Category Archives: Caserta e Sannio

Limatola (BN). Festeggiamenti ‘regali’ in limousine per i (primi) 18 anni di Jessica Ciancio: ‘la più bella’

Hanno preparato una sequenza di festeggiamenti degni di una principessa

Motospazzatrice in funzione a San Nicola la Strada anche nelle domeniche ferragostane

SAN NICOLA LA STRADA – Nell’ambito delle iniziative concordate con l’amministrazione comunale e facenti parte del Capitolato d’Appalto relativamente alla raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani vi è anche la pulizia delle strade cittadine da parte della DHI. Ma vederne una in servizio anche la domenica successiva alla giornata di giovedì 15 agosto, Ferragosto, è stata una piacevole sensazione.

Si perché secondo le cosiddette “Leggende Metropolitane” a ferragosto tutti i servizio vanno “a scartamento ridotto”. Così non sembra a San Nicola la Strada grazie soprattutto al quotidiano lavoro del Sottufficiale del Corpo della Polizia Municipale, Giovanni Ferrante che, da diversi anni, è stato demandato ad interessarsi dell’Ambiente cittadino a fianco degli operatori ecologici ed autisti della DHI.

Al fine di garantire una maggiore pulizia delle strade, anche e soprattutto nel periodo feriale, la motospazzatrice è assolutamente necessaria ed indispensabile. La motospazzatrice in funzione questa domenica ha operato in Via Pertini, Via Saragat, Parco SCCAC, Galoppatoio lato Ovest. Un plauso alle maestranze ed al Vigile Giovanni Ferrante.

L’articolo Motospazzatrice in funzione a San Nicola la Strada anche nelle domeniche ferragostane proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Caserta. Messa nel duomo lunedì 19 agosto in memoria di Teresa Musco, a 43 anni dal trapasso

Nel quarantatreesimo anniversario della sua nascita al cielo,

34enne di Castel Volturno investito da una BMW X6 mentre porta a spasso il figlio muore sul colpo

CASTEL VOLTURNO – Giorgio GALIERO, 34enne di Castel Volturno, nel corso della serata di sabato, 17 agosto 2019, aveva portato il suo piccolo figliolo a fare una passeggiata. Mentre erano sul ciglio della strada in Via delle Acacie, una potente autivettura, una BMW X6, con targa di nazionalità polacca, ha investito sia lui che il figlio di appena 6 anni.

L’impatto è stato talmente violento che il 34enne è deceduto sul colpo, mentre per un miracolo il figlio è uscito illeso dall’incidente, ma ha comunque visto suo padre morire. Sarà un dramma che il piccolo porterà con sé, con quali traumi al momento nessuno è in grado di affermarlo.

Il giovane Giorgio Galiero è stato immediatamente soccorso grazie anche all’intervento di un’ambulanza del 118 della Clinica Pinetamare ma, giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del padre di famiglia.

L’auto ed il suo conducente non si sono fermati a soccorrere l’uomo ed il figlio, preferendo, invece, scappare. Gli uomini delle FF.OO. intervenuti avrebbero in mano molti indizi che fanno presumere che per l’omicida e la sua auto le ore siano contate. Per lui si profila l’arresto per omicidio stradale ed omissione di soccorso.

L’articolo 34enne di Castel Volturno investito da una BMW X6 mentre porta a spasso il figlio muore sul colpo proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

“FERRAGOSTO SICURO” DA PARTE DEI CARABINIERI IRPINI

AVELLINO – In occasione della festività di Ferragosto i Carabinieri del Comando Provinciale e del Gruppo Carabinieri Forestali di Avellino hanno attuato sull’intera provincia ed in particolare nelle aree solitamente meta di numerosi turisti ed escursionisti, un importante spiegamento di forze volto sia al contrasto dei fenomeni predatori e di illegalità in genere – soprattutto considerando che molte abitazioni sono rimaste incustodite per l’assenza dei proprietari impegnati in gite fuori porta o per vacanze in località balneari – sia in particolare alla tutela dell’incolumità degli utenti delle strade rese sicuramente più caotiche per la presenza di numerosi turisti che hanno affollato non poche località della provincia ed in particolare l’altopiano del Laceno, la Valle del Sele e la zona del serinese, anche in occasione delle svariate cerimonie religione e kermesse che si sono svolte in Irpinia.

Infatti sono stati implementati i servizi di perlustrazione con posti di controllo e posti di blocco, nel corso dei quali sono stati effettuati numerose perquisizioni, assicurando un dinamico e capillare presidio su tutta la provincia. Particolare attenzione è stata riposta al controllo degli obiettivi sensibili nonché agli esercizi commerciali, ai luoghi di culto ed ai soggetti sottoposti a misure di prevenzione e sicurezza. Inoltre, considerato il notevole incremento della circolazione, importantissimo è stato anche il servizio svolto per la sicurezza stradale, in modo particolare sulle principali arterie, ancora troppo spesso teatri di gravi incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente tristi dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto alle norme del Codice della Strada.

Un massiccio servizio straordinario, denominato “Ferragosto Sicuro”, che ha visto in campo circa 700 Carabinieri, impegnati nei grossi centri così come nelle aree rurali. Complessivamente sono stati attuati oltre 350 di servizi di pattuglia e perlustrazione. Sono circa 1.500 i veicoli e più di 2.000 le persone controllate, delle quali 4 tratte in arresto e 25 deferite in stato di libertà. 11 le patenti ritirate o sospese per violazioni alle norme del codice della strada e 10 i veicoli sottoposti a sequestro o fermo per le irregolarità riscontrate.

Nel pomeriggio e nella serata di ieri, i controlli alla circolazione stradale hanno riguardato principalmente le guide in stato di alterazione psicofisica: 3 i casi con un tasso alcolemico superiore al limite consentito, circostanza che ha determinato oltre alla sospensione della patente anche il sequestro del veicolo. 5 automobilisti sono stati sorpresi alla guida sprovvisti di patente perché mai conseguita o già ritirata per precedenti violazioni al C.d.S.. In 4 casi è stata accertata l’assenza della copertura assicurativa di veicoli.

Non è mancata in questi giorni anche una costante opera di assistenza agli utenti della strada da parte dei Carabinieri, sia in occasione dei rallentamenti dovuti al traffico in alcune aree della provincia, sia a seguito di lievi incidenti che soprattutto grazie all’immediato intervento delle pattuglie non hanno determinato più gravi conseguenze per l’integrità fisica delle persone coinvolte, consentendo contestualmente l’immediato ripristino delle condizioni viabilistiche, limitando al massimo i disagi per gli altri utenti. E non è mancata l’attenzione al contrasto ai reati in materia di stupefacenti che ha permesso di sequestrare principalmente cannabinoidi, e segnalare quale assuntori 9 soggetti, alcuni anche giovanissimi.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri della Compagnia di Montella sorprendevano in atteggiamento sospetto un 30enne di Pratola Serra ed un 33enne di Napoli, entrambi con a carico vicende di polizia, che, all’esito degli accertamenti, sono stati allontanati con Foglio di Via Obbligatorio.
Lieto fine per un 20enne della provincia di Salerno che, nel corso di un’escursione, perdeva l’orientamento tra la fitta vegetazione dei Monti Picentini: dopo qualche ora, preso dall’agitazione, effettuava una richiesta di soccorso, riuscendo ad inviare con un’applicazione del suo smartphone la propria posizione ed alcune foto dei luoghi circostanti, permettendo così di essere rintracciato dai Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino. Analoga sorte per una coppia di anziani coniugi casertani dispersi alle pendici del Monte Terminio, rintracciati con non poche difficoltà dai Carabinieri della Stazione di Chiusano San Domenico.

I Carabinieri della Compagnia di Montella (AV), nell’ambito del servizio “Ferragosto Sicuro” disposto dal Comando Provinciale di Avellino, hanno effettuato una serie di servizi tesi ad accertare anche eventuali violazioni da parte delle locali strutture ricettive.
In particolare, nell’ambito dei controlli i Carabinieri delle Stazioni di Nusco e Volturara Irpina hanno denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria i legali rappresentanti di due attività, ritenuti responsabili di “Omessa comunicazione delle persone alloggiate” nelle strutture stesse.

La norma violata è l’articolo 109 del T.U.L.P.S.: stabilisce che i gestori di strutture ricettive, comprese quelle che forniscono alloggio in tende, roulotte nonché i proprietari o gestori di case e di appartamenti per vacanze e gli affittacamere, ivi compresi i gestori di strutture di accoglienza, ad eccezione dei rifugi alpini inclusi in apposito elenco istituito dalla regione o dalla provincia autonoma, debbano comunicare giornalmente all’Autorità di Pubblica Sicurezza l’arrivo delle persone alloggiate, mediante consegna di copia della scheda o comunicazione, anche con mezzi informatici. I gestori che non provvedono alla comunicazione delle persone alloggiate sono soggetti all’applicazione dell’articolo 17 del T.U.L.P.S., norma che prevede l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro.

Inoltre, sempre nelle giornata di sabato, 17 agosto 2019, è stato tratto in arresto 50enne per violazione delle prescrizioni imposte dall’A.G.
Si sono, infatti, riaperte le porte del carcere di Avellino per un 50enne di Ospedaletto d’Alpinolo, già sottoposto alla detenzione domiciliare.
L’ordinanza di sostituzione della citata misura emessa dal Tribunale di Avellino, è scaturita a seguito di denuncia per evasione da parte dei Carabinieri della locale Stazione che, all’esito di controlli alternati, non lo trovavano presso il suo domicilio: la puntuale refertazione all’Autorità Giudiziaria ha fatto scattare l’emissione del citato provvedimento.

Successivamente alla notifica dell’ordinanza di sospensione provvisoria della detenzione domiciliare, il 50enne è stato tradotto alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino. Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

L’articolo “FERRAGOSTO SICURO” DA PARTE DEI CARABINIERI IRPINI proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Sunnammìsunà, a Cetara (SA) un festival di cantautorato a scopo benefico

SALERNO – Si svolgerà, il 22 agosto 2019, nell’incantevole location di Cetara (SA), la seconda tappa del Festival cantautorale Sunnammìsunà, dopo il successo della prima data salernitana della manifestazione svoltasi presso l’Arena del Mare il 17 luglio.

Sunnammìsunà è una manifestazione di interesse culturale a scopo benefico, volta al reperimento di fondi per l’acquisto di presidi sanitari destinati alla cura del neonato prematuro in terapia intensiva neonatale, presso l’A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. Tali presidi verranno acquistati grazie al supporto della ONLUS denominata “A Casa di Andrea – LVH”.

Il festival, nato da un’idea dei Vico Masuccio in partenariato con l’associazione culturale DeArt progetti di cui è presidente Anna Maria Fortuna e la ONLUS “A casa di Andrea”, sotto la direzione artistica di Massimiliano D’Alessandro, titolare di SoundClub Studio, studio di produzione musicale, vedrà la partecipazione dei progetti cantautorali più in vista sul territorio regionale e nazionale che insieme di esibiranno per questa causa molto importante.

Zibba, Esposito, Tony Borlotti e i suoi Flauers, Cosmorama, sono solo alcuni degli artisti che parteciperanno alla seconda tappa del festival. A dare il suo contributo artistico ci sarà anche il cantautore agropolese Luciano Tarullo attualmente impegnato nei concerti di promozione del suo ultimo album, “L’isola”:

«Sono molto felice di poter dare il mio contributo a questa causa così importante. Credo che noi musicisti, artisti in generale, seppur nel nostro piccolo possiamo fare molto per cambiare le cose, per rendere il futuro un po’ meno complicato di quello che purtroppo ci si prospetta. Siamo ogni giorno bombardati da notizie negative, da messaggi sbagliati. La musica è il mezzo di comunicazione più potente, perché è immediata, colpisce dritta al cuore e allo stomaco. Proprio per questo motivo deve ritornare a comunicare messaggio positivi e iniziative come queste rappresentano a pieno il concetto che ho appena espresso. Le persone che sono riuscite ad organizzare tutto questo sono davvero straordinarie, hanno un cuore grande. Mi impegnerò personalmente affinchè si possa organizzare una tappa di questo meraviglioso festival anche nel nostro Cilento, che ha bisogno di iniziative come questa».

Il Dipartimento Assistenziale Integrato Materno-Infantile dell’A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno è dotato di circa 140 posti destinati non soltanto a pazienti che necessitano di cure intensive neonatali, ma anche patologie legate all’oncoematologia pediatrica, alla gestione della salute del bambino in situazioni di emergenza sia medica che chirurgica. Pertanto, il lavoro svolto nella struttura è incentrato sulla cura e sul miglioramento della qualità di vita delle madri e dei bambini.

In questo ambito, quindi, si ritiene opportuno concentrarsi su quei bambini nati prematuri, che necessitano di interventi volti al sostegno dello sviluppo psico-motorio. Per quest’ultimo scopo, è necessaria l’acquisizione di adeguate strumentazioni sanitarie in grado di portare a compimento lo sviluppo del bambino nato prematuro, preservando la qualità di vita dello stesso.

L’articolo Sunnammìsunà, a Cetara (SA) un festival di cantautorato a scopo benefico proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

39enne, alla guida della sua macchina, colpito da malore muore sul colpo

Santa Maria C.V. Angelo Santagata, 39 anni stava guidando la sua auto, arrivato nei pressi dell’ Anfiteatro si e’ sentito male.

Il giovane si e’ fermato ma non e’ riuscito nemmeno a chiamare i soccorsi, si e’ accasciato al suolo ed e’ morto sul colpo.

Sul posto e’ arrivato il 118 ma i medici non hanno potuto fare altro che costatare il decesso.

L’articolo 39enne, alla guida della sua macchina, colpito da malore muore sul colpo proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Volge al termine la 22esima edizione della “Sagra degli antichi sapori” di Gioia Sannitica

GIOIA SANNITICA (CE) – Gran finale stasera, domenica 18 agosto 2019, per la Sagra degli Antichi Sapori, la rinomata kermesse enogastronomica, che si svolge a Gioia Sannitica, giunta alla 22esima edizione che ha già registrato sin qui diverse migliaia di presenze. Una settimana vissuta all’insegna del gusto quella che terminerà questa sera grazie all’impegno dei tanti soci e volontari della Pro Loco Gioiese che hanno saputo mettere tanti ingredienti per l’annuale vetrina dei prodotti tipici matesini, tra nuove pietanze del territorio, aziende che hanno concorso con i loro prodotti e la passione delle decine tra uomini e donne che hanno contribuito a rendere grande un evento di respiro regionale, capace di animare il lungo week-end di Ferragosto nel Matese e di deliziare i palati più esigenti di migliaia di visitatori, riversatisi nella comunità al confine con il vicino Sannio per gustare le pietanze locali preparate dalle massaie rigorosamente secondo ricette e usanze di un tempo.

Una lunga tradizione gastronomica locale che la rassegna gioiese mette in vetrina ogni anno, nella caratteristica piazza Giovanni Paolo II, retrostante la Casa Comunale, offrendo così ai tanti partecipanti che da anni affollano l’evento ed i turisti che accorrono dai centri maggiori tanto di Terra di Lavoro quanto del Sannio e dell’intera Campania, il piacere di assaggiare le pietanze di un tempo preparate dalle donne gioiesi così come hanno insegnato loro le rispettive madri e nonne.

Le prime cinque serate hanno fatto registrare diverse migliaia di presenze, praticamente il sold out con il centro gioiese trasformatosi nella capitale del gusto dell’intera Terra di Lavoro e del vicino Sannio con la preparazione di succulenti pietanze a base di prodotti della terra del Matese e delle migliori carni locali, curati dai tanti volontari della Pro Loco Gioiese presieduta da Tiziana Mennone; fino a domenica sera, i visitatori continueranno a deliziare i propri palati assaggiando pasta fresca fatta in casa, dagli gnocchi alle pappardelle, dagli scialatielli agli spaghetti alla chitarra, e a base del fungo porcino del Matese, con arrosti misti, trippa soffritto, melanzane ed i classici peperoni imbottiti, senza dimenticare la porchetta made in Gioia, gli abbuoti, gli spiedini, la carne di maiale con i peperoni, i salumi ed i formaggi tipici matesini, le pizze fritte di una volta preparate al momento e le bruschette di casa, il tutto condito dall’ottimo olio delle colline gioiesi e innaffiato dai vini locali, tra cui falangina, piedirosso, coda di volpe e pallagrello, e birra artigianale.

L’articolo Volge al termine la 22esima edizione della “Sagra degli antichi sapori” di Gioia Sannitica proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Don Donato Placentini “premiato” da Roberto Fiore: “A lui tessera di FN ad honorem”

ROMA – Non sono passate inosservate le parole di don Donato Placentini che a Sora, parlando dal pulpito in occasione della festa di San Rocco, ha ammonito coloro che vanno a soccorrere gli immigrati “con collane al collo e telefonini” ponendo l’accento sulla “nostra patria e sulle nostre città piene di persone che hanno bisogno e che si vergognano del loro stato di vita”.

Per lui Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, ha riservato un riconoscimento speciale: “Don Donato è uno dei tanti parroci e sacerdoti italiani che conosce la realtà. Ma è uno dei pochi che ha il coraggio di parlare. Per questo suo coraggio e per questa sua onestà, a lui offro la tessera ad honorem di Forza Nuova”.

L’articolo Don Donato Placentini “premiato” da Roberto Fiore: “A lui tessera di FN ad honorem” proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

La VolAlto 2.0 costretta a rescindere il contratto per problemi fisici con la schiacciatrice Francesca Marcon

CASERTA – A pochi giorni dall’inizio della preparazione per in prossimo campionato di volley femminile, un grossa tegola si è abbattuta sulla Golden Tulip VolAlto 2.0 Caserta ha dovuto rescindere il contratto con la schiacciatrice Francesca Marcon, classe 1983, a causa di problemi fisici della stessa. Ecco il testo del comunicato stampa diffuso: “Accordo consensuale su proposta della scuderia Saltini per l’annullamento del contratto della schiacciatrice Francesca Marcon. Il club VolAlto 2.0 augura all’atleta Marcon un veloce recupero. La dirigenza rosanero quindi è obbligata a tornare sul mercato per trovare una sostituta, a pochi giorni dal via ufficiale della preparazione nasce un problema inatteso per coach Cuccarini”.

Francesca Marcon è una pallavolista che ha nel palmares uno scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana e anche un trofeo internazionale, quella Coppa Cev conquistata con Busto Arsizio. Un’atleta che è in pianta stabile in A1 da ben 11 anni è stata protagonista anche con la Nazionale Italiana conquistando, nel 2009, la medaglia d’oro ai XVI Giochi del Mediterraneo. La carriera di Francesca Marcon inizia nel 1997 nella Spes Volley Conegliano, in Serie B2: con la squadra veneta resta per ben tredici stagioni consecutive, disputando per tre volte il campionato di Serie A2 e a partire dalla stagione 2008-09 quello di Serie A1; nel 2009 inoltre ottiene le prime convocazioni in nazionale.

Nella stagione 2010-11 viene ingaggiata dalla Futura Volley Busto Arsizio, in Serie A1, club con cui rimane per cinque annate vincendo nella stagione 2011-12 la Coppa CEV, la Coppa Italia e lo scudetto, e nella stagione 2012-13, la Supercoppa italiana. Nell’annata 2015-16 passa al River Volley di Piacenza, dove resta per due annate, mentre nella stagione 2017-18 si accasa al Volley Bergamo. Per il campionato 2018-19 ha vestito la maglia del Casalmaggiore, sempre in Serie A1 ed ora avrebbe dovuto rivestire quella della VolAlto 2.0 Caserta prima dell’inatteso stop forzato.

L’articolo La VolAlto 2.0 costretta a rescindere il contratto per problemi fisici con la schiacciatrice Francesca Marcon proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Call Now Button