In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Napoli. Incontro col fotografo Antonio Gibotta promosso dall'esperto caiatino Luca Sorbo

Al Palazzo delle Arti in via dei Mille sabato 12 gennaio alle 17 è in programma un interessante ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Piatti tipici: venerdì torna il concorso gastronomico promosso dalla Pro Loco 'Marcuccio'

Quinto appuntamento stagionale per il concorso "I piatti tipici del Medio Volturno" promosso col fine di promuovere i ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Calcio locale: anno nuovo, vittoria nuova per l'ASD che liquida anche la 'Feliciana'

Doppia "botta" per la compagine calcistica giovanile "ASD Caiazzo" che nel primo cimento dell'anno, per nulla intimorita dal ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Anno nuovo, vittoria nuova per il CSI Basket, al decimo successo stagionale

Il CSI Caiazzo Basket inizia il nuovo anno conseguendo la decima vittoria nell’undicesima giornata di campionato battendo la ...

Leggi tutto >>

Napoli-Piedimonte Matese. Morto l'ingegner Pietrangelo Gregorio, 'inventore' della TV locale

Mesto addio dei napoletani riconoscenti al precursore dell'emittenza televisiva locale, ingegner Pietrangelo Gregorio (nella foto), originario di Piedimonte Matese, in ...

Leggi tutto >>

Caiazzo e Dintorni. Ennesima promozione RAI (gratis) delle eccellenze gastronomiche territoriali

Non solo eccellente "contadino 2.0", come ama definirsi Manuel Lombardi, che ha infatti confermato anche le sue eccellenti ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Amministratori che si fanno pagare: nuovo attacco dell'ex sindaco Tommaso Sgueglia

Continua la polemica inerente le indennità di carica che sindaco, assessori e presidente del Consiglio comunale hanno deciso ...

Leggi tutto >>

Castel di Sasso. Dal 'Conciato romano' di casa Lombardi allo splendore borbonico casertano 'focus' RAI 'Linea Verde'

Inizio d'anno oltremodo positivo per le eccellenze, non solo gastronomiche, del comprensorio caiatino, che ripetutamente hanno potuto godere ...

Leggi tutto >>

Roma. L'arguto sarcasmo di Biagio Izzo nel week end al 'Brancaccio' con 'I Fiori del Latte'

Torna sul tema dei latticini il poliedrico artista napoletano dopo il successo dl film "Effetti Indesiderati", girato in ...

Leggi tutto >>

Alvignano-Caiazzo. Nuovamente in TV a 'Tu si que Vales' il duo canoro Nogarotto-Tommasone

Inizio d'anno col botto per Raffaele Tommasone e Benito Nogarotto, interpreti di "Al mare non ci voglio andare", canzone che ...

Leggi tutto >>

Piana M.Verna. Il ‘re’ del formaggio ‘Conciato Romano’ entusiasta della ‘MasterChef’ finalista Amalia Falco

falco-15x12-amalia+masterchef-12Lombardi-11x15-Manuel-conciato-2Sei entrata dalle selezioni in punta di piedi

e tra le tante immagini che ti vedono protagonista in cucina ho scelto questa con il tuo Roberto perche’ non solo e’ quella della puntata in cui indossi per la prima volta l’ambito grembiulino di MasterChef Italia, ma e’ molto ma molto significativa e ti spiego il perche’.

La cucina quella ricca di contenuti se fatta con “amore e rispetto” verso l’ingrediente che si vuole utilizzare ti regala risultati eccezionali.

Siamo abituati molte volte a giudicare un piatto per la sua estetica e la quantita’ e ci dimentichiamo che l’aspetto piu’ importante e’ il sapore e l’esaltazione completa senza riduzioni e scorciatoie dell’ingrediente utilizzato.

Leggi queste parole come metafora sui luoghi comuni e fanne tesoro.

Nel percorso che ti ha portato alla finalissima del 5 marzo cara Amelia Falco ci sono tutti questi importanti dettagli che hanno prevalso sulle strategie degli altri concorrenti.

Che sei brava, per chi aveva ancora dubbi l’esterna di ieri sera ce l’ho ha ancora confermato con il tuo piatto Anatra con miele e spezie e salsa alla diavola, Annie Feolde, executive chef dell’Enoteca Pinchiorri, 3 stelle Michelin da giudice lo ha stra apprezzato e sei andata dritta alla meritatissima finale.

Ma in questo mondo non basta essere solo tecnicamente bravi ci vuole quell’ingrediente che ti da quel plus vincente, l’umilta’ e il mettersi sempre in gioco si perche’ non si finisce mai di imparare e tu hai tutte queste carte per iniziare, si iniziare perche’ sai bene che e’ solo l’inizio da adesso in poi.

Come andra’ andra’ la finale e’ gia’ tantissimo vederti li’ tra Stefano e Nicolo’ ma cara Amelia Falco hai dimostrato a tutti noi che l’amore per la vita, per il tuo meraviglioso Roberto, per i valori della tua famiglia, per la tua Piana di Monte verna, per i tuoi amici e per la tua Campania sono ancora validi punti di riferimento e modelli sani da mettere sempre in valigia per iniziare qualsiasi “viaggio” alla conquista del mondo.

Ci stai rappresentando alla grande e siamo orgogliosi di te.

Grazie!

(Manuel Lombardi – via (495) Facebook Messaggi)

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

***ESITO DEL VOTO ORDINE DEGLI AVVOCATI*** Trombati tutti i legali dell’Alto Casertano candidati nelle varie liste, eccezion fatta per Carlo Grillo, eletto con il presidente uscente Sandro Diana

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Un esito che ha lasciato davvero strabiliati gli stessi avvocati. Finisce l’epopea dell’avvocato Elio Sticco, rimasto senza neanche un rappresentante. Tutti i seggi alla lista vincente di Alessandro Diana. A casa gli avvocati Mauro D’Isa di Alvignano e Ivana Gagliardi di Raviscanina candidati con Sticco. Anche Teodolinda Stocchetti di San Gregorio Matese resta a piedi…
L’esito del voto per il rinnovo del Consiglio dell’ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere ha visto la vittoria schiacciante, con percentuali bulgare, della lista dell’attuale  presidente Alessandro Diana. Addirittura tutti i seggi andrebbero alla sua lista: ciò significa che l’egemonia Sticco è completamente finita, essendo rimasto senza rappresentanti e, la terza lista “Legalis Opera” capitanata da Adolfo Russo è andata anche peggio. Per quel che interessa l’Alto Casertano, gli avvocati candidati, tranne Carlo Grillo, sono stati letteralmente trombati. si tratta di Mauro D’Isa di Alvignano e Ivana Gagliardi di Raviscanina, candidati con Sticco e Teodolinda Stocchetti, candidata nella lista di Russo.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***ESITO DEL VOTO ORDINE DEGLI AVVOCATI*** Trombati tutti i legali dell’Alto Casertano candidati nelle varie liste, eccezion fatta per Carlo Grillo, eletto con il presidente uscente Sandro Diana.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Caiazzo. ‘Troupe’ Rai sabato 28 in città per programmare il TG itinerante del 7 marzo

marziale_10x15-rosanna-mozzarelle-1tom-tricolore-2014A poche ore dalla ribalta internazionale favorita sui canali RAI dall’estro della chef Rosanna Marziale,

(nella foto a destra) che ha tenuto banco anche nella puntata di “GeoGeo” trasmessa giovedì 26 febbraio dalla terza rete nazionale, sabato 28 febbraio le telecamere Rai sono tornate a occuparsi della città del buon vivere con Pasquale Piscitelli che, per la sede regionale della Campania, ha programmato nel centro antico, col sindaco Tommaso Sgueglia ed altri caiatini, la registrazione di un servizio che sarà trasmesso in coda all’edizione pomeridiana del TG regionale di sabato 8 marzo nel contesto del TG itinerante Rai.

Continua dunque il periodo mediatico positivo per Caiazzo, deve presumersi non solo per caso coincidente al cambio della squadra chiamata dal sindaco Tommaso Sgueglia a guidare con lui la gestione dell a macchina politica comunale.

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Caiazzo. Mostra fotografica sui personaggi della frazione SS. Giovanni e Paolo

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Ancora una volta si deve a Luca Sorbo l’iniziativa in programma nel pomeriggio di sabato

28 febbraio presso il bar “H Tascillo” di SS.Giovanni e Paolo dove, alle ore 19 di sabato 28 febbraio, sarà inaugurata un’interessante mostra fotografica di Domenico Matarazzo incentrata su volti e personaggi dell’amena e popolosa frazione caiatina.

Mostra particolarmente ricca ed interessante, perché compendia l’appassionata opera di collezione attuata in vari lustri dediti all’hobby della fotografia che, proprio grazie ala benemerita opera di Luca Sorbo ed altri appassionati caiatini, vede sempre più persone interessarsi ed impegnarsi per documentare ogni squiarcio dell’incantevole paesaggio caiatino, come dimostrato in articolare dal gruppo Facebook “I miei ricordi di Caiazzo”, fondato da Geppino De Rienzo e del quale lo stesso Sorbo è amministratore iper attivo.

Tutti sono invitati a visitare la mostra, che si prospetta come la prima di una lunga serie, anche nei giorni successivi a quelli dell’inaugurazione, presso il bar ubicato nel centro storico di SS. Giovanni e Paolo.

Un’occasione per incontrarci e condividere con Domenico Matarazzo il suo legame con San Giovanni e Paolo.

Una galleria di ritratti in cui la perizia tecnica riesce a raccontare amicizie profonde ed emozioni sincere.

Questa è solo la prima puntata con gli sguardi d’affetto di Domenico, che prossimamente esporrà altri ritratti.

CALENDARIO MOSTRE 2015

– Domenico Matarazzo 28 febbraio;
– Mario Califano 11 aprile:
– Angelo Giannetti 23 maggio;
– Antonio Giannelli 27 giugno;
-Mario Mariano 18 luglio;
– Luca Sorbo 3 ottobre;
– Franco Sangiovanni 14 novembre;
– Geppino Di Rienzo 12 dicembre

(Luca Sorbo)

Archiviato in: (News archiviata in TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: Caiazzo. Mostra fotografica sui personaggi della frazione SS. Giovanni e Paolo.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

ALIFE/BIODIGESTORE. Ci scrive un professionista da Bologna che difende a spada tratta la tesi di Pietro Cornelio. E’ un pilota di aerei ed è anche egli un ingegnere

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

“Mio cugino Pietro sta cercando solo di far capire ad un’intera comunità che la sua tesi salvaguarda il territorio e la cittadinanza. Ma non è stato volutamente o involontariamente capito…” Così ci scrive il signor Roberto Busi…
questa lettera ci è pervenuta al nostro portale attraverso la sezione commenti. La pubblichiamo integralmente.
“””Vi scrivo dalla provincia di Bologna, mi chiamo Roberto Busi e sono il cugino di Pietro. Con Pietro stiamo seguendo alcuni progetti innovativi come un motore che va ad acqua (esattamente il 50/60% acqua e il resto benzina), un prodotto super ignifugo che non si deteriora se soggetto a fiamma fino a 1200/1300° C, celle a Ossidrogeno (miscela di gas di idrogeno e ossigeno, ndr), etc. etc. etc.. Questo per dire cosa? Che Pietro è uno studioso e attento scienziato che vuole proporre sicuramente qualcosa per la sua e mia terra, che non provochi danni ambientali, che sia di aiuto per la popolazione locale e che faccia bene alle casse del proprio Comune di Alife. Ora che voi perdiate tempo in sciocche e inutili litigate ci sta. Ma restano sciocche e inutili battute e fanno perdere solo tempo. Ma fate come credete. Ora vi faccio una domanda molto semplice: se Pietro avesse qualche interesse personale (tipo una mazzetta, giusto per parlare chiaro) nel progetto non sarebbe logico che spingesse nella creazione di un super impianto? Magari anche da 2 o 5 Megawatt? Invece sta proponendo un impianto che possa servire tre o al massimo quattro comuni locali, da 25000 persone e da 100 Kw. Magari modulabile e implementabile dove tutto, ma proprio tutto viene fatto alla luce del sole. Spese e investimenti compresi. E invece che state a fare? A perdere tempo in stupide e inutili disquisizioni. Come la laurea di Pietro. Ma chissenefrega della laurea che tra l’altro possiede? Perché non organizzate un incontro ad Alife con Pietro come relatore dove spiega le sue tesi e magari gli parlate dal vivo, “vis a vis”, senza nascondersi dietro inutili anonimati? E gli ponete poi domande serie e sensate? Anch’io scelgo spesso di non vantarmi di quello che sono o che faccio, ma siccome sembra che per avere credito su questo blog bisogna dire chi si e/o cosa si fa. Vi dico che sono un Comandante di volo in Alitalia su Airbus A320 e, come Pietro, adoro la tecnologia quando è verde e quando serve. Non mi reputo quindi uno stupido, se me lo concedete. Quindi mettete da pare le invidie verso l’intelligenza e la professionalità di chi ha studiato e studia tuttora, incontratevi e discutete con Pietro. Che tra l’altro collabora già con il comitato del no ad una centrale enorme ed inutile per le vostre esigenze locali. Vi premetto che non darò credito e/o risposta a risposte anonime che cercano solo di creare tensione invece di cercare di risolvere il problema con intelligenza e serietà professionale. D’altronde sono convinto che chi risponde in maniera inutile solo per livore personale non ha certo le qualità per fare e arrivare dove io e Pietro siamo arrivati. Semplicemente lo considero una nullità. Un saluto dal nord.”””
Roberto Busi

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALIFE/BIODIGESTORE. Ci scrive un professionista da Bologna che difende a spada tratta la tesi di Pietro Cornelio. E’ un pilota di aerei ed è anche egli un ingegnere.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

PIETRAMELARA. Il giovane pizzaiolo Andrea Palmieri, ad appena 24 anni entra nel “Guinness World Record”.

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Palmieri partecipò al Palapartenope di Napoli, unitamente ad altri 278 persone a lanciare un panetto di pizza in aria. Ha battuto il record mondiale sulla pizza margherita detenuto dagli americani…
Pochi giorni fa è arrivato a Pietramelara, direttamente da Londra, un certificato ufficiale del Guinness World Record. Il glorioso attestato del record mondiale è stato conferito ad Andrea Palmieri, pizzaiolo proprio a Pietramelara ma originario di Sparanise. Palmieri ha ricevuto un certificato di partecipazione ad un importante evento del Guinness World Record svoltosi nel settembre 2014, al Palapartenope di Napoli. Con 278 persone a lanciare un panetto di pizza in aria, Napoli batté il record mondiale sulla pizza margherita detenuto dagli americani (265 persone nella città di Los Angeles nel mese di giugno a lanciare contemporaneamente altrettante pizze). Al Guinness World Record di Napoli partecipò anche Andrea Palmieri, proprietario della pizzeria ‘Pizza Express’ di Pietramelara. Il giovane pizzaiolo 24enne, insieme a tanti altri provenienti da tutta Italia, portò a casa una medaglia e un attestato. Ora, è arrivato pure il certificato di partecipazione del Guinness World Record (nella foto). “Dopo qualche mese di attesa, sono molto felice di avere tra le mani l’attestato ufficiale. Voglio ringraziare il mio carissimo amico Marco Amoriello, detto il Guappo, per avermi dato l’opportunità di partecipare a questo storico evento”, ha dichiarato con soddisfazione Andrea. Il primato fu certificato dal giudice del Guinness World Record, Lorenzo Veltri.

Andrea De Luca

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIETRAMELARA. Il giovane pizzaiolo Andrea Palmieri, ad appena 24 anni entra nel “Guinness World Record”..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

CAIAZZO. L’ex sindaco Stefano Giaquinto ancora contro il suo successore Tommaso Sgueglia: “Sei un traditore!” Continua il braccio di ferro tra i due leader politici

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Non è stata per niente “indorata” la pillola del passaggio di consegne tra “Uniti Per Caiazzo” guidato dall’attuale assessore provinciale, ex primo cittadino ed ex vicesindaco anche in questa attuale amministrazione, col nuovo gruppo di maggioranza nato dalle ceneri di “Progetto per Caiazzo” retto da Antimo Cerreto… 
Il progetto amministrativo di Uniti per Caiazzo resta tuttora valido e forte nonostante il tradimento subito dal sindaco Tommaso Sgueglia che ha ribaltato i rapporti di forza in seno al Consiglio comunale, facendo diventare maggioranza la minoranza di Progetto Caiazzo e relegando fuori dal governo cittadino colori che lo hanno portato a sedere sullo scranno più alto dell’ente di piazzetta sei Martiri Caiatini. Parole e pensieri dell’ex vice sindaco Stefano Giaquinto, ormai sempre più leader della opposizione all’amministrazione attuale espressione del neonato gruppo di Caiazzo Bene Comune. “Il sindaco Sgueglia ha tradito la volontà degli elettori, ma credo ancora nel progetto e nel mandato conferito a noi dagli elettori”, esordisce l’assessore provinciale all’agricoltura che preannuncia come d’ora in poi si cambia davvero nei rapporti politici cittadini, soprattutto all’indomani del primo consiglio comunale che è stato anche l’occasione per sancire il definitivo cambio di rotta del gruppo ‘Uniti per Caiazzo’. Il primo cittadino ed il gruppo di consiglieri che compongono la nuova opposizione in seno al consiglio viaggiano ormai su due binari separati, interrompendo un percorso avviato nel 2003. “La precedente esperienza amministrativa è terminata non per nostra volontà – afferma Giaquinto – anzi in passato in qualità di vicesindaco ho spesso evitato il commissariamento tenendo in piedi l’amministrazione nonostante fossero in molti a spingere per la caduta del sindaco ed il ritorno alle urne. È stato Sgueglia che ha cambiato le carte in tavola, tradendo la volontà degli elettori che nel maggio 2013 avevano votato e scelto la lista ‘Uniti per Caiazzo’ e noi adesso non possiamo che prenderne atto. Io ed i consiglieri del gruppo avevano creduto ed investito molto dal punto di vista umano e politico nel consolidato rapporto amministrativo che il sindaco Sgueglia ha voluto bruscamente interrompere, mostrando il suo vero volto, quello di traditore politico e dimostrando la propria incapacità ed inaffidabilità nel tenere fede ad un patto e nel rispettare il mandato ricevuto dai cittadini di Caiazzo”. Un gesto che ha fatto percepire le istituzioni “non come patrimonio di tutti, ma luogo di interessi privati da usare a proprio vantaggio”, attacca il consigliere comunale che, a nome del gruppo ‘Uniti per Caiazzo’, fa sapere di credere ancora nel mandato che “gli elettori ci hanno conferito ma prendiamo atto del tradimento politico fatto da altri che di fatto, contro la nostra volontà, ha sancito la fine del percorso amministrativo inaugurato alle ultime elezioni. Resto fermamente convinto della bontà delle scelta effettuata all’epoca, il nostro progetto era solido ed avrebbe potuto reggere alla sfida del tempo ed il fatto che il sindaco Sgueglia non sia stato capace di portare in fondo questo cammino nulla toglie alla bontà del progetto”. Alla luce di tanto, l’ex primo cittadino assicura che la compagine uscita vittoriosa dalle urne alle elezioni del maggio 2013 continuerà “ad esercitare a pieno titolo il nostro ruolo di rappresentanza della maggioranza degli elettori caiatini, lo faremo col senso di responsabilità che ci è proprio e nel solo ed esclusivo interesse dei cittadini e di chi nel maggio 2013, ancora una volta con il proprio consenso ha decretato la vittoria della lista ‘Uniti per Caiazzo’”.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. L’ex sindaco Stefano Giaquinto ancora contro il suo successore Tommaso Sgueglia: “Sei un traditore!” Continua il braccio di ferro tra i due leader politici.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

CASTEL CAMPAGNANO. Lettera aperta dell’ex sindaco Nicola Campagnano alla cittadinanza: “Questa amministrazione uscente è stata uno scempio!”

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

“Affermare che la minoranza consiliare non abbia espletato il proprio ruolo non è corretto – sostiene Campagnano ribadendo a chiari lettere che  – tutto ciò che dovevamo fare, come organismo di denuncia lo abbiamo fatto, partendo dalla gestione della villa comunale affidata a parenti ed affini…”
Lettera aperta del capogruppo di minoranza Nicola Campagnano (nella foto) sulla situazione politica ed amministrativa che attualmente sta vivendo la piccola comunità della media valle del Volturno. A meno di tre mesi dalle elezioni comunali che vedranno i cittadini tornare alle urne per rinnovare l’amministrazione locale, l’ex sindaco si rivolge alla popolazione per un’analisi completa sull’attività del governo cittadino ed anche sul ruolo sin qui svolto dall’opposizione: “Si avvicinano le elezioni e si avverte un certo fermento. Il dibattito però sta prendendo una piega non molto utile alla comunità. Vengono mosse critiche tanto severe quanto giuste all’amministrazione uscente ma anche alla minoranza. Una proposta politica vera non c’è, se non qualche tentativo di aggregazione elettorale. Non tutti hanno chiara la gravità della situazione. C’è chi sostiene che la minoranza non ha fatto il proprio dovere. Qualcuno arriva ad ipotizzare improbabili complicità. È vero che possiamo aver dato l’impressione di esserci stati poco e di questo vi chiedo, in qualità di capogruppo, scusa, ma le cose non stanno proprio così”. Campagnano ricorda, infatti, che “le scellerate azioni amministrative che andavano denunciate lo sono state tutte. Gli atti deliberativi lo dimostrano. Purtroppo a Castel Campagnano i consigli comunali si fanno sui marciapiedi e di quello che realmente avviene non si sa nulla. Il fatto vero è che non abbiamo fatto chiasso. Questa è stata una scelta politica del gruppo, consequenziale alle vicende elettorali del 2010, che io ho rispettato,con molta sofferenza, ma con uno scopo preciso: eliminare l’alibi della maggioranza fondato sulla teoria dell’aggressione che finiva, in modo assurdo, per giustificare l’incapacità amministrativa e monopolizzava l’attenzione dei loro elettori sulla difesa a oltranza. Abbiamo dato tranquillità ai loro elettori, non già agli amministratori, perché potessero cominciare a riflettere, a guardarsi dentro, ad avvertire il disagio del malgoverno. Bene. Se oggi ciò è avvenuto, se le critiche anche all’interno del loro elettorato ci sono, la minoranza ha centrato l’obiettivo e ha reso un alto servigio alla comunità”. Il leader della opposizione punta l’indice contro la maggioranza guidata dal primo cittadino Giuseppe Di Sorbo, spiegando che “il rimprovero di non aver fermato iniziative discutibili non è corretto. In genere ci siamo trovati di fronte a forzature e furbizie che investono il piano dell’etica politica e non già a delle evidenti violazioni formali o sostanziali di leggi. Tenere lontane le mani dalla cosa pubblica è essenzialmente un problema di etica. Intervenire con familiari o amici nell’acquisto di beni dell’ente e altri immobili del centro storico di Squille alla vigilia di possibili finanziamenti pubblici cospicui e, ancor più, al fine di intercettarli, mettere in piedi in qualche giorno una progettazione, inserirla nell’elenco delle opere pubbliche convocando il consiglio comunale d’urgenza all’alba e approvarla in giornata con l’aggravante, poi, di avergli dato la precedenza rispetto ad una emergenza vera come l’acquedotto, non è stato certo un bell’esempio di correttezza e trasparenza. Quegli immobili hanno lo stesso valore di ieri? E quando la comunità avrà un’altra occasione per rifare l’acquedotto? Lascio a voi le conclusioni”. Il medico pediatra rimasto alla guida del paese per un decennio fino al 2009, ricorda che “non è eticamente corretto far concorrere parenti molto stretti per l’appalto di gestione di un bene pubblico come è avvenuto con la villa comunale. E cosa più grave non si gestisce tale bene come se fosse privato e i canoni di fitto risultano iscritti nel bilancio alla voce ‘residui attivi’ (somme ancora da incassare). Non si fanno spuntare dal nulla due opportunità di lavoro a spese dei contribuenti nel bel mezzo di una contestazione interna che, per incanto, si sopisce. Sono questi gli aspetti che dovrebbero far riflettere. Il pantano in cui la comunità si è cacciata è fondamentalmente legato alla perdita di valori che si è tradotta in pericolosa carenza di etica politica e di democrazia. Conflitti di interesse e oggettivi condizionamenti del consenso non vengono più correttamente avvertiti”.
Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)
© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CASTEL CAMPAGNANO. Lettera aperta dell’ex sindaco Nicola Campagnano alla cittadinanza: “Questa amministrazione uscente è stata uno scempio!”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Caiazzo. Mercatino di fine mese presso il centro ‘Madre Claudia’

caiazzo-13x15-mercatino-suore 001Interessante iniziativa delle suore del cento “Madre Claudia”,

cui si accede dal giardino dell’episcopio, lato Porta Pace, ove l’ultimo sabato di ogni mese sarà attivo un mercatino dell’usato, utile ad aiutare soprattutto le famiglie in difficoltà per la forte crisi che da tempo attanaglia anche la comunità caiatina, che in tal modo avranno l’opportunità di acquistare oggetti usati a prezzo vantaggioso.

Tutte le persone quindi potranno disfarsi di oggetti ormai inutili, mai utilizzati o che comunque ad altre persone potrebbero interessare, facendone omaggio alle suore del Centro, che ssaranno liete di accogliere le persone iteressate presso il proprio oratorio.

Il primo appuntamento è per sabato 28 febbraio quando, dalle ore 17 alle 21, tutti potranno recarsi dalle suore per visitare il mercatino e magari acquistare a prezzo vantaggioso qualche oggetto interessante o addirittura ormai introvabile…

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)