Category Archives: Cronaca

RIPRENDE mercoledì 6 NOVEMBRE IN CORTE DI ASSISE IL PROCESSO PER IL DELITTO DI KATIA TONDI

(Cronache Agenzia giornalistica) – Santa Maria Capua Vetere –Riprenderà mercoledì, innanzi la Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere (Presidente, Giovanna Napoletano; giudice a latere, Alessandro De Santis; pubblico ministero, Domenico Musto),il processo a carico di Emilio Lavoretano, accusato a piede libero, di essere l’assassino della moglie Katia Tondi, rinvenuta cadavere nella propria abitazione nel luglio del 2013.

Emilio Lavoretano,che finora si è protestato sempre innocente è difeso dall’avvocato Natalina Mastellone, mentre la parte civile costituita in giudizio con Assunta Giordano e Carlo Tondi, genitori della vittima, è assistita dall’avvocato Gianluca Giordano.

Viva attesa intanto per quanto emergerà dalla perizia del Dr. Pietro Tarsitano, superperito della Corte, nominato appositamente per confutare le perizie dell’accusa e della difesa. E’ stata stabilita l’ora della morte? Finora la stessa ha avuto date ballerine. Tra le 17 e le 19. Ma questa ora è essenziale (stavo per scrivere esiziale) perché a seconda del responso cadrebbe o sarebbe valido l’alibi del marito della donna uccisa.

Lavoretano è uscito di casa dopo le 19. Su questi punti – ai fini della individuazione della colpevolezza del presunto assassino – come è noto – ci sono contrastanti pareri tra i periti e i consulenti.

Sarà un’udienza quindi con un duello tra egregi colleghi (oltre a Tarsitano,infatti, si dovranno confrontare il perito della Procura Dr. Maurizio Saliva, il consulente della difesa Prof. Vittorio Fineschi – ordinario di medicina legale de La Sapienza di Roma, tra l’altro è stato consulente della difesa nel processo per la morte di Stefano Cucchi- altri tecnici chiamati a chiarire il “buco” dell’alibi di Lavoretano.

Questo quanto si potrebbe dire sul processo, quello vero, mentre quello mediatico di “Quarto Grado” è già arrivato alla sentenza. Il solito ritornello di colpevolisti che per fare audince passerebbero sul cadavere della propria madre.

Andiamo con ordine. Sono trascorsi sei anni dal giorno del delitto è un giornalista (pare si chiami Guglielmo Mazzola) di “Quarto Grado” (autore tra l’altro di una vera e propria aggressione morale) – al telefono dopo aver chiesto a Lavoretano se era tranquillo, si è doluto del fatto che lui era ancora a piede libero dopo 6 anni.

Dallo studio hanno riproposto la famosa telefonata al 118 con la quale Lavoretano chiedeva aiuto e piangeva e non già che diceva l’ho uccisa io… mentre diceva l’ho trovata io… sono venuti i ladri a rubare… Etc. Etc.

Ma “Quarto Grado” nell’ultima puntata ormai si è definitivamente scoperto. Oltre ad essere di parte e colpevolista ha dimostrato chiaramente di avere dei contatti diretti con qualcuno che svolge un ruolo importante nell’ambito del processo Tondi.

Infatti la perizia del Dr. Tarsitano, pur essendo stata depositata in cancellerie, non era nota ai giornalisti ed al pubblico invece… è stata commentata in studio dai vari: Alessandro Meluzzi, Massimo Picozzi, Luciano Garofano e Ezio Denti (questi ultimi due chiaramente prezzolati e di parte perché hanno svolto dei ruoli importanti nell’ambito del processo) e non mi pare abbastanza serio anticipare le proprie tesi nel processo mediatico invece che in udienza ed è uscito fuori che Tarsitano ha fissato dalle 18 alle 19 l’ora del delitto.

Insomma “Quarto Grado” è apparso a molti telespettatori come un pool di pubblici ministeri pronti a fucilare – senza prove e senza riscontri – un povero cristo che se avesse voluto depistare non avrebbe certamente strappato le lettere e le partecipazioni del matrimonio.

L’unico (innocentista) che si è dimostrato di avere una certa serietà –e di non parlare a vanvera – nel pool di “Quarto Grado”, è stato Carmelo Abbate,il quale ha detto chiaramente che non si può condannare un individuo solo per la incertezza dell’ora della morte.

Un altro e stupido paradigma è stato quello di confrontare il delitto Tondi con quello di Salvatore Parolise. Certo, le cose convergono… nel senso che anche Parolise è stato detenuto a Santa Maria Capua Vetere, nel carcere militare. Ma quale nesso ci sia tra i due delitti è difficile comprenderlo.

Alla fine la giustizia trionferà. I giurati non si faranno certamente affascinare dalle sirene degli imbonitori tv, ciarlatani per mestiere. Il collegio dovrà condannare l’imputato con le prove che si sono formate in udienza e oltre alle trasmissioni tv – che sono aria fritta – resta il fatto che questo è un processo indiziario, dove non è stato identificato il movente e neppure l’assassino.

La presunzione di innocenza barattata con quella della colpevolezza? Ma come dormiranno i giudici togati e popolari con il peso sulla coscienza di una ingiusta condanna?

Se non vi saranno richieste di acquisizioni di ulteriori prove testimoniali il processo si avvierà verso la conclusione e la sentenza è prevista prima della fine dell’anno.

L’articolo RIPRENDE mercoledì 6 NOVEMBRE IN CORTE DI ASSISE IL PROCESSO PER IL DELITTO DI KATIA TONDI proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Maltempo, danni in tutta la Campania. Caserta e Salerno le provincie più colpite

Maltempo, danni in tutta la Campania. Caserta e Salerno le provincie più colpite

Il maltempo che oggi ha colpito la Campania ha lasciato una lunga sequenza di danni. Le province di Caserta e Salerno le maggiormente colpite dal maltempo in queste ultime 16 ore.

Le maggiori precipitazioni si sono avute in Terra di Lavoro. Dai 100 ai 140 mm di pioggia, con punte massime a Roccamonfina di 150 mm. In provincia di Salerno tra i 50 e i 140 mm di Tramonti la punta massima registrata. Squadre di Vigili del Fuoco e Protezione Civile impegnate in tutte le province.

Maltempo, danni e disagi in provincia di Caserta

Il maltempo nel capoluogo

A Caserta problemi all’istituto per geometri Michelangelo Buonarroti dove una perdita del soffitto ha provocato l’allagamento della palestra. Via Appia Antica, la strada in cui è situata la Motorizzazione Civile, come sempre allagata e sopratutto il tratto finale che va all’incrocio con Recale. Disagi in città.

Sessa Aurunca, straripa il canale del Consorzio Aurunco

A Sessa Aurunca il canale del Consorzio Aurunco di Bonifica in località Casamare di Sessa Aurunca, è straripato inondando la strada. Situazioni importanti interessano comunque tutto il territorio di Sessa Aurunca dove in alcune zone si è arrivati ad allagamenti con livelli di acqua anche di 100 mm.

Problemi si sono avuti anche sulla statale Appia tanto che il sindaco di Sessa Aurunca, Silvio Sasso, ha diramato un comunicato invitando i cittadini a non uscire di casa, e sopratutto con l’automobile, se non strettamente necessario.

Tragedia sfiorata a Marcianise, partita di calcio sospesa a Maddaloni

Tragedia fortunatamente sfiorata a Marcianise, dove per il forte vento in via Musone una tettoia in alluminio e volata via carambolando in strada, senza alcun danno a persone. Problemi anche a Maddaloni dove via Cancello è stata completamente allagata, e dove una partita della locale squadra di calcio è stata sospesa per impraticabilità del campo di gioco.

Maltempo ad Aversa, chiuso il cimitero

Ad Aversa, il sindaco Alfonso Golia ha disposto a scopo cautelativo la chiusura dei parchi e del cimitero per la giornata di oggi.

Allerta anche nel Basso Volturno con tante chiamate per i soccorsi.

Vigili del Fuoco in azione a Cellole per l’allagamento di molte cantine e a Capua dove è caduto un albero lungo la strada statale, fortunatamente senza provocare danni a persone o cose. Anche alcune zone di Mondragone si sono allagate. Problemi anche a Piedimonte Matese, San Felice a Cancello e Santa Maria Capua Vetere.

Maltempo in provincia di Napoli

L’isola di Capri rischia di rimanere isolata

Danni anche in provincia di Napoli. Disagi si sono avuti nei quartieri di Soccavo e Fuorigrotta del capoluogo partenopeo. Ad Afragola il sottopassaggio che collega la città alla stazione della Tav era completamente invaso dall’acqua. A Castellammare di Stabia alcune zone della città sono state completamente bloccate a causa allagamenti. In previsione del peggioramento delle condizioni meteorologiche e del mare, tutti gli aliscafi in partenza da Napoli e Sorrento diretti a Capri sono stati fermati, pertanto si corre il rischio che l’isola possa rimanere completamente isolata nelle prossime ore.

Maltempo in provincia di Salerno

A Nocera Inferiore evacuate 100 famiglie

In provincia di Salerno diverse squadre dei Vigili del Fuoco sono state impegnate sul litorale salernitano, dove a causa delle forti raffiche di vento e della pioggia numerosi alberi sono volati via invadendo la sede stradale, fortunatamente senza causare danni a persone e a cose.

A Nocera Inferiore il comune ha disposto cautelativamente l’evacuazione di circa cento famiglie residenti nelle fasce pedemontane. L’ordinanza è stata emessa a seguito della comunicazione della sala operativa regionale per il rischio di possibili alluvioni e di colate di fango in seguito all’ondata di maltempo che si è abbattuta da questa notte. A Sarno è stato ordinato anche il divieto di transitare nei parchi pubblici e nelle aree alberate.

Tra le zone maggiormente colpite il bacino del Sarno e del salernitano con allagamenti a Castel San Giorgio, San Marzano sul Sarno dove è esondato il fiume Sarno e Nocera Superiore.

Maltempo, disagi in provincia di Avellino

Allagamenti e smottamenti in provincia di Avellino, nei comuni di Montoro Superiore e Montoro Inferiore, Solofra, Serino, Santo Stefano del Sole e Santa Lucia di Serino.

L’articolo Maltempo, danni in tutta la Campania. Caserta e Salerno le provincie più colpite proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Casal di Principe, ritrovate le ragazze scomparse

Casal di Principe, ritrovate le ragazze scomparse

Ritrovate le ragazze scomparse ieri. Valentina Corvino e Alessia Alfiero, entrambe 14enni e residenti a Casal di Principe avevano fatto perdere le loro tracce dalla mezza notte di ieri. Nonostante l’appello l’appello delle famiglie delle due ragazze affinché qualcuno potesse essere di aiuto al ritrovamento, questa mattina il tutto si è concluso nel migliore dei modi con il ritrovamento di Valentina e Alessia alla stazione ferroviaria di Aversa.

L’articolo Casal di Principe, ritrovate le ragazze scomparse proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Nubifragio sulla provincia di Caserta, straripano canali, strade allagate

Il forte nubifragio che si è abbattuto su Caserta, ha provocato numerosi allagamenti e non solo. Proviamo a fare una sorta di punto della situazione di quello che sta accadendo proprio in queste ore in quella che è un po’ tutta la provincia di Caserta.

A  Sessa  Aurunca, si segnala lo straripamento di un canale non lontano dal Consorzio Aurunco. Tratti di strade allagate anche lugno la SS Appia.  Allagamenti si segnalano verso Capua.  Un muretto è crollato finendo su alcune auto in sosta nella frazione di Santa Maria a Valogno, sempre a Sessa Aurunca. Allagamenti in mattinata anche nella zona di Mondragone.

Nella notte i vigili del fuoco sono dovuti intervenire a Capua per il crollo di un albero che ha invaso la carreggiata. Temporali e forti raffiche di vento anche nella zona dell’agro aversano.

Seguiranno  aggiornamenti

L’articolo Nubifragio sulla provincia di Caserta, straripano canali, strade allagate proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Ancora persiste il problema della pulizia dei tombini a Capua

La Consulta dei Commercianti di Capua ha portato all’attenzione del Primo Cittadino Dott. Luca Branco e all’Assessore al ramo ecologia Dott.ssa Anna D’Orta, per porre maggiore attenzione al problema della pulizia dei tombini, caditoie e contestuale alle verifiche delle situazioni di pericolo in previsione delle imminenti piogge: nulla è stato fatto ancora.
La missiva della Consulta è:”Premesso che il problema del rischio allagamenti è tristemente attuale ed è una situazione che tristemente si trascina di anno in anno causando ingenti danni alle attività esposte, vedi zona quadrivio Caputo e Riviera Casilina dove per diverse volte le attività commerciali persistenti si sono travate costrette ad intervenire con mezzi propri per prevenire ulteriori allagamenti delle loro attività commerciali e a fronteggiare ingenti danni ai negozi. Che i tombini e le caditoie delle maggiori arterie della città e del centro storico sono completamente ostruiti impedendo il regolare deflusso di acqua piovana con seri rischi di allagamento a causa della carente pulizia delle strade da parte degli organi preposti. Di far rispettare in base al contratto di appalto per l’affidamento del servizio di raccolta differenziata, stipulato in data 21.12.2012 con la ditta Falzarano “all’Articolo 4: Oggetto dell’appalto” che per facilità di lettura si allega alla presente, l’espletamento dei servizi complementari della cura del verde, della pulizia delle caditoie stradali e della manutenzione stradale, così come meglio specificato nel Capitolato speciale di appalto, e nella Relazione Tecnica Descrittiva dei servizi presentanti in sede di gara. Dopo quando in premessa, considerato e ritenuto, la scrivente Consulta dei commercianti a tutela della categoria e dei cittadini:
INVIA
Il Sig. Sindaco e tutti i funzionari competenti in materia:
1. Alla predisposizione di un intervento di pulizia urgente dei tombini delle caditoie e delle griglie.
2. A comunicare le date e le modalità di esecuzione degli interventi di pulizia di fogne, tombini e caditoie specialmente nel centro storico dove la situazione in alcuni casi è deprecabile.
3. A verificare con priorità la situazione di Via Santa Maria Capua Vetere e Riviera Casilino onde evitare ulteriori allagamenti come avvenuti negli anni scorsi.
4. Valutare la possibilità di avvalersi della collaborazione del progetto SPRAR che già si sta rilevando funzionale per la pulizia del territorio.
Detto ciò auspichiamo un immediato riscontro alla nostra lecita richiesta.”
Con la speranza di un immediato intervento, ci auguriamo di non ritornare nei prossimi mesi, su questo argomento che segna la sicurezza dei cittadini.

L’articolo Ancora persiste il problema della pulizia dei tombini a Capua proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

EX Politico tenta di togliersi la vita a due passi dal cimitero. Tempestivo l’ intervento del 118 che evita il peggio

E’ accaduto poco dopo la mezzanotte di ieri, Sabato 2 Novembre, un ex politico delle precedenti amministrazioni del comune di Recale ha tentato di farla finita. Il tutto è accaduto nei pressi del cimitero di Recale , l’ uomo, molto noto nel paese , si è rinchiuso nella sua auto con motore acceso e con un il tubo che dalla marmitta finiva direttamente all’ interno del veicolo.

Coincidenza ha voluto che da quelle parti passassero alcune persone le quali hanno subito notato la scena anomala , allertato i Carabinieri e il 118 di Marcianise che , tempestivamente sono arrivati sul posto ed evitato il peggio.

Per onore di cronaca ricordiamo che l’ uomo non è nuovo a questo tentativo di suicidio, basta pensare che solo una settimana fa in una situazione anomala, fuori l’ ufficio postale aveva tentato di farla finita.

 

L’articolo EX Politico tenta di togliersi la vita a due passi dal cimitero. Tempestivo l’ intervento del 118 che evita il peggio proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

La notte di halloween porta con sè decine di chiamate al 118 e anche dei ricoveri in Ospedale

I giorni di Halloween hanno portato a far baldoria o altro, tuttavia quelo che può dirsi una giornata di festa, in oocasione anche del ‘ponte’ che ci è stato in settimana porta con sé degli strascichi ossia, un bilanco di ricoveri e chiamate al 118.   Questo in particolare quello il bilancio preoccupante quello registrato nella notte di Halloween in termini di ricoveri in ospedale.

Sono state decine le chiamate al 118 e tanti i ragazzi che sono stati trasportati da amici e parenti ai locali 118. In tre casi si è reso necessario il ricovero presso gli ospedali. Si tratta di un ragazzo di 17 anni di Marcianise che è stato ricoverato all’ospedale di Caserta in seguito ad abuso di alcol e di due amici, di 20 e 23 anni, residenti nel napoletano che sono stati ricoverati sempre in stato di ebbrezza rispettivamente all’ospedale di Maddaloni e di Marcianise. Tutti i ragazzi avevano preso parte a feste ed a party per Halloween.

L’articolo La notte di halloween porta con sè decine di chiamate al 118 e anche dei ricoveri in Ospedale proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Capua, incendio in notturna

CAPUA (CE) – Incendio divampato a Capua nella notte nei pressi di un vecchio caseificio.

A prendere fuoco sarebbero stati dei rifiuti, scarti e materiale vario, potrebbe essere un incendio di natura dolosa ma sarebbero in corso le indagini.  Le fiamme hanno avvolto diversi scarti che erano stati abbandonati e che molto probabilmente erano stati prodotti da un vecchio caseificio presente in zona. Dopo l’allarme, sul posto sono giunti i vigili del fuoco. Il tutto è avvenuto in via  Martiri di Nassiria, non lontano dalla Protezione Civile.

L’articolo Capua, incendio in notturna proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Sportello Bancomat fatto saltare in aria

A Parete nella provincia di Caserta, uno sportello del Bancomat, è stato fatto saltare in aria, ma con precisione ossia non è stato completamente distrutto.  Dopo l’esplosione la ‘banda del buco’ o di delinquenti che dir si voglia, hanno portato via l’intera carcassa, o quello che è rimasto, pare con un bottino di parecchie centinaia di miglaia Euro. Per essere più precisi il tutto è avvenuto al Banco di Napoli nei pressi del centro città

Sono in corso le indagini da potrebbero certamente essere utili le immagini riprese dall’impianto di videosorveglianza.

L’articolo Sportello Bancomat fatto saltare in aria proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

TEVEROLA: cimitero tra fiori e calcinacci

TEVEROLA– È di martedì 29 ottobre la notizia pubblicata su ”Campania notizie” sulle condizioni in cui versa attualmente il cimitero del comune di Teverola. Nell’articolo si fa riferimento all’ impossibilità per i cittadini di visitare le tombe dei propri cari in condizioni dignitose, al blocco delle esumazioni dal settembre 2018 (a causa della mancanza di una ditta che possa fornire il servizio) e al mancato ampliamento del cimitero, atteso da circa 255 contribuenti ,che hanno già versato la quota per i loculi.

Non si è fatta attendere la risposta dell’assessore Angela Improta, attuale assessore delegato al Cimitero e Suap, ed ex assessore della precedente amministrazione, che ha dichiarato giovedì 31 ottobre a “Campania notizie”

Andate a chiedere all’autore dello scempio quali sono le motivazione alla base”. L’assessore ha sottolineato di aver ereditato, per quanto concerne la struttura, condizioni non tollerabili e che i cittadini sono stati presi in giro circa la possibilità di ottenere in tempi brevi i loculi. Per le esumazioni, invece, la risoluzione è a portata di mano e presto la problematica sarà risolta. L’ assessore ha  poi ringraziato gli Isu che si sono impegnati per migliorare le condizioni dei giardini e dell’edificio.

Stamattina ci siamo recati presso il cimitero di Teverola, per costatare de visu la situazione e a onor del vero non ci è apparsa ottimale. All’ ingresso si è accolti molto piacevolmente da fiori che incorniciano piazzole rivestiste di sassi bianchi e da un’ innegabile idea di ordine e pulizia (che, a onor del vero, è presente in molte altre zone del cimitero) ma inoltrandosi all’ interno, nei pressi dei loculi in costruzione, lo scenario si tinge di toni meno bucolici e a dominare sono  calcinacci, erbaccia e buste.

Al netto delle responsabilità, rimane un dato di fatto incontrovertibile: una pulizia più radicale avrebbe potuto e dovuto essere assicurata! Se,infatti,è vera la foscoliana corrispondenza di amorosi sensi che si crea ,grazie alle tombe, tra vivi e defunti e se è vero che “sol chi non lascia eredità d’affetti poca gioia ha nell’urna”, allora quest’ultima assume una sacralità o meglio i contorni di una pietas, che il disordine documentato mette sicuramente in discussione.

 

 

 

 

 

L’articolo TEVEROLA: cimitero tra fiori e calcinacci proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)


Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
Call Now Button
TeleradioNews

Ora puoi ricevere subito su Telegram tutte le nostre news

Seguici su Telegram Chiudi