In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Caiazzo. Marjuana illegale frammista a piantagione legale: coltivatore denunciato e 'roba' sequestrata

Si è conclusa col sequestro di 35 grammi di marijuana e una denuncia a piede libero la brillante ...

Leggi tutto >>

Molise. Sisma: 10 scosse dalle ore 20,19 (mag.5,1) di giovedì: apprensione in Campania per venerdì 17

Alle ore 20.19 di giovedì 16 agosto è stata registrata una forte scossa seguita da 10 repliche; l'ultima, alle ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Decò, condono: 'terremoto' al Comune: atti acquisiti dai Carabinieri; vuol vederci chiaro la Procura?

Quando si dice "terremoto presagito": è durata meno del previsto la festosa sicumeraper quanti avevano recepito con grande ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Decò, problema risolto, anzi no: giustamente perplesso l'avvocato-consigliere Amedeo Insero

Si è concluso venerdì 10 agosto l’iter procedimentale delle concessioni ed autorizzazioniche consentiranno la riapertura del supermercato Decò. Non intendo ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Via Riccetta, grave denuncia: immigrati respinti sulla base di un 'falso' sopralluogo?

Buongiorno! Sono Annalisa Ianniello, unica proprietaria dell’abitazione sita alla via Riccetta 3(nelle foto, ndr.), Caiazzo. Come anticipato tramite intese ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Opere Pie: si valutano soluzioni 'alternative all'esposizione debitoria' che paralizza l'ente

Giaquinto informa la Regione: “Dobbiamo tutelare e difendere l'Istituto di Beneficenza”.Uno studio di fattibilità per valutare soluzioni alternative all'esposizione ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Da città del buon vivere a 'città del cemento selvaggio' per sanare un abuso edilizio di 50 anni?

Accorrete, accorrete (solo) a Caiazzo potrebbero riaprirsi i termini per il condono edilizio del 1985! E' questo il fantasioso ...

Leggi tutto >>

PIEDIMONTE MATESE. Situazione di stallo per 224 operai Baif della Comunità Montana del Matese. La Regione Campania non muove un dito per risolvere questa vicenda.

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Dall’assessorato regionale all’Agricoltura non si è riusciti a superare il blocco dell’iter di riconoscimento della Cigs Cisoa. Assessora signora Daniela Nugnes…dove sei?
Situazione di stallo per la concessione della cassa integrazione straordinaria ai 224 operai Baif della Comunità Montana del Matese. All’ennesima fumata nera arrivata a margine del tavolo di confronto convocato urgentemente in Regione e tenutosi due settimane fa, non è seguita alcuna novità di rilievo nè ulteriori incontri sono in calendario, tanto che non si intravede alcuna soluzione ed il sussidio sociale tarda ad arrivare per le centinaia di braccianti agricoli e idraulico-forestali. La Regione Campania da un lato e l’Inps dall’altro sono fermi sulle proprie posizioni, nel mezzo i forestali e le proprie famiglie che vivono una situazione economica a due poco drammatica e, per certi versi, surreale se si considera che al danno di essere in attesa degli stipendi dell’ultimo anno, ora si aggiunge la beffa del mancato riconoscimento della mobilità per gli ultimi tre mesi del 2014, essendo finiti al 30 settembre, come accaduto anche per le due annualità precedenti, il numero di giornate lavorative, ovvero 182, fissare dalla Regione nell’ambito del dimezzamento dei fondi destinati alla forestazione a partire dalla legge finanziaria regionale del 2012. Proprio la giunta regionale ritiene che la mancanza di risorse disponibili da destinare alla copertura delle attività di forestazione di cui alla legge 11 realizzare dai baif, sia un motivo valido per concedere la Cigs Cisoa ai dipendenti delle Comunità Montane a tempo indeterminato, come già verificatisi negli ultimi due anni; di parere opposto, per la verità maturato solo nelle ultime settimane, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale che non contempla l’assenza di finanziamenti nel novero delle possibilità per le quali si può far ricorso alla cassa integrazione per i braccianti agricoli e idraulico-forestali, escludendo pertanto i 224 operai oti del Matese dal beneficio della mobilità. A supportare tale orientamento un recente parere reso dalla sede centrale dell’Inps in risposta ad un quesito posto a metà gennaio dalla sede provinciale di Avellino sulla cui scrivania erano giunte le istanze di sussidio provenienti da decine di lavoratori dell’ente montano del Partenio. Da qui l’irrigidimento della direzione regionale che ha negato la Cisoa a tutti i dipendenti montani, ma i maggiormente colpiti, manco a dirlo, sono risultati i forestali matesini. A nulla è valso il tentativo della Regione di riunire tutti intorno ad un tavolo, così come espressamente richiesto anche dal presidente dell’ente montano Fabrizio Pepe e dalle organizzazioni sindacali provinciali di categoria, atteso che dall’assessorato regionale all’Agricoltura non si è riusciti a superare il blocco dell’iter di riconoscimento della Cigs Cisoa. Dopo ben tre rinvii dell’incontro per impegni dei rappresentanti della Regione, assente lo stesso assessorato all’Agricoltura, si sono ritrovati l’uno di fronte all’altro solo i sindacati Fai Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, il vice direttore regionale dell’Inps Roberto Bafundi, la dirigente Del settore regionale Foreste Flora Della Valle ed il funzionario verbalizzante Amendola. Nei prossimi giorni, Pepe inoltrerà all’assessore regionale all’Agricoltura un’ulteriore istanza affinché fornisca all’Inps tutti gli elementi proposti perché possa riconsiderare la propria posizione, come ampiamente illustrato anche al Vice Direttore Bafundi. “Persistiamo, dunque, nel nostro gravoso impegno, nutrendo la speranza che qualcosa di concreto possa venir fuori quanto prima. – dichiara Pepe – Speriamo di trovare una soluzione in extremis alla vicenda che coinvolge centinaia di operai forestali, per i quali al danno del mancato pagamento delle spettanze stipendiali relative all’ultimo anno, si aggiunge ora anche la beffa del diniego della liquidazione della cassa integrazione, atteso che finora neanche l’ombra del sussidio. Non va sottaciuto lo stato di grave disagio sociale del personale addetto alla forestazione, costretto a fare i conti pure con gli effetti del maxi emendamento alla finanziaria regionale per l’esercizio 2013, che di fatto non garantisce la continuità occupazionale per l’intero anno ai lavoratori a tempo indeterminato”.
Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Situazione di stallo per 224 operai Baif della Comunità Montana del Matese. La Regione Campania non muove un dito per risolvere questa vicenda..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

ALVIGNANO. E’ tornata in città, la carovana che ha partecipato alla mezza maratona più popolare d’italia, la “RomaOstia 2015″

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il team della “Alvignano Running” formato dagli atleti Antonietta Perrone, Virginia Cimino, Claudia Petrazzuoli, Alessia Marotta, Rosalia De Marco, Antonio Fazzone e Franco Mastroianni, non hanno sfigurato alla kermesse sportiva…
La squadra del neonato gruppo sportivo “Alvignano Running”, capitanata da Isabella Martino, Elvira Marinelli, Luigi D’Argenzio, Fausto Esposito, Nicola Pedone, e formata dagli atleti Antonietta Perrone, Virginia Cimino, Claudia Petrazzuoli, Alessia Marotta, Rosalia De Marco, Antonio Fazzone e Franco Mastroianni, ancora stenta a crederci! Domenica 1 marzo 2015 si è conclusa la 41^ edizione della mezza maratona più partecipata d’Italia, la “RomaOstia 2015”, evento sportivo che ha visto la partecipazione di ben 14000 atleti provenienti da tutta Italia e dal Mondo. “Alvignano Running”, con la collaborazione della stimata “A.S.D. Atletica Dugenta” guidata dal Presidente Armando D’Abbruzzo, ed il supporto tecnico del mister Antonio Cutillo, allenatore e preparatore atletico delle due società, ha ottenuto ottimi risultati concludendo la gara sui 21,097 km in tempi più che buoni, pur essendo per tutti loro la prima esperienza di questo tipo. Ottima prestazione per il giovanissimo Antonio Fazzone, atleta in erba, il quale ha concluso la gara in 1h e 43 minuti; stessa soddisfazione per Roberto Saudella, 1h e 52, Isabella Martino ed Elvira Marinelli che hanno tagliato il traguardo in 1 h e 56 m, prestazione ritenuta dai competenti piuttosto soddisfacente; a seguire oltre le 2 h concludono Fausto Esposito ed Antonietta Perrone. Sul traguardo ad aspettarli amici e parenti, pronti ad incoraggiarli e a sostenerli. Gli atleti hanno vissuto tutta la preparazione e la fase successiva alla gara con grande emozione. Isabella Martino ed Elvira Marinelli ci dicono: “Per tutti noi è stata una delle esperienze più incredibili della nostra vita. Ci siamo allenati con caparbia e determinazione e abbiamo portato a termine una gara a dir poco facile, giungendo al traguardo con il sorriso. Per noi è importante che passi più di tutto il messaggio di sport come aggregazione e divertimento, aldilà dei tempi che ogni singolo atleta possa realizzare. “Una competizione con sé stessi più che con gli altri!”. In fondo altro non siamo che un gruppo di amici che condividono la stessa passione! Vorremmo ringraziare inoltre i nostri amici dell’Atletica Dugenta, nostra seconda squadra, i quali passo dopo passo hanno seguito il nostro percorso.”

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALVIGNANO. E’ tornata in città, la carovana che ha partecipato alla mezza maratona più popolare d’italia, la “RomaOstia 2015″.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Caiazzo. Dalle parole ai fatti: video sorveglianza in piazza e al parcheggio coperto, parola del vicesindaco Cerreto

Saranno Piazza Porta Vetere ed il parcheggio multipiano – come deliberato dalla Giunta comunale

ALIFE BIODIGESTORE. Il sindaco Giuseppe Avecone: “La richiesta di Autorizzazione di Impatto Ambientale è una procedura di routine”

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il primo cittadino invita a non creare allarmismi. Domani intanto si riunisce anche la Consulta per l’Ambiente nell’Aula Consiliare. Così Avecone: “Gli atti sono a disposizione di tutti, chi vuole prenderne visione venga al Comune e non ci sono problemi…”
“Ho provveduto nella stessa mattinata di ieri ad inoltrare copia di quanto ricevuto dalla Regione Campania, dopo essere stato regolarmente pubblicato sull’Albo Pretorio del Comune di Alife, a tutti gli Enti di indirizzo, ai capigruppo consiliari e al Comitato Cittadino per la Tutela della Salute e dell’Ambiente. Voglio pregare tutti di non creare allarmismi su questa che è una normale procedura che chiama ad esprimersi le parti in causa. Nel massimo della trasparenza ognuno potrà prendere visione degli atti il lunedì e il giovedì dalle 9:30 alle 13:00 e il mercoledì dalle 14:30 alle 15:30 presso la sede della Giunta Regionale della Campania, come espresso nella nota ricevuta, pubblicata e inoltrata”. Queste le precisazioni del sindaco Giuseppe Avecone dopo che la dott.ssa Norma Naim ha comunicato al Comune di Alife la procedura per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale per la costruzione dell’impianto nella Zona Asi. Con una lettera indirizzata alla ditta “General Construction”; al sindaco del Comune di Alife, Giuseppe Avecone; alla Provincia di Caserta – Settore ambiente ed Ecologia; all’Arpac; all’Asl di Caserta; al Consorzio Asi; all’Ato2, la Regione Campania ha inoltrato l’avviso di inizio procedura per il rilascio dell’AIA, ovvero l’Autorizzazione Impatto Ambientale, in merito alla realizzazione di un Biodigestore presso la zona Asi di Alife. E dopo che, con delibera n. 4 del 4 febbraio 2015, si è stabilito di istituire una Consulta dell’Ambiente immediatamente esecutiva, tale Consulta si riunirà per la prima volta giovedì 5 marzo alle ore 19:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Alife.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALIFE BIODIGESTORE. Il sindaco Giuseppe Avecone: “La richiesta di Autorizzazione di Impatto Ambientale è una procedura di routine”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

PIEDIMONTE MATESE. Una folla di fedeli giunta da ogni parte della Campania per ricordare “Frà Umile” in occasione del 25° anniversario dalla sua scomparsa

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Per il frate è stata postulata anche la causa di beatificazione. A distanza di tanti anni la sua fama aumenta e non diminuisce, come lo dimostrano i tantissimi fedeli giunti ieri nel capoluogo matesino…
Un anniversario per ricordare, un momento di preghiera e una riflessione sul valore spirituale di un uomo di chiesa, fra Umile Fidanza (nella foto). Sono stati numerosi i gruppi di preghiera ispirati al frate scomparso nel 1990 confluiti, ieri, a Piedimonte Matese con circa una cinquantina di pullman. C’era il vescovo Valentino Di Cerbo a guidare la comunità di fedeli in occasione del venticinquesimo anniversario della morte del frate carismatico avvenuta a ottanta anni di età. Una visita al cimitero di Carattano, dove si trova la tomba, seguita dalla messa presso la Basilica di Santa Maria Maggiore presieduta dal presule di Alife-Caiazzo. Una manifestazione che ha testimoniato come un numero sempre crescente di persone si ispirano alla figura del frate minore alla quale, proprio il vescovo Di Cerbo, nel 2011, diede rilievo. Il 29 ottobre 2011, infatti, i gruppi di preghiera furono riconosciuti, approvati e regolamentati con uno statuto dal Vescovado. “Si potrebbe definire un buon Pastore, un vero apostolo di Dio che credette fermamente nella pietà popolare e di tutti coloro che fanno parte della vita associativa dei gruppi”. spiega Maria Carmela D’Andrea che,proprio sul religioso, ha scritto un libro. Una biografia, arricchita da testimonianze inedite. “Si diede come finalità della propria esistenza -racconta D’Andrea nel suo volume – l’accostamento dei fedeli all’Eucarestia. Una missione svolta con la peregrinazione quotidiana in un bacino territoriale fortemente popolato”. Originario di Calvisi, frazione di Gioia Sannitica, appartenente a una famiglia molto numerosa, iniziò ad avvicinarsi alla vita religiosa nel suggestivo convento di Santa Maria Occorrevole di Piedimonte. Divenne frate minore, questuante, consigliere e guida spirituale. Leggeva nei cuori dei suoi interlocutori e dava risposte semplici. Da molti definitivo in dialetto “O’Nuost”, il nostro e, per la sua capacità di donare conforto al prossimo, oggi è definito “telegrafo di Dio”.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Una folla di fedeli giunta da ogni parte della Campania per ricordare “Frà Umile” in occasione del 25° anniversario dalla sua scomparsa.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

CAIAZZO. Un passo avanti nella situazione di stallo degli Lsu. Arriva dalla Regione Campania la proroga fino alla fine di questo anno. Regalo pre-elettorale?

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

E’ proprio vero che le elezioni dovrebbero svolgersi ogni anno, come dicevano alcuni vecchi politici. Per quest’anno niente proroghe bimestrali per i venti lavoratori socialmente utili. La “tarantella” ricomincerà nel 2016…
Stop alle continue proroghe ogni due mesi, rimarranno in servizio per l’intero anno i venti lavoratori socialmente utili attualmente impiegati presso il Comune. La giunta comunale presieduta dal vice sindaco Antimo Cerreto, nell’ultima seduta dei giorni scorsi, ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre prossimo il contratto in essere da ormai diversi anni con gli Lsu. Sulla scorta delle indicazioni fornite dell’assessorato al Lavoro della Regione Campania, l’amministrazione retta dal sindaco Tommaso Sgueglia ha inteso così prolungare le attività socialmente utili presso l’Ente di piazzetta Martiri Caiatini, già realizzate fino ad oggi attraverso l’impiego del gruppo di ventidue Lsu, poi scesi lo scorso anno a ventuno e da quest’anno a venti per via dell’immissione in servizio di una unità nel settore della scuola come collaboratrice amministrativa. Il personale continuerà ad essere impiegato nelle varie attività istituzionali del Comune e dislocati nei diversi uffici comunali presso la sede di piazzetta dei Martiri Caiatini e di Palazzo Mazziotti, a supporto della macchina amministrativa. Sulla scorta della nota inviata la scorsa settimana dalla giunta regionale della Campania e firmata dall’assessore alle Politiche del Lavoro Severino Nappi, i lavoratori socialmente utili in scadenza lo scorso sabato 28 febbraio sono stati prorogati per l’intero 2015, così come deciso in sede di accordo quadro stipulato di recente da Regione e ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. In tale previsione, rientrano a pieno titolo anche le venti unità lavorative che quotidianamente prestano servizio nel Comune, previa corresponsione dell’assegno spettante con oneri a carico del fondo nazionale per l’occupazione, mentre per le attività autofinanziate gli oneri sono in prima istanza a carico dell’Ente in presenza di appositi contributi previsti dalla Regione Campania. A tutela dei lavoratori socialmente utili, l’amministrazione Sgueglia ha anche preso atto che la copertura per la responsabilità civile, effettuata tramite società assicurativa, già aggiudicataria dell’assicurazione per le precedenti attività, viene automaticamente prorogata con gli oneri necessari già previsti nel bilancio dell’Ente. Ricordiamo che attualmente presso il comune caiatino prestano servizio come Lsu Carlo Albanese, Alessandro Altieri, Raffaele Altieri, Angelo Bencivenga, Angelina Bruno, Filomena Cammarota, Antonietta Civitella Matarazzo, Giovanni D’Andrea, Maria Antonietta D’Angelo, Filomena De Sorbo, Concetta Fusco, Antonietta Giannelli, Nicola Mandato, Giovanni Massadoro, Michelina Mattiello, Pietro Rolli, Nicola Rolli, Simonetta Rossi, Giovanna Sampogna e Gianrufo Sparano.
Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. Un passo avanti nella situazione di stallo degli Lsu. Arriva dalla Regione Campania la proroga fino alla fine di questo anno. Regalo pre-elettorale?.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

DRAGONI. Ripristinata la linea telefonica alla frazione Maiorano di Monte. La Telecom invia una squadra dopo i continui solleciti del sindaco Silvio Lavornia

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

La popolosa frazione dragonese è rimasta senza linea per diversi giorni. La situazione era in una vera e propria fase di stallo. Poi l’intervento risolutivo del primo cittadino ha fatto si che si risolvesse il problema definitivamente, almeno si spera…
Ripristinata la piena funzionalità della rete di telefonia fissa a servizio dell’intero territorio di Maiorano di Monte, la popolosa frazione dragonese rimasta isolata per diverse settimane a causa di un improvviso guasto che aveva messo fuori servizio i telefoni di abitazioni e negozi contrattualizzati con Telecom. I continui solleciti del sindaco Silvio Lavornia nei confronti del rappresentante di zona della società telefonica Salvatore Cuomo, e le diffide ad adempiere pena il ricorso all’autorità giudiziaria inoltrate dal Comune nei confronti dell’azienda, hanno finalmente sortito l’effetto sperato grazie ad un intervento risolutore di una squadra di operai specializzati che ha eliminato definitivamente la problematica che attanagliava la comunità locale ormai da troppe settimane.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: DRAGONI. Ripristinata la linea telefonica alla frazione Maiorano di Monte. La Telecom invia una squadra dopo i continui solleciti del sindaco Silvio Lavornia.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

***TRAGEDIA SFIORATA A SESSA AURUNCA*** Due cavalli incustoditi scappano e travolgono la 500 di una poliziotta che si ferisce alla testa. I due cavalli muoiono sul colpo, la poliziotta salva per miracolo.

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

L’episodio è avvenuto questa notte in via Raccomandata. La povera agente aveva da poco smontato il suo turno e stava rientrando a casa. I due cavalli l’hanno travolta distruggendo la vettura… 
Un episodio che poteva avere risvolti ben più gravi di come poi è andata a finire. Si tratta di due cavalli, non custoditi e probabilmente neanche muniti di microchip, che questa notte hanno attraversato improvvidamente la provincia di Sessa Aurunca, via Raccomandata, andandosi a scontrare contro una Fiat 500 L che proprio in quel preciso istante, sfortunatamente si trovava a transitare in quel tratto di strada. I due equini hanno letteralmente travolto l’auto andandosi a schiantare sul parabrezza e sulla portiera laterale della stessa facendola finire fuori strada. Al volante c’era una donna, agente di Polizia al Commissariato di Sessa Aurunca che stava rientrando a casa dopo aver smontato dal suo turno di servizio. Sul posto è intervenuta l’Asl per la rimozione dei cavalli morti, il 118 per prestare assistenza all’agente di Polizia e i Carabinieri per i dovuti rilievi dell’incidente, i quali unitamente ai colleghi della Polizia di Sessa, stanno indagando per risalire al proprietario dei due cavalli, sprovvisti probabilmente di microchip. Gli stessi non erano neanche ferrati, per cui sarà un’impresa cercare di capire a chi effettivamente appartenessero. Per l’agente di Polizia tanto spavento e una ferita lacero contusa alla testa, ma vista la dinamica dell’incidente, poteva finire davvero peggio. Nulla da fare per i cavalli che sono stati rimossi a cura del personale Asl intervenuto sul posto.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***TRAGEDIA SFIORATA A SESSA AURUNCA*** Due cavalli incustoditi scappano e travolgono la 500 di una poliziotta che si ferisce alla testa. I due cavalli muoiono sul colpo, la poliziotta salva per miracolo..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

PIANA DI MONTE VERNA. Sequestro di un deposito di gas di contrabbando. La Guardia di Finanza denuncia il titolare alla Procura della Repubblica

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il gestore del punto vendita di bombole di gas a fronte di un’autorizzazione per detenere 500 chilogrammi di gas ad uso domestico, ne deteneva una quantità quasi dieci volte superiore (4.500 chilogrammi). Scatta il sequestro ed i sigilli…
I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Caserta hanno sequestrato un deposito situato nei pressi di Piana di Monte Verna e oltre 700 bombole piene di Gpl (della capacità di 25, 10 e 5 Kg.), per un peso complessivo di circa 4.500 Kg. e per un valore commerciale di oltre 80.000 euro, nonché un’elettropompa per il travaso del prodotto, completa di pistola erogatrice, raccordi in gomma e dispositivi elettrici necessari per il suo funzionamento. L’attività di servizio è scaturita da un controllo finalizzato all’accertamento della regolare movimentazione e stoccaggio di generi di alta pericolosità ed al contrasto del fenomeno del contrabbando di prodotti petroliferi, nell’ambito del quale le Fiamme Gialle hanno accertato che all’interno dell’attività commerciale, autorizzata a detenere un massimo di 500 Kg. di gas propano liquido, erano presenti oltre 700 bombole, in violazione alle norme relative alla sicurezza e alla detenzione di prodotti altamente esplodenti. Il titolare della ditta, su specifica richiesta dei Finanzieri di esibire le fatture di acquisto della merce, non è stato in grado di mostrare alcuna documentazione contabile che giustificasse il possesso del notevole quantitativo di Gpl rinvenuto, condizione tale da far “scattare” l’ipotesi dell’illecita provenienza del prodotto, oltre a costituire violazione alla normativa fiscale delle merci sottoposte al pagamento di accisa. Il responsabile, pertanto, è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per reati che vanno dal possesso di materiale esplodente all’esercizio di attività senza autorizzazione e certificato di prevenzione incendi. Sono in corso indagini per risalire alla provenienza del prodotto petrolifero ed individuare eventuali altri responsabili dell’illecito traffico finalizzato all’evasione fiscale. Le Fiamme Gialle casertane proseguono nell’incessante lotta al contrabbando, storicamente radicato sul territorio della Provincia, che, dopo un periodo di forte calo, appare in preoccupante ripresa. Dall’analisi dei dati relativi allo specifico comparto operativo è emerso che, nell’ultimo semestre, il fenomeno si è più che triplicato rispetto agli stessi periodi del precedente biennio. Negli ultimi mesi, infatti, la sola Compagnia di Caserta ha sottoposto a sequestro 27.200 litri tra olio lubrificante e gasolio, nonché circa 10.000 kg. di Gpl, per un valore commerciale complessivo di quasi 280.000 euro. Cinque i soggetti denunciati a vario titolo, di cui uno tratto in arresto.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIANA DI MONTE VERNA. Sequestro di un deposito di gas di contrabbando. La Guardia di Finanza denuncia il titolare alla Procura della Repubblica.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)