Caiazzo e dintorni. Autentica ‘quiete dopo la tempesta’ in particolare per il comprensorio fluviale

Si è rivelata davvero provvidenziale la giornata quasi primaverile di cui abbiamo potuto godere l’antivigilia di Natale  dopo due giorni di vera devastazione, provocata dall’incessante pioggia che ha flagellato in particolare l’ambito attraversato dal fiume Volturno, non solo nella zona bassa, dove ovviamente la portata idrica è stata maggiore, ma anche nella zona a monte della diga (Ponte “Annibale”) e in particolare nell’ambito compreso fra Ruviano, Alvignanello, Castel Campagnano, dove nel principale corso d’acqua campano affluiscono anche le acque del Calore, proveniente dal Sannio, e il tratto compreso fra Limatola, Piana di Monte Verna e Triflisco, dove si sono registrati danni ingentissimi.

Dopo le numerose inondazioni che hanno determinato seri problemi di viabilità e il cedimento di un tratto stradale fra Caiazzo e Ruviano, che ne ha determinato la chiusura, infatti, in particolare dopo Alvignanello il livello fluviale è continuato a elevarsi, raggiungendo e superando in molti punti non solo la sede stradale ma anche abitazioni, aziende agricole e aree destinate al tempo libero, come il parco realizzato proprio a ridosso del fiume, e del ponte di Amorosi, in provincia di Benevento, dove la furia dell’acqua ha travolto gran parte degli arredi mentre la fanghiglia è penetrata in diversi veicoli ricoperti dall’acqua per circa un metro.

La pioggia incessante ha determinato anche uno smottamento a valle della frazione Squille, dove per conseguenza si è rea necessaria l’evacuazione di alcune abitazioni, prontamente disposta, in via precauzionale, dal sindaco Giuseppe Di Sorbo che anche domenica ha continuato a perlustrare l’intero comprensorio di competenza e in particolare il cimitero, già parzialmente evacuato anni addietro per parziale cedimento dei loculi ubicati proprio a ridosso del corso d’acqua e che ora potrebbe aver subito altri danni, mentre la soluzione alternativa, più volte prospettata, sembra ancora chimera anche se è auspicabile che almeno per questo il funesto evento meteorologico possa indurre i vari preposti ad agire.

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web© Diritti riservati all’autore)

[smiling_video id=”109400″]  [/smiling_video]

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
118 queries, 1,835 seconds.