Campania. Saldi a ‘go go’ ma attenti agli impostori: molti aumentano i prezzi per simulare forti sconti!

Iniziata la stagione dei saldi, il primo consiglio è evitare di essere abbagliati dai falsi sconti soprattutto quando questi assumono entità notevoli.

Prima di tuffarsi negli acquisti è bene interrogarsi sulla effettiva necessità del bene che si vuole acquistare, e valutare se lo sconto praticato è uno sconto vero e non il risultato di un prezzo aumentato rispetto al prezzo di vendita normale tale da vanificare completamente o parzialmente lo sconto dichiarato.

Purtroppo, come sempre più spesso ci viene segnalato -ha precisato Vito Conforti, Presidente della Lega Consumatori di Caserta- assistiamo al malcostume da parte di alcuni commercianti di maggiorare il prezzo originale del prodotto per evidenziare sconti anche del 50-70%.

Dietro questo fenomeno c’è una violazione della legge e il tentativo di raggirare il consumatore con l’illusione di fare un grande affare.

Il cambio dei capi è a discrezione del commerciante, dietro presentazione dello scontrino fiscale e tale consuetudine vige anche nel periodo dei saldi.

Diverso è invece il caso di un prodotto difettato o non conforme: il cambio è un diritto del consumatore.

Sempre dietro esibizione dello scontrino d’acquisto, in caso di prodotto difettoso, il commerciante è tenuto a provvedere alla sua sostituzione o, in mancanza, a emettere un buono d’acquisto di importo corrispondente spendibile per un periodo da concordare.

Così è anche in caso di prodotto non conforme (ad esempio un maglione venduto come di pura lana che invece è di misto lana).

Il commerciante è tenuto a fornire il bene come richiesto, descritto, reclamizzato e, ai sensi del D. lgs. 24/02, riparare o sostituire il capo, ridurre il prezzo o restituire quanto pagato.

Il pagamento con carte di credito è permesso se il commerciante ne espone la vetrofania. In caso di diniego, il consumatore deve segnalare il fatto alla società emittente la carta.

A tal proposito -ha concluso Vito Conforti- ricordiamo che i comportamenti scorretti dei commercianti possono essere segnalati all’autorità competente che in questo caso è la Polizia Municipale.

Le segnalazioni possono anche essere indirizzate alle associazioni consumatori le quali provvederanno alla dovuta assistenza e segnalazione alle competenti autorità, nonché alla tenuta di un archivio sui problemi inerenti all’acquisto di capi in saldo.

(Pietro Rossi – Add. Uff. Stampa – Comunicato Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
[smiling_video id=”110323″]


[/smiling_video]

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati