Nuova variante BA.2 più pericolosa di Omicron. “Seriamente una cattiva notizia”

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!

Gli esperti temono che una nuova sottovariante di Omicron possa determinare un’ondata devastante di infezioni e decessi in tutto il mondo proprio mentre la pandemia sembra indietreggiare. Eric Feigl-Ding, un epidemiologo formato ad Harvard che è stato tra i primi ricercatori a lanciare l’allarme sulla gravità del Covid-19, ha scritto che la sottovariante – BA.2 – è “seriamente una cattiva notizia”. “Potrebbe essere, dal punto di vista umano, un virus peggiore del BA.1 e potrebbe essere in grado di trasmettersi meglio e causare malattie peggiori”, afferma il dottor Daniel Rhoads, capo sezione di microbiologia presso la Cleveland Clinic in Ohio che ha esaminato lo studio ma non è stato coinvolto nella ricerca. “Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto preoccupata per la variante BA.2 che supera e rimpiazza il vecchio Omicron”, ha scritto sui social media. Esperimenti di laboratorio, mostrano che BA.2 potrebbe avere caratteristiche che lo rendono capace di causare malattie gravi quanto le varianti precedenti di Covid-19, inclusa la Delta. E come Omicron, sembra sfuggire in gran parte all’immunità creata dai vaccini. Le notizie dalla Danimarca, dove la sottovariante rappresenta il 90% di tutti i nuovi casi, suggerisce che sta avendo un impatto significativo sulla salute. “Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’Organizzazione mondiale della sanità sul Covid-19, ha parlato in modo simile. “Sappiamo già che Omicron ha un vantaggio di crescita… rispetto ad altre varianti preoccupanti. Ma sappiamo che BA.2 ha un vantaggio di crescita anche rispetto a BA.1”. “Questo virus continua ad essere pericoloso. Questo virus si trasmette in modo molto efficiente tra le persone ma c’è molto che puoi fare. “Dobbiamo ridurre la trasmissione. Perché se così non fosse, non solo vedremo più casi, più ricoveri, più decessi, ma vedremo più persone affette da Long Covid e vedremo più opportunità per l’emergere di nuove varianti. “Quindi è una situazione molto pericolosa in cui ci troviamo, da tre anni”. Dopo un’impennata di Omicron durata tre mesi e mezzo, la scorsa settimana il numero medio di casi giornalieri globali è sceso per la terza settimana consecutiva, scendendo del 22% a 1,97 milioni. Ma il lavoro di laboratorio in Giappone rivela che c’è ancora qualche motivo di preoccupazione. Uno studio condotto da Kei Sato dell’Università di Tokyo è stato pubblicato online mercoledì ma non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria. Nello studio, che ha esposto i criceti a diverse varianti, Sato scrive : “La carica di RNA virale nella periferia del polmone ei disturbi istopatologici di BA.2 erano più gravi di quelli di BA.1 e persino di B.1.1. “Insieme a un numero di riproduzione efficace più elevato e alla pronunciata resistenza immunitaria di BA.2, è evidente che la diffusione di BA.2 può essere un serio problema per la salute globale nel prossimo futuro. “In sintesi, i nostri dati suggeriscono la possibilità che BA.2 sia la variante più preoccupante per la salute globale. Attualmente, sia BA.2 che BA.1 sono riconosciuti insieme come Omicron e questi sono quasi indistinguibili. “Sulla base dei nostri risultati, proponiamo che BA.2 dovrebbe essere riconosciuto come una variante unica di preoccupazione e questa variante SARS-CoV-2 dovrebbe essere monitorata in profondità”. Sato ha detto alla CNN che la sottovariante deve essere monitorata più da vicino. La notizia arriva quando la situazione è migliorata nella maggior parte delle regioni del mondo negli ultimi sette giorni. Il numero di casi giornalieri è diminuito del 43% negli Stati Uniti e in Canada, del 35% in Medio Oriente, del 23% in Europa e nell’area America Latina/Caraibi e del 22% in Africa. La situazione è rimasta pressoché stabile in Asia, con un calo dell’1% dei casi. Sono aumentati della stessa quantità in Oceania. Il sud-est asiatico e l’Oceania hanno visto il picco più alto nel numero di nuovi casi questa settimana. La Nuova Zelanda ha registrato l’aumento maggiore del 239%, seguita da Hong Kong (aumento del 192%), Malesia (111% in più), Vietnam (più 78%) e Corea del Sud (+66%). La Svezia ha registrato il calo maggiore della settimana con il 78% in meno di casi, seguita da Kazakistan (meno 59%), Kosovo (meno 57%), Colombia (meno 55%) e Suriname (meno 54%).La Russia questa settimana ha superato gli Stati Uniti registrando il maggior numero di nuovi casi con una media di 187.500 infezioni al giorno, con un aumento del 6%. Gli Stati Uniti sono scesi al terzo posto, con 119.600 casi al giorno – un calo del 44% – ben dietro la Germania con 180.900 casi, un calo del 6%.Su base pro capite, il paese con il maggior numero di nuovi casi nella settimana è stato ancora una volta la Danimarca con 5.026 casi ogni 100.000 abitanti, seguita dalla Lettonia con 3.635, dai Paesi Bassi (2.877), dalla Georgia (2.851) e dall’Estonia (2.777). Alcuni ricercatori suggeriscono che la Danimarca stia assistendo a un’impennata perché ha un numero elevato di casi di BA.2. Il numero di decessi legati al Covid è diminuito del 7% a livello globale, con una media di 10.355 al giorno, dopo un aumento per cinque settimane consecutive. Anche se la variante altamente contagiosa di Omicron ha portato al suo picco quattro volte più infezioni giornaliere rispetto alle ondate precedenti, i decessi giornalieri rimangono di gran lunga inferiori al loro record nel gennaio 2021, quando hanno sfiorato i 15.000. Gli Stati Uniti hanno nuovamente pianto il maggior numero di morti questa settimana con una media di 2.300 al giorno, davanti al Brasile (841) e alla Russia (726). I paesi che hanno riportato i tassi di mortalità più alti in proporzione alla loro popolazione, evidenzia Giovanni D’Agata, Presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono stati tutti nei Balcani o nel Caucaso con Bulgaria e Bosnia in lutto per nove morti ogni 100.000 abitanti, seguiti dalla Croazia con 8,5, Georgia (8,1) e Macedonia del Nord (7,9).

(Fonte: DeaNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: