Category Archives: Attualità

Una bella Casertana non riesce a sbancare Catanzaro, finisce 1-1

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Una partita bella e divertente quella tra Casertana e Catanzaro. La squadra di mister Ginestra sblocca la partita con il gol di Zivkov. Il Catanzaro riesce a pareggiare al 35′ con Tulli. Nella ripresa i falchetti sprecato tante occasioni per passare in vantaggio. Sicuramente questa è stata la miglior Casertana di questo inizio di 2020, certo i falchetti continuano a non vincere ma se consideriamo la forza dell’avversario, più le assenze è stata sicuramente una grande impresa fare punti a Catanzaro.

Risultati: Teramo-Monopoli 0-3,Vibonese-Viterbese 3-2, Bisceglie-Sicula Leonzio 0-1, Catania-Reggina 0-0, Catanzaro-Casertana 0-0, Avellino-Cavese 16/02, Bari-Picerno 16/02, Paganese-Rieti 16/02, Potenza-Rende 16/02, Ternana-Virtus Francavilla 16/02.

Classifica:

  • Reggina 60
  • Bari 51
  • Monopoli 51
  • Ternana 48
  • Potenza 45
  • Catanzaro 42
  • Catania 37
  • Teramo 37
  • Viterbese 35
  • Cavese 32
  • Vibonese 32
  • Paganese 31
  • Casertana 31
  • Virtus Francavilla 31
  • Avellino 30
  • Picerno 26
  • Sicula Leonzio 19
  • Bisceglie 19
  • Rende 16
  • Rieti 12

L’articolo Una bella Casertana non riesce a sbancare Catanzaro, finisce 1-1 proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114964 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114964”;
var snippet114964 = httpGetSync(url114964);
document.write(snippet114964);

Capua: “appunti fotografici” presenta la mostra di Giulio Festa. Il video all’interno

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Capua-Ieri sera seguitissimo vernissage della mostra fotografica “Taccuini di viaggio” di Giulio Festa alla chiesa della Carità, in via Seggio dei Cavalieri, a Capua. Veramente tantissime le persone che sono accorse a vedere venticinque foto del fotografo casertano e che hanno voluto, in qualche caso, ancora una volta vedere la bravura artistica di Giulio Festa, che, tra l’altro, ha all’attivo tantissime mostre, svoltesi anche fuori d’Italia ed in occasione di rassegne artistiche molte seguite, come quella di Settembre al Borgo.

La manifestazione è stata organizzata dall’associazione fotografica capuana “Appunti fotografici”, gruppo di fotografi che incentra la propria attività artistica sui diversi aspetti di ciò che può essere l’oggetto della fotografia.

Giulio Festa ha presentato le sue foto con un dialogo con la giornalista Lucia Grimaldi, spiegando i motivi dei suoi viaggi verso l’Estremo Oriente e soprattutto della scelta dei suoi soggetti. Ha sottolineato che le sue foto sono degli attimi carpiti al volto di chi gli si parava davanti e che in lui ha lasciato qualcosa di inusitato, come se si fosse trovato davanti ad un extraterrestre, atteso che la vita nei paesi orientali, come l’India, il Nepal, la Cina ed in particolar modo il Tibet è del tutto diversa da quella che conduciamo noi occidentali. Giulio Festa ha allora voluto donare quegli attimi, quegli sguardi irripetibili a noi uomini d’Occidente per farci scoccare, in un certo qual modo, la scintilla per la conoscenza di un diverso modello di vita, costruito su ben altri valori, valori che rimandano ad un’aura di spiritualità, percepibile anche nei momenti più comuni e ripetitivi.

Giulio Festa ha poi anticipato che nella prossima primavera vi sarà un’altra sua mostra fotografica, ma con foto del tutto diverse, a Pontelatone.

La mostra continuerà nei prossimi giorni con l’apertura nella giornata di domenica 16 febbraio dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 17.30 alle 20.00 e nel prossimo fine settimana dalle 17.30 alle 20.00 di sabato 22 febbraio e domenica 23 febbraio dalle 10.30 alle 13.00.

IL VIDEO DELL’ EVENTO

IMG_0336

L’articolo Capua: “appunti fotografici” presenta la mostra di Giulio Festa. Il video all’interno proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114965 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114965”;
var snippet114965 = httpGetSync(url114965);
document.write(snippet114965);

Maddaloni. Bimbi sicuri all’Oratorio Zaccheo

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Si è svolto ieri pomeriggio con una buona partecipazione il corso Bimbi Sicuri all’Oratorio Zaccheo di via Appia. La coppia Don Marco – cav. Di Lillo non si ferma mai e sta arricchendo il quartiere con iniziative ed opportunità che finora non si erano mai avute.  L’ associazione “Battiti del cuore”, legata all’ente formativo della Salvamento Academy ha tenuto il corso. L’ istruttore Giosuè Struffolino ha spiegato ai presenti quali siano le strategie per prevenire gli incidenti in età pediatrica e come operare correttamente in caso di disostruzione delle vie aeree. I 30 corsisti, di diversa età ( tra loro anche 4 bambini) hanno seguito con attenzione e hanno tutti provato sui manichini concretamente la manovra di disostruzione. Una gran bella esperienza, hanno commentato i presenti. Basta davvero poco, a volte per salvare una vita.

 

L’articolo Maddaloni. Bimbi sicuri all’Oratorio Zaccheo proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114963 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114963”;
var snippet114963 = httpGetSync(url114963);
document.write(snippet114963);

Maddaloni. Ponte pericoloso sulla tratta ferroviaria sequestrato dalla Benemerita per incombente percolo

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

I Carabinieri della Stazione e del Nucleo Operativo della Compagnia

Maddaloni. Attori per un giorno… perché non è mai troppo tardi!

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Non è mai troppo tardi per passare un giorno da attori. A qualunque età della vita si possono rilanciare i dadi, diceva qualcuno, o semplicemente mettersi in gioco e fare una nuova esperienza.

Ed è ciò che hanno fatto Pasqua Vigliotta e Antonio Ventrone, da tutti in città noto come Tonino il falegname, un simbolo di Maddaloni e della piazza. Una coppia solida con 4 splendide figlie e tanti nipoti, innamorati come il primo giorno, sono diventati attori protagonisti in un videoclip di una canzone che naturalmente parla d’amore.

Si tratta del video clip musicale del cantante del panorama napoletano Rico Femiano. E’ stato girato alla tenuta Rosamelia a Maddaloni in via Starzalunga;

la canzone si chiama “Nnammurat e te” per la regia di Nilo Sciarrone.

 

L’articolo Maddaloni. Attori per un giorno… perché non è mai troppo tardi! proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114960 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114960”;
var snippet114960 = httpGetSync(url114960);
document.write(snippet114960);

Lavoro in nero e musica senza autorizzazioni, sospesi e multati 3 locali della movida casertana

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

In Caserta, nell’ambito di un servizio coordinato finalizzato al controllo dei locali d’intrattenimento e ristorazione, i carabinieri della locale Compagnia, congiuntamente a personale della Polizia Municipale e del Nucleo CC Ispettorato del Lavoro di Caserta hanno proceduto ad elevare sanzioni pecuniarie nei confronti di tre esercizi commerciali ed in particolare:

  • a carico del titolare di una pizzeria in zona Tuoro di Caserta, a cui è stata comminata la sanzione di € 14.123 per la presenza di due lavoratori in nero, con conseguente sospensione dell’attività lavorativa per superamento limite 20% rispetto ai dipendenti in regola;
  • a carico del titolate di un bar nei pressi di Piazza Pitesti a cui è stata elevata una sanzione di € 17.500 per la presenza di tre lavoratori in nero, con conseguente sospensione dell’attività lavorativa per superamento limite 20% rispetto ai dipendenti in regola;
  • a carico dei titolari di un ristorante in Corso Giannone e di un Bar in via del Redentore, per la diffusione di musica all’interno dei locali senza aver predisposto il documento di valutazione impatto acustico, con l’elevazione di sanzioni pecuniarie pari ad euro 5.164 per ciascuna attività.

Inoltre sono state elevare 63 sanzioni per violazioni al codice della strada per un totale di circa euro 5.000.

L’articolo Lavoro in nero e musica senza autorizzazioni, sospesi e multati 3 locali della movida casertana proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114965 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114965”;
var snippet114965 = httpGetSync(url114965);
document.write(snippet114965);

Maddaloni. Enzo e Sal di Made in Sud chiuderanno la prima serata del carnevale maddalonese

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Ormai mancano pochi giorni. Il conto alla rovescia è iniziato per il VI Carnevale maddalonese ch partirà ufficialmente sabato 22 febbraio alle ore 15,00 con la sfilata dei carri allegorici da via Napoli fino in Piazza don Salvatore D’Angelo. Il percorso sarà reso noto nei prossimi giorni. Le 4 associazioni promotrici ( Ass. Pasquale Farina, Artus, Calatia Libera e Pro Loco) insieme a tutte le altre che hanno collaborato stanno provvedendo agli ultimi ritocchi e a sistemare i dettagli finali.

La direzione artistica curata dalla LNP eventi ha previsto per la prima serata la comicità: direttamente da Made in Sud il duo Enzo e Sal.

Sul link in basso il video del duo comico per Maddaloni.

 

 

 

 

L’articolo Maddaloni. Enzo e Sal di Made in Sud chiuderanno la prima serata del carnevale maddalonese proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114958 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114958”;
var snippet114958 = httpGetSync(url114958);
document.write(snippet114958);

Caserta: pubblico folto e entusiasmo per la presentazione del testo dell’Onorevole Intini

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Caserta– Grande successo per la presentazione del testo dell’On. Ugo Intini, Un socialista all’Onu, edito da Ponte Sisto. Sono intervenuti Raffaele Piazza, assessore del Comune di  Caserta,Gianluca Iannucci-Cons. Com. PSI Caserta, Guido Alizieri – Fgs Caserta e consigliere Forum Giovani comune di Caserta; On. Ugo Intini – Ex Portavoce nazionale PSI e Direttore dell’Avanti,On. Enzo Maraio -Segretario Naz.PSI. L’incontro è stato moderato dal Direttore di Belvederenews Prof.ssa Giovanna Paolino.

 

Tra gli interventi riportiamo quello di Raffaele Piazza che ha posto l’accento sul ruolo che ancor oggi potrebbe apportare il socialismo nel combattere il sovranismo (senza prospettiva) di certe destre a cui bisogna opporre il sovranismo che esce fuori dai confini nazionali e che potrebbe davvero garantire diritti ai popoli. L’assessore è poi entrato nel merito del testo dell’Onorevole Intini, soffermandosi sul ruolo ricoperto da Guterres all’ Onu, sottolineando come la presenza di un socialista in un organismo così nevralgico costituisca la garanzia di promozione dello “stato di benessere” (welfare) a livello internazionale. Ripercorrendo le fasi nevralgiche del partito socialista, Piazza ha sottolineato come  il socialismo abbia significato il superamento della politica bilaterale dei due blocchi (comunismo e liberismo), fino a soffermarsi sulla figura di Craxi che è stata liquidata troppo rapidamente e per capirlo basta confrontare ciò che eravamo con ciò che siamo.

 

È stata infine data la parola all’Onorevole Intini, secondo il quale un’opinione pubblica più serena permette oggi di rileggere la parabola del socialismo evitando di sottolinerne solo gli aspetti negativi.
Le statistiche degli anni novanta del Novecento registrano ,infatti,come al tempo l’Italia si attestasse a livelli di produzione simili a quelli della Gran Bretagna e Francia mentre oggi registra un brusco calo. L’onorevole ha poi citato alcuni testi tra cui  “Il tramonto dell’avvenire. Breve ma veridica storia della sinistra italiana, edito da Marsilio di Franchi Paolo, nel quale si fa riferimento al fatto che agli inizi degli anni ’90 l’estremismo comunista e e fascista sia stato il prodromo dell’antipolitica di oggi, che ha avuto il suo inizio con il lancio delle monetine a Craxi davanti all’Hotel Raphel la sera del 30 aprile del 1993. Il giorno prima Craxi aveva preso la parola per difendersi e convincere i suoi colleghi a respingere le richieste di procedere contro di lui. Fu probabilmente il suo discorso più famoso, quello in cui ammise il finanziamento illecito del Partito socialista, ma anche che tutti i partiti avevano fatto la stessa cosa e negò ogni accusa di arricchimento personale. L’onorevole ha poi citato il testi di Marcello Sorgi, Presunto colpevole. Gli ultimi giorni di Craxi, edito da Einaudi, nel quale l’autore incrocia il destino del leader socialista con quello di Aldo Moro, entrambi vittime di due trattative deviate verso un vicolo cieco: «Sono vicende molto diverse. Ma il filo di ferro che le unisce, oltre al fatto che riguardano personaggi eminenti della politica italiana – gli ex presidenti del Consiglio rimasti più a lungo a Palazzo Chigi, due innovatori che avevano a cuore il futuro del proprio Paese – è l’incapacità dello Stato, che sarebbe potuto intervenire, e non lo fece, per salvar loro la vita. In questo, soprattutto in questo, Moro e Craxi hanno avuto lo stesso destino: cadere vittime di un’indifferenza e di una spietatezza che non si aspettavano, che non pensavano di meritare».

Intini ha poi puntualizzato come Craxi, fedele alla logica del partito che veniva sempre prima di tutto, non si sia mai personalmente arricchito e che, inoltre, tutti facevano uso dei soldi pubblici, per cui il segretario del PSI chiedeva un’ assoluzione di tipo politico.

La storia dei finanziamenti ai partiti  non è certo oscura, ”il PC prendeva soldi da Mosca e dalle cooperative, la Dc dagli americani. Il partito socialista percepiva fino al  al ‘56 finanziamento da Mosca, ma quando Craxi divenne segretario cerco di rendere autonomo il PSI dal Pc e Dc, ci riuscì con molti rischi ed errori”. (Nota:PSI e PCI erano legati dal patto di unità d’azione, sottoscritto a Parigi, in esilio, e riconfermato dopo il 1945. Alle elezioni del 1948 socialisti comunisti formarono una lista unica, il Fronte democratico popolare, che fu la causa della scissione socialdemocratica dal PSI, guidata da Saragat. Il Fronte uscì sconfitto e i socialisti furono elettoralmente dimezzati. Nenni aveva capito che quella alleanza non era gradita alla maggioranza degli italiani e indeboliva il PSI. Cominciò a prendere le distanze dal PCI dopo la morte di Stalin, ma furono il XX Congresso del PCUS e i fatti d’Ungheria che lo portarono alla decisione di rimettere il socialismo italiano su una carreggiata autonoma e democratica.)

Ma al netto degli errori, Intini tiene a precisare come,a differenza di oggi, la politica fosse, al tempo, legata alle questioni culturali. Di queste quattro quelle lanciate da Craxi: la prima contro il marxismo-leninismo (ma non contro il marxismo);la seconda per il liberal-socialismo, perché si può essere favorevoli alla libertà di mercato, ma non alla società di mercato che non garantisce i diritti sociali; la terza per le riforme istituzionali tra cui quella della Costituzione, che a suo avviso andava aggiornata, anche se il suo appello rimase lettera morta; la quarta fu per un socialismo tricolore con la ricostruzione del mito garibaldino, in quanto non si poteva lasciare il patriottismo alla destra. 
Dopo il Craxi politico, il Craxi statista, il Craxi della scala mobile, il Craxi europeista che insieme ai socialisti francesi e spagnoli promosse l’idea di evitare steccati e divisioni fra i paesi europei (storico il vertice dell’85 in cui la Thatcher ,che era non europeista, fu messa all’angolo da socialisti quali Filipe Gonzales e Mitterrand)

Dopo tale excursus, l’Onorevole si è concentrato sulla figura di Guterres, socialista portoghese, alto ufficiale dell’Onu, la cui opera può essere interpretata come una continuazione del socialismo negli anni ‘8o in Portogallo e ancora oggi. Con i portoghesi è,del resto, sempre esistito un rapporto particolare, il garofano, simbolo del PSI, proviene dalla Rivoluzione di Lisbona del ’75, mentre l’attuale simbolo del partito portoghese nasce a Roma.

Guterres è un ecologista, tanto da aver dato a Greta la platea delle nazioni unite.È un europeista,convinto del fatto che solo l’unità politica dell’Europa possa sostenere la moneta unica. Solo degli sprovveduti, a conti fatti, possono pensare che chi ha 0,2 della popolazione mondiale come l’Italia possa contare qualcosa. Oggi tutto è globale, meno la politica confinata ottusamente nei confini nazionali.

 

FOTOGALLERY

 

L’articolo Caserta: pubblico folto e entusiasmo per la presentazione del testo dell’Onorevole Intini proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114956 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114956”;
var snippet114956 = httpGetSync(url114956);
document.write(snippet114956);

Parete. Pasquale Vitale presenta “La nottola di Minerva”

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

DINTORNI. Caratteri dal territorio
Cosa succede quando filosofia e musica si incontrano? Pasquale Vitale, durante la presentazione del suo libro La Nottola di Minerva, saprà rispondere a questa domanda con una lezione su Kierkegaard, Schopenhauer e Nietzsche spiegati attraverso le musiche e soprattutto i testi di cantanti e musicisti quali Niccolò Fabi, Simone Cristicchi e Francesco Guccini. Interverranno inoltre il preside Nicola Terracciano, la professoressa Rossana Palmiero e la professoressa Natascia De Gennaro.

L’appuntamento è alla Biblioteca Comunale, Parete sabato 22 Febbraio alle ore 18.00.
Tra le novità, la nuova ristampa, a parte la veste grafica e la revisione di tutti gli autori, presenta:
– Il neoidealismo (a cura di Michele Lasala) insieme all’idealismo, per fornire una panoramica completa del secondo
-Gunther Anders (a cura di Maria Teresa Speranza) inserito subito dopo Hannah Arendt
-Bioetica laica e cattolica (con un approfondimento relativo alla figura di Jonas (a mia cura)
-La filosofia della tecnica (a cura di Lorenzo De Stefano), inserito subito dopo Heidegger
-La sezione “Filosofia e criminologia” (a cura di Davide la Rocca) e inserita dopo l’analisi del testo “La Banalità del male” di Hannah Arendt

L’articolo Parete. Pasquale Vitale presenta “La nottola di Minerva” proviene da BelvedereNews.


Source: Belvedere – 10/1

var url114953 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114953”;
var snippet114953 = httpGetSync(url114953);
document.write(snippet114953);

Pietà di Michelangelo, il ricordo di Sante Grillo

Seguici su:

Teleradio News

Editor/Admin at TeleradioNews
tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935;
mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati
Seguici su:

Ieri se n’è andato un altro pezzo di Portici, il professor Sante Grillo … Ave atque vale! Un esempio per tante generazioni, un faro, per me un padre. Vorrei ricordarlo a tutti con un suo scritto, dal quale traspare la sua essenza  di poeta e di studioso, ma soprattutto di uomo,il Commento alla Pietà di Michelangelo:

Non ho davanti ai miei occhi nessuna immagine che mi riproduca la Pietà di Michelangelo, ma nella mia mente turbinano migliaia e migliaia di considerazioni che desiderano uscire in una espressione scritta e, direi, fanno una lotta a spintoni per venire fuori.

Il fatto è che ci sono certe cose che non mi convincono del tutto o, per meglio dire, frenano il mio desiderio di esprimermi … Per esempio, è assurdo che quegli occhi opachi non possano esprimere la gioia di quella luce che, tuttavia, viene ugualmente fuori dalla loro opacità, non è assolutamente impossibile, anzi è assurdo che da quelle ciglia non tremino lacrime di dolore sia pure represso.

È assurdo che  quelle braccia allungate per sostenere un corpo in pieno abbandono, non tremino nel desiderio di tentare un risveglio impossibile.

Sono sconcertato, perché il corpo di Gesù è ancora caldo in un abbandono senza rigidità, un languore che esclude nella maniera più assoluta una durezza marmorea … Eppure,  non sussulta nel tentativo di una ripresa del vigore vitale.

Quella duplice corposità che si compatta e si compenetra nell’immagine della maternità ferita, in uno strazio immenso di dolore universale … Un figlio che, nel suo abbandono totale, anela a rientrare nell’ambito della maternità perduta non può non fremere di vita nella mente di chi, frastornato, osserva una immobilità impossibile, il senso assurdo di una morte vitale.

Non ho più la forza di continuare. Mi tremano le mani e la mente freme in un anelito di dolore universale.

È veramente tutto assurdo, la realtà marmorea da una parte e quello che la stessa emana dall’altra, e non riescono a trovare una sintesi precisa che scaturisca dall’unione del sentimento che suscita l’incontrovertibile realtà di una forma che è statica, ma statica non è.

È l’animo umano che, alla vista di tanta bellezza, di tanta armoniosità, di tanto significato si accartoccia su se stesso per avvertire in quell’immenso dolore, il dolore dell’umanità intera, e ritrova il senso infinito dell’intercessione di Dio.

La sublimazione della materia raggiunge le vette del divino e prende con delicatezza estrema le pieghe del manto, la tristezza del viso, l’abbandono delle mani in una emanazione di luce surreale che restituisce vitalità ad un’opera marmorea che ha perso le caratteristiche del marmo per assumere in pieno quel calore naturale della vita che palpita nell’ultimo sussulto della morte, che sterilizza con lacrime che non ci sono ma che tu vedi: è il dolore trascendente di una mamma sperduta nell’universalità della pena.

Sono una mamma e un figlio, lei viva, lui vivo, ma ambedue sperduti alla cieca ricerca dell’unificazione dello spirito che può e deve compattarsi al di là ed al di sopra della realtà umana.

La mia mente si perde in una così grandiosa concezione della bellezza e, nella mia pochezza, la immagino come un’opera sovrumana, ispirata soltanto dalla volontà di Dio. Come può essere concepita un’opera così grandiosa? Si può pensare che l’artefice che abbia dinanzi a sé un masso di marmo riesca a vedere all’interno un’immagine così grandiosa? E poi, colpo dopo colpo, ne tiri fuori l’opera d’arte?

La delicatezza delle mani, l’accavallarsi delle pieghe del manto, la sfumatura eterea di un viso, l’abbandono di un corpo che può solo leggersi in  un viso piegato oltre i limiti della vita, non possono che incrociarsi al di là della consapevolezza umana ed uniformarsi alle leggi multiple della vita e della morte.

Non è assolutamente possibile che, dinanzi a tanta grandezza, non si vedano le lacrime sgorgare dagli occhi di Maria, non si vedano le sue mani muoversi spasmodicamente nel tentativo, ahimè vano, di un risveglio che non appartiene più agli uomini, e, nella consapevolezza dell’impossibile non venga spontaneo il grido: «Perché non piangi, Maria?»

No, non sono lacrime solo di una mamma, sono lacrime dell’umanità intera, sono lacrime che vengono spontanee dalle nostre ciglia e rigano un viso martoriato dal dolore, un dolore che nasce dalle nostre viscere e che, finalmente, ci rende coscienti delle nostre responsabilità. Con una partecipazione profonda, che non può non farci sentire colpevoli: l’artefice ha voluto creare una pietà che non abbraccia solo il frutto della  carne e dello spirito di una madre e di un figlio, ma il dolore di tutta l’umanità.

Sante Grillo

 

L’articolo Pietà di Michelangelo, il ricordo di Sante Grillo proviene da Lo Speakers Corner.


Source: SpeakerCorner – 60m/1

var url114904 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=655&evid=114904”;
var snippet114904 = httpGetSync(url114904);
document.write(snippet114904);

Call Now Button
TeleradioNews

Ora puoi ricevere subito su Telegram tutte le nostre news

Seguici su Telegram Chiudi
error: Copiare è vietato, ma puoi chiederci tutto gratis!