“Ipersonnia”/Al Ricciardi incontro tra pubblico, registi e attori

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!

Ieri sera al Ricciardi è stato presentato in anteprima il film distopico “Ipersonnia” di Alberto Mascia. Purtroppo, complice forse il fatto che il film sia stato proiettato alle 21 in un giorno infrasettimanale, non c’è stato un folto pubblico. In questo caso, il notevolissimo sforzo del Ricciardi di offrire una programmazione di alto livello, favorendo l’incontro tra pubblico, attori e registi non ha prodotto l’esito sperato.

Presente in sala questa volta Tony Laudadio ,intervistato da Francesco Massarelli, che sul suo profilo Facebook ha commentato

Come mi piace fare le presentazioni con Tony Laudadio! E come mi piacciono le cose che fa lui. Ma stasera al Teatro Ricciardi di Capua i complimenti di entrambi sono stati tutti per Alberto Mascia che ci ha condotto in un intrigato ed affascinante labirinto della mente con il suo Ipersonnia, opera di esordio davvero molto interessante, che sfida le leggi del mercato per condurci in un mondo distopico dove la parola sicurezza è strumentalizzata e travisata esattamente come succede nel nostro presente ed in suo nome ci si sente autorizzati a compiere ogni forma di disumanità” 

Questo film d’esordio, nonostante qualche piccola incertezza, è piaciuto anche a chi scrive. Il regista prende in esame tutti i limiti dell’attuale sistema carcerario (il sovraffollamento, la mancata funzione rieducazione della pena, i suicidi) e immagina uno scenario in cui per garantire sicurezza ai cittadini sia brevettato il sistema “Hypnos”, attraverso il quale i detenuti sono condannati a dormire per un numero di anni pari alla pena loro comminata. A intervalli regolari sono però risvegliati, affinché ricordino le dinamiche dei crimini che hanno commesso. Il punto è che anche chi è innocente è poi indotto ad ammettere responsabilità che non ha. Lo scenario somiglia per certi versi  a quello prefigurato da Foucault in “Sorvegliare e punire”, in cui la disciplina ha come obiettivo rendere i  corpi  docili, cioè ideali per essere ordinati in fabbrica, a scuola e in tempi di guerra. Per ottenere questo obiettivo diventa necessario osservare e registrare i corpi, fino a rendere possibile l’interiorizzazione della disciplina. Nel film, invece, durante l’ipersonno si spalancano le porte dell’inconscio. Senza una vita reale che faccia da contrappeso, i detenuti proiettano tutto quello che gli si dice nei loro sogni, uscendone confusi e del tutto inermi.

Al termine del film Tony Laudadio ha dichiarato di aver sostenuto un provino via Skype, anche perché il regista aveva già le idee chiare su alcuni degli attori che avrebbero fatto parte del cast. Sorprendentemente, solo dopo aver scritturato l’attore, il regista è venuto a conoscenza del fatto che Tony Laudadio ha scritto un libro “il blu delle rose”,  la cui trama si avvicina alla sceneggiatura del film. Nel libro, infatti, alcuni scienziati scoprono il gene del male (il gene c). Alla luce di tale scoperta, la politica decide di intervenire impedendo a coloro che posseggono tale gene di nascere. Allo stesso modo nel film, pur di garantire la sicurezza ai cittadini, si viola la loro dignità umana. Nel film ,come nel romanzo, c’è poi un personaggio che mostra di aver compreso gli ingranaggi che sono alla base del meccanismo disciplinare e per questa ragione rappresenta per il sistema un pericolo. L’attore, incalzato dalle domande di Massarelli, si è poi concentrato sull’eccellente lavoro di trucco e sulla ricostruzione delle scene che, nonostante la scarsità di fondi, sono accurate. Non è stato, infatti, sempre possibile ricostruire ambienti adatti a un film distopico, per questa ragione il regista ha prediletto scene ambientate in ambienti chiusi.

VIDEO

Incontro Massarelli e Laudadio

L’articolo “Ipersonnia”/Al Ricciardi incontro tra pubblico, registi e attori proviene da BelvedereNews.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: