IL MACRICO DI CASERTA: DISATTESA LA VOLONTÀ DEI CITTADINI

Si è tenuto il consiglio comunale  a Caserta e la questione Macrico’ continua a tenere banco.

Come ribadito in consiglio comunale dall’architetto Maria Carmela Caiola, intervenuta in rappresentanza del Comitato Macrico Verde e delle tante associazioni che ne fanno parte – si legge in una nota del Comitato – la delibera del 2014 non c’entra nulla. La petizione chiedeva una chiara e certa destinazione urbanistica a verde pubblico fin da subito e senza ulteriore attese, visto che la classificazione prescinde dalla proprietà degli spazi e dai decennali tempi di approvazione del Puc. Non esiste un indirizzo ‘conservatore’ e uno ‘riformista’ sul Macrico. Esiste, piuttosto, una linea di demarcazione netta e precisa tra chi vuole che quell’area sia destinata completamente alla cittadinanza e chi, nascondendosi dietro belle parole e vuoti indirizzi politici, vuole favorire la speculazione nell’unica area verde a disposizione dei casertani. Lo stesso Sindaco, che parla di ‘tutela del verde’, guida l’amministrazione che ha abbattuto e intende continuare ad abbattere più alberi di ogni altra nella storia d’Italia. Ieri l’avvocato Marino, ancora sindaco per disgrazia dei casertani, ha dato prova con 20 consiglieri del proprio cinismo, della totale ignoranza delle leggi urbanistiche, e della capacità di offendere e sfregiare la volontà di 2500 cittadini. Gli affari dei costruttori pesano di più  della democrazia”, si legge nella nota.

Non da meno i consiglieri di Speranza per Caserta, Francesco Apperti Norma Naim, tra i firmatari della proposta di variante al Prg per rendere concretamente l’area ex Macrico zona F2.  Ecco quanto dichiarato dai consiglieri di Sperranza per Caserta – “Sono stati presi in giro, per l’ennesima volta – dichiara il consigliere Francesco Apperti primo firmatario della proposta di variante al prg per rendere concretamente l’area ex Macrico zona F2 – i consiglieri comunali e anche 2500 cittadini che hanno firmato la petizione del Comitato. Hanno tentato, forti del parere del dirigente, di mettere in dubbio la legittimità della nostra proposta di variante al prg sostenendo che fosse un duplicato dell’atto del 2014 ma sono stati proprio loro a renderla un duplicato inutile con gli emendamenti presentati dal consigliere Maietta. Tutto per poter dire che anche loro sono dalla parte del verde e del parco pubblico anche se gli atti approvati rendono ancora possibile la cementificazione dell’area o la sottrazione del verde a scopi privatistici”.

Ancora sulla questione Macrico Norma Naim si è pronunciata così “Il segretario comunale e il sindaco hanno creato una confusione enorme nelle coscienze dei consiglieri, hanno allungato gli interventi aggiungendo alla discussione elementi che non erano inerenti alla questione, e tutto questo – aggiunge la capogruppo Norma Naim – solo per consentire al sindaco di ottenere una vittoria propagandistica ma, è bene ribadirlo, per lui si tratta solo di una vittoria di Pirro visto che è stato chiaro a tutti i tanti cittadini, che hanno ‘affollato’ la diretta del consiglio, che quella che è stata approvata non è la variante al prg che avrebbe permesso di concretizzare le tante chiacchiere di questi anni, ma l’ennesimo vuoto indirizzo politico e non vorrei che si sia voluto ‘glissare’ sulla variante per attendere i fondi del recovery plan per favorire ulteriori speculazioni edilizie nell’area. Per l’ennesima volta non si è pensato agli interessi pubblici collettivi, ma solo agli affari”

Sulla questione è intervenuta anche Rosi di Costanzo la candidata a Sindaco di Caserta ha così dichiarato  – “Ho assistito ad una discussione deludente e assurda. Ho visto e sentito un sindaco tronfio e arrogante che, per fortuna, ha fatto registrare il video del consiglio per farlo ‘restare nella storia’ così anche le generazioni future potranno rendersi conto sia delle bugie a raffica che ha pronunciato sia di quanto sia inadatto, malgrado l’eloquio forbito, a governare questa città. Si sono comportati come al solito, come li ho visti e sentiti comportarsi per anni con i comitati dei cittadini. Tutti d’accordo ma nessuna azione concreta e così ieri pomeriggio: si sono dichiarati tutti d’accordo con Speranza salvo poi – sostiene Di Costanzo – svuotare il provvedimento e non procedere alla variante al prg. Cinque ore di parole al vento per confermare la triste realtà che viviamo da anni: quella di una politica che non ascolta e tutela le istanze dei cittadini. Mi prendo l’impegno fin da ora, e su questo Marino e soci possono stare tranquilli, che alla prima ombra di ‘mattoni’ nel Macrico mi recherò alla Procura della Repubblica: hanno calpestato per l’ultima volta la volontà della cittadinanza e non riceveranno tregua”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: