Vaccheria, tra degrado ed abbandono.

Il quartiere borbonico della Vaccheria è una frazione del comune di Caserta, da cui dista circa 4 km, a circa 2 km dal Real sito di San Leucio. Situato lungo la via Francigena sulle falde occidentali dei colli tifatini (monte San Leucio e Tifata), è sito di interesse ambientale e storico-artistico, che si trova in una splendida posizione panoramica da cui domina la sottostante pianura detta di Sarzana e la vallata del Volturno verso Caiazzo e Piedimonte d’Alife.

Già piccolo insediamento romano sorto intorno all’annesso tempio dedicato a Diana Tifatina, il nome “Vaccheria”, che ancora oggi conserva l’intero quartiere in stile neomedioevale, deriva dal fatto che Re Ferdinando IV di Napoli (dal 1759, Ferdinando I delle Due Sicilie dal 1816 al 1825), costruendo un primo nucleo del quartiere nel 1773 ai piedi di un Casino di caccia reale composto di tre livelli e un seminterrato – poi chiamato “Il Casino Vecchio” – vi costruì, oltre a canetterie per i suoi cani da caccia, un edificio per ospitare un allevamento sperimentale di vacche importate dalla Sardegna. Infatti, la costruzione di questa dimora di campagna adatto ad ospitare i sovrani, è il risultato dell’amore che Re Ferdinando aveva per la caccia che svolgeva proprio in quei luoghi. Fu decorato con affreschi da Gerolamo Starace e dotato di una piccola chiesa intitolata a San Leucio, effigiato in una tela che sovrastava il piccolo altare. La facciata della palazzina presenta al piano terreno un basamento continuo, con una sequenza di arcate cieche mentre ai due piani superiori è suddivisa da paraste doriche, scandite dalle finestre con timpani semicircolari e triangolari.

Nei locali dismessi della Vaccheria venne poi realizzata una piccola manifattura di veli di seta diretti dal maestro tessitore Francesco Brudetti proveniente da Torino, per le esigenze della nascente seteria della vicina colonia di San Leucio.

Successivamente il Casino di caccia reale, che da quel momento sarà conosciuto come “Il Casino Vecchio”, divenne abitazione per i guardiacaccia, subendo suddivisioni interne, che apportarono diversi cambiamenti ed adattamenti.

L’edificio, che ancora conserva l’aspetto della dimora nobiliare di campagna, costituisce un elemento importante della storia edilizia della Vaccheria e di San Leucio, e del programma di Re Ferdinando IV per la costituzione della nuova comunità che avrebbe dato vita alla Colonia di San Leucio. Di proprietà privata, non è aperto al pubblico, e le condizioni di grave degrado ne sconsigliano l’accesso.

Si tratta di una pregevolissima testimonianza architettonica dell’edilizia presente nei “Siti reali” voluti dai Borbone delle Due Sicilie, luoghi di svago, ma anche di attività produttive. Preoccupano il grave stato di abbandono, le vistose infiltrazioni e la rovina anche nelle decorazioni pittoriche.

Non risulta in programma alcun intervento pubblico o privato per fermare il degrado di un complesso di eccezionale valore architettonico, storico e paesaggistico.

La rilevanza dell’edifico, dell’intervento e la frammentazione della proprietà sembrerebbe necessario ed urgente un intervento pubblico per favorirne il restauro e la rifunzionalizzazione, tra l’altro l’edificio è stato anche denunciato nella

“Lista Rossa” cioè la campagna nazionale di Italia Nostra attraverso cui vengono raccolte denunce e segnalazioni di beni comuni o paesaggi in abbandono o bisognosi di tutela, siti archeologici meno conosciuti, centri storici, borghi, castelli, singoli monumenti in pericolo

L’articolo Vaccheria, tra degrado ed abbandono. proviene da BelvedereNews.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati