Google+

Archive for the Attualità Category

***PIGNATARO MAGGIORE ESTORSIONE AGLI IMPRENDITORI***Condanne pesanti per il 26enne Vincenzo Sellitto e il 46enne Antonio Cuccari

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il Sellitto condannato alla pena di anni sei di reclusione ed alla multa di euro seimila ed il Cuccari alla pena di anni cinque e mesi sei di reclusione ed alla multa di euro seimila…
Il 7 agosto del 2014 i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Capua eseguivano un decreto di fermo emesso dalla D.D.A. – Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, a firma del Dott. Antonio D’Amato, di SELLITTO Vincenzo, classe ’88 e CUCCARI Antonio, classe ’68, riconducibili alla criminalità organizzata locale di tipo camorristico, con riferimento specifico alla famiglia “LIGATO- LUBRANO” ed al clan “dei Casalesi”, per tentata estorsione in concorso, aggravata dal metodo mafioso.Il provvedimento scaturiva da risultanze investigative svolte dai militari del Nucleo operativo e Radiomobile del citato Comando Compagnia, unitamente a quelli delle Stazioni Carabinieri di Pignataro Maggiore e Vitulazio, emerse a seguito delle denunce presentate da tre distinti imprenditori, animati dalla voglia di non sottostare alle leggi “camorristiche” e fiduciosi dell’operato delle istituzioni. Questa mattina, a distanza di soli sei mesi il GIP del Tribunale di Napoli Dott.ssa Amelia Primavera ha emesso sentenza di condanna nei confronti dei citati. In particolare il Sellitto Antonio alla pena di anni sei di reclusione ed alla multa di euro seimila ed il Cuccari Antonio alla pena di anni 5 e mesi sei di reclusione ed alla multa di euro seimila.
LEGGI LA VICENDA…

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***PIGNATARO MAGGIORE ESTORSIONE AGLI IMPRENDITORI***Condanne pesanti per il 26enne Vincenzo Sellitto e il 46enne Antonio Cuccari.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

TEANO. Investì e per poco non ammazzò tre bambini. Condannato il 38enne Giovanni Schiavone ad un anno e dieci mesi di reclusione.

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

L’incidente avvenne il 21 marzo del 2012. Tre bambini ricoverati in tre diversi ospedali. Il conducente era sotto l’effetto di droga e alcol e perse il controllo della sua Lancia bianca… 
E’ stato condannato ad un anno e dieci mesi di reclusione, Giovanni Schiavone, 38enne di Santa Maria Versano, frazione di Teano che causò il terribile incidente verificatosi in località Cipriani, il 21 marzo del 2012, allorquando furono investiti tre bambini e il più grave fu trasferito all’ospedale Santobono di Napoli. Al volante lo Schiavone, all’epoca dei fatti trentacinquenne. Il grave fatto di cronaca che sconvolse la piccola comunità di Cipriani si verificò intorno alle ore 18,00. Un gruppo di amici, quasi tutti tredicenni, stava facendo una passeggiata in bicicletta lungo la strada provinciale che attraversa la località dove abitano con le loro famiglie. I bambini furono improvvisamente travolti da un’auto, una Lancia di colore bianco, che sopraggiungeva ad alta velocità. L’automobilista probabilmente non li aveva proprio notati, frenando troppo tardi e investendo in pieno i piccoli amici. Al volante della vettura c’era Schiavone, residente nella frazione di Santa Maria Versano, il quale subito dopo l’urto scese dell’auto in stato confusionale e di shock. Atroce la scena immediatamente successiva all’incidente, sul selciato rimasero tre bambini feriti e purtroppo non in maniera lieve. Il caso che appariva subito più grave era quello della bambina più piccola del gruppo, Martina G. di 12 anni, che riportò numerose fratture alle gambe, alle costole e i sanitari temendo per delle possibili emorragie interne disposero il necessario trasferimento all’ospedale Santobono di Napoli. Per quanto riguardava la situazione degli altri due bambini, ovvero Mario C. e Alessio L. entrambi 13enni, furono trasportati nei vicini ospedali di Sessa Aurunca e Piedimonte Matese. Uno dei due se le cavata con pochi giorni di prognosi e l’altro invece giunse nel presidio ospedaliero con un trauma cranico. Sul posto sono intervennero gli operatori del 118 di Teano, che Immediatamente si prodigarono nel prestare le prime cure ai ragazzi. Intervennero anche i carabinieri della locale stazione, gli agenti della polizia municipale e la polizia stradale di Caianello. Le forze dell’ordine si occuparono dei rilievi per ricostruire la dinamica dell’accadimento. Ed ora la vicenda ha avuto il suo epilogo con la condanna del 38enne Schiavone ad un anno e dieci mesi di carcere

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: TEANO. Investì e per poco non ammazzò tre bambini. Condannato il 38enne Giovanni Schiavone ad un anno e dieci mesi di reclusione..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

PIEDIMONTE MATESE. Arrestato il 35enne Fabio Pacifico appartenente al clan Sarno -Mazzarella. Si faceva curare in città sotto falso nome

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Il blitz della Squadra Mobile è scattato stamani alle sei. Neanche il personale della struttura era a conoscenza della vera identità del boss…
Nella mattinata odierna, alle ore 6.00, circa, in Piedimonte Matese, personale della Polizia di Stato ha proceduto all’arresto di Fabio Pacifico 35enne (nella foto), pregiudicato, poiché destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Napoli in esecuzione alla sentenza definitiva della Corte di Assisi di Appello del 24.10.2012 di 5 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso. Il 35enne è stato rintracciato, a seguito di una intensa attività info investigativa, da personale delle Squadre Mobili di Napoli e Caserta all’interno di una struttura sanitaria privata ove era ricoverato, sotto falso nome, per un problema di natura ortopedica. Pacifico era irreperibile dal 19 agosto 2014, data in cui si è allontanato, in permesso, dalla Casa Circondariale di Taranto ove era già ristretto per altra causa in espiazione di pena definitiva, lo stesso era contiguo al clan Sarno – Mazzarella.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Arrestato il 35enne Fabio Pacifico appartenente al clan Sarno -Mazzarella. Si faceva curare in città sotto falso nome.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

CAIAZZO. La città si prepara ad accogliere migliaia di visitatori in occasione delle giornate Fai. E domenica appuntamento in piazza Santo Stefano con tutti gli organizzatori e collaboratori

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Presto saranno resi noti dal FAI i siti d’interesse destinati alle visite e sarà reso noto anche il programma ufficiale che sta per essere definito dall’amministrazione comunale…
Grande entusiasmo a Caiazzo tra la popolazione per le giornate FAI del 21 e 22 marzo 2015. L’orgoglio caiatino non si è fatto attendere per cui tanta gente si sta riunendo per darsi da fare, si stanno formando gruppi di lavoro per tirare a lucido il Borgo Antico dove è previsto l’arrivo di migliaia di visitatori. Vogliono fare bella figura i Caiatini ed hanno ragione perché è un punto di orgoglio essere stati scelti dal FAI per le giornate di primavera. Presto saranno resi noti dal FAI i siti d’interesse destinati alle visite, presto sarà reso noto il programma ufficiale che sta per essere definito dall’amministrazione comunale. Si annunciano tante sorprese anche se niente trapela dal Palazzo poiché tutto deve essere concordato con la delegazione casertana del FAI. Ma ciò che sta accadendo a Caiazzo ha dell’incredibile. I cittadini si sono armati di scope, detersivi, ramazze e quant’altro necessario per ripulire i caratteristici vicoli di Caiazzo, i monumenti, gli spazi verdi. Si piantano fiori, si defiggono manifesti, si abbelliscono balconi. Per meglio organizzare il lavoro è nato su facebook il gruppo di lavoro per le giornate FAI del 21 e 22 marzo a Caiazzo dove ognuno può dare la propria disponibilità di tempo, per svolgere piccoli lavori. Una sorta di banca del tempo a favore della Città di Caiazzo. Gli organizzatori si sono dati appuntamento in Piazza Santo Stefano per Domenica 1° Marzo alle ore 10,00 per fare un piano di lavoro. Caiazzo, siamo sicuri, ce la farà e darà accoglienza a tutti con la squisita ospitalità di sempre.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. La città si prepara ad accogliere migliaia di visitatori in occasione delle giornate Fai. E domenica appuntamento in piazza Santo Stefano con tutti gli organizzatori e collaboratori.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

***GIOIA SANNITICA. CHE BARZELLETTA!!!*** Vogliono rilanciare i Beni Architettonici locali e non invitano il sindaco al convegno. Ma probabilmente si tratta di una vera e propria passarella politica per Gennaro Oliviero & C.

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Ma dove mai si è visto che uno organizza una festa in un locale e non invita il titolare, lasciando al cameriere fare gli “onori di casa”??? Questo è il paradosso o se volete il senso del convegno per come è stato organizzato. Cari elettori ed elettrici… accorrete in massa!!!
Da qualche giorno circola sul web la notizia che domani a Gioia Sannitica si svolge un convegno avente come tema il rilancio dei beni culturali e lo sviluppo locale. Orbene, leggendo alcuni passaggi del comunicato, che pubblichiamo a margine, si evince che nel Comune di Gioia si vorrebbero rilanciare i beni locali, ma senza che il sindaco o qualche assessore comunale, ovvero chi esercita l’azione amministrativa in paese, sia stato invitato. Il primo cittadino Michelangelo Raccio, tra il serio ed il faceto ci spiega che lui ha avuto la notizia dal consigliere regionale Gennaro Oliviero (foto a dx), “guest star” del pomeriggio di domani il che, se è lecito ancora oggi esprimere un’idea, dopo aver abbandonato il Partito Socialista per essere accolto dal Partito Democratico (Pina Picierno –foto a sx) in pompa magna, lascia intendere che si tratta di una semplice passarella politica per chiedere “li voti”. Nel programma si legge anche che interverrà il consigliere provinciale Domenico Ragozzino, “la volpe del Monte Maggiore”, ed il componente del Cda della Società “Laocoonte S.c.p.a.” Marcellino Iannotta. Sarebbe bello conoscere da questi ultimi due le attività poste in essere, per quanto nelle loro rispettive competenze, negli ultimi anni, Ragozzino alla Provincia, sebbene in minoranza e Iannotta nella società mista pubblica -privata che si occupa appunto della tutela dei beni architettonici. Aspetteremo, vanamente, ma aspetteremo. Intanto per dovere di cronaca ecco il misterioso comunicato che circola sul web.
“””Tutto pronto per Sabato 28 febbraio, ore 17.00, per l’Evento “Beni Culturali@Sviluppo Locale”: Proposte e iniziative tese al recupero e alla valorizzazione dei Centri Storici, dei Beni Architettonici e Ambientali dei Comuni dell’Alto Casertano, che si svolgerà all’interno del noto locale Borgo Antico, ubicato presso il Comune di Gioia Sannitica. Un’importantissima iniziativa promossa dal Gruppo Consiliare del Partito Democratico in Regione Campania che vede la partecipazione dei Sindaci e degli Amministratori Locali dei Comuni dell’Alto Casertano. A fare gli onori di casa, con i saluti istituzionali, il Dott. Giuseppe Gaetano, Consigliere Comunale di Gioia Sannitica, capogruppo del Movimento cittadino “Uniamo Gioia”. Modera e coordinerà i lavori del dibattito, l’Architetto Mariano Nuzzo. Interverranno, il dott. Marcellino Iannotta, componente del Cda della Società “Laocoonte S.c.p.a.”, il dott. Domenico Ragozzino, consigliere della Provincia di Caserta e il Consigliere Regionale della Campania del Pd, On.le Gennaro Oliviero. Le conclusioni sono affidate all’On.le Pina Picierno, europarlamentare del Partito Democratico.”””

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***GIOIA SANNITICA. CHE BARZELLETTA!!!*** Vogliono rilanciare i Beni Architettonici locali e non invitano il sindaco al convegno. Ma probabilmente si tratta di una vera e propria passarella politica per Gennaro Oliviero & C..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

PIEDIMONTE MATESE. “Non abbiamo accesso al Cimitero per quattro alberi caduti ad inizio di questo mese e giacciono ancora là!” LA LETTERA

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Ci scrive una signora di Piedimonte Matese, alla quale, purtroppo, è deceduto anche un familiare caro a metà di febbraio e non può accompagnare i suoi bambini al Cimitero perchè vogliono visitare la tomba, in quanto è ancora “off limits”. E intanto emerge che gli alberi presenti nel luogo sacro sono stati potati solo dal compianto assessore Renato Bellini, unico a curarne il giardinaggio  e siamo agli anni 90’!!!
Il Cimitero di Piedimonte Matese, in alcune zone è ancora off limits per via degli alberi caduti a causa del forte vento spirato agli inizi di questo mese. Gli alberi infatti sono ancora li, in attesa che una gara di appalto stabilisca chi deve rimuoverli. Ma le vicende cimiteriali sono annose e basti pensare, come abbiamo appurato da una fonte ineludibile, che l’unica persona che si è occupata negli anni 90′ di far fare una seria potatura e una vera e propria opera di giardinaggio nel luogo sacro, è stato il compianto Alberto Bellini (nella foto), all’epoca dei fatti amministratore comunale con delega al verde pubblico e cimitero. Bellini era noto per la sua solerzia, amore per il suo paese e soprattutto cura, tanta cura e dedizione che poneva al verde pubblico, tanto che Piedimonte Matese in quei tempi era un vero e proprio giardino che veniva invidiato da tutti. Dopo Bellini, il vuoto assoluto. Ed è così che una signora matesina, ci scrive queste poche ma sentite righe, per descrivere lo stato attuale del Cimitero matesino.
“””Cara redazione non so se siete al corrente che il cimitero di Piedimonte Matese e chiuso al pubblico da un mese, per il problema del forte vento di inizio febbraio che ha fatto cadere delle piante, è una vergogna il cimitero chiuso da un mese per un paia di alberi da togliere, per me deve essere la ditta che ha la manutenzione del cimitero a toglierli. Purtroppo non e cosi a quanto pare. Si sono presentate diverse ditte adesso bisogna aspettare questa gara di appalto. Almeno questo e quel che dicono… Questo cimitero di Piedimonte deve sempre distinguersi dagli altri! Il 19 febbraio e morto mio nonno, ho due figlie di cinque e sette anni che erano legatissime a lui ed è molto difficile dare delle spiegazioni e scuse tutti i giorni a loro che non e possibile andarlo a trovarlo al cimitero, spero che forse con qualche articolo da parte vostra possiate fare qualche cosa…grazie!”””
LETTERA FIRMATA

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. “Non abbiamo accesso al Cimitero per quattro alberi caduti ad inizio di questo mese e giacciono ancora là!” LA LETTERA.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

***MIGNANO MONTELUNGO***Aggredisce capotreno e si scopre che aveva anche un ordine di carcerazione. Arrestato un 62enne nullafacente

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

L’uomo è stato fermato alla Stazione di Cassino, ove il treno di Mignano è giunto. La Polizia ha fatto le interrogazioni al terminale e risultava che doveva scontare tre mesi di carcere per atti osceni in luogo pubblico…
Lo hanno fermato perché sospettato e di aver aggredito un capotreno sulla tratta ferroviaria Mignano Montelungo – Cassino ed hanno scoperto che su di lui pendeva un ordine di carcerazione di tre mesi, ordine emesso dal tribunale di Firenze per atti osceni commessi in Toscana in 21 luglio 2009. Si tratta di un 62enne di Napoli fermato dagli agenti della Polfer di Cassino comandata dall’ispettore Marisa Di Fruscio perché rispondeva alla descrizione di un uomo che aveva aggredito un capotreno a Mignano Montelungo. Portato in ufficio e identificato, gli è stata notificata l’ordinanza ed è stato quindi arrestato. Inoltre è fortemente indiziato dell’aggressione al capotreno.

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: ***MIGNANO MONTELUNGO***Aggredisce capotreno e si scopre che aveva anche un ordine di carcerazione. Arrestato un 62enne nullafacente.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

CAIAZZO. Protocollo di intesa tra il Comune e l’Associazione Pro Loco. Si lavora in tandem per il progetto “I Piatti Tipici del Medio Volturno”

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

L’amministrazione presta grande attenzione “allo sviluppo turistico e culturale e sviluppa azioni mirate al rafforzamento dell’identità territoriale…” ha dichiarato il sindaco Tommaso Sgueglia…
Protocollo d’intesa tra il Comune e la Pro Loco per la realizzazione e lo sviluppo futuro del progetto “I Piatti Tipici del Medio Volturno”, giunti quest’anno alla sua quinta edizione e promosso come sempre dall’associazione presieduta da Nino Marcuccio, unitamente al coordinamento territoriale delle Pro Loco dislocate negli 11 comuni del comprensorio del Monte Maggiore in sinergia con altri enti, istituzioni e associazioni a carattere locale e provinciale. Con atto deliberativo adottato nei giorni scorsi, la giunta presieduta dal sindaco Tommaso Sgueglia (nella foto) ha approvato la bozza di accordo “per realizzare attività di sviluppo del territorio e delle sue risorse culturali, turistiche, folcloristiche, ambientali e della tradizione”. L’amministrazione presta grande attenzione “allo sviluppo turistico e culturale e sviluppa azioni mirate al rafforzamento dell’identità territoriale, – dichiara il primo cittadino – alla salvaguardia del territorio, alla valorizzazione del patrimonio artistico e storico ed al recupero delle tradizioni popolari, fattori strategici della valorizzazione della Città”. L’ente di piazzetta dei Martiri Caiatini, tra l’altro, da molti anni lavora in sinergia con la Pro Loco in progetti di sviluppo dell’offerta turistica e di valorizzazione delle produzioni artigianali ed enogastronomiche, e, più in generale, nelle attività culturali. Lo schema di intesa stabilisce i rapporti tra Comune e associazione partendo dalle comuni finalità istituzionali, fra le quali la promozione del turismo e della cultura in armonia con gli ordinamenti della Regione Campania; la promozione e la tutela della natura e dell’ambiente, dei beni culturali e artistici legati al turismo, anche sociale e scolastico; la promozione del territorio e delle sue peculiarità naturali, artistiche, storiche, culturali e folcloristiche; la promozione e realizzazione di corsi di formazione professionale, di sostegno alle attività didattiche delle scuole e di altre agenzie formative nel campo dell’istruzione pubblica e della cultura. Inoltre, la comune collaborazione ha come fine ultimo quello di valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio turistico e culturale legato principalmente ad aspetti ambientali, artistici, storici, folclorici, artigianali, essendo l’intesa finalizzata ad attivare azioni sinergiche per l’ottimale utilizzo di tutte le risorse umane e finanziarie disponibili.

Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: CAIAZZO. Protocollo di intesa tra il Comune e l’Associazione Pro Loco. Si lavora in tandem per il progetto “I Piatti Tipici del Medio Volturno”.

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

PIEDIMONTE MATESE. Prepensionamento in vista per ulteriori otto dipendenti interni della Comunità Montana del Matese.

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

“Lo scopo principale di tale ridimensionamento della dotazione organica dell’ente – spiega il presidente della Comunità Montana, Fabrizio Pepe – è quello di comportare, per l’anno 2015 e per l’anno 2016, e per ogni anno a venire, un consistente risparmio delle spese dovute per il personale che viene valutato in 280 mila euro per il 2015, ed in 416 mila e passa euro per il 2016, con un risparmio a regime, a partire dal 2017, pari a 548 mila euro”. 
Prepensionamento in vista per ulteriori 8 dipendenti interni della Comunità Montana del Matese. In aggiunta ai primi 18 amministrativi dichiarati in esubero nei mesi scorsi tanto da avviare per loro il collocamento anticipato a riposo grazie alla recente normativa in materia e relativa alla possibilità di prepensionare i dipendenti della pubblica amministrazione, la giunta esecutiva presieduta da Fabrizio Pepe ha dichiarato altre 8 unità di personale in eccedenza così da mandarle in pensione prima dei termini normalmente previsti, al fine di consentire all’Ente montano un risparmio economico non indifferente. Stante la incapienza delle risorse correnti rispetto al complessivo costo del personale, l’Ente sta provvedendo gradualmente a dichiarare i dipendenti in esubero tra coloro che maturano il diritto alla pensione entro il 31 dicembre del prossimo anno, pur non potendo ancora dirsi realizzato il superamento dello squilibrio di Bilancio tra il Titolo primo delle spese e secondo delle entrate. Un risparmio che dovrebbe superare il milione e mezzo di euro nel prossimo triennio, così da fronteggiare la particolare situazione finanziaria che vive l’ente montano, cui sono mancati a partire dall’anno 2010 i fondi dello Stato con i finanziamenti dovuti dalla Regione Campania di fatto sempre insufficienti ancora oggi al pagamento delle spettanze dovute al personale di ruolo dell’Ente, in debito verso i suoi dipendenti di diverse mensilità arretrate, più le dovute indennità retroattive, i buoni pasto, la produttività collettiva e individuale. Ne deriva, quindi, un’enorme difficoltà non solo nella stesura dei Bilanci annuali di previsione, ma addirittura ad uno scompenso enorme tra spesa per il personale e spesa corrente, che risulta pari circa il 90%, inversamente da come invece sancito e disposto dalla legge per la quale gli Enti locali dovrebbero avere una incidenza del personale pari o inferiore al 50% delle spese correnti. Una straordinarietà che giustifica il ricorso alla deroga al nuovo regime pensionistico introdotto dalla riforma Fornero, per ragioni di razionalizzazione e contenimento della spesa atteso che la Comunità Montana dispone attualmente di 44 dipendenti, e per 26 di loro può essere attivato lo strumento del prepensionamento mediante la dichiarazione di eccedenza, essendo essi in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi necessari, così come concordato all’unanimità e condiviso dal presidente Pepe, dal segretario generale e dai rappresentanti sindacali provinciali di Cisl, Cgil e Uil in una riunione svoltasi a metà luglio scorso. “Lo scopo principale di tale ridimensionamento della dotazione organica dell’ente – spiega Pepe – è quello di comportare, per l’anno 2015 e per l’anno 2016, e per ogni anno a venire, un consistente risparmio delle spese dovute per il personale che viene valutato in 280 mila euro per il 2015, ed in 416 mila e passa euro per il 2016, con un risparmio a regime, a partire dal 2017, pari a 548 mila euro”. 
Enzo Perretta

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PIEDIMONTE MATESE. Prepensionamento in vista per ulteriori otto dipendenti interni della Comunità Montana del Matese..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

PONTELATONE. Spese al geologo non pagate. Condannato il Patron del Caseificio “La Baronia” Alfonso Cutillo a risarcire i danni.

Posted on Febbraio 27, 2015 by

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Cutillo è stato citato in veste di sindaco pro tempore di Pontelatone. In ogni caso ha proposto appello alla sentenza e l’udienza si svolgerà il prossimo 4 giugno 2015 a Napoli… 
Non pagò il geologo che fece delle indagini sul territorio di Pontelatone, quando ne era sindaco, ed è stato condannato a risarcire i danni. Questa la vicenda che vede coinvolto il Patron del Caseificio “La Baronia”, Alfonso Cutillo (nella foto), occorsa nel lontano 2003. Ma andiamo con ordine. Il 25 agosto del 2011, pervenne al Comune di Pontelatone, atto di citazione innanzi al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, promosso, a mezzo dello studio legale Astianatte De Vincentis con sede in Caserta – Corso Trieste 41, per conto del geologo dr. Franco Antonio Criscione di Vitulazio, concernente la richiesta di pagamento delle spettanze professionali dovutegli per l’espletamento dell’incarico conferitogli con delibera di Giunta comunale del 29 luglio 2003 numero 91, per la effettuazione di una indagine geologica a corredo di una proposta di variazione al Piano Regolatore Generale vigente, a seguito della individuazione di un’area da destinare a nuova zona omogenea C – Area P. E. E. P. nella frazione Treglia. Si celebrarono diverse udienze sia nel 2011, sia nel 2012 e sia nel 2013, fin quando il Tribunale, con ordinanza depositata il 5 giugno 2013, dichiarava la nullità della notifica dell’atto di citazione nei confronti del Comune, orinandone la rinnovazione, e fissando per il prosieguo l’udienza del 20 dicembre 2013 Fu quindi autorizzato il sindaco pro tempore a costituirsi nel giudizio in questione innanzi al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere conferendo incarico all’Avv. Bruno Giannico, per la difesa del Comune nel giudizio suddetto promosso. Ci fu quindi una sentenza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere pubblicata il 24 ottobre del 2014, con la quale si disponeva la condanna dell’ex sindaco pro tempore, sig. Alfonso Cutillo attuale Patron del Caseificio “La Baronia”, al pagamento della somma di 23mila e 300 euro, oltre agli interessi legali, spese legali ed accessori per le competenze professionali del geologo dr. Franco Antonio Criscione. Il Cutillo però, ha proposto atto di appello, rappresentato e difeso dall’avv. Giuseppe Monaco, avverso la sentenza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che lo aveva condannato a risarcire i danni, diretto ad ottenerne l’annullamento e/o la riforma, previa sospensione dell’efficacia, con il quale il Comune di Pontelatone è citato per l’udienza del 4 giugno prossimo. Pertanto il Comune di Pontelatone, per tutelare anche e soprattutto gli interessi dello stesso Ente, ha ritenuto necessario costituirsi tempestivamente nel suddetto giudizio di appello rinnovando l’incarico conferito in primo grado all’avv. Giannico Bruno di Caserta, stabilendo 1900 euro lordi per il suo compenso.
LA FONTE DELLA NOTIZIA

(News elaborata – archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© www.teleradionews.org © Tutti i diritti riservati © info@teleradionews.org

Original article: PONTELATONE. Spese al geologo non pagate. Condannato il Patron del Caseificio “La Baronia” Alfonso Cutillo a risarcire i danni..

(News archiviata in @TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Continue Reading

© 2015 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 79 queries, 1,596 seconds.