Calano le richieste di affitto: si torna ad acquistare seconde case

Sono tornate di moda le seconde case, soprattutto se si parla degli acquisti, mentre al contrario calano gli affitti. È questo il risultato prodotto da una recente indagine condotta da Nomisma, e che vede grandi protagonisti gli immobili al mare o in montagna, ovvero i migliori per quanto concerne le aspettative in termini di villeggiatura. Vediamo dunque di approfondire il discorso.

I dati dell’indagine Nomisma sulle seconde case

Stando ad un recente report di Nomisma, i numeri sono tutti a favore della compravendita di seconde case, un mercato che è tornato in auge e che sta facendo registrare dati molto interessanti. Secondo i dati, infatti, l’acquisto di una casa di questo tipo viene sempre più spesso preferito all’affitto, una modalità che è andata perdendo convenienza nel tempo. Questo per via dei prezzi delle locazioni, in forte ascesa, al punto da aver superato il valore stesso degli immobili.

Per quel che riguarda i dati principali, Nomisma comunica un prezzo medio delle seconde case che si attesta intorno ai 2.730 euro al metro quadro in Italia, con un incremento dei costi medi intorno al 3%. Naturalmente i prezzi si abbassano, se si considerano le case in centro e le abitazioni periferiche, ma possono salire di molto se si prendono in considerazione le grandi località turistiche tricolori, fino ad arrivare oltre i 13 mila euro per metro quadro, come nel caso di Madonna di Campiglio. Calano invece le domande relative agli affitti, ma restano comunque in linea i dati riguardanti le richieste da parte di cittadini stranieri, intorno al 16%.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Le tasse e le imposte da pagare per le seconde case

È risaputo che una seconda casa porta a dei costi che vanno al di là del prezzo d’affitto o d’acquisto. Se si parla degli acquisti, entrano ad esempio in gioco tasse come l’imposta catastale, l’imposta ipotecaria e l’imposta di registro, mentre per il mantenimento delle seconde case ecco arrivare l’IMU e la TASI.

Non solo tasse perché, tra i vari costi da pagare, rientrano anche le utenze necessarie. A tal proposito, oggi esistono diversi operatori che formulano contratti appositi , come nel caso dell’offerta luce per le seconde case di accendilucegas.it, per fornire diverse soluzioni adatte ad ogni esigenza possibile. Bisogna comunque specificare che potrebbero essere presenti alcuni incentivi e agevolazioni fiscali, utili ad esempio per abbassare la TASI. IMU e TASI vanno pagati anche in caso di affitto. Per quel che riguarda le spese, bisogna mettere in conto anche i costi di Internet.

In sintesi, tutti questi sono costi molto importanti da valutare, specialmente quando si acquista una seconda casa per affittarla, dato che servono a determinare il prezzo di partenza della locazione.

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: