‘Paratesto’: stampa ‘che non serve da informazione né da critica’ e vive di luce riflessa

Sempre grati saremo al professor Aldo Grasso che ci insegnò cosa fosse un paratesto (ha sempre un po’ l’aria del paraculo), cioè quel tipo di stampa che non serve da informazione né da critica, ma a far da contorno allo show e ne vive di luce e vendite riflesse. La differenza tra i Cahiers du cinéma e Sorrisi&Canzoni.

Oggi più che la tv vanno forte il web e i social, ma la funzione di paratesto si è soltanto evoluta. Così come si sono evoluti la politica-spettacolo e il giornalismo, che appunto le fa da lucroso paratesto. Per fare un esempio. Gli urlatori No vax, rissosi e persino maneschi, sono una schifezza.

Ma lo sappiamo da due anni, e da mesi bravi cronisti ne hanno documentate le gesta: esercizio utile per capire. Ma ora il bisogno di andare a infilare la mano nella gabbia del leone, nella speranza che morda, a che serve? Che tipo di giornalismo è, precisamente?

Scopo del giornalista è raccontare, non farsi tirare uno schiaffo o uno sputo affinché si compia la sublimazione: da ricercatore della notizia a notizia in prima persona.

Soprattutto quando a praticare questa cronaca d’avventura siano professionisti che hanno ritorno, delle loro gesta, nell’informazione online: la cuggina dei social.

È un acconciarsi a far da paratesto, il sacrificio del reporter è un’altra cosa.

(di Maurizio Crippa – Il Foglio – Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: