Caserta e provincia. Vertenza addetti alle pulizie nelle ASL: vertice in prefettura col sindacato S.G.D.B.

Continua la lotta dei lavoratori degli appalti di pulizia delle strutture sanitarie della provincia di Caserta del Sindacato Generale di Base.

A seguito del presidio tenuto venerdì 16 luglio 2021 presso la prefettura di Caserta si è ottenuto un incontro con il vice-prefetto dottor Italiano, sulla lotta dei lavoratori degli appalti di pulizie dell’Asl di Caserta.

Si è riproposta con forza la questione dei lavoratori ridotti alla fame da un appalto che ha costretto gli stessi a rinunciare, dietro minacce anche fisiche, al 36 % del loro orario di lavoro e percio’ dei loro salari.

A fronte di una tardiva disponibilità delle aziende uscenti dall’appalto di ritornare agli orari contrattuali, l’Asl risponde rifiutandosi di pagare ben 11 rimesse mensili più altre spettanze per servizi accessori alle aziende, mettendo addirittura in pericolo gli stessi salari di fame cui ha costretto i lavoratori degli appalti.

A quale gioco ci si presta quando, con continui balletti e giochi burocratici, pagando anche tramite la SORESA tutte la fatture di tutti i fornitori, sospende invece i pagamenti proprio del delicatissimo appalto delle pulizie degli ospedali e dei distretti sanitari?

Non si può chiudere gli occhi di fronte al dato di fatto che tutto ciò avviene nei territori infestati dalla mafia campania, con aziende su cui non si opera la necessaria vigilanza democratica e di legalità, con successive inchieste e decine di arresti riguardanti gli appalti della sanità in provincia di Caserta, come denunciato dalla stampa locale.

Diventa, invece, necessaria la rivolta civile che parta dai lavoratori tutti, perché non è neppure possibile che i problemi si possano risolvere con il solo intervento della magistratura, come è avvenuto già per l’ospedale civile di Caserta.

Ma, perché ciò accada è pure necessario che i lavoratori si liberino dalla morsa ricattatrice dei sindacalisti collaborazionisti, che imbastiscono finte vertenze con il solo scopo di sottoporre al tavolo delle trattative i soliti elenchi di parenti ed amici da assumere in sostanziali condizioni di schiavitù, nonché dal ruolo di sedicenti capi-area che, indipendentemente dalle aziende di riferimento, operano invece da caporali-capizona, garantendo non il servizio pubblico essenziale, bensì interessi innominabili.

Occorre ridare dignità alla funzione di lotta del sindacalismo, riconquistare nella sostanza i diritti al lavoro, al salario ed a condizioni minime di sicurezza e salute sul lavoro.

Denunciato di nuovo e con forza tutto ciò, il sindacato generale di base ha dunque chiesto al prefetto di Caserta di convocare con urgenza un tavolo istituzionale aperto alle parti sociali, con la disponibilità dei sindaci dei grandi comuni, a partire dai sindaci di Caserta, Aversa e Santa Maria C.V, del presidente del consiglio regionale della Campania, con la presenza del direttore generale e del direttore amministrativo dell’Asl di Caserta, allo scopo di dare soluzione, finalmente, al tema riproposto.

La rappresentanza prefettizia ha preso atto della richiesta e si + impegnata a vagliarla con attenzione, visto che il problema si trascina ormai da anni senza soluzione alcuna.

Il Sindacato Generale di Base rilancia il suo appello a sostenere, con forza e senza tentennamenti o paure di alcun genere, la giusta lotta dei lavoratori degli appalti delle pulizie del casertano.

(Comunicato sindacale – Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: