Il Convitto “Giordano Bruno” e il liceo “DON GNOCCHI” ricordano FRANCO IMPOSIMATO

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!

Maddaloni – Il Liceo don Gnocchi con commozione partecipa alle manifestazioni per il trentanovesimo anniversario della barbara uccisione di Franco Imposimato, sindacalista italiano fratello del giudice Ferdinando Imposimato, in un agguato di camorra.
Lo fa intervenendo all’iniziativa del Convitto Nazionale Giordano Bruno, da sempre impegnato sul versante civile così come su quello culturale ed educativo, che ha ospitato l’11 ottobre scorso un convegno coordinato dal docente Angelo Schiavone, al quale hanno preso parte le delegazioni delle scuole superiori di Maddaloni.
In particolare i ragazzi della III e IV Linguistico del don Gnocchi hanno inviato un messaggio sotto forma di lettera ai figli del martire civile Filiberto e Giuseppe Imposimato, gli alunni della IIIA dell’indirizzo di Scienze Umane hanno elaborato un video, mentre la studentessa del Liceo diretto dalla preside Annamaria Lettieri ha dedicato un lavoro grafico alla figura di Imposimato, a dimostrazione del fatto che la memoria si ravviva di generazione in generazione attraverso l’utilizzo di tutti gli strumenti della multimedialità.

Nel nostro paese forse troppo a lungo l’azione delle organizzazioni criminali è stata sottaciuta o minimizzata; a partire da un dato momento storico finalmente si è compreso che la presa di coscienza da parte dei giovani rappresenta il più forte antidoto civile al diffondersi del virus della illegalità organizzata. Il sangue dei martiri civili come Giuseppe Imposimato e tanti altri non è stato vano se è servito a stimolare questa presa di coscienza. Come hanno scritto gli alunni del don Gnocchi: “Siamo qui oggi perché la storia del nostro concittadino Franco, diventi tassello importante della lotta per la legalità, contro tutte le mafie. Sicuramente la memoria è un’esperienza che si nutre del dolore e che si apre alla speranza, perciò senza memoria non ci può essere futuro e per tale motivo, tutti noi dobbiamo cercare di rendere presente, viva e rispettosa questa memoria, di restituire valore e riconoscimento alla storia di Franco, vittima innocente di mafia”
Al convegno del Convitto Giordano Bruno hanno fatto sentire la loro voce il sindaco di Maddaloni Andrea De Filippo, il rettore del convitto professor Rocco Gervasio, il dottor Vincenzo Panico già commissario per le vittime di reati mafiosi e i figli di Giuseppe Imposimato: Filiberto e Giuseppe.

Con Filiberto Imposimato il Liceo don Gnocchi aveva già in passato intessuto un dialogo sul tema della legalità coinvolgendo anche le associazioni “Libera” e il Comitato don Peppe Diana.
L’impegno per la legalità, la voglia di fare rete con i soggetti più impegnati della società civile rappresenta una priorità per il Liceo don Gnocchi: l’auspicio è che il superamento della difficile stagione attuale segnata dagli strascichi della pandemia e dalle conseguenze della guerra nell’Est Europa possa essere all’insegna di una nuova primavera di convivenza civile secondo le regole dello Stato di Diritto.

L’articolo Il Convitto “Giordano Bruno” e il liceo “DON GNOCCHI” ricordano FRANCO IMPOSIMATO proviene da BelvedereNews.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: