“Per ogni donna”/ I femminicidi estivi irrisolti, l’intervento del criminologo G. Serlenga

Aversa-Salutiamo anche oggi i lettori di Belvederenews e della rubrica ” Per ogni donna”, diretta dal professor Pasquale Vitale e curata e ideata dalla dottoressa in giurisprudenza e criminologa, Speranza Cardillo. L’argomento che trattiamo oggi, anche con l’ intervento di esperti, riguarda le estati italiane e la sicurezza nelle nostre città che si svuotano per le vacanze. Oltre ad una panoramica dei reati commessi maggiormente in questo particolare periodo dell’ anno quali, ad esempio, furti in appartamenti, rivolgiamo oggi una particolare attenzione ad alcuni “femminicidi estivi irrisolti”.

A tal proposito è perfettamente lecito interrogarci su come si potrebbero rendere le nostre città più sicure in modo che i malintenzionati non possano agire tranquillamente per delinquere. Oltre alla consueta omertà che accompagna i reati in genere, per quelli commessi in questo particolare periodo dell’anno esiste un elemento in più che può dare maggiore libertà di movimento: il silenzio delle nostre città. A proposito di questo argomento abbiamo chiesto l’intervento del dottor Gianluca Serlenga, biologo e criminologo.

ITIS Liceo Scientifico Giordani Caserta 600×273

Intervento della dottoressa Cardillo

In tempo di vacanze, quando le città restano vuote si verificano tanti furti soprattutto in appartamento, ma non solo. Spesso il silenzio delle città favorisce anche altri tipi di reati. Tra questi sicuramente le molestie che subiscono le donne e gli omicidi commessi nei loro confronti anche da parte di sconosciuti oppure di persone che la vittima conosceva bene. Tra i più famosi crimini estivi, mi viene subito in mente il giallo di via Poma. L’omicidio irrisolto di Simonetta Cesaroni, infatti, è stato consumato in un caldo pomeriggio di una Roma deserta. Anche chi ha ripulito le tracce di sangue, con tutta probabilità una persona diversa dal responsabile della morte della segretaria diciannovenne che stava svolgendo il suo lavoro in ufficio, ha agito indisturbato
Altro giallo senza fine è quello che riguarda la scomparsa e l’omicidio di un’altra bella diciannovenne, sempre colpita a morte mentre faceva il suo lavoro proprio nella nostra città.  Mi riferisco a Romina Del Gaudio, promoter napoletana sparita in un caldo sabato di giugno del 2004 e ritrovata morta diversi giorni dopo presso la Reggia di Carditello. Anche in questo caso nessuno aveva visto nulla e nonostante la riapertura del caso non c’è ancora nessuno che sia stato dichiarato colpevole fino ad oggi. In una Garlasco semi deserta si é consumato anche il delitto di Chiara Poggi, impiegata ventiseienne laureata in Economia che ha trovato la morte sul suo cammino in una tranquilla (forse troppo!) mattinata dell’ agosto 2007. In questo caso, però, é stata fatta, anche se dopo un lungo processo, giustizia. L’ assassino di Chiara, il suo fidanzato, ha un nome e un cognome: Alberto Stasi.

Clicca qui per l’ Intervento del nostro criminologo Dott.Serlenga

Quaranta 640×300

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: