IN SPAGNA UN QUINDICENNE HA UCCISO LA MADRE IL PADRE ED IL FRATELLINO GLI AVEVANO TOLTO L’USO DEL TELEFONINO

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!




Delitti e suicidi

Francesco De Florio De Grandis, di anni 72, imbianchino in pensione, una moglie e tre figli, incensurato, detto «Ciccillo» o anche «il pittore della notte» per la sua passione per la pittura, mentre andava a messa fu raggiunto alle spalle da una decina di colpi di pistola. Qualche ora dopo, i carabinieri arrestarono Amleto Petrosemolo, di anni 70, ex riparatore di televisori, incensurato pure lui, affetto da manie di persecuzione, che confessò. Era convinto che il De Grandis, suo vicino di casa, parlasse male di lui (ieri mattina poco prima delle otto nel quartiere Santa Rita, periferia di Lanciano, provincia di Chieti).

Un ragazzino di 15 anni, pessimo rendimento scolastico, svogliato quando si trattava di aiutare la famiglia a casa e nei campi, al culmine dell’ennesima discussione con la madre, avendo quest’ultima deciso di punirlo bloccando l’accesso al wi-fi di casa, imbracciò un fucile da caccia di proprietà del padre, e uccise lei e il fratellino di 10 anni, sparando loro diverse volte. Quindi, atteso che il padre tornasse a casa dal lavoro, sparò più volte anche contro di lui, uccidendolo. Tenne nascosti i cadaveri in un capannone di fianco alla casa per tre giorni, durante i quali non andò a scuola giustificando la sua assenza con la quarantena per covid (martedì scorso, a Elche, località di campagna nel sud est della Spagna, non lontano da Alicante, celebrato centro turistico della Costa Blanca).

«Una vicina di casa avrebbe chiesto al ragazzo notizie dei suoi genitori che non vedeva da qualche giorno. Lui, pare spontaneamente, avrebbe risposto di averli uccisi. La vicina ha allertato dunque un parente che si è recato nell’abitazione e ha chiamato la polizia» [Ridolfi, Quotidiano del Sud].

Amori

Valentino, vescovo di Terni, morì martirizzato nel 273, fatto decapitare dall’imperatore Aureliano per essersi rifiutato di rinnegare la propria fede. Alcuni secoli dopo, nel 496, papa Gelasio I santificò il patrono di Terni come protettore degli innamorati e degli sposi. Infatti, secondo la tradizione, il vescovo Valentino, superando le difficoltà e gli ostacoli di un amore nato tra persone di fedi diverse, aveva unito in matrimonio una donna cristiana, Serapia, con un legionario pagano, Sabino, suscitando l’ira dell’imperatore che l’aveva poi condannato a morte. In realtà l’istituzione il 14 febbraio della festa di San Valentino servì alla Chiesa per sostituire con una manifestazione religiosa consacrata all’amore sponsale i rituali pagani della fertilità, che si svolgevano nella stessa data con la scabrosa celebrazione dei Lupercali (una ricorrenza dedicata al Fauno Luperco, divinità licenziosa e difforme dai valori cristiani dell’amore), [Sironi, Avv].

San Valentino è anche patrono e protettore degli epilettici.

«Emma Thompson ha detto che ci vuole “un certo coraggio” a mostrarsi senza veli a sessantadue anni, ma la scena in cui si toglie l’accappatoio e si guarda completamente nuda in uno specchio (offrendosi così, non certo di sfuggita, anche agli occhi dello spettatore) non è né pruriginosa né tanto meno provocante, piuttosto è l’inevitabile punto d’arrivo di una storia che è cominciata con l’ammissione delle sue insoddisfazioni sessuali e che deve finire con il loro superamento» (Paolo Mereghetti, CdS, a proposito del film Good Luck to You, Leo Grande, scritto da Katy Brand e diretto da Sophie Hyde, in cui una insegnante di religione in pensione, vedova da tre anni, decide di scoprire quello che non ha mai provato con il marito, un orgasmo, e, per farlo, ingaggia un giovane gigolò).

Mercoledì scorso la Adidas, per promuovere una nuova linea «inclusiva» di reggiseni sportivi, ha pubblicato su Twitter un collage fotografico in cui si vedono 25 coppie di seni nudi di tutte le forme, dimensioni e colori. «Riteniamo che il seno delle donne di tutte le forme e dimensioni meriti supporto e comfort», ha scritto l’azienda. «Ecco perché la nostra nuova gamma di reggiseni sportivi contiene 43 modelli, così tutti possono trovare la vestibilità giusta per loro». La ditta ha chiuso il tweet con il cancelletto #SupportIsEverything [DailyMail].

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: