Google+

Archive for the Lavoro & Sindacato Category

Caiazzo. Servizio civile: pubblicate le graduatorie dei due pregetti comunali

Posted on Marzo 18, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Complessivamente nei due progetti sono nove gli idonei selezionati che potranno così lavorare nel servizio civile…

Pubblicate le graduatorie dei due progetti di “Garanzia Giovani” per ciò che attiene il servizio civile. Il primo progetto denominato “Fuori dal disagio” vede idonei: Rosalia Di Sorbo, Anna Minasi, Stefania Mongillo e Stefano Marcucci. Idoneo non selezionato risultano i seguenti candidati: Benito Nogarotto e Marco Pendolino. Assente al colloquio Franca Mirto, mentre è stato escluso Stefano Bencivenga per incompletezza nella documentazione presentata (manca la firma allegato due). Il secondo progetto invece, denominato “Informiamo la Città” vede idonei: Andrea Fasci, Imma Mongillo, Raffaele Tascillo, Vincenzo Ferraiuolo e Ilaria Riccio. Idoneo non selezionato risultano i seguenti candidati: Veronica Santoro, Timothy Gennaro Di Salvatore, Fabio Sangiovanni, Stefano Ferrara e Maria Grazia Zeppetelli. Assenti al colloquio: Maria Teresa De Matteo, Antonio Martino, Giovanna Carla Mascia e Antonio Mastroianni. Per i relativi punteggi, potete consultare la graduatoria completa pubblicata a margine di questo post.

CLIKKA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. Ecco le graduatorie finali degli ammessi al servizio civile. “Fuori dal disagio – Garanzia Giovani” e “Informiamo la Città – Garanzia Giovani”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Caiazzo. Parcheggio multipiani: addio addetti ‘grazie’ all’automazione dei controlli!

Posted on Marzo 18, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Finalmente dopo anni di attesa, nei giorni scorsi è stato finalmente attivato il sistema di automazione di accessi e di uscita, con pagamento tramite apparecchiatura elettronica, presso la struttura multipiano di via parco della Rimembranza…
Entrate in funzione la barriera di ingresso e la cassa automatica presso il parcheggio multipiano posto alle spalle del Monumento ai Caduti di piazza Porta Vetere. Finalmente dopo anni di attesa, nei giorni scorsi è stato finalmente attivato il sistema di automazione di accessi e di uscita, con pagamento tramite apparecchiatura elettronica, presso la struttura multipiano di via parco della Rimembranza. Su preciso indirizzo fornito dall’amministrazione comunale del sindaco Tommaso Sgueglia al competente ufficio municipale, il Consorzio Atena di Santa Maria Capua Vetere che si è aggiudicata la gestione, per il prossimo triennio, dei parcheggi nel centro cittadino del capoluogo caiatino, ha provveduto anche a rimettere in funzione presso il multipiano la sbarra posta all’ingresso e l’altra presente all’uscita, e la cassa automatica per poter pagare gli accessi alla stessa struttura. Tramite anche il ripristino delle attrezzature esistenti e la sostituzione di apparecchiature ornai obsolete dopo anni di incuria e mancata gestione, il Municipio potrà d’ora in avanti anche recuperare i ricavi derivanti dalla sosta che verranno riscossi dalla cooperativa per poi esser versati nelle casse comunali. Il prossimo passaggio riguarderà la riattivazione dell’ascensore a servizio dei diversi piani del parcheggio, che pure risulta fermo ed inutilizzato sin da quando furono terminati i lavori di costruzione dell’infrastruttura. Ciò avverrà sempre a cura e a spese della cooperativa sociale di tipo B che è stata l’unica a partecipare alla procedura aperta per l’affidamento in concessione delle aree di sosta a pagamento presenti in città avviata nei mesi scorsi dal comune. In tal modo, l’amministrazione Sgueglia ha inteso regolarizzare fino all’estate del 2017 il posteggio delle auto negli stalli di colore blu presenti all’interno come all’esterno del centro storico. Il consorzio Atena ha presentato la propria offerta che prevede l’impiego di ausiliari della sosta senza custodia nelle aree di via G.B. Cattabeni, dall’incrocio con piazza Portavetere sino all’incrocio con il rione Garibaldi, di via Latina, sul lato sinistro dall’incrocio con via Roma sino alla proprietà Di Rienzo, di piazza Portavetere, di piazza Santo Stefano, del rione Garibaldi, nella parte iniziale per un totale di 10 posti auto, e nel parcheggio multipiano di via Parco della Rimembranza, per complessivi 138 posti auto. I parcheggi a raso sono gestiti con l’utilizzo di parcometri per un minimo di cinque unità, con una tariffa pari a 50 centesimi per ogni 30 minuti, mentre il parcheggio multipiano viene gestito con sistema di automazione, e relativa videosorveglianza, per il controllo degli accessi, sempre al costo di 0,50 centesimi ogni mezz’ora ed un abbonamento mensile h 24 di 35 euro. Il servizio di parcheggio a pagamento viene svolto tutti i giorni, festivi compresi, dalle ore 08.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 20.00 nel periodo invernale; dalle ore 8.00 alle ore 13.30 e dalle ore 15.30 alle ore 22.00 nel periodo estivo.
Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. Entrano in funzione le barriere di ingresso e la cassa automatica del parcheggio multipiano. Ora l’ascensore.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Roccamonfina. Comunità Montana, operai in Regione per pressare Daniela Nugnes e gli stessi sindacati

Posted on Marzo 17, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Assisteranno all’incontro tra l’assessore regionale Daniela Nugnes e le rappresentanze sindacali…
Manifestazione di protesta degli operati OTI e OTD della Comunità Montana Monte Santa Croce dinanzi a palazzo Santa Lucia Napoli, i vertici dell’ente montano mettono a disposizione dei lavoratori un pullman per la trasferta. Domani, intorno alle ore 13.00 gli operai montani forestali che vantano nei confronti della Regione Campania delle spettanze pregresse, si ritroveranno tutti nei pressi della sede regionale per aspettare la conclusione dell’incontro tra l’Assessore Daniela Nugnes ed i Sindacati regionali. Gli OTI (operai tempo indeterminato) devono ancora percepire 12 mensilità mentre gli OTD (operai tempo determinato) devono riscuotere due mensilità del 2013 e altre due del 2014, per questo motivo faranno sentire la loro voce. Contestualmente, gli operai si batteranno per avere la possibilità di portare a compimento le loro giornate lavorative nell’arco del corrente anno 2015. La Nugnes ed i Sindacati si dovrebbero incontrare alle ore 17.00, per decidere come poter risolvere la questione lavorativa dei forestali montani. Probabilmente, per i lavoratori ci potrebbe essere qualche buona notizia visto l’imminente appuntamento elettorale delle regionali, sicuramente chi di dovere non si lascerà scappare l’occasione di fare il “ colpaccio”. Chi vivrà vedrà.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ROCCAMONFINA. Operai Otd e Oti della Comunità Montana Monte Santa Croce in rivolta. Domani tutti a Napoli.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Dragoni. Il Comune ‘distacca’ un dipendente presso altro ente per risparmiare, ma poi assume un altro per sostituirlo!

Posted on Marzo 16, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Nella delibera di comando veniva specificato che ad assumere le funzioni del dipendente le funzioni le assumeva il sindaco Silvio Lavornia. Ora si provvede ad incaricare uno studio privato fino a quando termina il periodo di Pinelli a Galluccio… 
Il Comune di Dragoni, con una delibera di Giunta Comunale, numero otto del 2015, autorizzava il comando del dipendente Pinelli Giuseppe, responsabile del Settore Finanziario e Tributi, presso il Comune di Galluccio per un periodo di mesi sei decorrenti dal primo febbraio corrente anno. Di conseguenza, con decreto numero uno del 2015, si affidava al sindaco pro tempore, Dott. Silvio Lavornia, la responsabilità del Servizio Finanziario e Tributi. Atteso che il Responsabile del Servizio Finanziario e Tributi per il periodo che va dal primo febbraio alla fine di luglio corrente anno è il sindaco pro tempore stante il comando, per il medesimo periodo, di Pinelli presso il Comune di Galluccio e tale attribuzione ha carattere di eccezionalità e temporaneità ed è stata determinata dalla necessità di contenimento della spesa. Purtroppo però, dopo il comando emerge che il numero dell’organico all’interno dell’Ente è ridotto e non vi sono altre professionalità idonee alla gestione complessiva delle attività facenti capo all’Area Finanziaria e Tributi, quindi, ergo, per il regolare svolgimento degli adempimenti e del rispetto delle relative scadenze è necessario che il sindaco sia affiancato da un esperto e veniva dato indirizzo con delibera di Giunta Comunale, la numero dieci del 2015 al Responsabile dell’Area Amministrativa per l’acquisizione di Servizi Finanziari secondo la normativa vigente. Vista la disponibilità rappresentata dallo studio Cercone, Zuzolo & Associati, con sede in Piedimonte Matese alla via Nuova Monte Muto, regolarmente accreditato alla piattaforma ASMEL per la fornitura di servizi, nel rispetto del codice dei contratti e dato atto che il curriculum del Dott. Cercone, agli atti dell’ufficio, è di particolare pregio in quanto lo stesso risulta essere Docente di Diritto Tributario presso la seconda Università degli Studi di Napoli , iscritto all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili al n.586/A ed al Registro dei Revisori Contabili al n. 95000 con pluridecennale esperienza in materia di Revisione dei Conti Pubblici, viene quindi affidato l’incarico al professionista de quo per il periodo che va da febbraio a fine luglio. La copertura dell’intero periodo di mesi sei è pari a 9mila euro oltre l’IVA al 22%. Allo stato attuale il redigendo bilancio 2015 trova capienza solo l’importo di 4mila e 500 euro, sufficiente a coprire un periodo di circa tre mesi. Viene in ogni caso approvato il disciplinare di incarico, che forma parte integrante e sostanziale del presente atto, approvando la spesa complessiva di 10mila e 980 euro , di cui 1.980,00 per IVA. Non commentiamo assolutamente questo provvedimento, auspicando che coloro che ci seguono. leggendo queste righe, possano farsi un’idea completa di questa vicenda…

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: DRAGONI. Il Comune autorizza il comando del dipendente Giuseppe Pinelli ad altro Comune e poi spende per sostituirlo 11mila euro fino a fine luglio..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Matese. Comunità Montana. Baif senza stipendio da 15 mesi minacciano sciopero generale

Posted on Marzo 13, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

È l’appello rivolto alle segreterie regionali della Fai/Cisl, della Flai/Cgil e della Uila-Uil dai braccianti agricoli e idraulico-forestali della Comunità Montana del Matese che si sono autoconvocati nei giorni scorsi in una assemblea per fare il punto della situazione drammatica che stanno vivendo i 224 operai forestali e le loro famiglie…
I sindacati si facciano carico della questione degli stipendi arretrati che non percepiamo da 15 mesi. È l’appello rivolto alle segreterie regionali della Fai/Cisl, della Flai/Cgil e della Uila-Uil dai braccianti agricoli e idraulico-forestali della Comunità Montana del Matese che si sono autoconvocati nei giorni scorsi in una assemblea per fare il punto della situazione drammatica che stanno vivendo i 224 operai forestali e le loro famiglie, la stragrande maggioranza traenti reddito dal solo salario che dovrebbe essere liquidato ogni mese al personale in servizio presso l’Ente montano. All’esito dell’incontro, i delegati aziendali ed i Baif hanno chiesto ai vertici campani delle organizzazioni sindacali un incontro per discutere delle problematiche relative al settore della forestazione e per ricercare evitali strategie da attuare per arrivare ad una soluzione dell’intera problematica riconducibile “alla gestione delle politiche di settore affidata ad un quadro politico, nel totale disimpegno culturale e sempre più impegnato in comportamenti personalistici, che vanifica la nostra rivendicazione dei diritti”. La denuncia dei baif è forte e parte dal dato di fatto che “la cultura tanto sponsorizzata di un ambiente eco-sostenuto e di una agricoltura eco-compatibile non può escludere, il lavoro svolto dai lavoratori idraulici forestali a garanzia delle risorse territoriali e forestali e del loro contributo sul piano ambientale, economico e sociale. Avere al proprio centro la gestione e tutela del patrimonio forestale e delle aree verdi, la lotta al dissesto idrogeologico e alla prevenzione degli incendi boschivi”. Nel ricordare come “già nel 2010 la Regione Campania ha iniziato una radicale politica delle risorse da tagliare al capitolo della forestazione e alla tutela del territorio montano, con l’azzeramento del capitolo forestazione, per cui se non ci fosse stato l’intervento dello stato con il ricorso ai Fondi europei, si sarebbero avute conseguenze ben più devastanti sui diritti della categoria”, i lavoratori forestali ritengono che aver attivato 180 milioni dai fondi FAS negli anni 2012, 2013 e 2014 non può costituire certo “l’elemento di sicurezza futura del lavoro forestale”, per cui l’obiettivo vero è impegnare la regione a varare una legge di riforma atteso che la legge regionale 11/96 è ormai superata. “Purtroppo la Regione Campania, con la finanziaria regionale del 2013 approvata in data 16 aprile 2013, con l’art. 143 ha modificato la L.R. 11/96 ma a proprio piacimento. – lamentano i baif – Modificando il nostro rapporto di lavoro, pur non trasformando giuridicamente nella forma il rapporto, lo muta nella sostanza, riducendo a una forma di precariato e di ‘tempo determinato’ che incide in modo estremamente negativo sull’economia delle famiglie dei lavoratori monoreddito, negli anni 2013 e 2014 gli operai hanno effettuato soltanto 181 giornate lavorative”, senza contare che i lavoratori non percepiscono le proprie competenze per un ammontare di circa 15 mensilità, di cui i mesi di agosto e settembre del 2013, dal mese di marzo al mese di settembre del 2014 e le tredicesime degli anni 2013 e 2014, le quattordicesime degli anni 2013 e 2014, la cassa integrazione degli ultimi tre mesi dello scorso anno e gli arretrati contrattuali da cinque anni, pur continuando ad assicurare quotidianamente la proprio prestazione lavorativa. Alla luce di tanto, i forestali intendono intraprendere un’azione forte “in presenza delle imminenti elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale della Campania”, avanzando per ora formale invito ai sindacati di livello regionali e provinciali affinché assumano tutte le iniziative che si rendono necessarie per l’adeguata tutela della categoria dei braccianti agricoli-forestali nonché delle correlate esigenze del territorio, con un incontro urgente tra i segretari confederali e tutti gli operai forestali della comunità montana del Matese.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. L’esasperazione dei Baif della Comunità Montana del Matese: “I sindacati si facciano carico della questione degli stipendi arretrati che non percepiamo da 15 mesi!”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

S.Potito Sannitico. Ex Gezoov: esasperato uno dei gestori

Posted on Marzo 13, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

E’ uno dei fratelli di Carmine e Marcellino Crispino a parlare, il signor Antonio, molto amareggiato: “I miei fratelli non si sono incatenati perchè non volevano lasciare l’azienda, ma perchè chiedevano un incontro con il Magistrato!” Il sindaco Francesco Imperadore: “Quell’area era detenuta abusivamente dal 1998 e non è vero che vogliamo crearci una discarica…”
“Avevamo chiesto un tempo tecnico di sei -sette mesi per poter vendere l’80% dei capi e trasferirci su un terreno di nostra proprietà a Gioia Sannitica, ma ci hanno trattato come gli appestati!” Così Antonio Crispino, fratello di Carmine e Marcellino che ieri mattina si sono incatenati ai cancelli dell’ex area Gezoov in segno di protesta, spiega la sua versione dei fatti. “Innanzi tutto i miei fratelli non si sono incatenati ai cancelli perchè non volevano lasciare l’area. Anzi è il contrario! Da tempo volevamo lasciare tutto e trasferirci. Se i miei fratelli hanno assunto quell’atteggiamento è semplicemente perchè chiedevano di incontrare il magistrato. Le pare che tutti e due che hanno quattro figli ciascuno, si cimentano in gesti del genere? Lasciare in questo modo l’azienda significa letteralmente aver mandato in mezzo alla strada trenta famiglie tra operai e indotto.” Il magistrato che si è occupato di questa vicenda è la dott.ssa Alba Costarella a cui l’avvocato di famiglia dei Crispino, Vincenzo Petrella aveva chiesto una proroga di alcuni mesi per poter avere il tempo di lasciare l’area dopo aver venduto parte dei capi. “Produciamo 60 quintali al giorno di latte di ‘Alta Qualità’ il migliore secondo quanto ci è stato riconosciuto anche dalla Parmalat di Piana di Monte Verna. Adesso con questo gesto ci hanno mandato in mezzo alla strada a tutti!” conclude Antonio Crispino, con tanta amarezza. Mille capi di bestiame in 27 ettari, dell’azienda ex Gezoov, dalle ore 20,00 di ieri sono rinchiusi dal Comune di San Potito Sannitico, ritenendosi legittimo proprietario a seguito di una sentenza della corte di cassazione. Un appezzamento di terreno che, a detta del sindaco Francesco Imperadore, era “detenuto abusivamente dagli occupanti dal 1998″. Una vicenda che è iniziata ieri mattina con l’intervento delle forze dell’ordine che si sono ritrovate i fratelli Carmine e Marcellino Crispino, titolari dell’azienda con Anna Altieri, incatenati davanti ai cancelli dell’impresa agricola a difendere i loro diritti per una storia “a tratti assurda – viene spiegato da un altro componente della famiglia Crispino – che nasce dalla volontà del Primo cittadino del comune di San Potito Sannitico di perseguire quanto deliberato, l’anno 2013 dalla Giunta Comunale. Cioè l’approvazione del progetto definitivo dei lavori di realizzo di una struttura da adibire a discarica. Da precisare che a giugno 2011, dietro provvedimento del giudice Ceglie, bonificammo l’intera area. Oggi, chiediamo solo il tempo materiale per spostare i capi di bestiame e il rimborso della bonifica effettuata”.Il sindaco replica che “non è vero che il Comune vuole realizzare una discarica. Si vuole concretizzare – ha concluso Imperadore – un polo di trasformazione agro -alimentare con l’insediamento di aziende del settore in tema con quello che è la nostra tradizione e cultura, nel rispetto dell’ambiente”.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: SAN POTITO SANNITICO. Il grido di dolore della famiglia Crispino: “Avete distrutto un’azienda agricola che produceva 60 quintali di latte al giorno ‘Alta Qualità’ e mandato trenta famiglie in mezzo alla strada!”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

PIEDIMONTE MATESE. “Cappotto” alle altre due liste da parte della lista “Avvocati per il cambiamento”. Ma ora il presidente dell’ordine chi sarà, la prima eletta Angela Del Vecchio o Alessandro Diana?

Posted on Marzo 1, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Un brillante risultato l’ha conseguito anche l’avvocato Carlo Grillo, matesino doc, che è rientrato nella prima decina (nono) tra gli eletti… 
Un vero e proprio “cappotto” per ‘Avvocati per il cambiamento’. Ottimo il risultato dell’avvocato di Piedimonte Matese, unico eletto, Carlo Grillo (nella foto al centro) che rientra nella prima decina. La lista guidata dal presidente uscente Alessandro Diana vince senza mezze misure le elezioni per il rinnovo del consiglio dell’ordine degli avvocati di Santa Maria Capua Vetere, portando a casa 21 consigliere su 21. Restano fuori dal nuovo consiglio gli sfidanti Elio Sticco, e il duo Ottavio Pannone con Adolfo Russo. Sembra probabile che la nuova presidente dell’ordine sarà Angela Del Vecchio, risultata la più votata nella tre giorni di consultazioni degli avvocati del Foro. Ecco i 21 eletti del nuovo consiglio: 
Angela Del Vecchio, 1206; 
Franco Buco, 1054; 
Alessandro Diana, 994; 
Ruggero Maria Pigrini, 924; 
Vincenzo Agata, 912; 
Renato Iaselli, 900; 
Antonio Mirra, 899; 
Patrizia Manna, 897; 
Carlo Grillo, 874; 
Pietro Mercone, 840; 
Pierluigi Basile, 831; 
Ivan Zoff, 817; 
Mario Palmirani, 817; 
Anna Fruggiero, 803; 
Renata Puoti, 802; 
Guido Lombardo, 793; 
Gloria Martignetti, 790; 
Bernardino Lombardi, 769 
Antonietta Iannettone, 760; 
Vincenzo Iorio, 739; 
Paolo Pacelli, 733.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. “Cappotto” alle altre due liste da parte della lista “Avvocati per il cambiamento”. Ma ora il presidente dell’ordine chi sarà, la prima eletta Angela Del Vecchio o Alessandro Diana?.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Alvignano. Raccolta rifiuti, appalto: respinto per un cavillo il ricorso di una ditta esclusa

Posted on Febbraio 24, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Già rigettata lo scorso settembre la richiesta di sospensiva dell’aggiudicazione dell’appalto, al termine della discussione nel merito del reclamo presentato dalla società Igiene Urbana Lavorgna, l’ottava sezione del Tar Campania presieduta da Ferdinando Minichini ha respinto il ricorso dichiarandolo irricevibile per tardività della notifica dello stesso avvenuta oltre il termine massimo dei 30 giorni previsto dalla normativa in materia…
Respinto il ricorso dell’azienda Lavorgna di San Lorenzello contro l’esito della gara d’appalto per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti indetta dal comune nel marzo 2013 ed aggiudicata, la scorsa primavera, alla ditta Div.A del gruppo Termotetti di Gioia Sannitica. Già rigettata lo scorso settembre la richiesta di sospensiva dell’aggiudicazione dell’appalto, al termine della discussione nel merito del reclamo presentato dalla società Igiene Urbana Lavorgna, l’ottava sezione del Tar Campania presieduta da Ferdinando Minichini ha respinto il ricorso dichiarandolo irricevibile per tardività della notifica dello stesso avvenuta oltre il termine massimo dei 30 giorni previsto dalla normativa in materia. Nel contempo, i giudici amministrativi hanno condannato la società Lavorgna s.r.l., rappresentata dal difensore Andrea Verdicchio, al pagamento delle spese processuali in favore del Comune di Alvignano, difeso dall’avv. Stefano La Marca di Dragoni, della società Termotetti s.a.s. di Tedesco Antonella &C., difesa dall’avv. Eleonora Marzano di Caserta, e della società Arno Imprese s.r.l., difesa dall’avv. Adele Ferraro, liquidate nella somma di due mila euro da corrispondere a ciascuna controparte processuale, per un importo complessivo di seimila euro. In tal modo, il tribunale amministrativo regionale ha confermato in toto l’orientamento già espresso in sede di respingimento della domanda cautelare di sospensione dell’aggiudicazione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani avanzata dalla azienda beneventana, allorché in prima fase stabilirono che “non è destituita di giuridico fondamento l’eccezione di irricevibilità del ricorso ai sensi dall’art. 120 comma 5 del codice procedimento amministrativo sollevata dalle controparti in relazione al dies a quo del termine di 30 giorni decorrente dalla ricezione della comunicazione di cui all’art. 79 del D.Lgs. 163/2006, atteso peraltro che i motivi di gravame afferiscono a circostanze precedenti la decisione di aggiudicazione”. Eccezione sollevata da subito tanto dal comune di Alvignano quanto dalla ditta Div.A del gruppo Termotetti che vinse la gara, con il pronunciamento del Tar di Napoli che ora ha confermato, da un lato, la bontà e la legittimità della procedura di gara seguita dagli uffici comunali e, dall’altro, la bontà e l’efficacia della offerta economica più vantaggiosa per l’Ente presentata a suo tempo dall’azienda di Gioia Sannitica.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ALVIGNANO. Il Tar respinge definitivamente il ricorso dell’azienda Lavorgna in merito al servizio di raccolta rifiuti in città..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Da Alvignano alla kermesse ‘Formaggio in villa’ di Mogliano Veneto il caseificio ‘Il Casolare’

Posted on Febbraio 20, 2015 by

casolare-10x15-formaggio-villa-1Saranno presenti anche alla famosa manifestazione gastronomica “Formaggio In Villa 2015″, in programma dall’11 al 13 aprile a Mogliano Veneto, in provincia di Treviso, i rinomati prodotti casiero-latteari del Caseificio “Il Casolare”, specializzato nella produzione e nella vendita della vera mozzarella di bufala campana DOP.

L’azienda propone la lavorazione del latte di bufala per ricotta e formaggi di prima qualità.

Il caseificio utilizza il latte proveniente dagli allevamenti bufalini entro 12 ore dalla mungitura e procede alla lavorazione della mozzarella campana con la prima operazione di coagulazione con sieroinnesto naturale.

Si passa, così, alla rottura manuale della cagliata e, quindi, alla filatura.

Viene eseguito il taglio e la fusione della pasta in tini di legno.

La pasta filata viene manipolata con molta cura ed esperienza eseguendo dei movimenti caratteristici che si concludono con la mozzatura e la salatura delle mozzarelle.

Il Casolare di Alvignano è gestito da Mimmo La Vecchia, casaro di lungo corso, che sembra dorma pochissimo per dedicare la sua esistenza all’arte di inventare mozzarelle.

Stiamo parlando rigorosamente di Mozzarella di Bufala Campana dop, quella “che è così o non è”.

Mimmo ci tiene a ricordare che la mozzarella di Alvignano è autentica perché il latte proviene da allevamenti di bufale della zona.

La pasta filata passa di mano in mano e quotidianamente in questo tempio bianco avviene il saggio di filatura, momento culminante nel processo di produzione della mozzarella.

Il caseificio produce e distribuisce anche il caciocavallo, la caciotta, il provolone, la provola affumicata e i formaggi della tradizione campana.

Caseificio Il Casolare Via Olivella 12 – 81012 Alvignano (Caserta)

Cliccare sulla foto per accedere al sito web aziendale

(via(101) Facbook – Gosta Tr-news Caiazzo)

Archiviato in:Attualità (News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

Piedimonte Matese. Sevizio Civile, venerdì 20 i colloqui: tutti i nomi

Posted on Febbraio 19, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Pubblicati i nominativi degli ammessi alla prova che inizia alle 10,30 con un primo scaglione e prosegue poi alle 12,30 con il secondo scaglione. Unitamente all’elenco degli ammessi saranno pubblicate anche le informazioni relative ai colloqui…
Bando Garanzia Giovani indetto dalla Regione Campania – Dipartimento della gioventù e del Servizio Civile nazionale per la selezione di volontari da impiegare in progetti di servizio civile in Italia. Il calendario dei colloqui che saranno svolti domani a partire dalle 10,30, presso la Biblioteca Comunale di Piedimonte Matese. Pubblicati i nominativi degli ammessi alla prova che inizia alle 10,30 con un primo scaglione e prosegue poi alle 12,30 con il secondo scaglione. Unitamente all’elenco degli ammessi saranno pubblicate anche le informazioni relative ai colloqui. La pubblicazione sul sito istituzionale del Comune di Piedimonte Matese, ha valenza di notifica a tutti gli effetti, nei confronti dei candidati, che sono tenuti a presentarsi nei giorni e negli orari indicati nel calendario muniti di un valido documento di riconoscimento. Diversamente non sarà possibile effettuare il colloquio. Inoltre, il candidato che pur avendo presentato la domanda non si presenta nei giorni stabiliti è escluso dal concorso per non aver completato la relativa procedura I candidati che per causa di forza maggiore sono impossibilitati a sostenere il colloquio nella data riportata in tabella devono produrre adeguata documentazione da inviare via fax al numero 081/19811451, corredata da documento di identità in corso di validità, entro e non oltre 48 ore dalla data fissata per il colloquio. L’eventuale colloquio sarà sostenuto presso la sede di AMESCI sita al Centro Direzionale Isola E3 il giorno 4 Marzo 2015. Non si procederà ad ulteriori comunicazioni. 
L’ELENCO COMPLETO DEI NOMINATIVI E L’ORARIO DEL COLLOQUIO. 
ARRICO ELVIRA 26/08/1988 20/02/2015 10.30 
BELLO GIANLUCA 03/07/1991 20/02/2015 10.30 
BORROZZINO LUIGI 27/03/1993 20/02/2015 10.30 
CAMPANILE RAFFAELE 28/03/1986 20/02/2015 10.30 
CANCELMO JESSICA 16/11/1994 20/02/2015 10.30 
CANCELMO PASQUALE 11/10/1996 20/02/2015 10.30 
CARAVELLA GIUSEPPE 18/03/1992 20/02/2015 10.30 
CARAVELLA SALVATORE 03/08/1988 20/02/2015 10.30 
CASTORINA ROBERTA 16/02/1987 20/02/2015 10.30 
CENAMI ANTONELLA 11/06/1990 20/02/2015 10.30 
CEPPARULO ANNA 11/06/1992 20/02/2015 10.30 
CORBO GIAN MARCO 22/01/1992 20/02/2015 10.30 
CORONATI GIACOMO 25/12/1987 20/02/2015 10.30 
COSTARELLA MARIA ANTONIETTA 28/08/1989 20/02/2015 10.30 
CRISPINO ANTONIO 07/04/1990 20/02/2015 10.30 
CUMBO GIANLUCA 04/02/1986 20/02/2015 10.30 
CUSANO DAVIDE 29/03/1995 20/02/2015 10.30 
D’ALLESTRO DARIO 19/03/1993 20/02/2015 10.30 
D’ALLESTRO ILARIA 02/07/1994 20/02/2015 10.30 
DELL’UNGARO JESSICA 22/09/1993 20/02/2015 10.30 
DI CROSTA MASSIMILIANO 17/11/1993 20/02/2015 10.30 
D’ONOFRIO ANTONIO 26/01/1993 20/02/2015 10.30 
D’ONOFRIO FELICIA 22/03/1988 20/02/2015 10.30 
FUSCO ANDREA 23/06/1987 20/02/2015 10.30 
GIARDIELLO SACHA 28/08/1992 20/02/2015 10.30 
GIARDULLO CRISTINA 18/05/1993 20/02/2015 10.30 
GIZZI MAURO 26/07/1990 20/02/2015 10.30 
IZZO JESSICA 28/04/1992 20/02/2015 10.30 
LANGELLOTTI MARIA CHIARA 07/07/1987 20/02/2015 10.30 
LONARDO ROSARIA 11/08/1987 20/02/2015 10.30 
MACERA ANDREA 24/03/1994 20/02/2015 12.30 
MAGLIULO MONICA 27/12/1993 20/02/2015 12.30 
MANCINI MARIA 23/09/1987 20/02/2015 12.30 
MANCINI MARIA CHIARA 07/06/1993 20/02/2015 12.30 
MARRA ROBERTA 13/12/1995 20/02/2015 12.30 
MARTELLO GIUSEPPE 22/10/1990 20/02/2015 12.30 
MARTELLO RAFFAELE VINCENZO 30/06/1995 20/02/2015 12.30 
MASSI SAMIRA 08/11/1990 20/02/2015 12.30 
MASTRANGELO MARIA 08/12/1988 20/02/2015 12.30 
MIGNACCA PIETRO 24/10/1994 20/02/2015 12.30 
MISELLI GUGLIELMO JUNIOR 20/02/1995 20/02/2015 12.30 
MOSCHESE ALESSANDRA 03/02/1990 20/02/2015 12.30 
NAVARRA MELANIA 15/12/1988 20/02/2015 12.30 
PALMENTIERI FRANCESCA 15/10/1989 20/02/2015 12.30 
PANNONE GIUSEPPINA 04/07/1992 20/02/2015 12.30 
PATERNO FERDINANDO 18/03/1996 20/02/2015 12.30 
QUINTERNO ANTONIO 06/05/1994 20/02/2015 12.30 
RICCIO ANGELO 27/12/1994 20/02/2015 12.30 
RICCIO GIUSEPPINA 21/05/1993 20/02/2015 12.30 
ROSMINI ROBERTO 16/02/1990 20/02/2015 12.30 
RUSCETTI MARICLA 29/04/1994 20/02/2015 12.30 
SACCO PIERINO 30/09/1987 20/02/2015 12.30 
SPAZIANO PARIDE 21/08/1994 20/02/2015 12.30 
STIFANI LORENZO 08/09/1994 20/02/2015 12.30 
TESTA DELIA ARIANNA 24/08/1988 20/02/2015 12.30 
VARRICCHIONE ORNELLA 24/01/1988 20/02/2015 12.30 
VENTURA ANNA TIZIANA 20/10/1987 20/02/2015 12.30 
VIGLIOTTI ANTONIO 15/08/1995 20/02/2015 12.30 
VITELLI CLEMENTINA 23/11/1986 20/02/2015 12.30 
ZIMMERMANN GIANLUCA 15/04/1988 20/02/2015 12.30

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Bando di “Garanzia Giovani” ecco il calendario completo e i nominativi che dovranno svolgere il colloquio domani mattina presso la Biblioteca Comunale.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

© 2015 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 89 queries, 1,698 seconds.