Cancello Arnone. Degrado ambientale: Comune e provincia ‘nicchiano’? e Di Pasquale adisce Mattarella

Continua l’impegno di Francesco Di Pasquale, ex sindaco e responsabile zonale di Fratelli d’Italia di Cancello ed Arnone, per l’ambiente e segnatamente per la pulizia e bonifica degli argini e delle zone demaniali, valorizzazione, del fiume Volturno.

Preso atto del disinteresse esternato dalle locali istituzioni per le sue reiterate segnalazioni, Di Pasquale  ha coinvolto i parlamentari del suo partito e, non pago, è intervenuto con posta ordinaria anche presso il Presidente della Repubblica, con la seguente nota:

Al Sig. Presidente della Repubblica Italiana, Roma.

Oggetto: Cancello ed Arnone, Francesco Di Pasquale- rifiuti abbandonati lungo gli argini del fiume Volturno; valorizzazione fiume. Richiesta della Conferenza dei Servizi per affrontare e risolvere il problema.

Sig. Presidente, con la presente chiede alla S.V. un interessamento per quanto espone.

Il nostro Comune, Cancello ed Arnone, è attraversato dal fiume Volturno, che divide il territorio in due centri: Cancello ed Arnone.

Il fiume rappresenta il centro del paese, la nostra piazza.

Per lungo tempo il fiume è stato fonte di vita e di bellezza, da anni è diventato un luogo dove si scaricano rifiuti vari, dove selvaggiamente, per mancanza di controlli e cure, manutenzione, progetti, sono sorti sugli argini spine ed erbacce, arrivando in alcuni tratti vicino alle abitazioni.

In estate dagli argini, impraticabili, escono ratti e serpenti ed insetti, creando problemi- paura ai cittadini che abitano nelle vicinanze.

E ci sono pure i problemi d’incendi-roghi, con altre problematiche per i cittadini.

Inoltre, si chiudono spazi demaniali vicino al fiume, si tagliano alberi.

Non esiste controllo alcuno.

Da tantissimi anni, il sottoscritto ha iniziato ad interessarsi per la manutenzione degli argini e zone demaniali, per il controllo, per la valorizzazione del fiume Volturno, attraverso l’idea di un progetto provinciale- regionale-nazionale.

Ha scritto a tutti.

Ha inoltrato non meno di 600-700 note, anche interrogazioni varie, con proposta di delibera di Consiglio Comunale di Cancello ed Arnone, approvata (N.20, del 29.11.2013), convegni ed articoli vari, petizioni al Parlamento Italiano.

Dal 1997 in poi è intervenuto presso Genio Civile di Caserta, poi Provveditorato alle Opere Pubbliche, Regione Campania, Caserta, quindi Provincia di Caserta, per la pulizia-bonifica di alcuni tratti di argini più esposti alle problematiche accennate.

Da anni, per un problema di competenze, non si interviene più.

Questo è ora il problema principale in questa tragedia ambientale.

Ha continuato a scrivere a tutti, Ministero dell’Ambiente, Regione Campania, Prefettura, Provincia, Comune, perché si affrontasse il problema.

Ha fatto pure diversi video per fare vedere la tragedia ambientale esistente.

In data 08.08. 2018, ha continuato a scrivere ancora, inviando la nota a:

Ministero dell’Ambiente, Roma; Ministero degli Interni, Roma; quindi Regione Campania, Napoli ed altri Enti.

Il Ministero dell’Ambiente rispondeva in data 28 settembre 2018 inviando nota alla Regione Campania, Napoli.

Poi, ancora note del sottoscritto, tra cui, quella del 22.02.2021, indirizzata ancora al Ministero dell’Ambiente, che rispondeva con nota del 01.03.2021, indirizzata alla Regione Campania, Napoli, Direzione Generale per l’Ambiente, la Difesa del Suolo, e l’Ecosistema, nonché all’Arpa Campania, Prefettura di Caserta, Comune di Cancello ed Arnone, p.c. al sottoscritto.

L’Arpa Campania, in data 17 marzo 2021, eseguiva in Cancello ed Arnone, via E. Fieramosca- via Giovanni XXIII un sopralluogo, accertando tutta una serie di rifiuti, anche pericolosi.

Con nota del 18.03.2021 l’Arpac Campania scriveva al Comune di Cancello ed Arnone, Regione Campania, Direzione Generale, per l’Ambiente, la Difesa del Suolo e l’Ecosistema, Provincia di Caserta, Prefettura di Caserta, Ministero dell’Ambiente, Roma, ecc., per quanto accertato e quindi con invito a provvedere alla rimozione dei rifiuti.

Successivamente a questa nota, vi sono stati diversi interventi scritti per quanto concerne le competenze degli Enti, al fine di intervenire per rimuovere i rifiuti, quindi per la manutenzione degli argini e per tutto quanto concerne le problematiche da affrontare.

Sig. Presidente, esiste purtroppo un problema di competenze, che va risolto al più presto, al fine di bonificare la zona, renderla vivibile e controllarla per evitare poi che si continui di nuovo.

Con l’avvicinarsi dell’estate, come già detto, in via Giovanni XXIII, strada più esposta, anche se gli argini tutti sono nelle stesse condizioni, c’è il rischio di incendi, poi, che, serpenti e ratti ed insetti, si avvicinano alle abitazioni.

Più avanti di via Giovanni XXIII, in via E. Fieramosca, vicino al fiume, dove l’Arpac Campania ha trovato rifiuti di ogni tipo, come già successo nei mesi scorsi, vi è il pericolo che in estate si possano incendiare questi rifiuti, con problemi di pericolo per i cittadini e per la loro salute.

Si. Presidente, per quanto esposto, chiede alla S.V. un impegno perché si possa organizzare in Regione, Napoli, ovvero Prefettura di Caserta o Comune di Cancello ed Arnone, la Conferenza dei Servizi, vista la gravità della situazione, per vedere le competenze, per affrontare il problemi della bonifica e della pulizia degli argini, per programmare poi il controllo del territorio, per fare insieme un progetto di valorizzazione del fiume Volturno, come da sempre ha chiesto.

Se possibile, che sia istituita una Commissione per venire sul posto, valutare tutte le problematiche, per avviare poi non solo la bonifica della zona, ma come prima detto, il progetto di valorizzazione del fiume Volturno, che è un’idea meravigliosa, di bellezza e vivibilità ed anche di economia, per i benefici che ne avrebbe il nostro territorio, i territori attraversati dal fiume.

Distinti saluti.

Di seguito la relazione sullo stato dei luoghi del consigliere regionale Alfonso Piscitelli (Fratelli d’Italia)

In questo weekend oltre a presenziare nei gazebo per la raccolta firme, vi lascio il link nel primo commento, sono andato anche a Cancello ed Arnone con Francesco Di Pasquale, già ex sindaco ed oggi attivo per la prevenzione e salvaguardia del territorio.

Siamo andati sull’argine del fiume Volturno ed ho visto da vicino lo stato in cui versa.
Degrado, abbandono, rifiuti, erbacce in quello che è nato come argine per salvaguardare dalle inondazioni del fiume è diventata una discarica.
Di chi è la responsabilità di tenere pulito l’argine? Di chi la responsabilità della manutenzione ordinaria?
Quello che è certo è sicuramente che lo stato di abbandono dell’argine può causare più danni rispetto ai benefici che dovrebbe dare l’averlo costruito.

(Francesco Di Pasquale – Comunicati Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati