Category Archives: Caiazzo & Dintorni

Alvignano e Caiazzo unite nel processo per il depuratore di Marcianofreddo

Depuratore in località Fontanelle: la procura punta l’indice contro otto persone.

Da Piedimonte Matese al monte Orso: escursione culturale per gli studenti del ‘Caso’

Un gruppo di studenti del biennio e triennio dell’Istituto Tecnico Industriale “Caso”,

Piedimonte Matese. Case in affitto: i 117 beneficiari del contributo regionale

In attesa dell’esito degli accertamenti effettuati dall’Agenzia delle Entrate,

Piedimonte Matese. Anziana ritrovata morta in casa da Pompieri e Carabinieri

I militari dell’Arma e i Vigili del Fuoco di Piedimonte Matese sono stati allertati

Liberi, Castel di Sasso, Baia Latina e Piedimonte. Droga: 5 giovani nei guai

Alto Casertano, spaccio di droga: un rinvio a giudizio e quattro “patteggiamenti”.

Castel Campagnano. Cena ‘in onore’ del maiale Nero Casertano al Bio agriturismo ‘L’ape e il Girasole’ di Squille

maiale-11x15-nero-casertano-2Smaiali-11x15_neri-casertani-1abato 24 gennaio 2015 un tributo a una delle eccellenze del territorio: 

Caiazzo. Slow Food: presentato il presidio dell’Oliva ‘Caiazzana’

caiazzo-15x9-slow+food-+caiazzo-15x9-slow+food+5Giovedì 15 gennaio, nell’aula consiliare del Comune

di Caiazzo, è stato ufficialmente presentato il nuovo Presidio “Slow Food – L’Oliva Caiazzana” a cura del GAL Alto Casertano:

un’eccellenza caiatina da salvaguardare per valorizzare il nostro territorio.

Nei prossimi giorni saranno presentati i due nuovi presìdi dell’Alto Casertano, rispettivamente promozionali delle cipolle alifane e dei capperi vairanesi.

(Antonio Posnillo, Assessore comunale – Foto – fonte: – https://www.facebook.com/antonio.ponsillo)

Archiviato in:Attualità

Caiazzo. Mostra fotografica ‘a sei mani’ sulla frazione SS.Giovanni e Paolo

santianni-15-foto-mostra-1Sabato 17 gennaio alle 18  presso il BAR “H”

di San Giovanni e Paolo, amena frazione di Caiazzo, sarà inaugurata una mostra fotografica collettiva.

Sei appassionati di fotografia: Mario Califano, Antonio Giannelli, Angelo Giannetti, Domenico Matarazzo, Franco Sangiovanni e Luca Sorbo esporranno tre foto a testa con tema “San Giovanni Paolo”.

Gli autori proveranno a raccontare luoghi e personaggi dell’affascinante borgo del Caiatino attraverso le immagini.

L’iniziativa è nata dall’incontro di appassionati di territorio sul gruppo di Facebook “I ricordi di Caiazzo”, fondato e diretto da Geppino De Rienzo, e sul Gruppo “San Giovanni e Paolo ieri e oggi”, fondato e diretto da Franco Sangiovanni.

La mostra di sabato 17 gennaio è solo un primo evento di una serie di iniziative che avranno come sede il Bar “H Tascillo”.

L’idea è quella di creare, partendo da questo gruppo spontaneo, un osservatorio fotografico dell’Alto Casertano che, evidenziando le bellezze del territorio, voglia anche tutelarle e preservarle.

L’evento è curato da Luca Sorbo, docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Archiviato in:Attualità

PIEDIMONTE MATESE. Vicenda autocostruzione. La Ong Alisei smentisce categoricamente che stia effettuando lavori nel capoluogo matesino: “Abbiamo già diffidato e querelato il sign. Mattioli!”

Il sette gennaio scorso abbiamo pubblicato una lettera giunta al nostro portale dal signor Mattioli che denunciava come 200 famiglie erano rimaste senza case. A corredo della lettera, lo stesso Mattioli allegò anche una interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle in merito alla vicenda. Ora è l’Associazione Alisei ong a scriverci chiedendo di fare chiarezza e soprattutto smentire quanto scritto sia nell’interrogazione e sia nella lettera pubblicata…
Questa la richiesta da parte di Alisei ong di rettifica del post da noi pubblicato lo scorso sette gennaio.
“””Egregi Signori,
in data 07/01/2015 sul vostro blog “Caiazzorinasce” (www.caiazzorinasce.net) avete pubblicato un
articolo intitolato “PIEDIMONTE MATESE. Duecento famiglie che avevano avviato il progetto
dell’autocostruzione sono rimaste ancora oggi senza risposte. Il M5S aveva fatto una
interrogazione parlamentare anche per i lavori svolti nel capoluogo matesino/LA LETTERA”, con
allegata una lettera del sig. Matteo Mattioli.
Vi segnaliamo che tale articolo riporta una serie di affermazioni false e destituite di qualsiasi
fondamento nei confronti di Alisei Ong, che sarebbe stato possibile evitare applicando una normale
diligenza nel verificare le “notizie” pubblicate, ad es. consultando il sito internet di Alisei Ong,
www.alisei.org, in particolare: 
1) E’ completamente falso e destituito di qualsiasi fondamento quanto da voi riportato nel
titolo e poi indicato nel corpo dell’articolo con riferimento a “il progetto dell’autocostruzione” e
cioè che vi sarebbero “lavori svolti nel capoluogo matesino” da Alisei Ong.
Alisei Ong infatti non svolge né ha mai svolto alcuna attività inerente progetti di autocostruzione nel
capoluogo matesino.
Si precisa inoltre che Alisei Ong ha una lunga esperienza della metodologia dell’autocostruzione,
sperimentata all’estero in progetti di cooperazione allo sviluppo ed ha promosso con attività di
sensibilizzazione e divulgazione la sua sperimentazione in Italia. Alisei Ong non ha invece mai
gestito alcun cantiere di autocostruzione in Italia né ha mai ricevuto alcun finanziamento
che sia in relazione con la gestione di cantieri di autocostruzione in Italia. 
2) L’affermazione del sig. Mattioli secondo cui “il 3 giugno scorso Il Ministero degli Esteri ha
disposto la revoca del riconoscimento di idoneità alla Ong Alisei” è parziale e fuorviante.
Infatti con riferimento al Decreto Ministeriale del Ministero degli Affari Esteri n. 2014/337/001589/2
del 27/5/2014 il cui oggetto era la revoca dell’idoneità di Alisei Ong ex lege 49/87 si deve precisare
che Alisei Ong lo scorso luglio ha inoltrato ricorso al TAR del Lazio per l’annullamento di tale
decreto.
Il 29/10/2014 il TAR del Lazio con ordinanza n. 05406/2014 ha accolto la richiesta di sospensione
cautelare del Decreto Ministeriale accogliendo il primo motivo del ricorso di Alisei e cioè che il
provvedimento non è stato correttamente avviato e non è stato dato modo alla Ong di presentare Via Colautti, 1 – 20125 Milano – Italia
Tel. +39 02 66805260 Fax. +39 02 66809723 nfmilano@alisei.org
www.alisei.org
2
le proprie osservazioni e controdeduzioni. Tale notizia era da voi facilmente verificabile alla data di
pubblicazione dell’articolo, ad es. consultando il sito web di Alisei Ong.
Inoltre il 7/11/2014 (e cioè due mesi prima della pubblicazione del vostro articolo) il Ministero degli
Esteri aveva già disposto in autotutela l’annullamento del D.M. di revoca sopra citato.
Avere omesso le informazioni di cui sopra, che erano facilmente verificabili, produce un effetto
gravemente diffamatorio nei confronti di Alisei Ong. 
3) Gravemente diffamatorie dell’onorabilità e dell’immagine di Alisei Ong sono le altre
affermazioni del sig. Mattioli da Voi pubblicate ad es: “il reale coinvolgimento di Alisei Ong nel
fallimento “in odor di truffa” di diversi cantieri di edilizia sociale”, “200 le famiglie rimaste senza
casa in tutta Italia”, “altri progetti sono nel frattempo stati avviati e che ci sia il reale pericolo che
altre famiglie possano essere nuovamente raggirate”, dato che, oltre a riportare notizie del tutto
false, viene anche creata la falsa apparenza dell’esistenza di illeciti o di comportamenti
antigiuridici.
Il sig. Mattioli non è nuovo a questo genere di diffamazioni e rappresentazioni falsate della realtà
nei confronti di Alisei Ong.
A riguardo si precisa che Alisei Ong il 5/6/2013 ha provveduto a diffidare il sig. Mattioli perché
si astenesse dal diffondere informazioni false e calunniose (la diffida è visibile sul sito web della
Ong) e, a seguito del persistere di questa azione diffamatoria, lo ha querelato.
Con riferimento all’allegata interrogazione del 2013 di alcuni senatori del Movimento 5Stelle che
riportava una serie di affermazioni completamente false e gravemente diffamatorie, Alisei Ong ha
già risposto nelle sedi competenti, smentendo punto per punto le gravi affermazioni del testo
dell’interrogazione, e ha dato mandato ai propri legali di verificare l’esistenza di responsabilità
perseguibili in sede giurisdizionale.
Alisei infine ha querelato il giornalista autore dell’articolo del 10/10/12 pubblicato da corriere.it,
citato nella interrogazione.
In conclusione vi invitiamo a rettificare immediatamente l’articolo in oggetto, rimuovendo tutte le
affermazioni false e destituite di qualsiasi fondamento che configurano una evidente diffamazione
a danno di Alisei Ong.
In caso contrario saremo costretti, nostro malgrado, a dare subito mandato ai nostri legali per
tutelare l’immagine e l’onore della Ong, quella dei suoi associati, donatori, lavoratori e beneficiari in
Italia e nei Paesi in via di Sviluppo.
Certi di un vostro pronto riscontro
Si porgono distinti saluti “””
ALISEI ONG – La Segreteria
Invia tramite emailPostalo sul blogCondividi su TwitterCondividi su Facebook


(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)

Iscrizioni scuola primaria e secondaria di primo grado on line. Ecco come fare

Dal 15 gennaio al 15 febbraio, seguendo la procedura guidata presente sul sito Miur, con pochi e semplici passaggi

La Redazione – Da domani, 15 gennaio, fino al 15 febbraio prossimo, sul sito istituzionale del Miur è disponibile la procedura di iscrizione per gli alunni che iniziano il percorso scolastico (scuola primaria) e per quelli che invece accedono al primo anno della scuola secondaria di primo grado.
La procedura on  line prevede quattro passaggi fondamentali, attraverso i quali i genitori possono iscrivere i loro figli presso l’istituto prescelto con estrema facilità.ragazzi_scuola
Innanzitutto, occorre registrarsi al sito Miur, indicando il codice della scuola scelta per la formazione del ragazzo. Dopo la registrazione, è possibile accedere al servizio, immettendo i dati richiesti e inoltrare la domanda, che perverrà immediatamente alla scuola. All’invio della domanda fa seguito la ricevuta di conferma in automatico. La scuola selezionata indicherà all’utente se viè disponibilità di posti; in caso contrario, la richiesta verrà inoltrata ad un’altra scuola scelta dai genitori come alternativa. Inoltre, l’intero iter della domanda, dall’invio all’accettazione finale, verrà reso noto alla famiglia attraverso aggiornamenti via email.
La modalità on line garantisce, dunque, notevoli vantaggi, in termini di tempo e, grazie alla sua semplicità, risulta accessibile a chiunque.

A questo link l’intera procedura di iscrizione

(News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © diritti riservati all’autore)