Finanze statali: bilancio positivo, grazie alle maggiori entrate fiscali, con un avanzo di 7,5 milioni

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!

Nel mese di luglio 2022 il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un avanzo di 7.500 milioni, con un miglioramento di circa 2.000 milioni rispetto al corrispondente valore di luglio 2021, che si era chiuso con un avanzo di 5.473 milioni.

Il fabbisogno dei primi sette mesi dell’anno in corso è pari a circa 34.400 milioni, in miglioramento di circa 44.800 milioni rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo del 2021 (79.219 milioni).

Sul sito del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato è disponibile il dato definitivo del saldo del settore statale del mese di giugno 2022

Nel confronto con il corrispondente mese del 2021, il miglioramento del saldo è dovuto in larga misura all’andamento positivo degli incassi fiscali la cui crescita è ascrivibile ai versamenti in autoliquidazione, sulla quale ha pesato la diversa calendarizzazione dei versamenti per i soggetti ISA che lo scorso anno erano slittati a settembre, nonché all’aumento dei versamenti dei contributi sociali, dell’IVA e delle altre imposte indirette.

Il risultato positivo è stato parzialmente attenuato dall’aumento dei pagamenti, cui hanno contribuito: i maggiori prelievi degli Enti di Previdenza per l’erogazione ai pensionati del bonus 200 euro, previsto dall’articolo 32 del decreto-legge 50 del 2022; la maggiore spesa per stipendi, dovuta anch’essa all’erogazione del bonus 200 euro ai dipendenti pubblici, e la maggiore spesa delle Amministrazioni Centrali e Territoriali.

Il bonus 200 euro ai dipendenti privati è stato anticipato dai datori di lavoro, con compensazione a valere sui versamenti contributivi del mese successivo.

Si segnala l’erogazione della prima tranche di circa 800 milioni relativa al prestito al GSE di 4.000 milioni, disposto dall’articolo 4 del decreto-legge 80 del 2022, per l’acquisto di gas naturale ai fini dello stoccaggio e della successiva vendita.

La spesa per interessi sui titoli di Stato è in linea con il valore dello stesso mese dell’anno precedente.

(Fonte: DeaNotizie – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News ♥ Sempre un passo avanti, anche per te!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: