Agricoltura e Ambiente. Le formiche sono migliori dei pesticidi contro i parassiti agricoli

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!

Gioia Fauci – Le formiche possono essere più efficaci dei pesticidi nell’aiutare gli agricoltori a produrre cibo, secondo una recente ricerca internazionale. Secondo il primo studio sistematico sui contributi delle formiche alla produzione delle colture, questi insetti sono più bravi a frenare i parassiti, ridurre i danni alle piante e aumentare i raccolti. Le formiche sono predatori generalisti e cacciano i parassiti nocivi delle colture che danneggiano frutti, semi e foglie. Secondo lo studio, una maggiore diversità di formiche fornisce generalmente una maggiore protezione contro una gamma più ampia di parassiti. La ricerca ha esaminato 17 colture , tra cui agrumi, mango, mela e soia in paesi tra cui Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Brasile. “Nel complesso, con una corretta gestione, le formiche possono essere utili per il controllo dei parassiti e per aumentare i raccolti. Alcune specie di formiche hanno un’efficacia simile o maggiore rispetto ai pesticidi, a costi inferiori ” , osservano i ricercatori nell’articolo pubblicato su Proceedings of Royal Society B. Il team brasiliano ha osservato 26 specie, la maggior parte delle quali formiche arboree , che nidificano sulle piante o sul terreno, ma spesso si arrampicano sulle piante. Hanno scoperto che le formiche si comportano meglio nei sistemi di allevamento diversificati, come l’agroforestazione (dove alberi e colture vengono coltivate sulla stessa terra) e le colture da ombra perché ci sono più siti di nidificazione e risorse alimentari per loro. Il ricercatore capo, il dottor Diego Anjos, dell’Università Federale di Uberlândia, in Brasile, ha dichiarato a The Guardian: “Il nostro studio incoraggia gli agricoltori a utilizzare pratiche più sostenibili, come il controllo biologico fornito da formiche e insetti. Le pratiche all’ombra come un modo per promuovere naturalmente formiche nei sistemi di allevamento. Tuttavia, l’uso delle formiche in agricoltura deve essere fatto correttamente, altrimenti possono anche essere un problema. Parassiti come cocciniglie, afidi e mosche bianche, che producono un’acqua zuccherata chiamata melata , sono generalmente più comuni quando le formiche sono in giro. Questo perché le formiche si nutrono di melata e quindi essenzialmente “fattoriano” afidi come il bestiame. Al contrario, i ricercatori affermano che pratiche di gestione rispettose della natura, come fornire una fonte alternativa di zuccheri (nel terreno, vicino a un tronco d’albero o nei suoi rami) possono interrompere questa relazione . Questo distrae le formiche e può continuare a ridurre il numero di altri parassiti, come bruchi e coleotteri, che non producono melata. Il documento analizza la maggior parte delle specie di insetti che sono considerate parassiti in tutto il mondo, coprendo 30 specie in 52 studi. I dati provengono da studi che hanno confrontato gruppi di piante con formiche con altre piante che hanno rimosso le formiche (meccanicamente o chimicamente), indicando chiaramente che le formiche erano responsabili dei cambiamenti osservati. Ci sono più formiche di qualsiasi altro insetto al mondo e costituiscono la metà della biomassa degli insetti sul pianeta. Ci sono almeno 14.000 specie conosciute di formiche, con molte altre che probabilmente rimarranno sconosciute. Le formiche, rileva Giovanni D’Agata, Presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono state utilizzate in agricoltura dai coltivatori di agrumi in Cina per secoli e gli insetti sono stati usati anche per aiutare a controllare i parassiti delle foreste in Canada, i parassiti del cacao in Ghana e i parassiti delle colture in Nigeria. Secondo una ricerca pubblicata su Nature, le formiche trovate nelle isole del Pacifico delle Fiji possono coltivare e far crescere almeno sei specie di piante, parte di una relazione reciprocamente vantaggiosa che risale a 3 milioni di anni fa. Il dottor Patrick Milligan, del Pringle Laboratory dell’Università del Nevada, non è stato coinvolto nello studio, ma ha definito i risultati “incoraggianti e non sorprendenti”. Ha aggiunto: “Offrono una descrizione chiara e ordinata dei benefici derivati dalle formiche che sono onnipresenti nei sistemi ecologici e agricoli. “Questa è essenzialmente un’altra opzione nel nostro toolkit agricolo che può consentire all’agricoltura di allontanarsi dai pesticidi, che in realtà danneggiano le comunità di insetti vicine, ma migliorano comunque i raccolti”.Il professor Adam Hart dell’Università del Gloucestershire, anch’egli non coinvolto nella ricerca, ha affermato che si trattava di una conferma dell’importante ruolo svolto dalle formiche come disinfestanti. “Molti di noi hanno parlato di formiche come disinfestanti naturali. Ma, come per ogni cosa, è spesso più complesso di quanto pensiamo una volta che iniziamo a scavare più a fondo. “La ricerca suggerisce che può essere redditizio spostare le colonie di formiche nelle aree di coltivazione e fare cose per incoraggiare la presenza di formiche . Tuttavia, dobbiamo stare attenti: non sono tutte formiche o tutti i sistemi di allevamento e possono avere un costo. L’obiettivo è sviluppare una maggiore comprensione di come le formiche interagiscono con i parassiti delle colture e altri organismi. “Un grande messaggio per me è che dobbiamo capire ancora di più sulle interazioni su piccola scala se vogliamo coltivare meglio. In altre parole, abbiamo bisogno di più ambientalisti”, ha aggiunto. Di seguito il link dello studio di riferimento: https://royalsocietypublishing.org/doi/10.1098/rspb.2022.1316.

(Fonte: DeaNotizie – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: