Covid-19. L’alto numero di mutazioni di Omicron rende gli anticorpi inefficaci

La variante altamente contagiosa di COVID-19 Omicron ha un gran numero di mutazioni specifiche in modo univoco che le consentono di eludere gli anticorpi preesistenti nel corpo umano, spiegando il suo alto tasso di infezione. Lo ha scoperto una nuova ricerca condotta dall’Università del Minnesota. Lo studio sottoposto a revisione paritaria intitolato “Variante Omicron SARS-CoV-2: caratteristiche uniche e il loro impatto sugli anticorpi preesistenti” è stato pubblicato per la prima volta sul Journal of Autoimmunity ed è stato prodotto da Kamlendra Singh, professore presso l’Università del Missouri College of Medicina veterinaria e assistente direttore del Molecular Interactions Core e ricercatore del Bond Life Sciences Center del college. Il team di ricerca ha deciso di raccogliere dati sulle mutazioni trovate nella proteina spike (proteina S) della variante Omicron. Una proteina S si riferisce a una grande struttura che sporge dalla superficie dello strato più esterno del virus e sono più comunemente associate a tutte le forme di cellule di coronavirus. Il team di ricerca ha trovato un numero senza precedenti di mutazioni nella proteina S di Omicron. Hanno analizzato le sequenze disponibili del virus insieme ai dati strutturali sulla proteina spike per comprendere il possibile impatto che l’alto numero di mutazioni potrebbe avere sul legame degli anticorpi al virus. Gli anticorpi consentono al corpo umano di combattere i virus che entrano nel sistema, impedendo loro di entrare nel sistema immunitario. Mentre all’inizio della pandemia di COVID-19 si pensava che essere infettati da COVID-19, o essere vaccinati contro di esso, avrebbe fornito abbastanza anticorpi per prevenire la reinfezione, la variante Omicron ha dimostrato il contrario, poiché un’elevata quantità di persone viene reinfettata , o infetto nonostante sia completamente vaccinato. Utilizzando sequenze complete della variante Omicron, il team di ricerca ha identificato un totale di 46 mutazioni distintive all’interno della variante, 23 delle quali erano completamente uniche e non erano state identificate in nessuna delle precedenti varianti del virus. Due delle mutazioni erano state registrate per la prima volta nella variante Delta o Delta Plus che ha preceduto Omicron di diversi mesi. Delle 46 mutazioni trovate, 30 sono state identificate nella proteina S mentre le restanti erano localizzate altrove nella cellula virale. Dopo aver identificato le mutazioni uniche trovate nella variante Omicron, il team si è rivolto alla ricerca se fossero o meno responsabili della mancanza di risposta anticorpale contro la variante. Utilizzando una struttura della proteina S preesistente presa dalla banca dati delle proteine, una che teoricamente impedirebbe il legame degli anticorpi con un virus, hanno lavorato per valutare se le mutazioni di Omicron avrebbero influenzato in modo simile la proteina S COVID-19, rendendo così anticorpi inefficaci. Attraverso questo metodo, il team ha scoperto che mutazioni specifiche creano interferenza sulla superficie del virus, impedendo agli anticorpi di legarsi ad esso, mentre altre provocano una completa perdita di interazione tra gli anticorpi e il virus, rendendo così gli anticorpi inefficaci contro l’altamente -variante mutata. Ciò, secondo lo studio, suggerisce che l’immunizzazione preesistente (sia da vaccinazione che da precedente infezione) potrebbe non essere più in grado di fornire una protezione ottimale contro la variante Omicron, consentendole di bypassare gli anticorpi ed entrare nel sistema immunitario. “Lo scopo degli anticorpi è riconoscere il virus e fermare il legame, che previene l’infezione”, ha affermato Singh della ricerca. “Tuttavia, abbiamo scoperto che molte delle mutazioni nella variante Omicron si trovano proprio dove si suppone si leghino gli anticorpi, quindi stiamo mostrando come il virus continua ad evolversi in modo da poter potenzialmente sfuggire o eludere gli anticorpi esistenti, e quindi continuano a contagiare così tante persone”.

(Fonte: DeaNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: