Caiazzo. Altro che ‘palma di pace’: ruggiti di guerra al Comune nel nuovo murale della minoranza

Durissimo attacco della minoranza capeggiata dall’ex sindaco Stefano Giaquinto alla civica amministrazione capeggiata dal sindaco Tommaso Sgueglia del quale si invitano esplicitamente le dimissioni, insieme a tutti gli altri sodali e in particolare del vice sindaco Antimo Cerreto che peraltro le aveva già promesse, come si evince dal murale divulgato proprio nei giorni successivi alla festa di pace per antonomasia.

Ma anche in seguito al civico consesso riunito d’urgenza espressamente per modificare l’appena approvato bilancio previsionale e approvare la contrazione di un nuovo mutuo oneroso, indispensabile per trasformare l’ex macello comunale in struttura che dovrebbe (il condizionale resta d’obbligo!) ospitare la stazione dei Carabinieri evitando la già preannunciata (e programmata), clamorosa beffa del trasferimento nella vicina Ruviano.

Operazione per la quale, nonostante il voto unanime, non sono certo mancati, per i proponenti, i distinguo e suggerimenti da parte degli ex alleati di “Uniti per Caiazzo”, come contiano di riferire in separata sede, limitandoci a riportare dis eguito il testo integrale del manifesto:

Cronaca di un disastro annunciato

La maggioranza “abusiva” guidata da Tommaso Sgueglia, assistito dall’assessore al bilancio Cerreto e dal gruppo Sibillo, ha approvato il bilancio annuale regalando ai cittadini di Caiazzo:

1• aumenti del 16% delle tariffe rifiuti;
2• assenza totale di fondi per la tutela delle fasce deboli, disabili e famiglie in disagio economico;
3• nulla per i giovani e per il Forum dei Giovani;
4• riduzione del finanziamento alla Protezione Civile;
5• riduzione dei fondi per le scuole;
6• solo euro 8.000,00 per le strade comunali, ed euro 16.000,00 per le strade vicinali ad uso pubblico;

7• mancata adozione della definizione agevolata di cartelle esattoriali ed ingiunzioni (rottamazione delle cartelle), che avrebbe consentito ai cittadini di pagare in 6 rate, previa decurtazione di maggiorazioni ed interessi.

Il gruppo “Uniti per Caiazzo boccia decisamente questo modo di amministrare dicendo no a questo documento finanziario:

incapace di programmare, che non è garante delle fasce deboli, che aumenta la pressione fiscale;

ricorda al vice sindaco Cerreto di aver promesso di dimettersi al primo aumento delle tasse;

invita quindi, il sindaco, il vice sindaco e l’intero gruppo di maggioranza a dimettersi, per il “Bene Comune!”

Il gruppo “Uniti per Caiazzo”.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

 

 

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: