‘Recovery Found’ come gli studenti impreparati: tutto rimandato a settembre

Prego attendere ♥ Please whait

Il  Recovery fund continua. I 750 fantamiliardi, almeno nelle “sovvenzioni” da 338 miliardi, dovevano essere finanziati in parte da nuove “risorse proprie”, tra cui la web tax sui giganti digitali e la tassa CO2 alle frontiere.

Peccato, però, che queste nuove tasse non piacciano a nessuno, e solo ora tutti si accorgono della fregatura targata Ue. E così che fanno?

Questi benedetti soldi tanto promessi e tanto utilizzati per la propaganda, soprattutto in Italia, vengono rinviati. Per ora a settembre, poi si vedrà.

Come spiega Enrico Martial su starming.it, il calendario prevedeva che a metà luglio ci fossero proposte approvate in Commissione europea, per poi procedere nel loro iter, che avrebbe dovuto concludersi entro il 2022.

Invece, in conferenza stampa il 19 luglio, la Commissione europea ha comunicato di rinviare tutto il pacchetto all’autunno.

Il pacchetto è studiato, articolato e ambizioso ma capace di sollevare forti critiche e da più parti, dalle industrie automobilistiche ad alcuni Stati, che devono affrontare gigantesche riconversioni (le gigafactory per le auto, il carbone in diversi Paesi dell’est) o politici, per i settori sociali che possono rispondere con la protesta politica ai cambiamenti in corso, come si era visto per i costi energetici-ambientali all’origine delle proteste dei gilet gialli.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: