In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Caiazzo. Basket: il CSI di Manzi svetta solitario al giro di boa nel primo girone della prima divisione

Alla fine del girone d’andata, il Csi Caiazzo si conferma al primo postonel campionato di Prima Divisione, girone ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. 'Violenza di genere': spettacolo-dibattito per la 'Festa della Donna' promosso dalla Pro Loco

Otto marzo: per far si che non sia la solita festa, l'associazione Pro Loco "Nino Marcuccio" con il ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Caserma Carabinieri: dormono tutti al Comune? Messaggio inviato da un utente

Buongiorno. Curiosando su Internet ho notato un post dell'ex Sindaco riferito alla Caserma e credo che interessa un ...

Leggi tutto >>

Caserta. 'Mi manca un venerdì': nel capoluogo provinciale il tour fantasiologico di Carrese

Sabato 24 febbraio, presso la Libreria "Che Storia", anteprima del tour fantasiologico "Mi manca un venerdì", espressamente dedicato ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Supermercato da chiudere: legge fatta, inganno trovato?

Scusate, per il supermercato che deve chiudere perché il Consiglio di Stato (ultimo grado italiano di giudizio) ha ...

Leggi tutto >>

Da Alvignano a Benevento toccante commiato del ‘provveditore’ scolastico Marcuccio

Ultimo giorno di lavoro a Benevento per il provveditore scolastico

Alife. Formazione multimediale per studenti, anche di Piedimonte Matese

“L’era della condivisione – Una rete di possibilità”.

Torino. Sindone, ostensione: grande evento di natura religiosa e civile’, parola del sindaco Fassino

ostensiopne sindone_2015La messa solenne celebrata dall’Arcivescovo Cesare Nosiglia, lo scorso 18 aprile, ha dato inizio all’Ostensione

Piedimonte Matese. L’Associazione Am’Arte inaugura il punto Book Sharing. La parola al presidente Francesca Costantino

L’inaugurazione giovedì 23 aprile presso il MuCiRaMa, in occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore

La Redazione – La lettura è un’occasione per crescere confrontandosi con storie e identità diverse racchiuse tra le pagine di un libro. Tuttavia, nell’eterogeneità esistenziale ed emozionale tradotta dalle storie narrate, s’intravede un filo sottile che le avvicina tra loro ma soprattutto all’esperienza personale del lettore.
Richiamandosi al concetto di lettura come pratica di condivisione nasce il Book Sharing, iniziativa promossa dall’Associazione Am’Arte di Piedimonte Matese in collaborazione con il MuCiRaMa (Museo Civico Raffaele Marrocco).book sharing_am'arte
Il prossimo 23 aprile, in concomitanza con la Giornata Mondiale dedicata al Libro e al Diritto d’Autore, negli spazi museali sarà possibile lasciare uno dei propri libri preferiti sull’apposito scaffale allestito all’interno del complesso museale, in cambio di uno dei tanti a loro volta concessi da altri lettori. Giovedì prossimo dalle 18.00, venerdì dalle 17.00 alle 20.00, sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 (giorni di apertura ordinaria del museo), si darà vita ad uno scambio non solo intellettuale, ma anche umano ed emotivo. Chi vorrà, potrà usufruire della serenità del chiostro per leggere.
“Le storie che leggiamo in un libro sono necessarie alla costruzione della nostra identità ed utili ad affrontare, nel modo giusto, tutte le esperienze della vita. Poi, attraverso lo scambio e le relazioni umane che s’instaurano con esso, moltiplichiamo i punti di vista con i  quali analizzare la realtà . Am’Arte, insomma, attraverso questo piccolo servizio, inaugura un percorso in cui il leggere potenzia il modo di interpretare e decifrare la quotidianità”. Così Francesca Costantino, presidente di Am’Arte, si esprime su quello che può essere considerato il senso dell’iniziativa, con la quale ci si propone di incentivare momenti di aggregazione oltreché di dialogo.

(Fonte & Aggiornamenti: Clarus – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

Lavori di ristrutturazione post terremoto. La Diocesi comunica

L’Ufficio tecnico della Diocesi di Alife-Caiazzo, tramite il Responsabile Unico di Procedimento, Ing. Luigi Costantini, comunica alle Ditte che hanno manifestato interesse ai lavori di ristrutturazione e adeguamento sismico dell chiese della Diocesi , quanto segue:
Poiché dalla tracciabilità delle raccomandate A/R inviate avente per oggetto i lavori di cui sopra ci se è resi conto che sono in ritardo le consegne delle lettere di invito a gara, si comunica che la data dell’offerta è prorogata al giorno 5 maggio 2015, ore 13.00, anziché 28 aprile 2015.

(Fonte & Aggiornamenti: Clarus – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

PIEDIMONTE MATESE. Il Consorzio Metano 25 pronto per la metanizzazione di Chiese e Comuni sprovvisti della rete del gas

Sulla scorta di quanto già fatto negli ultimi anni in alcuni luoghi di culto di comuni di Piedimonte Matese, Prata Sannita e Pratella, il Consiglio d’amministrazione presieduto dal Sindaco di Alife Giuseppe Avecone ha adottato nei giorni scorsi una delibera in cui fornisce atto di indirizzo al responsabile tecnico dell’ente per l’esecuzione dei lavori di metanizzazione…
Pronta la metanizzazione delle chiese di diversi comuni rientranti nel bacino del Consorzio Metano Campania 25. Sulla scorta di quanto già fatto negli ultimi anni in alcuni luoghi di culto di comuni di Piedimonte Matese, Prata Sannita e Pratella, il Consiglio d’amministrazione presieduto dal Sindaco di Alife Giuseppe Avecone (nella foto a dx con il sindaco di Baia e Latina Michele Santoro) ha adottato nei giorni scorsi una delibera in cui fornisce atto di indirizzo al responsabile tecnico dell’ente per l’esecuzione dei lavori di metanizzazione nelle chiese di Alife, San Potito Sannitico, Valle Agricola, San Gregorio Matese e Marzano Appio. Nell’ultimo periodo, difatti, sono pervenute all’attuale amministrazione consortile diverse richieste dai parroci di alcuni comuni aderenti al Consorzio per dotare di impianti di riscaldamento gli edifici di culto, interventi questi che fino allo scorso anno venivano realizzati dall’azienda concessionaria della gestione delle reti e della distribuzione del gas metano che, però, ora provvede solo all’allacciamento tra la rete principale, nell’ottica del suo ampliamento, ed il contatore della singola chiesa, senza procedere oltre. Il consorzio ha deciso, però, di accogliere comunque le istanze provenienti dai vari comuni ricadenti nel proprio perimetro, pertanto il presidente Avecone, il suo vice Renato Ricca ed i consiglieri Michele Santoro, Ermanno Masiello e Giovanni Leardi hanno deliberato l’avvio degli studi di fattibilità per quantificare con esattezza costi e tempi per la realizzazione dei singoli interventi in favore dei vari tempi cristiani del Matese. Successivamente al loro finanziamento da parte del Consorzio intercomunale per la distribuzione del gas metano “Campania 25″, le opere andranno a soddisfare le esigenze di fruibilità anche nel periodo più freddo dell’anno delle chiese, attraverso il loro riscaldamento con appositi diffusori ad irraggiamento collocati nella parte alta delle navate laterali e centrali, consentendo così lo svolgimento di diverse attività pastorali ed oratoriali e rendendo anche più agevole la frequentazione dei luoghi di culto da parte dei fedeli. “Il Consorzio Metano è da sempre vicino alle esigenze del territorio, delle popolazioni e delle istituzioni locali – dichiara Avecone – ed anche in questa occasione come Consiglio d’Amministrazione siamo ben lieti di contribuire alla realizzazione di interventi molto attesi dalle comunità pastorali dei singoli comuni rientranti nel nostro bacino. La sinergia istituzionale tra gli enti presenti sul territorio porta sempre a risultati concreti, e questa è la strada che noi seguiamo da sempre. Analoghi progetti, tra l’altro, sono stati da noi finanziati negli ultimi due anni anche nelle chiese di San Pancrazio di Prata Sannita e di San Nicola di Bari di Pratella”. Nel piano programma dell’Ente consortile, figurano tra gli obiettivi da raggiungere, anche interventi di sviluppo e crescita che tengano conto delle varie e diverse esigenze del servizio e dei territori. Del resto, la mission che l’attuale CdA ha voluto affidare al Consorzio è di avvicinarlo agli utenti e farlo percepire in tutta la sua utilità, offrendo un valido sostegno ed ausilio anche ai comuni e agli enti locali tutti attraverso una sempre maggiore estensione della rete di distribuzione per raggiungere quante più famiglie possibili nei diversi centri del Matese e dell’intero Alto Casertano.
Invia tramite emailPostalo sul blogCondividi su TwitterCondividi su Facebook


(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

CASTELLO DEL MATESE/CAPRIATI A VOLTURNO. E’ proprio vero!!! Le elezioni regionali dovrebbero indirle una volta l’anno! Arriva Bosco nell’Alto Casertano e affronta il problema degli stipendi ai forestali!!!

I Baif sono esattamente due anni che protestano perchè senza stipendio e nessuno, dicasi nessuno tra i politici si è occupato della loro vicenda. Ora il candidato di Campania Libera Luigi Bosco, durante un tour elettorale spiga che vorrebbe essere eletto per risolvere il problema dei forestali. Ma se gli eletti della scorsa legislatura non ci sono riusciti, come farebbe il nostro giovane Bosco???
Nel secondo fine settimana il tour elettorale di Luigi Bosco, candidato alle Regionali 2015 a sostegno di Vincenzo De Luca nella lista Campania Libera, ha segnato altre due tappe nell’Alto casertano. Sabato sera è stato Castello del Matese ad ospitare il gruppo guidato dal vicesindaco di Casapulla. Un incontro fatto di momenti forti. “Dopo tre tappe in questo splendida fetta di territorio – ha sostenuto Luigi Bosco al termine dell’incontro – abbiamo chiare le problematiche che la affliggono. In parte tematiche differenti rispetto quelle che viviamo ‘giù a valle’, in parte identiche. Il primo, più sentito, e per il quale vorremo lavorare appena insediati, è quello dei lavoratori forestali temporanei”. Toccanti e struggenti, infatti, sono state le testimonianze dei forestali che hanno portato la loro storia in ogni paese dell’alto casertano toccato dalla carovana di Terra del Sud. Molti lavoratori hanno riferito di avere addirittura 22 mensilità arretrate. Non solo forestali però. Altre questioni sono state trattate, a partire dai giovani costretti all’emigrazione, alle difficoltà dei collegamenti con il resto della provincia, fino ad arrivare ai problemi vissuti da chi in questa porzione di territorio cerca di fare impresa e deve superare ostacoli insormontabili. Di questo e tant’altro si è parlato anche nella giornata di domenica, quando Bosco ha incontrato i cittadini di Ailano, Capriati a Volturno, Ciorlano, Prata e Pratella, dove ha chiuso il suo tour nell’Alto casertano presso un noto locale. Anche qui, il vicesindaco di Casapulla ha ascoltato il grido d’allarme dei residenti troppo spesso abbandonati dalle istituzioni. “Nei due giorni trascorsi tra i comuni dell’Alto casertano – ha affermato Bosco – ho potuto apprezzare le bellezze, soprattutto naturali, di queste zone che purtroppo non sono mai state valorizzate. Mi viene da pensare alla ricchezza generata dall’acqua. In quest’area della provincia si può creare una vera e propria industria del turismo. Ciò che mi ha maggiormente sorpreso –conclude il candidato di Campania Libera – è l’entusiasmo delle persone, soprattutto dei giovani, pieni di idee da mettere a disposizione del territorio».

CASTELLO DEL MATESE/CAPRIATI A VOLTURNO. E’ proprio vero!!! Le elezioni regionali dovrebbero indirle una volta l’anno! Arriva Bosco nell’Alto Casertano e affronta il problema degli stipendi ai forestali!!!

I Baif sono esattamente due anni che protestano perchè senza stipendio e nessuno, dicasi nessuno tra i politici si è occupato della loro vicenda. Ora il candidato di Campania Libera Luigi Bosco, durante un tour elettorale spiga che vorrebbe essere eletto per risolvere il problema dei forestali. Ma se gli eletti della scorsa legislatura non ci sono riusciti, come farebbe il nostro giovane Bosco???
Nel secondo fine settimana il tour elettorale di Luigi Bosco, candidato
alle Regionali 2015 a sostegno di Vincenzo De Luca nella lista Campania
Libera, ha segnato altre due tappe nell’Alto casertano. Sabato sera è stato
Castello del Matese ad ospitare il gruppo guidato dal vicesindaco di
Casapulla. Un incontro fatto di momenti forti. “Dopo tre tappe in questo
splendida fetta di territorio –
ha sostenuto Luigi Bosco al termine
dell’incontro – abbiamo chiare le problematiche che la affliggono. In parte
tematiche differenti rispetto quelle che viviamo ‘giù a valle’, in parte
identiche. Il primo, più sentito, e per il quale vorremo lavorare appena
insediati, è quello dei lavoratori forestali temporanei”.
Toccanti e
struggenti, infatti, sono state le testimonianze dei forestali che hanno
portato la loro storia in ogni paese dell’alto casertano toccato dalla
carovana di Terra del Sud. Molti lavoratori hanno riferito di avere
addirittura 22 mensilità arretrate. Non solo forestali però. Altre
questioni sono state trattate, a partire dai giovani costretti
all’emigrazione, alle difficoltà dei collegamenti con il resto della
provincia, fino ad arrivare ai problemi vissuti da chi in questa porzione
di territorio cerca di fare impresa e deve superare ostacoli
insormontabili. Di questo e tant’altro si è parlato anche nella giornata di
domenica, quando Bosco ha incontrato i cittadini di Ailano, Capriati a Volturno, Ciorlano, Prata e Pratella, dove ha chiuso il suo tour nell’Alto
casertano presso un noto locale. Anche qui, il vicesindaco di Casapulla ha
ascoltato il grido d’allarme dei residenti troppo spesso abbandonati dalle
istituzioni. “Nei due giorni trascorsi tra i comuni dell’Alto casertano –
ha affermato Bosco – ho potuto apprezzare le bellezze, soprattutto naturali,
di queste zone che purtroppo non sono mai state valorizzate. Mi viene da
pensare alla ricchezza generata dall’acqua. In quest’area della provincia
si può creare una vera e propria industria del turismo. Ciò che mi ha
maggiormente sorpreso –
conclude il candidato di Campania Libera – è
l’entusiasmo delle persone, soprattutto dei giovani, pieni di idee da
mettere a disposizione del territorio».
Invia tramite emailPostalo sul blogCondividi su TwitterCondividi su Facebook


(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

***LIBERI. TRAGEDIA SFIORATA IN PAESE***Esplode un termocamino che poi provoca anche l’incendio dell’abitazione della famiglia Petrillo

L’episodio si è verificato ieri. Il proprietario della casa, Domenico Mario Petrillo è stato trasportato in ospedale a Piedimonte Matese…
Un episodio che poteva avere conseguenze ben più diverse, se non fosse stato che la sorte è stata davvero benevola con una famiglia di Liberi, piccolo Comune incastonato nel Monte Maggiore. Infatti venerdì scorso il termocamino dell’abitazione della famiglia di Mario Domenico Petrillo, ubicato in salita Perretta, ha preso improvvisamente fuoco, tanto che la forte pressione del calore, ha causato una forte deflagrazione. Il botto ha distrutto tutta la cucina ove si trovava l’impianto, causando danni un pò dappertutto. Sul posto accorrevano anche i vicini di casa e l’ambulanza, che provvedeva a trasportare il proprietario della stessa abitazione, il signor Petrillo, presso l’ospedale di Piedimonte Matese per le cure del caso. Fortunatamente le sue condizioni non destavano preoccupazioni, sebbene veniva disposto il ricovero precauzionale dello stesso mentre l’episodio in paese ha creato molto spavento. La causa dello scoppio, sarebbe riconducibile ad una mancata conversione del termocamino con un altro impianto di riscaldamento presente in casa, la stufa alimentata a pellet.
Invia tramite emailPostalo sul blogCondividi su TwitterCondividi su Facebook


(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)