Brusca libero, parte l’assalto…

Cronache Agenzia Giornalistica

2

L’uscita dal carcere di Giovanni Brusca, il boia della strage di Capaci, diventa l’assist perfetto per far partire ancora una volta all’assalto legislazione che premia i collaboratori di giustizia. A intestarsi una battaglia che rischierebbe di azzerare la lotta a Cosa nostra, ‘ndrangheta camorra è Matteo Salvini, non si sa quanto consapevolmente. “Va cambiata la norma, è un’uscita imbarazzante, vergognosa, diseducativa”, dice il leader della Lega, ripetendo il concetto in tre diverse occasioni a distanza di poche ore: a Mattino Cinque (“Se è uscito di carcere significa che c’erano i requisiti, ma allora bisogna cambiare la legge“), in diretta su Facebook (“Profondo rammarico per una legge che va cambiata“), e alla conferenza stampa di presentazione dei referendum sulla giustizia promossi assieme al Partito radicale (“Che una persona ha ammazzato cento persone possa passeggiare per Roma, mi sembra figlio di una legge sbagliata“). Ma non è il solo: anche per il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, “se una norma è palesemente sbagliata va cambiata. Magari non potrà più servire per Brusca ma servirà almeno ad evitare un altro caso simile”. “La legge che consente ai collaboratori di giustizia la scarcerazione va rivista e a chi oggi si limita a dire che la legge va rispettata dico: abbiamo il dovere di lavorare per cambiarla, perchè questa non è giustizia”, sostiene pure Licia Ronzulli, vicecapogruppo di Forza Italia al Senato, mentre già ieri la ministra per il Sud Mara Carfagna invocava “mai piú sconti di pena ai mafiosi, mai più indulgenza per chi si é macchiato di sangue innocente”.

La legge voluta da Falcone – Ma di che sconti parlano le due berlusconiane? Che legge vuole cambiare il leader del Carroccio? Quale è questa norma che il presidente della Sicilia arriva a definire come “palesemante sbagliata“? Se Brusca è uscito di galera si deve a una legislazione che fu ispirata, ideata e fortissimamente voluta dalla sua vittima più illustre: Giovanni Falcone. Colpevole di centinaia di omicidi e stragi, il boss di San Giuseppe Jato è uscito dopo “soli” 25 anni perché per gli atroci crimini commessi ha ottenuto una serie di sconti di pena. Li ha avuti grazie alla legge 82 del 1991: “Nuove norme per la protezione e il trattamento sanzionatorio dei collaboratori di giustizia”, si chiama e a progettarla è stato il giudice siciliano. Per quella norma Falcone si era ispirato al Witness protection act in vigore negli Stati Uniti, grazie al quale Tommaso Buscetta aveva ottenuto la libertà vigilata. Senza sconti di pena, senza la possibilità di avere permessi premio e soprattutto senza la garanzia di avere protezione per sè e per i propri cari, perché un mafioso dovrebbe collaborare con la giustizia? Perché dovrebbe autoaccusarsi di stragi e delitti efferati, chiamando in causa ex sodali ed esponendo i propri famigliari al rischio di finire assassinati? A Tommaso Buscetta, il boss dei due mondi, il primo grande pentito di Cosa nostra che con le sue dichiarazioni rese possibile il MaxiprocessoTotò Riina fece uccidere in totale 35 parenti. A Francesco Marino Mannoia, il chimico più bravo della piovra, assassinarono la madre e due zie. A Mario Santo Di Matteo, detto Mezzanasca, rapirono, uccisero e sciolsero nell’acido il figlioletto di 15 anni: a occuparsi di quel raccapricciante omicidio fu proprio Brusca.

Chi è Brusca e perché è considerato un pentito – Rampollo di una storica famiglia mafiosa di San Giuseppe Jato, per spiegare che tipo di mafioso fosse il boia di Capaci bastano tre elementi. Due sono soprannomi: lo chiamavano ‘u Verru, il porco, o più semplicemente ‘u scannacristiani, lo scanna persone. Il terzo è una nota autobiografica: “Ho commesso e ordinato personalmente oltre centocinquanta delitti. Ancora oggi non riesco a ricordare tutti, uno per uno, i nomi di quelli che ho ucciso. Molti più di cento, di sicuro meno di duecento”. È questo l’uomo che arrestano il 20 maggio del 1996 in una via vicino al mare di Agrigento. La sua collaborazione con la giustizia è problematica: all’inizio aveva intenzione di screditare il mondo dell’antimafia, gli altri collaboratori di giustizia, politici di alto livello. Poi comincia a parlare: racconta di aver esordito come artificiere della strage di Rocco Chinnici, si autoaccusa della strage di Capaci, dell’uccisione del piccolo Di Matteo. Parla anche di quando nell’inverno del 1991 Riina ordinò la strategia dell’attacco allo Stato a suon di bombe, della Trattativa aperta nel 1992 con alcuni esponenti delle Istituzioni, dell’obiettivo coltivato insieme a Leoluca Bagarella “di arrivare a Berlusconi” tramite Vittorio Mangano. Su alcuni punti delle sue dichiarazioni, però, persistono i coni d’ombra: sulle dinamiche operative della strage di Capaci, sui motivi reali che portarono al rapimento del piccolo Di Matteo, sui racconti relativi a presunti – e finora mai dimostrati – incontri tra Giuseppe Graviano e Silvio Berlusconi, con il primo che – a sentire Brusca – conosceva persino il valore dell’orologio al polso del secondo.

La kriptonite delle mafie – Ciò nonostante le dichiarazioni dello scannacristiani sono state considerate attendibili in decine e decine di processi. Per questo motivo dal 2000 ha incassato lo status di collaboratore di giustizia e dal 2004 gli è stato concesso di uscire dal carcere ogni 45 giorni per far visita alla famiglia in una località protetta. A prevederlo è appunto quella legge voluta da Falcone. Già alla fine degli anni ’80 il giudice aveva capito quale potesse essere la kriptonite della piovra: una legislazione ad hoc, fatta di norme che premiano i collaboratori e leggi che rendono più aspra la detenzione per chi non parla. Per questo motivo il magistrato lascia Palermo e vola a Roma per andare a guidare gli Affari penali del ministero della Giustizia: l’obiettivo è portare a un livello superiore la lotta alla mafia. Ci riuscirà ma solo dopo aver pagato con la vita: sull’onda lunga delle stragi di Capaci e di via d’Amelio, lo Stato inasprirà le pene per i mafiosi irridubicibili. Dopo la legge sui pentiti, nascono le suprecarceri di Pianosa e dell’Asinara, viene istituito il 41-bis, il regime di carcere duro, diventa legge l’ergastolo ostativo. In maniera semplificata funziona così: tutti i condannati al fine pena mai dopo 26 anni di carcere possono accedere alla libertà vigilata. Tutti, tranne quelli condannati per reati di mafia o terrorismo: per loro il fine pena mai vuol dire carcere a vita nel vero senso della parola.

Il primo assalto ai pentiti – È per questo motivo che a partire dal 1992 iniziano a moltiplicarsi i mafiosi che si pentono: capiscono che se collaborano con la giustizia saranno protetti, avranno sconti di pena e permessi. In caso contrario moriranno in carcere. Uno dopo l’altro cominciano a saltare il fosso boss i rango come Salvatore CancemiGiuseppe MarcheseGaetano Grado, lo stesso Brusca ma pure soldati che custodiscono i segreti dell’organizzazione come Gaspare Mutolo. Nel 2000 i collaboratori di giustizia raggiungono il record di 1100 per un totale di 5174 persone protette. Poi nel 2001 il governo di centrosinistra di Giuliano Amato – ministro della giustizia Piero Fassino, dell’Interno Giorgio Napolitano – decide di modificare la legge sui collaboratori: vengono ridotti i benefici, con una serie di sbarramenti per l’accesso ai programmi di protezione. Ma soprattutto si impone ai mafiosi di raccontare ai magistrati tutto ciò che sanno nei primi 6 mesi di collaborazione. Uno come Brusca che dice non ricordare esattamente quante persone ha ucciso, come fa a mettere a verbale tutto quello che sa in sei mesi? “Con questa legge al posto di un mafioso non mi pentirei più”, commenta Pietro Grasso, all’epoca procuratore di Palermo. Infatti il numero di pentiti inizia a scendere: nel 2007 il Viminale ne conta 791 per un totale di 3754 protette: quasi la metà di sette anni prima.

L’ultimo assalto e l’ergastolo ostativo – Quindici anni dopo ecco che Lega e Forza Italia provano a cavalcare la scarcerazione di Brusca per mettere di nuovo mano alla legge sui pentiti. Grasso, nel frattempo diventato senatore, spiega cosa potrebbe succede se davvero Salvini e i berlusconiani “facessero quello che dicono, ovvero ridurre gli sconti per chi collabora con la giustizia: diminuirebbe l’incentivo a pentirsi”. Ma non solo: “Se a questo – continua l’ex magistrato antimafia – aggiungiamo che si sta cercando di limitare l’ergastolo ostativo potremo anche dichiarare chiuso il capitolo del contrasto a Cosa nostra. Al contrario, servono sconti di pena forti per chi aiuta lo Stato e prospettiva di ergastolo senza sconti per chi non collabora“. L’ex presidente del Senato si riferisce alla sentenza della Consulta che ha dichiarato incostituzionale l’altra legge inventata da Falcone, quella per tenere al carcere a vita i mafiosi che non collaborano. Il Parlamento ha tempo fino al maggio del 2022 per riscrivere l’articolo 4-bis dell’ordinamento penitenziario: in alternativa il rischio è che mafiosi irriducibili come Giuseppe Graviano e Leoluca Bagarella ottengano la libertà vigilata senza dire una parola. L’effetto sarebbe paradossale: gli uomini che custodiscono i segreti delle stragi escono anche se rimangono muti, quelli che parlano invece rimangono in carcere. Una legislazione basata sul principio l’omertà.

Quando Salvini commenta le indagini sulle bombe – Va detto che quando la Consulta ha dichiarato incostituzionale l’ergastolo ostativo, Salvini ha spiegato di volersi impegnare per riscrivere quella norma ed evitare il ritorno in libertà degli stragisti irriducibili. Molto diversa, invece, la posizione tenuta dal leader della Lega due anni fa, quando era diventata di dominio pubblico l’ultima indagine della procura di Firenze sulle bombe del 1993: nel registro degli indagati erano stati iscritti i nomi di Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri, con l’accusa di concorso in strage. Ipotesi clamorosa già battuta negli anni ’90 sia dalla procura toscana che da quella di Caltanissetta. Dopo qualche giorno di silenzio il primo ad attaccare i magistrati era stato Matteo Renzi che aveva parlato – non si sa bene con quali elementi in mano – di un’inchiesta “senza uno straccio di prova”. Una linea alla quale si erano accodati subito sia Salvini che Giorgia Meloni. La capa di Fdi aveva riciclato i classici concetti usati dal centrodestra quando si tratta di commentare le inchieste su Berlusconi e Dell’Utri: l’accanimento giudiziario e la magistratura politicizzata. Quello della Lega, invece, aveva usato toni meno classici, liquidando la questione con poche perentorie parole: “Ma basta giudici che usano risorse pubbliche per indagini senza logica… Siamo seri, ma indaghiamo su stupratori‘ndranghetisti e camorristi“. Nell’elenco fatto quel giorno dall’ex ministro dell’Interno mancavano solo gli uomini di Cosa nostra, cioè quelli che hanno piazzato le bombe del ’92 e ’93. Ancora oggi la procura di Firenze sta cercando di capire se esistano altri responsabili di quelle stragi. “Ci vorrebbe un pentito di Stato, uno delle istituzioni che faccia chiarezza e disegni in modo ancora più completo cosa avvenne negli anni delle stragi”, era l’auspicio del pm Nino Di Matteo, poco dopo che la corte d’Assise di Palermo aveva condannato quasi tutti gli imputati del processo sulla Trattativa. Per avere un pentito di Stato, però, serve che nessuno metta mano alla legge sui collaboratori.

La definitiva scarcerazione di Giovanni Brusca ha suscitato un vivace dibattito nell’opinione pubblica e reazioni molto negative specialmente tra alcuni familiari delle vittime dei delitti di cui egli si è riconosciuto colpevole. Maria Falcone, sorella del giudice assassinato a Capaci, ha invece correttamente commentato la notizia, dicendo: “Umanamente è una notizia che mi addolora, però questa è la legge, che peraltro ha voluto mio fratello, e quindi va rispettata”.

In effetti Brusca è stato scarcerato perché ha interamente scontato la pena massima di trent’anni di reclusione inflittagli, in quanto collaboratore di giustizia, invece dell’ergastolo, secondo quanto previsto dalla legge 15 marzo 1991 n. 82, approvata due mesi prima dell’arrivo di Giovanni Falcone al ministero della Giustizia, ma da lui ispirata e fortemente voluta sulla base delle esperienze palermitane, a cominciare dalle dichiarazioni rese nel 1984 da Tommaso Buscetta.

Negli anni precedenti erano stati approvati – a partire dal decreto legge 15 dicembre 1979 n. 625 – ben dieci provvedimenti che prevedevano benefici e agevolazioni sempre più ampie per i terroristi che decidevano di collaborare con lo Stato. Nulla, invece, era stato deciso per la mafia, forse nel convincimento – errato – che per i crimini “politici” si potesse sempre ravvisare una scelta ideologica, non ipotizzabile nel caso dei mafiosi. Oltre a ciò, ragione ben più grave, pesava il fatto che mentre il terrorismo era visto come un pericolo mortale per la Repubblica, nell’opinione pubblica, anche la più qualificata, mancava la consapevolezza della ben maggiore gravità rappresentata dalla minaccia mafiosa. Una miopia che sarebbe perdurata fino alla stagione delle stragi.

La legge del 1991 è invece determinata proprio da questa consapevolezza all’epoca patrimonio di pochi, maturata a fronte della serie infinita di omicidi di esponenti delle istituzioni in Sicilia, specialmente a Palermo, e dei risultati, eccezionali ma non decisivi, del primo maxi-processo.

Fu così che 30 anni fa vide finalmente la luce quella disciplina complessiva dei benefici per i mafiosi che decidevano di collaborare con la giustizia, a partire proprio dalla sostituzione dell’ergastolo fino a un articolato sistema di protezione esteso ai familiari.

La legge fa chiarezza anche sui termini e sulle ragioni di questo trattamento premiale: non è in gioco un ravvedimento ideologico, religioso o morale (cui alludeva il termine improprio di “pentiti”), si tratta invece di un contratto tra lo Stato e l’aspirante collaboratore, che si impegna a riferire ciò che sa sull’organizzazione e sui delitti da questa commessi, a cominciare dai propri, ricevendo in cambio la tutela dello Stato.

A trent’anni dalla sua approvazione, va riconosciuto che la legge ha raggiunto il suo scopo: centinaia di capi e gregari di Cosa nostra, ‘ndrangheta, camorra e mafie pugliesi hanno deciso di collaborare, consentendo di fare luce su numerosissimi delitti, facendone condannare (dopo i necessari riscontri) gli autori, permettendo la cattura di latitanti e la confisca di beni per miliardi di euro. Particolarmente importanti in questo percorso sono state, ovviamente, le dichiarazioni di personaggi apicali quali Giovanni Brusca. Ed è significativo che oggi l’organizzazione mafiosa più potente e pericolosa sia la ‘ndrangheta: i collaboratori provenienti dalle sue file sono stati finora in numero ridotto e di rango abbastanza basso, quindi con limitate informazioni a disposizione.

Questo contesto non può essere dimenticato di fronte alla (pur comprensibile) reazione emotiva per la scarcerazione dell’autore materiale della strage di Capaci nonché responsabile dell’assassinio del piccolo Giuseppe Di Matteo, e va anche aggiunto che in passato altre figure responsabili di identica ferocia sono state scarcerate in tempi persino più brevi, nel disinteresse generale. Né va dimenticato che solo poche settimane fa la Corte Costituzionale ha affermato che la possibilità di liberazione condizionale va introdotta anche per i mafiosi condannati all’ergastolo che non abbiano mai collaborato con la Giustizia.

Massimo rispetto, dunque, per le accorate reazioni di famiglie colpite dal lutto per mano mafiosa, ma come ha detto Maria Falcone, lo Stato deve rispettare per primo le leggi che emana. Né alcuna critica può essere rivolta ai giudici della Corte di Appello di Milano che hanno disposto la scarcerazione di Brusca senza alcuna valutazione discrezionale, ma solo conteggiando la riduzione di 45 giorni di pena per ogni sei mesi espiati, secondo la norma da applicare a qualunque condannato che abbia tenuto negli anni un positivo comportamento in carcere. Peraltro, nei prossimi quattro anni Brusca sarà sottoposto a libertà vigilata e per un periodo probabilmente maggiore anche alla sorveglianza connessa alle misure di protezione disposte nei suoi confronti.

Un’ultima notazione. Ormai da anni la prova principale nei processi di mafia è costituita dalle intercettazioni, una prassi investigativa oggetto di feroci critiche da quegli stessi che di fronte alle dichiarazioni dei “pentiti” invocano riscontri “oggettivi”, basati su acquisizioni tecniche e non su altri dichiaranti. Tuttavia, i collaboratori di giustizia rimangono a oggi uno strumento fondamentale per conoscere le mafie dall’interno ed essere così nelle condizioni di meglio contrastarne le attività criminali. Sempre che si sia realmente convinti, come ha detto pochi giorni fa il presidente Mattarella, che la lotta alle mafie “deve restare una priorità nell’agenda politica”.

GIANLUCA PAOLUCCI

Whistleblower: «Segnalatore o segnalante di illeciti, anche detto segnalatore o segnalante di reati o irregolarità (…) individuo che denuncia pubblicamente o riferisce alle autorità attività illecite o fraudolente all’interno del governo, di un’organizzazione pubblica o privata o di un’azienda. Le rivelazioni o denunce possono essere di varia natura: violazione di una legge o regolamento, minaccia di un interesse pubblico come in caso di corruzione e frode, gravi e specifiche situazioni di pericolo per la salute e la sicurezza pubblica».

Leaks: «Letteralmente significa “fuga”, “perdita”, “falla” ecc. ma in alcuni casi assume l’accezione “fuga di notizie”».

Nel luglio del 2017, di buon mattino, cinque finanzieri fecero irruzione in casa mia. Cercavano dei documenti che avevo utilizzato per una serie di articoli, per i quali sospettavano una «grave violazione del segreto istruttorio». Si trattava di un database di registrazioni telefoniche – un leak, appunto – raccolte durante un’indagine il cui contenuto risultava piuttosto imbarazzante per grandi società quotate e per almeno un partito politico.

In realtà, come venne poi chiarito, non c’era nessuna violazione del segreto e i documenti erano legittimamente in mio possesso. Uno spiacevole equivoco. Più che i documenti, i finanzieri mandati dalla procura di Torino volevano individuare chi me li aveva passati e quell’episodio mi face capire, una volta di più, quanto fosse importante tutelare le mie fonti.

Il fatto è che nel nostro ordinamento, la tutela delle fonti giornalistiche è facilmente aggirabile dall’autorità giudiziaria. Per non parlare dei rischi  – ben più gravi – legati all’utilizzo delle tecnologie, alle intrusioni nei sistemi informatici, all’hackeraggio di telefoni e computer allo scopo di carpirne le informazioni.

Per questo, con l’aiuto di un collega più attrezzato di me sulle infinite possibilità offerte dagli strumenti informatici, decisi di mettere in piedi una piattaforma per le segnalazioni anonime, tale da dare la garanzia assoluta del completo anonimato alle fonti che avessero voluto contattarmi. Uno strumento nuovo, sicuro al 100%, che mettesse al riparo chi volesse entrare in contatto con me per passare informazioni da qualunque rischio.

Ma c’è un problema: la tecnologia spaventa. L’idea di scaricare un browser Tor per effettuare la segnalazione – operazione che richiede circa 2 minuti e mezzo – sembra scoraggiare anche i whistleblower più motivati. E così, malgrado la piattaforma, in questi tre anni mi è capitato di continuare a ricevere plichi anonimi in redazione o telefonate con richieste di appuntamenti in luoghi improbabili ma asseritamente «sicuri».

La nuova piattaforma che parte oggi (dlqf.whistlelink.com) nasce dall’esigenza di avere uno strumento più “amichevole” per gli utenti senza nulla perdere in termini di sicurezza. Abbiamo individuato in Whistlelink  e nella sua infrastruttura tecnologica (qui potete dare un’occhiata per capire chi sono e cosa fanno: whistlelink.com) il partner ideale per sviluppare uno strumento nel quale crediamo molto. Nella nuova piattaforma, c’è la possibilità di caricare file fino a 150 Mb e di interloquire con me, seguendo anche (per quanto possibile) la «progressione» e gli esiti della propria segnalazione. Poi, se qualcuno preferisse ancora l’incontro di persona, si può sempre fare dopo.

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: