Google+
Inserisci qui sotto un articolo o pro-memoria, possibilmente con foto, che intendi pubblicare.
Si prega di compilare i campi richiesti.
Importante: ricorda che sei esclusivo responsabile di quanto riporti; è vietata ogni forma offensiva
In evidenza su #TR-News ☏0823862832 ✉info@tr-news.it

Caiazzo. Comune: nuovo bilancio, nuova stagione per la maggioranza: parola del sindaco

Entusiasta per l'avvenuta approvazione del bilancio preventivo per il corrente esercizio, il sindaco Stefano Giaquinto preannuncia il decollo di una ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Cordoglio per la morte del sottufficiale Giorgio Ruggieri, padre del mancato sindaco Michele

All'età di 90 anni è venuto a mancare in Lecce l'ex sottufficiale della Benemerita Giorgio Ruggieri, adorato genitore ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Calcio locale: seconda categoria per l'ASD, vincitrice assoluta del campionato

Impresa riuscita per l'ASD Caiazzo, compagine che, alla sua prima esperienza, si è laureata campione del girone B di Terza Categoria.   Nell’ultima giornata ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Franco Pepe Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica: insignito il 2 giugno da Mattarella

Non finisce mai di stupire il "re della pizza" che probabilmente sarebbe sindaco ideale per Caiazzo, capace di ...

Leggi tutto >>

Da Caiazzo a Lecce Franco Pepe, miglior pizzaiolo del mondo, per inaugurare 'FoodExp 2019'

Tra i grandi nomi della cucina spicca  quello dell’artigiano della pizza, Franco Pepe, al "FoodExp 2019" di Lecce. Torna, nell’edizione 2019, ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Calcio locale: piazza d'onore contesa fra 'Mitraeum' e Carano se 'ASD' vince a S. Leucio

Decisivo per la promozione, per i caiatini di mister Di Rienzo, l'incontro di domenica con la "Real Colonia" ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Comune: mercoledì 17 aprile consiglio fondamentale per il futuro dell'ente

D'intesa col sindaco Stefano Giaquinto, la presidente Ida Sorbo ha convocato il civico consesso caiatino per le ore ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Le origini del fascismo in Terra di Lavoro 'spulciate' domenica dall'Associazione Storica

Domenica 14 aprile 2019 dalle ore 18, presso la sede dell'associazione Storica del Caiatino, in piazza Ex Verdi, l'associazione Storica del Caiatino ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Comune denunciato da ex dipendente 'scansa' maxi condanna grazie all'avvocato De Crescenzo

Condannata anche al pagamento delle spese una ex dipendente che, lamentando ingiusto "mobbing", aveva trascinato in giudizio il Comune, ...

Leggi tutto >>

Caiazzo. Basket: non perde colpi il CSI che, sebbene già promosso, 'stende' anche la 'Virtus Neapolis'

A promozione acquisita continua inesorabile la marcia vincente del Csi Caiazzo Basket. Ventiduesima vittoria su ventitré incontri disputati e quindicesima ...

Leggi tutto >>

Baia Latina capofila di 42 Comuni casertani e sanniti interessati alle produzioni di qualità ambientale

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Il progetto ha come obiettivi: la valorizzazione e tutela dell’attività agricola caratteristica del territorio in esame; la protezione dell’ambiente; la salvaguardia della zona; la valorizzazione del paesaggio; la tutela ed il recupero paesistico e ambientale nonché l’equilibrio ecologico dell’area; la promozione dei prodotti agroalimentari e la sostenibilità dei processi produttivi; la valorizzazione della filiera corta; la sicurezza alimentare…
Ad iniziativa del comune di Baia e Latina è nato il Patto per la difesa e tutela dell’ambiente, sottoscritto da 32 sindaci del casertano e 9 del beneventano, per attivare una importante azione per la valorizzazione dell’attività agricola del territorio, mediante il conferimento di marchi di riconoscimento “Produttore di qualità ambientale – Zona Matese/Sannio, Alta Provincia di Caserta e Benevento”. Il progetto ha come obiettivi: la valorizzazione e tutela dell’attività agricola caratteristica del territorio in esame; la protezione dell’ambiente; la salvaguardia della zona; la valorizzazione del paesaggio; la tutela ed il recupero paesistico e ambientale nonché l’equilibrio ecologico dell’area; la promozione dei prodotti agroalimentari e la sostenibilità dei processi produttivi; la valorizzazione della filiera corta; la sicurezza alimentare. In considerazione del fatto che “le imprese agricole -ha dichiarato il sindaco di Baia e Latina, Michele Santoro – svolgono un ruolo strategico di presidio territoriale e di concorso alla sua tutela. Soprattutto perché la normativa nazionale e regionale favorisce ogni strumento utile per la valorizzazione delle attività agricole e la creazione di marchi di riconoscimento”. Chiarendo, inoltre che “la denominazione di “Produttore di qualità ambientale” non attesta la qualità del prodotto (prerogativa dei marchi europei DOP e IGP), ma intende certificare – ha ancora aggiunto Santoro- la provenienza e la sostenibilità delle produzioni e dei servizi forniti dalle aziende agricole del territorio, nonché la volontà e l’impegno dei produttori che scelgono di salvaguardare e conservare i segni e le tradizioni di secoli di agricoltura che hanno costruito il paesaggio e il suo habitat rurale”. La finalità della denominazione “Produttore di qualità ambientale” non è perciò quella di garantire una qualità dei prodotti derivante unicamente, o prevalentemente, dal riferimento territoriale,ma di accrescere l’immagine della zona e parallelamente delle aziende che collaborano a questo importante obiettivo. “Occorre evidenziare – ha ancor aggiunto Santoro – anche un altro elemento caratteristico: la collaborazione che si viene a creare fra il territorio e le imprese che usufruiranno della denominazione. Da un lato il territorio con gli Enti locali aderenti si impegna a fare conoscere e promuovere le imprese che aderiscono all’iniziativa, dall’altro le imprese si impegnano a collaborare per la valorizzazione del proprio territorio, del paesaggio e tradizioni, ognuna all’interno dello specifico campo di attività e secondo le proprie attitudini e prerogative”.
I COMUNI AMMESSI. – Sono quarantadue i comuni del Casertano le cui imprese potranno accedere all’iniziativa “Produttore di qualità ambientale Matese/Sannio”. Saranno infatti ammesse imprese con sede ad Ailano, Alife, Alvignano, Baia e Latina, Caianello, Caiazzo, Capriati a Volturno, Castel Campagnano, Castel di Sasso, Castello del Matese, Ciorlano, Dragoni, Fontegreca, Formicola, Gallo Matese, Gioia Sannitica, Letino, Liberi, Piana di Monte Verna, Piedimonte Matese, Pietramelara, Pietravairano, Pontelatone, Prata Sannita, Pratella, Presenzano, Raviscanina, Riardo, Roccaromana, Rocchetta e Croce, Ruviano, San Gregorio Matese, San Potito Sannitico, Sant’Angelo d’Alife, Vairano Patenora e Valle Agricola, per la provincia di Caserta. Ammesse anche imprese della provincia di Benevento.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

Alife. ‘Trasmigra’ con disinvoltura da destra a sinistra Maddalena Di Muccio?!

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Certo che vedere un papabile presidente della Provincia come Vincenzo Cappello o i rappresentanti del Pd di Alife andare in giro a chiedere voti per una esponente che fino a ieri mattina flirtava con i “Cosentiniani di ferro” è davvero difficile…
Hai capito Maddalena! L’ex sindaco facente funzioni di Alife, Maddalena Di Muccio, che fino a ieri questuava voti per il suo pigmalione politico, Nicola Cosentino,ed in pectore per candidarsi in quota Vincenzo D’Anna con il candidato alla presidenza della Regione Vincenzo De Luca, oggi si ritrova catapultata direttamente nel Pd, il partito che ha più di ogni altro movimento politico nel centro sinistra la possibilità di inserire un proprio esponente nel futuro Consiglio Regionale. Oggi Casertace ha pubblicato alcune foto dove la Maddalena “Alifana” è immortalata “Tet a tet” con il Raffaele pugliese per eccellenza, ovvero Raffaele Fitto. Ora che D’Anna appoggiasse De Luca si sapeva, anzi lo ha affermato. Ma credere che il presidente del Pd di Caserta, Vincenzo Cappello, si metta a correre per Maddalena Di Muccio per farle prendere voti nell’Alto Casertano, così come i rappresentanti del Pd locale, è difficile da mandare giù. Il trasformismo da Circo Barnum, la gente non lo sopporta più…

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

S.Salvatore Telesino. 58enne ritrovato morto in casa dopo 20 giorni

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

E’ stato trovato senza vita nella sua abitazione di via Vittorio Veneto

Leggi tutto

CicloLago Matese, l’esperienza del pedalare che si apre a tutti

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Domenica mattina è stato inaugurato il percorso intorno al Lago Matese: adatto a tutti, è un’esperienza facilmente accessibile e piacevole per lasciarsi avvolgere dalla bellezza del paesaggio matesino Punto di riferimento per gli amanti della montagna, che lungo il suo perimetro incontrano spazi e crocevia di numerosi sentieri adatti a passeggiate di ogni tipo, il Lago Matese …

The post CicloLago Matese, l’esperienza del pedalare che si apre a tutti appeared first on Clarus.

(Fonte & Aggiornamenti: Clarus – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

Caiazzo. La comunità francescana ricorda fra’ Pacifico lunedì 27 aprile

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

caiazzo-pacifico-fra10x15-altare-caiazzo-2caiazzo-pacifico-fra-15x10-lapide-1Alle ore 19 di lunedì 27 aprile, nel 134° anniversario della morte di Fra’ Pacifico da Caiazzo, nella Chiesa Concattedrale B.M.V. Assunta e Santo Stefano Vescovo si terrà una messa solenne, preceduta da un triduo di preghiere in onore della Madonna del Buon Consiglio e presieduta la celebrazione padre Giovanni Crisci ofm. capp.

Nato a Caiazzo il 29 dicembre 1853 e di umili origini, Francesco Di Giglio trascorre sia l’infanzia che l’adolescenza in simbiosi con la natura, lavorando i campi a tempo pieno. Immerso nella natura, nella bellezza delle sue componenti carpisce la grandezza e la generosità divine.fra pacifico
Dopo l’incontro con frate Angelo da Napoli, nel 1874, Francesco prende consapevolezza della propria vocazione religiosa e così decide di trasferirsi all’Istituto Alfano di Portici prima e al S. Mandato di Napoli poi.

Nel giugno del 1877 indossa l’abito francescano, presso l’ospizio dell’Avvocata di Napoli, ricevendo il nome di frate Pacifico. Da quel momento fra Pacifico svolge un’intensa opera di pellegrinaggio a contatto con il mondo esterno, praticando la questura del pane: ogni giorno girava per le strade di Napoli chiedendo il pane per i suoi confratelli, lasciando in cambio sempre un messaggio di speranza.

Uomo senza cultura, ma dotato di un carisma raro, tale da calamitare persone di ogni estrazione sociale, fra Pacifico fonda la sua vita sull’amore sincero verso Dio. La morte arriva a soli 28 anni: è il 27 aprile 1881, giorno successivo alla festa in onore della Madonna del Buon Consiglio, da lui venerata, quando nel Collegio di Villa Morino a Napoli dopo l’eucarestia riceve la benedizione di Papa Leone XIII, chiesta per telegramma.

Fra’ Pacifico viene sepolto nel cimitero di Miano-Napoli, ma i fedeli oggi possono pregare sui suoi resti nella cappella del SS. Sacramento della concattedrale di Caiazzo, dove si trovano dal 29 dicembre 1986.

(Fonte & Aggiornamenti: http://www.clarusonline.it/2015/04/27/caiazzo-celebrazione-solenne-nel-134-anniversario-della-morte-di-fra-pacifico/)

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

Caserta. Provincia, elezioni: mercoledì sera si presenta la lista di Forza Italia ‘per Di Costanzo’

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Mercoledì 29 aprile alle ore 19 Angelo Di Costanzo e Pasquale De Lucia presenteranno

Leggi tutto

Caiazzo. Incontro cultuale al Centro De Simone

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

De+SImone_10x15-Franco-11Riprendono, con l’ultimo lunedì di aprile, gli incontri culturali promossi dal centro fondato e gestito dal benemerito avvocato Franco De Simone (nella foto), con sede nel cuore del centro storico.

La prima interessante dissertazione è in programma per le ore 17 di lunedì 27 aprile presso la sede sociale, ubicata nel cuore del centro storico

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

Piedimonte Matese. Badante ‘sfruttata’ dopo la morte dell’assistita minaccia denuncia alla Finanza

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Trapela dal Matese una brutta vicenda che riferisce

Leggi tutto

Caserta. Provincia, elezioni: liste presentate, ora comincia la ‘guerra’, per la poltrona… e delle carte bollate

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

Nel pieno rispetto di quanto programmato, alle ore 13 di lunedì 27 aprile,

Leggi tutto

Venezia. Case popolari ai nomadi e famiglia di 5 persone costretta a vivere in auto!

Pubblicato il 27 Aprile 2015 da

auto-15x10_casa-1auto_15x10-lui-1Una macchina per casa: è così che vivono padre 42 anni, madre, 39 anni, e tre figli rispettivamente di 22 e 15 anni, ed il nuovo arrivato di 10 mesi.

L’auto è parcheggiata sotto un condominio Ater a Favaro.

La storia, a cura di è stata riportata dal giornale Leggo.it.

Ci siamo ritrovati ad affrontare un problema più grande di noi – racconta Andrea – Ho provato a cercare una soluzione ma finora solo porte chiuse o soluzioni impraticabili. Fino al 2010 vivevamo in un appartamento in affitto a San Donà, io facevo l’operaio a Cessalto.

Poi l’azienda ha chiuso e per me è diventato tutto difficile.

Oggi carico e scarico barche a Venezia.

Passano giorni che c’è poco da fare e allora cosa decidi, vieni qui, stai in macchina, ma non ce la facciamo più”.

Gli fa eco la moglie:

Sono anch’io una precaria che lavora a chiamata – racconta la moglie – la preoccupazione più grande è non vedermi portare via le mie figlie.

Qui, al civico 23, abitava mia madre.

Quando è morta l’appartamento è rimasto vuoto.

A noi basterebbe entrarci e poi ci arrangiamo”.

Nei condomini Ater ci sarebbero ben 5 appartamenti vuoti.

«Secondo l’Ater non sono agibili – aggiunge Andrea – ma non ci credo.

Ce ne sono tanti assegnati a zingari che pagano poco nulla di affitto”.

(LC – Fonte & Aggiornamenti: http://www.direttanews.it/2015/04/21/vive-in-auto-con-la-moglie-e-le-tre-figlie-le-case-vuote-le-danno-agli-zingari/ – via Vive in auto con la moglie e le tre figlie: “Le case vuote, le danno agli zingari” – Direttanews.it)

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Leggi tutto

© 2015 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 131 queries, 1,808 seconds.