Napoli. ‘Capo Cosca’ evita 20 anni di galera grazie a un ‘cavillo’ eccepito dall’avvocato Dario Vannetiello

Grazie ad un cavillo, annullata la sentenza di condanna a vent’anni di reclusione per il narco trafficante internazionale Vincenzo Langiano!

Sembrava che la qualità e la quantità delle prove a carico fossero schiaccianti e non lasciassero alcuna speranza a colui che era ritenuto, insieme a Tamarisco Bernardo, il promotore ed organizzatore di una vasta associazione finalizzata al traffico di cocaina, con importazioni dall’Ecuador e dalla Colombia, operante in Napoli e provincia, Salerno, Messina e Caserta.

Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Montella Alessandro, Scuotto Claudio e Leonardi Antonio, in una alle imponenti intercettazioni ambientali ed alle video riprese, avevano costituito un quadro solido che aveva portato alla condanna di Langiano Vincenzo alla elevata pena di anni 36 di reclusione alla luce del riconoscimento della sua penale responsabilità, sia per il delitto associativo, sia per ben sette episodi di importazione; pena, poi, di fatto, trasformata in anni 20 alla luce del rito abbreviato prescelto.

Quando il processo sembrava avere un esito scontato anche nell’ultimo grado di giudizio, si è verificato il colpo di scena:  nonostante il Procuratore Generale avesse chiesto il rigetto del ricorso, la Suprema Corte di Cassazione, quarta sezione penale, presieduta dalla dottoressa Piccialli, relatrice la dottoressa Cappello, ha accolto una complessa questione giuridica sollevata con determinazione dagli avvocati Dario Vannetiello e Alessandro Pignataro, annullando sia la sentenza emessa il 18 luglio 2018 dalla sesta sezione della Corte di appello di Napoli, sia la sentenza emessa in primo grado emessa il 22 marzo 2017 dal giudice dell’udienza preliminare.

A portare al clamoroso esito un vero e proprio cavillo giudiziario “scovato” dagli avvocati Vannetiello e Langiano, i quali hanno sostenuto con successo che si era verificata una nullità assoluta nel giudizio di primo grado, rappresentata dalla violazione del diritto di difesa, atteso che era stato chiesto l’interrogatorio dell’accusato, ma il giudice aveva consentito a Langiano solo di rilasciare dichiarazioni spontanee.

Il tema era stato posto anche innanzi alla Corte di appello di Napoli, sesta sezione penale, presieduta dalla dottoressa Antonia Gallo, ma i giudici partenopei avevano ritenuto che si trattase di nullità non avente carattere assoluto e non determinante la nullità della sentenza di primo grado.

Ma il tecnicismo giuridico del ricorso redatto dalla difesa del capo cosca, che era pure recidivo specifico, ha finito per convincere gli esperti giudici della Suprema Corte.

Per colui che avrebbe promosso ed organizzato la temibile organizzazione facente capo alla famiglia Tamarisco, con quartiere generale in Torre Annunziata, dunque, è completamente da rifare il processo, del quale è impossibile ipotizzare un esito, considerata la dovuta ripartenza addirittura innanzi ad un nuovo giudice dell’udienza preliminare, circostanza questa che si verifica in rarissimi casi essendo quindi del tutto eccezionale.

Con la medesima sentenza, la Suprema Corte ha invece confermato le condanne ad anni venti inflitti a Tamarisco Bernardo e Civale Salvatore, mentre nei confronti di altri ricorrenti ha parzialmente annullato la sentenza di appello, seppur limitatamente alla pena inflitta per i vari delitti di detenzione di cocaina in quanto, nelle more, è intervenuta la decisione della Corte Costituzionale che ha abbassato il minimo edittale da otto a sei anni di reclusione.

Un nuovo giudizio innanzi a una diversa sezione della Corte di appello onde verificare se sono meritevoli di una riduzione della pena, si prospetta quindi per: Barbella Vincenzo, Bartolo Antonio, Cirillo Antonio, Corvino Pasquale, Pagano Michele, Renato Angelo, Scuotto Claudio e Scuotto Davide.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

 

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
TeleradioNews

Ora puoi ricevere subito su Telegram tutte le nostre news

Seguici su Telegram Chiudi