CastelCampagnano. Comune, finalmente si approva il bilancio anzi no: si va verso il ‘baratro’!

Si è rivelato fin troppo facile profeta – anzi cassandra, considerate le conseguenze- basandosi però non su astrusi vaticini ma sulla sua profonda esperienza professionale contabile, Scipione De Leone, ex assessore alle finanze e vicesindaco di Castel Campagnano che, insieme al gruppo di minoranza capeggiato dall’ex sindaco Nicola Campagnano, ha da tempo presagito il tracollo contabile, ormai imminente, dell’ente a causa di una gestione amministrativa ritenuta a dir poco superficiale, che ovviamente ora ciascuna delle parti in causa imputa agli antagonisti.

Presagio che, nonostante il sempre fermo diniego della maggioranza capeggiata dal sindaco Giuseppe Di Sorbo, sta per trasformarsi in amara realtà anche per i contribuenti campagnanesi, costretti a pagare tributi ancor più “salati”, in seguito allo stravolgimento dell’ordine del giorno del civico consesso, convocato per le ore 18,30 di mercoledì 26 aprile in particolare per approvare -tardivamente- il bilancio di previsione, evitando le nefaste conseguenze già previste dalla diffida prefettizia, ma riconvocato dopo qualche giorno con la sostanziale variazione che prevede proprio, anziché l’approvazione dei conti, la deliberazione dello stato di dissesto, equivalente, per un ente locale, al tracollo finanziario.

Fulmine a ciel sereno per le tante persone indotte (rectius: illuse) a misconoscere la veridicità di quanto puntualmente denunciato dalla minoranza anche con pubblici murali, nuovamente defissi a stretto giro, circa l’imminente “fallimento” dell’ente, ma cronaca di una morte annunciata per la minoranza che ora, oltre a rivendicare i propri meriti, probabilmente esige spiegazioni su un trasformismo inspiegabile in un ente pubblico dove, se non i politicanti, almeno i preposti funzionari avrebbero dovuto conoscere da tempo la china per la quale stavano rovinando.

Ciò nonostante è difficile ipotizzarsi un voto unanime sulla proposta della maggioranza, essendo trapelato che la stessa minoranza (che da tempo allude al dissesto) ora potrebbe esplicitare delle proposte che avrebbero potuto, se non evitare, quanto meno differire notevolmente nel tempo la catastrofe per le casse comunali.

Chi vivrà vedrà, fermo restando che, stanti così le cose, la maggioranza e soprattutto il sindaco Giuseppe Di Sorbo dovrebbero dare spiegazioni chiare ai cittadini circa le ragioni che hanno potuto indurre non solo a negare sempre le iatture prospettate dagli antagonisti, ma soprattutto al repentino, drastico cambio di rotta.

Cliccare sulle foto per scaricare i rispettivi documenti originali

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: