Google+

Archive for the Tempo libero, sport, cultura, fede, salute, curiosità, eccetera. Category

Eccellenze caiatine sugli scudi in RAI: maestri anche di comunicazione Rosanna e Manuel

Posted on Febbraio 17, 2015 by

caiazzo-15x10-geo-frame-22caiazzo-15x10-geo-frame-21Entusiasti i telespettatori ma entusiasta lo stesso portavoce dei “magnifici sette” artigiani del Gusto(assente Franco Pepe, “mago della pizza”, poiché impegnato in Svizzera) nel noto programma Rai “Geo & Geo”, Manuel Lombardi -che con Rosanna Marziale ha illustrato le eccellenze gastronomiche territoriali-  come si evince dalle sue stesse dichiarazioni, di seguito riportate testualmente:

Abbiamo raccontato una “storia” vera non una favola in cui i valori dell’amicizia e l’unione possono contaminare in modo travolgente e in modo positivo uno studio come quello Rai di Via Teulada.

Quelle immagini che scorrevano mentre parlavamo non erano “fotomontaggi” o scatti presi da documentari sulle grandi bellezze naturali del mondo, ma le cartoline di una Caserta che esiste davvero nonostante ci vogliono far credere il contrario.

Lo diciamo da tempo a bassa voce ma la strada è questa e oggi “ad alta voce” lì non eravamo solo noi 8 anzi 7 in quanto il nostro illustre ambasciatore Franco Pepe è a Ginevra, ma insieme a tutti voi che ogni giorno con il buon senso civico nel rispetto della Terra garantite un futuro sano di principi ai nostri e vostri figli.

Un “coro” fa più “rumore” di un assolo!

Siate sempre orgogliosi delle vostre origini…

Grazie a tutti per il grande sostegno e i numerosi messaggi di affetto!

Un grazie da parte mia e del “G8 ops dei magnifici 8″ a Alessandra Nobilione e Coldiretti Campania per aver ancora una volta dato la possibilità di raccontare la Campania che fa e vale al numeroso pubblico Rai.

 

Buona serata a tutti!

Manuel Lombardi

Cliccare su una delle foto per il sito web del sodalizio gastronomico del comprensorio caiatino

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Caiazzo & Dintorni. Nuovo ‘exploit’ in Rai di otto eccellenti artigiani del gusto

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Franco Pepe, Manuel Lombardi, Mimmo La Vecchia ed altri imprenditori di produzioni eccellenti, ospiti a “Geo &Geo” nella puntata di oggi, che presto sarà visibile sul nostro portale…
“Siamo un pugno di amici artigiani del gusto con piccole aziende familiari di alta qualità facciamo rete perchè lavoriamo con la stessa filosofia e perchè un coro può raccontare meglio di un assolo bellezze e unicità della nostra terra, uno spicchio di colline nell’Alto Casertano fra i monti del Matese e del Taburno, dove il silenzio è il valore assoluto a un passo dalla Reggia”. Così sono stati presentati gli artigiani del gusto, ovvero una pattuglia di imprenditori che tanto stanno facendo per rilanciare l’agro caiatino, approdato nell’Olimpo del gusto e della tradizione. A Geo & Geo con Sveva Sagramola per “Storie di Geo”protagonista questa splendida storia italiana tutta casertana attraverso le testimonianze in studio di questi otto inseparabili amici che hanno raccontato le loro storie di artigiani del gusto e che dimostrano che fare rete attraverso i valori della fiducia reciproca e nel rispetto del prossimo premia e genera solo buoni frutti per se e per la comunità locale. Manuel Lombardi il produttore Coldiretti del Conciato Romano è intervenuto in studio con suo padre Francesco Lombardi (Le Campestre), Rosanna Marziale (Tenuta San Bartolomeo), Manuela Piancastelli e Peppe Mancini (Terre del Principe), Franco Pepe (Pepe in Grani), Mario Cipriano e Carmela Acanfora (Birrificio Karma), Mimmo La Vecchia (Il Casolare), Alfonso Cutillo (La Baronia) e Antonio Buono (Selvanova). E’ inutile riaffermare che la vetrina per queste eccellenze dell’Alto Casertano è stata davvero un volano formidabile per l’intero territorio dell’agro caiatino. E la chicca finale è riservata all’artigiano della pizza, Franco Pepe, che presto sarà nominato “Ambasciatore delle tradizioni” per la città di Caiazzo nel mondo, dall’Amministrazione Comunale.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO/CASTEL DI SASSO/ALVIGNANO, Le eccellenze del gusto e della tradizione dell’Alto Casertano approdate nuovamente sulle reti della Rai!.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Caiazzo. Assistenza disabili: il Comune liquida alla cooperativa di Limatola 211.154 euro

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Una boccata di ossigeno per le persone impegnate nel progetto realizzato dall’Inps per gli ex assistiti Inpdap. Liquidate le fatture dal 2013 al 2014… 
Il Responsabile del Servizio, nella persona del Sig. Renzo Mastroianni, richiamandosi all’avviso pubblico del 21 novembre del 2012, emanato dall’INPS gestione ex INPDAP per l’intervento in favore di soggetti non autosufficienti e fragili utenti dell’INPS – Gestione Ex Inpdap – nonché per azioni di prevenzione della non auto sufficienza e del decadimento cognitivo nell’ambito del progetto denominato “Home Care Premium 2012″ di cui il Comune di Caiazzo è stato nominato soggetto capofila dal Coordinamento Istituzionale dell’ Ambito Territoriale C6 nella seduta del 5 dicembre del 2012, delegando l’Ente caiatino ad aderire, per conto di tutti i Comuni associati dell’Ambito Territoriale C6, all’Accordo di Programma Home Care Premium 2012, nonché ad espletare tutti i relativi adempimenti e atti consequenziali, ha dato corso alla liquidazione delle fatture presentate dalla Cooperativa “III Millennio” per le prestazioni di natura sociale a carico della Gestione Unitaria delle prestazioni Creditizie e Sociali, da questa fornite. Il responsabile dei servizi finanziari del Comune caiatino, Loreto Califano, viste le fatture relative ai costi sostenuti per l’espletamento delle attività gestionali relative al Progetto Home Care Premium 2012 ”Servizio di Assistenza Domiciliare in favore di soggetti NON Autosufficienti Utenti dell’INPS – Gestione Dipendenti Pubblici”, svolto nei comuni dell’ Ambito Sociale ex C6 nel periodo dall’ 01/11/2013 – 30/11/2013: – N. 66 del 21/10/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 11394 in data 22/10/2014, dell’importo di € 17.282,70=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 30/11/2013; – N. 67 del 21/10/2014 pervenuta al protocollo comunale al n. 11391 in data 22/10/2014, dell’importo di € 16.950,96=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/12/2013; – N. 100, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12310 in data 12/11/2014, dell’importo di € 20.234,62=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/01/2014; – N. 101, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12311 in data 12/11/2014, dell’importo di € 18.763,46=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 28/02/2014; – N. 102, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12312 in data 12/11/2014, dell’importo di € 18.215,38=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/03/2014; – N. 103, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12313 in data 12/11/2014, dell’importo di € 17.830,77=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 30/04/2014; – N. 104, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12314 in data 12/11/2014, dell’importo di € 17.638,46=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/05/2014; – N. 105, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12315 in data 12/11/2014, dell’importo di € 17.638,46=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 30/06/2014; – N. 106, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12316 in data 12/11/2014, dell’importo di € 18.215,38=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/07/2014; – N. 107, del 10/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12317 in data 12/11/2014, dell’importo di € 17.845,19=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 31/08/2014; – N. 110, del 13/11/2014, pervenuta al protocollo comunale al n. 12549 in data 18/11/2014, dell’importo di € 22.417,31=, oltre I.V.A. 4%, relativa al periodo 1 – 30/09/2014; – Visto il Decreto Sindacale n. 16/2013 di attribuzione delle funzioni di titolare della P.O. del Settore V; Ravvisata, quindi, la propria competenza ai sensi ed in conformità del D.Lgs. n. 267/2000 e stante l’urgenza di procedere in merito; Richiamato l’art. 147 bis del predetto TUEL, attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa; Visto l’art. 125 del vigente codice dei contratti; Visto il vigente regolamento sui controlli interni approvato con atto di Consiglio comunale n. 7 del 16/04/2013; Richiamato, altresì, il piano triennale anticorruzione 2014/2016, approvato definitivamente con atto di G.C. n. 13 del 03/02/2014; ha ritenuto doversi provvedere alla loro liquidazione, dando atto che l’importo complessivo di tali fatture ammonta a 211.154,00 euro IVA compresa.
Nella foto il sindaco di Caiazzo Tommaso Sgueglia

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. Progetto “Home Care Premium 2012″ Il comune caiatino, capofila nel piano di assistenza alle persone non autosufficienti liquida oltre 200mila euro alla Cooperativa “III Millennio”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Piedimonte Matese. ‘Promosso’ dai giudici studente che era stato bocciato dai docenti

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Nell’esaminare la posizione dello studente, i docenti chiamati a giudicare l’operato dello stesso, avrebbero secondo quanto emerge nel dispositivo del Tar, compiuto una serie di omissioni e mancanze da rendere ingiustificato il provvedimento di non ammissione all’anno successivo…
Niente bocciatura scolastica se la procedura di non ammissione al nuovo anno scolastica non è stata corretta. Lo ha deciso il Tar della Campania bocciando l’operato dell’istituto Caso di Piedimonte Matese, accogliendo il ricorso dei genitori di uno studente non ammesso alla classe IV dell’istituto. I ricorrenti hanno infatti denunciato come l’istituto non aveva mai comunicato i risultati negativi, con la prima nota inviata il 16 giugno, dopo l’affissione dei voti e la non ammissione del figlio. Secondo i ricorrenti vi era inoltre stata violazione dell’articolo due del Decreto del Presidente della Repubblica numero 122 del 2009, del Decreto Legislativo numero 297 del 1994 e della normativa collegata, violazione del principio del collegio perfetto, in quanto nella seduta degli scrutini la docente di italiano, assente, era stata sostituita non da altro docente della stessa materia di altra sezione ma dalla docente di storia dello stesso Consiglio di Classe, con la conseguenza che quest’ultima aveva espresso due voti ma il collegio era risultato formato da un professore in meno. I giudici hanno inoltre stabilito come la scuola avesse violato anche il Decreto Ministeriale numero 80 del 2007 e dell’Ordinanza Ministeriale 92/2007, non essendo stati attivati i corsi di recupero.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Bocciato all’Itis Caso, studente promosso dai magistrati del Tar che elencano una serie di inadempienze da parte del corpo docenti.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Alife. Importante riconoscimento professionale per un giovane ‘promoter’ locale

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il giovane Promoter è riuscito in diverse iniziative pro territorio, come l’evento di maggio ad Alife, dove il dinamico professionista casertano ha riunito tutti gli imprenditori e artigiani per informare e stimolare alla ristrutturazione e, quindi, incentivare l’edilizia…
Un premio per aver lavorato bene sul territorio, ma anche per il territorio, quello che ha visto lo scorso 2 febbraio riconoscere, presso l’Hotel Gabri’ di San Salvo (Chieti), in occasione dei 33 anni della nascita di Programma Italia (dal 1997 Banca Mediolanum), Antonio Ferrazzano “Global Family Banker” di Banca Mediolanum. Un premio su quanto fatto nel 2014 che è figlio anche delle tante attività svolte lo scorso anno. Come l’evento di maggio ad Alife, dove il dinamico professionista casertano ha riunito tutti gli imprenditori e artigiani per informare e stimolare alla ristrutturazione e, quindi, incentivare l’edilizia. Ma non dimentichiamo anche i contributi di sponsorizzazione al Comitato Festeggiamenti Sant’Anna e Madonna della Grazia sempre di Alife. Il sostegno alla squadra di calcio Alifana “A.S.D. Calcio” e la sua presenza ad eventi importanti del territorio, quali “Matese Sposi”, il “Mercatino di Natale di San Potito Sannitico” e “Progress” (format che si occupa di scoperte tecnologiche). Un giovane che ha saputo inserire Banca Mediolanum, che si distingue per il suo modello innovativo di banca, in un tessuto economico, quello alifano, vessato da esperienze nel settore negative. Programmi per il futuro? Il lavorare con passione sul territorio e per il territorio di Ferrazzano porterà grandi novità per il 2015, anno in cui, sulla scia dell’entusiasmo che ha reso il 2014 da incorniciare, il Family Banker, sosterrà tutta una serie di iniziative. Sociale, Giovani e Salute saranno i tre punti di forza su cui ha deciso di portare avanti nella sua Alife e non solo, un discorso di promozione che punta alla rinascita economica di un territorio che ha sempre fatto del lavoro e della dignità un grande pregio. Questo per seguire la linea di Banca Mediolanum che, è risaputo, mette il cliente “al centro” e costruisce le soluzioni più innovative per soddisfare tutte le sue esigenze in modo personalizzato, dando anche estrema importanza al rapporto umano, proprio attraverso i Family Banker. Mentre proprio l’innovazione garantita da Mediolanum attraverso gli strumenti quali internet, telefono e teletex, che permettono ai clienti di operare in perfetta autonomia 24h su 24h, 7 giorni su 7, è stata la fonte d’ispirazione per le prossime iniziative che saranno organizzati da Antonio Ferrazzano.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALIFE. Il giovane “Family Banker” Antonio Ferrazzano premiato da Banca Mediolanum per l’attività svolta sul territorio.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Pontelatone. Anziani scomparsi: il sindaco ‘accontenta’ Civitella e ‘contesta la notizia’

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

La notizia l’aveva segnalata Roberto Civitella che avendola ripresa sul portale Retenews24 si era indignato ed aveva chiesto pubblicamente che il sindaco del Comune latonese intervenisse. E la replica di Carusone non è tardata ad arrivare…
In merito all’articolo dal titolo “Il Paese dei fantasmi, negli anni 5 scomparsi. In Campania torna l’incubo messe nere” e a firma di Eugenio D’Alessio, pubblicato in data 15 febbraio ed ancora presente sulla home della testata giornalistica on line “Retenews24″, il Sindaco del Comune di Pontelatone, dott. Antonio Carusone, rilascia la seguente dichiarazione: “Trovo del tutto fuori luogo e profondamente denigratorio verso la nostra comunità, come di quelle limitrofe pure citate, il contenuto dell’articolo perché mette in relazione fatti e circostanze lontane non solo per la distanza geografica che divide Pontelatone ed il Monte Maggiore dal territorio irpino, ma soprattutto slegate tra di loro per tempi, contesti e modalità in cui sarebbero avvenuti i casi di sparizione. Mettere in relazione un fatto avvenuto di recente con episodi verificatisi oltre 16 anni fa appare arduo e forzato perchè non risponde ad alcuna logica, se non a quella prettamente giornalistica di riempire un pezzo altrimenti molto scarno in termini di contenuti e circostanze riferite alla cronaca attuale. Ma nel contempo, citare una notizia dell’epoca fino ad assorbirla interamente, tanto da essere immediatamente ripresa dai blog locali e rimbalzare così sulle prime pagine degli stessi, ha solo contribuito a riaprire una ferita mai emarginata del tutto per i familiari delle persone scomparse e, più in generale, ledere l’immagine di un intero territorio associato a pratiche e riti completamente estranee a culture, tradizioni e credenze religiose da sempre radicate nella cultura delle nostre famiglie, composte da persone oneste e laboriose. Pontelatone ed il Monte Maggiore si caratterizzano per l’amenità e la purezza dell’aria e dell’ambiente, per il senso dell’accoglienza e dell’ospitalità dei suoi cittadini e per la eccellenza delle produzioni enogastronomiche tipiche locali, altro che quadrilatero della morte che, come definizione, nel suonare come un’offesa, respingiamo al mittente ed esigiamo rispetto, invitando a visitare le nostre terre per toccare da vicino e con mano le nostre specificità e le nostre ricchezze”. La notizia è stata rilanciata dal’esponente politico di centro destra Roberto Civitella, il quale riprendendola ha chiesto al sindaco di Pontelatone di intervenire e la replica di Carusone non si è fatta attendere.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PONTELATONE. Il sindaco Antonio Carusone interviene sulla notizia ripresa sulle scomparse del Monte Maggiore: “Fuori luogo riproporre quelle vicende a distanza di anni!”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Benevento. Week end sicuro con la ‘Stradale’: diversi automobilisti nei guai

Posted on Febbraio 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

La notte scorsa, al fine di contrastare il fenomeno delle “Stragi del Sabato Sera”, sono stati controllati 41 conducenti di veicoli, tutti sottoposti ad accertamento etilometrico e regolari requisiti dei veicoli. Un pullman è stato sottoposto a fermo amministrativo…
Il personale della Polizia Stradale di Benevento, diretto Renato Alfano, nel corso del fine settimana, ha eseguito una specifica attività di contrasto ai comportamenti maggiormente pericolosi per la sicurezza stradale quali l’eccesso di velocità, i sorpassi azzardati e la guida sotto l’influenza dell’alcool. In particolare, sono stati intensificati i controlli sui tratti stradali connotati da un più alto rischio di incidentalità, nel corso dei quali è stata ritirata una patente ad un conducente sorpreso ad effettuare manovre di sorpasso in prossimità di un’intersezione stradale, peraltro viaggiando a velocità non commisurata alle condizioni della strada e del traffico. Ritirato il documento di guida anche ad un giovane neopatentato, sorpreso a bordo di un veicolo di potenza superiore a quello consentito dalla legge. La notte scorsa, al fine di contrastare il fenomeno delle “Stragi del Sabato Sera”, sono stati controllati 41 conducenti di veicoli, tutti sottoposti ad accertamento etilometrico. Solo un giovane neopatentato è risultato avere un tasso alcoolemico ben tre volte superiore al consentito, per cui è stato deferito per guida sotto l’influenza dell’alcool, con il conseguente ritiro immediato della patente. A tal proposito, la Polizia Stradale ha ricordato che i neopatentati non possono assolutamente assumere alcoolici prima di guidare, in quanto il loro tasso deve sempre essere pari a zero. Nell’intero fine settimana, sono stati controllati complessivamente 112 veicoli, tra cui 3 autobus, e contestate 39 infrazioni al Codice della Strada. In particolar modo un pullman di linea di proprietà di un’azienda di Piedimonte Matese è stato multato perchè non possedeva i requisiti richiesti dall’articolo 80 del codice della strada, ovvero sprovvisto di regolare revisione annuale. Il mezzo è stato sottoposto a sequestro in attesa di regolare revisione. La direzione della Polizia Stradale di Benevento a scopo preventivo, infine, ha ricordato che, in alcune fasce orarie e secondo un piano di coordinamento provinciale predisposto dalla locale Prefettura, sono attive le postazioni fisse di rilevamento elettronico della velocità installate sui tratti stradali extraurbani risultati essere a maggior rischio d’incidentalità.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Pullman di linea viaggia senza la revisione annuale. La Polizia Stradale lo sequestra..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Caiazzo e Dintorni. Lunedì su Rai le eccellenze gastronomiche del territorio

Posted on Febbraio 16, 2015 by

caiatino-15x9--tipici-1pepe-11x15-franco-21Cosa ci fa Mimmo La Vecchia del Caseificio Il Casolare con quei bei “caciocavalli” penzolanti in mano?

E Loreto Marziale della splendida Tenuta San Bartolomeo con la sorella Rosanna Marziale Chef Stellata de Le Colonne, Mario Cipriano del Birrificio Karma e Alfonso Cutillo del Caseificio La Baroniaperché sono tutti intenti a spostare le mie sedie in ferro?!

E Franco Pepe, che fa una delle pizze più buone d’Italia (quindi del mondo) con l’impasto ancora lavorato a mano e ingredienti a chilometro zero.

Ricerca, studio, arte e passione lo hanno consacrato nel tempo il grande ambasciatore di Terra di lavoro e di tutta la Campania.

A questa curiosa scena guardano divertiti insieme a me Peppe Mancini e Manuela Piancastelli di Terre del Principe, Franco Pepe di Pepe in Grani ed Enzo Oliviero di Selvanova Fattorie:)

Le risposte lunedì 16 Febbraio dalle ore 16:50 su Rai3

(Manuel Lombardi – Contadino 2.0 – Foto di Luciano Furia)

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Monte Maggiore. La ‘psicosi’ degli scomparsi negata con fermezza da Civitella che invoca chiarezza dal Comune

Posted on Febbraio 15, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

La vicenda degli scomparsi del Monte maggiore torna con veemenza, dopo che è stato collegato a questo fenomeno la scomparsa di un 27enne di Avellino. Ma Civitella non ci sta e chiede che il Comune intervenga per fare chiarezza: “Non rappresentiamo il quadrilatero della paura!”

Una pista satanica. Per i familiari di Gianluigi Russo, 27enne di Mercogliano, Avellino, sarebbe questa la nuova ipotesi per spiegare la sparizione del giovane, avvenuta il 18 ottobre 2013. Ad avvalorare l’ipotesi il ritrovamento sul suo personal computer e sul suo i-Pod di alcuni collegamenti a siti a contenuto satanico, oltre a diversi simboli esoterici. Gli inquirenti indagano sul caso da 1 anno e 4 mesi, ma per ora preferiscono non sbilanciarsi. 
IL PRECEDENTE – Riti, messe nere, satanismo. La Campania, del resto, è una regione che presenta nel suo recente passato casi simili, molti dei quali legati alla sfera esoterica. E’ quanto successo, ad esempio, nel quadrilatero casertano compreso tra i comuni di Liberi, Pontelatone, Formicola e Castel Di Sasso: 5 persone scomparse nel nulla, un giallo che, a metà tra rapimenti e riti satanici, resta irrisolto da 16 anni. I 5 non sono mai stati ritrovati, ad eccezione di uno, ormai cadavere, che ha reso il mistero ancora più inquietante. 
IL GIALLO – Il primo episodio il 2 ottobre del 1998. Maria Cirillo, 86 anni, svanisce da Liberi e viene ritrovata morta dopo oltre quattro mesi, in località Fratte. Quando gli inquirenti rinvengono il corpo della donna le sue ossa sono sparse ovunque in maniera innaturale: il teschio, in particolare, sembra essere stato oggetto di una manipolazione, forse un rito. Passa un anno e altri tre casi scuotono la comunità montana: oltre a Raffaele Izzo (86), che scompare a Pontelatone, si perdono le tracce di Vincenzo Santillo (67) e Giacinto Maioriello (69), che svaniscono rispettivamente a Formicola e Castel di Sasso. “Quei casi restano irrisolti – dice Francesco Izzo, assessore al comune di Pontelatone – la comunità locale non è riuscita a darsi alcuna spiegazione razionale”. Dopo i primi quattro episodi, quando tutto sembra finito, l’incubo ricompare: il 29 novembre 2002 scompare anche Antonio Isolda. 
RITROVAMENTO – Sul massiccio del Monte Demonio, dove i paesini sono arroccati, gli inquirenti ritrovano resti di ossa, altarini e alcuni vestiti sparsi. “Sì, ricordo – dice Giuseppe Scirocco, abitante di Pontelatone – si diffuse una gran paura. A sparire erano sempre persone anziane. Si pensò, tra le altre cose, al fenomeno delle messe nere e delle sette sataniche. I resti sospetti venivano ritrovati spesso in una zona nota come “Le Campole”, dove adesso sorge un villaggio turistico . Il telefono del villaggio turistico in questione squilla una, due, tre volte. “Non sappiamo niente, è la prima volta che sentiamo questa storia”. Al comando dei Carabinieri di Formicola tagliano corto in tutta fretta: “Non siamo autorizzati a parlare”. Interpellate, anche altre persone del luogo sembrano restie a parlarne: “Ricordo, sì, ma non so nulla di preciso”. Sarà vero. O forse no. Forse, semplicemente, per un paesino di mille anime anche ricordare a volte ha un costo.
L’INTERVENTO INDIGNATO DI ROBERTO CIVITELLA – L’Amministrazione Comunale di Pontelatone smentisca immediatamente e nella maniera più assoluta, quest’articolo sbattuto in prima pagina da Retenews24 e le relative dichiarazioni rilasciate con evidente leggerezza. È inaccettabile che una delle testate online più seguite della Campania infami il nostro paesino come una sorta di inferno o Arancia Meccanica dove “nelle famiglie la paura è di casa”. Noi pontelatonesi non viviamo affatto nel terrore di essere rapiti: diversamente da qualche pseudo-giornalista che ricostruisce fantasiosamente situazioni alla stessa maniera dei “rapiti dagli UFO” o analoghi personaggi “ispezionati analmente” da marziani o alieni vari e che, per di più, cerca di avvalorare la sua fantascienza mediatica attraverso sensazionalistiche foto di anziani a noi perfettamente sconosciuti ed immagini di posti disabitati o sgarrupati che non sono affatto luoghi pontelatonesi.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PONTELATONE. Tornano i fantasmi del Monte Maggiore. I cinque scomparsi alla fine degli anni 90′. Roberto Civitella si indigna e chiede all’Amministrazione Comunale di intervenire.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Monte Maggiore. La ‘psicosi’ degli scomparsi smentita con fermezza da Civitella

Posted on Febbraio 15, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

♥TeleradioNews(c)Diritti riservati

Per i familiari di Gianluigi Russo, 27enne di Mercogliano,

in provincia di Avellino, sarebbe una pista satanica.

Questa la nuova ipotesi per spiegare la sparizione del giovane, avvenuta il 18 ottobre 2013.

Ad avvalorare l’ipotesi il ritrovamento sul suo personal computer e sul suo i-Pod di alcuni collegamenti a siti a contenuto satanico, oltre a diversi simboli esoterici.

Gli inquirenti indagano sul caso da 1 anno e 4 mesi, ma per ora preferiscono non sbilanciarsi.

IL PRECEDENTE
Riti, messe nere, satanismo: la Campania, del resto, è una regione che presenta nel suo recente passato casi simili, molti dei quali legati alla sfera esoterica.
E’ quanto successo, ad esempio, nel quadrilatero casertano compreso tra i comuni di Liberi, Pontelatone, Formicola e Castel Di Sasso: 5 persone scomparse nel nulla, un giallo che, a metà tra rapimenti e riti satanici, resta irrisolto da 16 anni.
I 5 non sono mai stati ritrovati, ad eccezione di uno, ormai cadavere, che ha reso il mistero ancora più inquietante.
IL GIALLO
Il primo episodio il 2 ottobre del 1998: Maria Cirillo, 86 anni, svanisce da Liberi e viene ritrovata morta dopo oltre quattro mesi, in località Fratte.
Quando gli inquirenti rinvengono il corpo della donna le sue ossa sono sparse ovunque in maniera innaturale: il teschio, in particolare, sembra essere stato oggetto di una manipolazione, forse un rito.
Passa un anno e altri tre casi scuotono la comunità montana: oltre a Raffaele Izzo (86 anni), che scompare a Pontelatone, si perdono le tracce di Vincenzo Santillo (67 anni) e Giacinto Maioriello (69 anni), che svaniscono rispettivamente a Formicola e Castel di Sasso.
Quei casi restano irrisolti –dice Francesco Izzo, assessore al comune di Pontelatone– la comunità locale non è riuscita a darsi alcuna spiegazione razionale”.
Dopo i primi quattro episodi, quando tutto sembra finito, l’incubo ricompare: il 29 novembre 2002 scompare anche Antonio Isolda.
RITROVAMENTO
Sul massiccio del Monte Demonio, dove i paesini sono arroccati, gli inquirenti ritrovano resti di ossa, altarini e alcuni vestiti sparsi.
Sì, ricordo – dice Giuseppe Scirocco, abitante di Pontelatone – si diffuse una gran paura.
A sparire erano sempre persone anziane.
Si pensò, tra le altre cose, al fenomeno delle messe nere e delle sette sataniche.
I resti sospetti venivano ritrovati spesso in una zona nota come “Le Campole”, dove adesso sorge un villaggio turistico.
Il telefono del villaggio turistico in questione squilla una, due, tre volte.
Non sappiamo niente, è la prima volta che sentiamo questa storia”.
Al comando dei Carabinieri di Formicola tagliano corto in tutta fretta: “Non siamo autorizzati a parlare”.
Interpellate, anche altre persone del luogo sembrano restie a parlarne: “Ricordo, sì, ma non so nulla di preciso”.
Sarà vero. O forse no. Forse, semplicemente, per un paesino di mille anime anche ricordare a volte ha un costo.
L’INTERVENTO INDIGNATO DI ROBERTO CIVITELLA
L’Amministrazione Comunale di Pontelatone smentisca immediatamente e nella maniera più assoluta, quest’articolo sbattuto in prima pagina da Retenews24 e le relative dichiarazioni rilasciate con evidente leggerezza. È inaccettabile che una delle testate online più seguite della Campania infami il nostro paesino come una sorta di inferno o Arancia Meccanica dove “nelle famiglie la paura è di casa”.
Noi pontelatonesi non viviamo affatto nel terrore di essere rapiti: diversamente da qualche pseudo-giornalista che ricostruisce fantasiosamente situazioni alla stessa maniera dei “rapiti dagli UFO” o analoghi personaggi “ispezionati analmente” da marziani o alieni vari e che, per di più, cerca di avvalorare la sua fantascienza mediatica attraverso sensazionalistiche foto di anziani a noi perfettamente sconosciuti ed immagini di posti disabitati o sgarrupati che non sono affatto luoghi pontelatonesi.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

L’articolo Monte Maggiore. La ‘psicosi’ degli scomparsi smentita con fermezza da Civitella sembra essere il primo su TeleradioNews♥ il tuo sito web.

Original article: Monte Maggiore. La ‘psicosi’ degli scomparsi smentita con fermezza da Civitella.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: Monte Maggiore. La ‘psicosi’ degli scomparsi smentita con fermezza da Civitella.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

© 2015 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 79 queries, 2,148 seconds.