Su ‘Cronache di Caserta’ lunedì in esclusiva ‘I processi di Cronache’ di Ferdinando Terlizzi

Nei “Processi di Cronache”Ferdinando Terlizzi ricostruisce l’enigmatico processo di Angelo Scalzone: lunedì 29 su “Cronache di Caserta” tutti i retroscena del delitto.

La quinta puntata dei vecchi processi celebrati presso la Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere, rivisitati dal nostro cronista Ferdinando Terlizzi.

Nel servizio di lunedì 29 novembre tutte le fasi del delitto e dei processi.

Era il 1946 e Casal di Principe si chiamava Albanova; lo schiaffo rappresentava una caparra per la morte; era l’epoca in cui, il giorno della cresima, al figlioccio, si regalava invece del Rolex una pistola.

Quando ad essere additato “magnaccia” rappresentava un affronto da lavare col sangue.

Uno di questi uccise un padre di 4 figli perché aveva messo in giro la voce che lui era un lenone.

Angelo Scalzone di anni 19, il 21 febbraio del 1946 ad Albanova uccise Vincenzo Antonelli, con tre colpi di pistola, un padre di 4 figli, uno dei quali Carmine di 12 anni assistette al delitto.

Il 28 febbraio lo Scalzone si costituì ai carabinieri e nel corso del suo interrogatorio disse di non ricordare quanti colpi aveva esploso con la sua Beretta calibro 9 ma chiarì che aveva ucciso Antonelli perché aveva calunniosamente messo in giro la voce secondo la quale lui sarebbe stato uno che campava sulle spalle delle donne e cioè un ricottaro, insomma, era uno sfruttatore di prostitute.

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: