In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Caiazzo. Doppia festa domenica in piazza per l'Italia Unita e in onore delle Forze Armate

Presenti numerose autorità, associazioni, alunni e anche i reduci Zaccaro e d'Agosto  per "essere ogni giorno costruttori di pace".  Un ...

Leggi tutto >>

Caiazzo-Ruviano. Carabinieri: finisce in tribunale la contesa per la stazione, udienza fra pochi giorni

Non paghi del circostanziato esposto prodotto dall'ex sindaco Nicola Sorbo,dal quale sembra evincersi inconfutabilmente l'impossibilità di trasferire la ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Trattore si ribalta nelle campagne di Cesarano; anziano travolto e ricoverato d'urgenza

Tragedia sfiorata a Cesarano, amena frazione a valle di Caiazzo,dove, a quanto trapelato, G. A., pensionato ottantasettenne, è ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Forze Armate, ricorrenza differita a S. Martino: non tutti i mali vengono per nuocere

Doppiamente propizio, malgrado l'irriverente coincidenza con la tradizionale festa dei cornuti, il rinvio di una settimana, cioè a ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Abiti usati, mai più sprechi: arrivano i cassonetti per la raccolta, anche nelle frazioni

Il sindaco Giaquinto sul servizio: “Un segno di civiltà”. Dove buttare abiti e scarpe di cui vogliamo sbarazzarci? A ...

Leggi tutto >>

Caiazzo-Alvignano: Apprezzamenti e consensi per il duo Nogarotto-Tommasone a 'Tu si que Vales'

A sorpresa per molti, ma non per chi, come noi, già da qualche settimana era in allerta, il promettente ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Combattenti e Reduci costernati per la tragica fine del Carabiniere-Eroe Emanuele Reali

Ci ha pensato Enrico D'Agostino, sempre attento presidente dell'associazione  Combattenti e Reduci di Guerra, sezione di Caiazzo, (nella foto qui accanto) ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Prestigioso riconoscimento per 'Lady Almaviva', insignita del titolo di 'Ambasciatrice di salute' e Benessere'

Anche quest’anno, come è ormai consuetudine, presso l’Hotel Ariston di Paestum, in provincia di Salerno, si è tenuto il "Massage ...

Leggi tutto >>

Caiazzo 'quartier generale' della Casertana Calcio fino al 2013: intesa fra dirigenza e Comune

Una stretta di mano e accordo trovato. La Casertana a Caiazzo per i prossimi quattro anni è davvero ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Basket: CSI sempre più sorprendente 'liquida' anche la 'Virtus' di Benevento

Entusiasti i dirigenti che intendono formulare il nostro grazie a questo gruppo eccezionale:  siamo orgogliosi ed onorati di avere con ...

Leggi tutto >>

Alvignano. Installati i contenitori per la raccolta delle batterie usate

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Ad ottobre la ditta Div.A Ambiente del gruppo Termotetti si è aggiudicata il servizio Rsu. Aumentata la percentuale di raccolta differenziata La Redazione – Di colore giallo, installati nella piazze e in diversi punti del centro cittadino, i raccoglitori delle batterie usate sono tornati ad Alvignano. Si tratta del tentativo di Amministrazione e gruppo Termotetti di …

The post Alvignano. Installati i contenitori per la raccolta delle batterie usate appeared first on Clarus | Informazione dall'Alto Casertano e dal Matese.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: Alvignano. Installati i contenitori per la raccolta delle batterie usate.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

CAIAZZO. Il Comune liquida le spese per il mantenimento dei cani randagi, annualità 2013. Impegnati 30mila euro!

Sessanta milioni delle vecchie lire per i cani accalappiati sul territorio cittadino e custoditi presso un canile di Maddaloni… 
Dodici fatture emesse per il periodo 2013 afferenti la custodia dei cani randagi recuperati sul suolo del Comune di Caiazzo, liquidate dall’Ente in favore del “Rifugio International di Di Nuzzo Vincenzo” per un totale complessivo di 32mila euro, ridotti a 30mila, dopo una breve transazione bonaria. E’ quanto rappresenta la spesa per quel solo periodo a cui il Municipio va incontro per assicurare assistenza ai randagi abbandonati da menti malate. Una situazione che non vede via di sbocco ed anzi coinvolge un pò tutti i Comuni ove soprattutto non sono presenti canili municipali a differenza di tante realtà del nord Italia, laddove viene praticata anche tanta, tantissima prevenzione come ad esempio con la pratica della sterilizzazione. Ma questo è un altro discorso. Intanto quei sessanta milioni di vecchie lire fanno riflettere e non poco, soprattutto chi come tanti esseri umani vivono momenti di difficoltà e si sentono spesso rispondere che non ci sono fondi, salvo poi destinare tanti soldi per cani randagi. Per carità non vuole e non deve essere un paragone, assolutamente. Ma bisognerebbe dare la giusta dimensione ai tanti problemi che si vivono soprattutto qui nell’Alto Casertano. E’ impensabile che l’ago della bilancia penda verso i cani mentre tante famiglie invece vivono momenti di disagio sociale anche molto seri. Se, come sopra scritto, le Istituzioni iniziassero ad affrontare i problemi a 360 gradi e non già, come è capitato di osservare negli ultimi anni, a tamponare, probabilmente in giro ci sarebbero molti ma molti randagi in meno e forse un minimo di benessere in più per gli esseri umani. Il rispetto per gli animali deve essere totale ed incondizionato, ma per rispettarli bisogna adottare anche quelle contromisure necessarie per porre fine al randagismo, iniziando, come detto, con una seria campagna di sterilizzazione.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Legambiente. “World Wetlands Day”, per conoscere le Zone Umide del Matese

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Fine settimana (31 gennaio-1 febbraio) di sensibilizzazione e conoscenza delle Zone Umide del territorio matesino La Redazione – Anticipando la “Giornata Mondiale delle Zone Umide” (World Wetlands Day) che ricorre il prossimo 2 febbraio, come stabilito dalla Convenzione di Ramsar 1971, Legambiente Molise e il Circolo Legambiente di Piedimonte Matese promuovono un week end per …

The post Legambiente. “World Wetlands Day”, per conoscere le Zone Umide del Matese appeared first on Clarus | Informazione dall'Alto Casertano e dal Matese.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: Legambiente. “World Wetlands Day”, per conoscere le Zone Umide del Matese.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Castelvolturno. Consigliere finte lucciole adescano gli automobilisti che poi i vigili multano

Passeggiano su un marciapiede della via Domiziana,

Caiazzo. Cani ‘nababbi’ ospitati in cucce a 4 stelle e famiglie indigenti senza pane?

Vita da nababbi ma, a quanto pare, solo sulla carta,

Piedimonte Matese. ‘Cine forum’ per promuovere la ‘Giornata della Memoria’

Non dimenticare per insegnare alle nuove generazioni che i valori della vita sono sacri.

Piedimonte Matese. Docu-film martedì 27 per ricordare la ‘Giornata della Memoria’

Per non dimenticare o meglio per insegnare alle nuove generazioni che i valori della vita sono sacri.

PIEDIMONTE MATESE/ALIFE. A cento giorni dalle regionali, nel Matese le emergenze sono ancora lì sotto gli occhi di tutti. La gente attende i politici per ascoltare le loro “fatue promesse”

L’Agrario a Piedimonte Matese è ancora lì, puntellato e chiuso. Strade interrotte che costringono i residenti di ben cinque Comuni a percorsi inimmaginabili e dispettucci  e mancati impegni da parte di politici che in compenso continuano a proporre convegni, show e dibattiti. Ma con quelli la gente non mangia, vero caro assessore regionale Daniela Nugnes?

Una settimana quella appena trascorsa, passata a parlare di Ambiente e tutela del territorio, ovvero sempre e solo i convegni, passerelle e dibattiti che, tutto sommato, non affascinano più la gente come accadeva prima quando alle parole seguivano i fatti. Tutto sommato qui nel Matese di fatti se ne sono registrati ben pochi, per non dire quasi nulla. Il dibattito politico per le Regionali è iniziato da qualche giorno all’insegna del mancato rispetto degli impegni presi nell’ambito dello stesso patito, Forza Italia e tra due esponenti che erano destinati a fare anche ticket nell’Alto Casertano, ovvero l’assessore regionale uscente Daniela Nugnes e il consigliere regionale uscente Angelo Di Costanzo, decaduto dopo il ritorno di Paolo Romano in Consiglio Regionale. E in città si è rivista proprio l’assessore regionale all’Agricoltura, Nugnes mentre, a distanza di poche ore, il sindaco di Alvignano, Angelo Di Costanzo, esprimeva la sua amarezza per le mancate dimissioni della rappresentante dell’esecutivo da consigliere regionale che avrebbero consentito al primo cittadino di rimanere in assise proprio dopo il rientro di Romano. Ma per le motivazioni che hanno indotto la Nugnes a non rispettare l’impegno assunto con Di Costanzo, sarà lei stessa a renderne conto all’elettorato di Forza Italia che, soprattutto qui nell’Alto Casertano, in un periodo di antipolitica così diffuso e serpeggiante, non è stato certamente edificante a risollevare appunto l’immagine di chi fa politica. Anche ad Alife, però, Forza Italia, nonostante stia cercando di ritornare in auge, vive un momento di dibattito interno. Qui si lotta su due fronti. Il primo quello ambientale, per l’opposizione alla realizzazione di un impianto per il trattamento biologico della frazione umida di rifiuti in zona Asi. E poi per riottenere il posto in Giunta comunale lasciato libero da Pasqualino Sasso e assegnato dal sindaco Giuseppe Avecone al Pd, nella persona del dirigente regionale del partito Alfonso Santagata, spostando l’asse decisamente a sinistra. Anche dalla Provincia nessuna buona nuova: l’Agrario di Piedimonte è ancora puntellato e la Provinciale 11 è chiusa da due mesi. Il Matese langue osservando come, in vista del voto, i problemi saranno, uno a uno, presentati dai politici alla ricerca di voti e, spera, qualche soluzione. La visita dell’assessore all’Agricoltura ha avuto come cornice l’assemblea del collegio dei periti agrari. All’ordine del giorno i regolamenti comunali di usi civici, le distanze degli allevamenti dagli insediamenti abitativi e il progetto “Patto per la salvaguardia ambientale del territorio del Matese e dell’Alto Casertano – Riqualificazione e valorizzazione del fiume Volturno”. Sulla carta obiettivi ambiziosi: bonifica, inclusa quella degli affluenti, interventi per il dissesto idrogeologico, impianti di depurazione, valorizzazione del patrimonio archeologico,dismissione dell’amianto. Ed ancora: impianti per la produzione di energia da biogas, per lo smaltimento di materiale inerte, idroelettrici. Insomma il classico libro dei sogni che ad ogni appuntamento elettorale viene presentato agli elettori, salvo poi, restare appunto un faraonico progetto sulla carta. E stavolta, almeno per il momento, ai cittadini del Matese è stata risparmiata la favola della funicolare del Matese, che per circa un decennio era il leit motiv di tante campagne elettorali ed oggi, invece, l’attenzione e soprattutto le promesse, si sono trasferite sul Fiume Volturno. C’è da scommettere che a breve, qualcuno affermerà che è prossimo per essere pronto alla navigazione! Un po’ di tutto insomma. La politica, intanto, si prepara alla campagna elettorale. Il sindaco Angelo Di Costanzo è stato chiaro: “Sarò pronto a candidarmi di nuovo per contribuire al successo del partito Forza Italia se sarà mantenuto l’accordo sottoscritto prima delle Europee che prevede le dimissioni dell’assessore Nugnes dalla carica di consigliere per consentirmi di continuare a lavorare in Consiglio regionale”. Ma anche questa chimera è la a realizzarsi, perchè, probabilmente, nella scala dei valori della signora Nugnes, più che a pensare agli interessi dell’Alto Casertano, mettendo in condizione un politico della zona di non presentarsi “indebolito” alle prossime regionali, contano gli interessi strategici di qualche suo novello pigmalione nel partito, che a proposito di Di Costanzo, magari le avrà suggerito di tenere duro e non lasciare la carica di consigliere regionale, come avrebbe dovuto essere negli impegni presi.

PALLE PALLE…PALLE ROSSE E GIALLE!

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Piedimonte Matese. Allergia da ciclismo sotto osservazione della clinica ‘Athena’

Uno screening tra la popolazione per testare quanti sono i bikers allergici

ALVIGNANO. Arrivano i contenitori per le pile esauste ad uso domestico.

Il posizionamento dei contenitori di colore giallo nel centro cittadino rientra nella campagna di rafforzamento e diffusione della differenziazione dei rifiuti che, unitamente alle azioni di sensibilizzazione e informazione rivolte alla cittadinanza, sta dando già i primi risultati in positivo in questi primi mesi di ripresa del “porta a porta”
Nell’ambito delle azioni previste per l’incremento della percentuale della raccolta differenziata dei rifiuti, la ditta Divisione “A” Ambiente del gruppo Termotetti, aggiudicataria dallo scorso ottobre del servizio Rsu in paese, di concerto con l’amministrazione comunale retta dal sindaco Angelo Di Costanzo (nella foto), ha installato nelle piazze, nei centri di aggregazione ed in diversi punti del centro cittadino i raccoglitori delle batterie usate che comunemente vengono utilizzate in casa per il funzionamento di piccoli elettrodomestici ed apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) di minori dimensioni. Il posizionamento dei contenitori di colore giallo nel centro cittadino rientra nella campagna di rafforzamento e diffusione della differenziazione dei rifiuti che, unitamente alle azioni di sensibilizzazione e informazione rivolte alla cittadinanza, sta dando già i primi risultati in positivo in questi primi mesi di ripresa del “porta a porta” e di introduzione del nuovo calendario con distribuzione anche dei sacchetti all’utenza, tanto da registrare un aumento consistente della differenziata passata da poco più del 20% al 64%. “Siamo convinti che la percentuale aumenterà sempre di più – dichiarano insieme Amministrazione comunale e azienda Div.A. – grazie alla funzionalità del sistema che abbiamo voluto introdurre e soprattutto del grande senso civico e dell’impegno profuso dai cittadini alvignanesi ai quali va il nostro sentito ringraziamento per aver ripreso a differenziare così rapidamente, segno di civiltà del nostro paese che rimane uno dei pochi comuni puliti e decorosi dell’intero comprensorio. Ecco perché facciamo appello ai cittadini a continuare a differenziare sempre di più per raggiungere percentuali ancora più alte”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)