Mondragone. Grandi risorse in arrivo per la solidarietà, AMBC: ‘che si spendano bene’

Sono stati assegnati ai Comuni altri 500 milioni di € per la solidarietà alimentare.
La misura (art. 53 del D.L. n. 73/2021, c.d. decreto Sostegni-bis), che vede uno stanziamento maggiore rispetto ai 400 milioni del 2020, permetterà di sostenere le necessità primarie delle famiglie in difficoltà, non solo per ciò che riguarda le spese alimentari, ma anche per quelle relative ad affitti e utenze.

Tra quest’ultime, i Comuni avranno la facoltà di includere anche quelle relative alla Tari per le utenze domestiche.

Mondragone avrà la bellezza di 694.545 €.

Una cifra significativa per cercare di aiutare le tante povertà che avanzano in città, con la speranza che l’Amministrazione Pacifico questa volta- a differenza del disastro delle due volte precedenti- sappia essere celere e trasparente, sappia evitare disgustosi scivoloni sulla privacy e sappia lasciare la gestione del fondo esclusivamente all’Ufficio Servizi Sociali, evitandoci -per l’ennesima volta- l’interferenza illegittima, pelosa e speculativa di qualche Consigliere abusivamente delegato ad occuparsi di welfare.

L’AMBC chiede alla minoranza del leader del centrodestra Giovanni Schiappa e del leader del centrosinistra Achille Cennami di presentare un’interrogazione affinché il Sindaco, nelle sue vesti di Assessore ai Servizi Sociali, rendiconti finalmente in Consiglio comunale sui due precedenti fondi governativi ricevuti per la solidarietà alimentare. E, con l’occasione, possa anche informare la città sul milione di € stanziato dal Comune per le attività produttive.
Un fondo tanto strombazzato quanto pasticciato e maldestramente gestito, sul quale sembra essere calato il sipario. Ma la consistenza del fondo governativo ricevuto dovrebbe però anche farci riflettere. E non poco. I criteri di riparto tra i Comuni questa volta sono cambiati con l’inserimento della quota di contributo in proporzione della distanza dei redditi medi IRPEF. Mondragone in proporzione alla popolazione residente ha ricevuto € 121.878, mentre in proporzione della distanza dai redditi medi IRPEF ha ricevuto ben 572.667 €. E ciò dimostra ancora una volta- amaramente- l’enorme povertà della nostra città (al netto di evasioni ed elusioni, che comunque non ci facciamo mai mancare). Povertà estreme che richiederebbero ben altre politiche di welfare e, soprattutto, ben altri “attori” pubblici e privati, i quali continuano ad attardarsi- per incapacità e per interessi- in politiche di welfare utili più (se non addirittura esclusivamente) a chi eroga servizi (e a chi li sponsorizza) che a chi li riceve.

I Comuni avranno anche ulteriori 600 milioni per ridurre la Tari (o la Tari corrispettiva) in favore delle attività economiche colpite dall’emergenza sanitaria (art. 6 dl 73/2021). Gli strumenti per applicare significative riduzioni del prelievo sul servizio di gestione e raccolta dei rifiuti, da decidere entro il 30 giugno prossimo, ora ci sono. E, quindi, chiediamo alle minoranze consiliari di Schiappa e Cennami di incalzare l’Amministrazione Pacifico per conoscere cosa stia facendo e cosa vorrà fare in tal senso (ammesso che siano capaci di fare qualcosa). Su questi fondi governativi- che per nostra fortuna non saranno strombazzati da nessun “banditore regionale” e che nessun politicante di turno si potrà “appendere alla giacca- c’è bisogno -oltre all’attività di vigilanza dei Consiglieri comunali- anche di un “controllo civico” da parte dell’associazionismo locale, soprattutto di quello operante nei servizi sociali. L’AMBC lancia al “mondo della solidarietà locale” una “proposta provocatoria”: perché non dar vita ad un Osservatorio Civico Comunale e di Zona sulla spesa per i Servizi Sociali? Il welfare ha bisogno di trasparenza, di uguaglianza, di competenza, di partecipazione e di una nuova progettualità per poter uscire dalla logica meramente assistenziale (se non clientelare) dell’Amministrazione Pacifico e diventare elemento di reale cambiamento.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati