra Flegrea”, costituita da imprenditori impegnati nel valorizzare i prodotti di nicchia dell’agricoltura flegrea, pronta a immettere sul mercato derivati di ottima qualità: alcuni tipi di marmellata, succo, estratto alcolico destinato a far concorrenza al più famoso limoncello, babà immersi nell’estratto e “bagna” per dolci».

NAPOLI – al MANN – Museo Archeologico di Napoli, maggiore struttura museale napoletana, alle ore 12 di giovedì 13 dicembre, sarà tenuta la conferenza stampa sull’apertura della mostra dei tesori dell’arte della regione cinese del Sichuan “Mortali Immortali”, visitabile dal 14 dicembre.

«… Due eventi diversi fra di loro ma accomunati da un piccolo e gustoso frutto: il mandarino, simbolo di comunanza tra l’Italia, Napoli in particolare, e la Cina».

SERRARA FONTANA – nell’isola d’Ischia, al Borgo di Succhivo, dalle ore 16 fino a sera di domenica 2 dicembre, Natale al Borgo: percorso presepiale per le strade del Borgo, mostre, degustazioni e premiazione del concorso fotografico didattico dedicato al Mandarino (a cura dell’Associazione Gertrud Streicher).

LACCO AMENO – nell’isola d’Ischia, dal mattino alla  sera di venerdì 28 e sabato 29 dicembre, si terrà il percorso enogastronomico sul corso Angelo Rizzoli con degustazione di prodotti al mandarino.

Dalle ore 10 di domenica 30 dicembre, si terranno il percorso enogastronomico sul corso Angelo Rizzoli, le visite guidate al museo di villa Arbusto con esposizione e simposio di prodotti dell’isola con degustazioni di prodotti al mandarino. Intrattenimento musicale.

BACOLI – dalle ore 9.30 alle ore  14 di sabato 12 gennaio 2019 – Villa Ostrichina e Casina Vanvitelliana – Parco Vanvitelliano del Fusaro

Prodotti agroalimentari dei Campi Flegrei, artigianato, degustazioni al mandarino.

Mostre fotografiche: “Blue note “ di Angelo Moscarino, “Jericoacoara “ di Mariano Stellatelli.

Laboratorio didattico per bambini “Ci manda…rino” a cura dell’ACSMAM (Associazione Culturale Santa

Maria Ai Monti) – Capodimonte (Napoli)

Casina Vanvitelliana

Mostra personale “Colori Sospesi” del maestro Carlo Cordua

Alle ore 10.30 – Intervento: “Educazione ambientale”, il ruolo dell’Ente Parco Regionale dei Campi Flegrei” con Gennaro Carotenuto, Commissario straordinario dell’Ente Parco Regionale dei Campi Flegrei.

Alle ore 11.30 – Spettacolo teatrale rielaborato dalle opere di G.B.Basile: “Pascadoria e Colospizia… con

Pulcinella servitore” – Associazione culturale il Ditirambo-Insieme di Teatro Flegreo.

Alle ore 10.30 di domenica 13 gennaio, si terrà l’Incontro con la moda e la danza:

sfilata di moda delle allieve e allievi dell’Accademia della Moda Santa Teresa di Qualiano.

Oltre a presentare gli abiti da loro liberamente ideati e realizzati, gli allievi stilisti «… presenteranno anche la linea di moda “Estate Flegrea 2019” frutto di un lavoro di gruppo approntata con stoffe di pregio tinte a mano con coloranti naturali, secondo il metodo Shibori».

Spettacolo dell’Accademia di Danza “La rosa negra”.

Accoglienza e degustazione di piatti al mandarino a cura dell’Istituto Alberghiero Gioacchino Rossini di Napoli – Bagnoli..

Visite guidate a cura della Proloco Città di Bacoli presente alla festa.

MONTE DI PROCIDA – sabato 2 febbraio, in Villa Matarese, avrà luogo l’esposizione ricami tipici antichi e abiti della tradizione (La Montesina), agrumi rari del Real Orto Botanico di Napoli.

Ore 10.15 – “I Romani a Monte di Procida” – Intervento di Pasquale Schiano di Cola.

Ore 11 – Presentazione del libro “Pi Greco” secondo romanzo della “quadrilogia del tufo”, esibizione del coro dell’Associazione “Corale Flegrea” dirige il soprano Virginia Cimmino – Pianista Alessandro Capone.

A seguire degustazioni di prodotti al mandarino a cura dell’Associazione Cappella Futura e Rione San Giuseppe.

Accoglienza e degustazione di piatti al mandarino a cura degli allievi dell’Istituto Alberghiera Gioacchino Rossini di Napoli.

POZZUOLI – sabato 16 febbraio, alla Sala convegni della Protezione Civile di Monterusciello, Via Elio Vittorini  1 Monterusciello/Pozzuoli, si terrà il consueto convegno sul tema “Agricoltura sostenibile e produttiva nei Campi Flegrei. Sperimentazioni e prospettive, tutela e valorizzazioni delle produzioni agroalimentari.

Risultati dello studio sulle proprietà del mandarino flegreo. L’imprenditoria femminile in agricoltura: testimonianze. Il progetto MAC (Monterusciello Agro City). Paesaggio ed agricoltura sostenibile. Sinergia tra agricoltura, cultura e turismo.

Accoglienza e degustazione di piatti al mandarino a cura degli allievi di un Istituto Professionale del territorio.



L’articolo La Festa del Mandarino dei Campi Flegrei proviene da Lo Speakers Corner.

(Tonia Ferraro – http://www.lospeakerscorner.eu – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Caiazzo. ‘Una Lirica per l’Anima’: nuove sezioni per il concorso poetico nazionale presentato dalla Pro Loco

Le associazioni Pro Loco Caiazzo “Nino Marcuccio” e “Termopili d’Italia”, con il patrocinio del Comune

Caiazzo-Casapesenna. Sfortunati ma apprezzati protagonisti di ‘The Wall’ su Canale 5, martedì, i gestori della tenuta ‘Pegaso’

Battuti dalla sorte ma vincitori per simpatia, Luigi e Nicola Piccolo, rispettivamente padre e figlio,

Natale, tempo di effusioni: anche dell’impreditrice Debora Cattoni verso la showgirl Sara Tommasi

Arriva Natale e la nota imprenditrice umbra Debora Cattoni auspica un “ritorno di fiamma”

Caiazzo. Comune: pagamento ‘facile’ per tributi e servizi, esclusi però i parcheggi (per cui sarebbe dovuto)

Quanto prima a Caiazzo tributi e servizi comunali si potranno pagare anche con carta di credito

Nuovo incontro del Portici Science Cafè

di Stanislao Scognamiglio 

PORTICI (NA)Nel civettuolo salone d’ingresso della Villa Fernandes, un bene confiscato alla camorra destinato ad accogliere manifestazioni di interesse pubblico, al civico 144 di corso Armando Diaz, alle ore 17.30 di ìmercoledì 12 dicembre, l’Associazione Portici Science Cafè presenterà un nuovo appuntamento scientifico, organizzato nell’ambito del V ciclo di incontri.

La nuova conversazione/incontro vedrà impegnato il professor Pietro Ferraro, direttore dell’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti (ISASI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR di Pozzuoli, nella trattazione del tema Cellule come lenti di ingrandimento: nuove tecnologie per la diagnosi biomedicale?

Il relatore d’eccezione, esporrà quanto giovani ricercatori: biologi, fisici, ingegneri e medici, lavorando in piena sinergia per sviluppare la diagnostica del futuro, siano arrivati a elaborare «… un’innovativa e originale possibilità di individuazione di cellule malate nel sangue, che resterebbero nascoste alle attuali tecniche».

Pertanto, fornirà al pubblico le dovute quanto attente risposte su come «… alcuni tipi di cellule potessero essere in grado di assolvere ad una funzione tecnologica, ovvero servire ad uno scopo per il quale esse non sono state create» e «… sull’impiego di molecole che producono segnali nell’ambito delle frequenze della luce visibile o dell’infrarosso». Domande queste che costituiranno il focus dell’incontro: Cos’è l’Optobiologia? Come funziona la tecnica di imaging ottico?

Com’è solito, l’ospite sarà presentato e introdotto dal dinamico animatore, ingegner Vincenzo Bonadies

Pietro Ferraro,  laureato in Fisica con lode, inizia la sua carriera c/o Aeritalia. Successivamente al C.N.R. nel 2001, dove dal 2011 è Presidente dell’Area della Ricerca CNR di Pozzuoli. Dal 2014 è Direttore dell’ISASI-CNR.

Autore di oltre 270 pubblicazioni su riviste scientifiche, 20 brevetti e Editor di due libri di collane scientifiche della Springer Verlag. E’ componente del CdA del Distretto Aerospaziale della Campania (DAC).

I suoi interessi scientifici spaziano in vari campi di applicazione che vanno dall’aerospazio e beni culturali fino allo studio di sistemi biologici e alla diagnostica biomedicale.

A fine dell’incontro scientifico, nella sala attigua sarà inaugurata la mostra collettiva di pittura  Six artists for PSC.

L’evento è stato  organizzato per promuovere e raccogliere fondi utili a sostenere le attività culturali del Portici Science Cafè.

Saranno esposte al pubblico opere degli artisti:

  • Cesare Abbate
  • Giovanni De Vincenzo
  • Eciancia
  • Paolo Iacomino
  • Ciro Paolillo
  • Antonio Siciliano

Dopo la serata inaugurale, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle 20 di giovedì 13 fino a venerdì 21 dicembre, la mostra sarà ammirabile presso la libreria Mondadori Store, al II Viale Melina a Portici.

L’articolo Nuovo incontro del Portici Science Cafè proviene da Lo Speakers Corner.

(Tonia Ferraro – http://www.lospeakerscorner.eu – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)