Napoli. Bambino ustionato: martedì 6 aprile la possibile scarcerazione dei genitori

Fissata per martedì 6 Aprile, presso il Tribunale della Libertà di Napoli, l’udienza per discutere della liberazione dei coniugi Bocchetti/Terracciano accusati di maltrattamenti del loro figliuolo, difesi dagli  avvocati: Giulia Esposito,  Fabio Della Corte, Gianluca Sperandeo e Fabio Martullo.  Lei è trattenuta nel reparto di  Psichiatria del carcere femminile di Pozzuoli,  mentre lui è incarcerato in quel di Poggioreale.

Una vicenda triste, squallida ma, purtroppo, costellata da  atti e azioni di alterazione mentale. Naturalmente resta da accertare la veridicità degli atteggiamenti di entrambi i coniugi che sono stati arrestati a metà del marzo scorso.  La vicenda è nota ma la riassumiamo brevemente.  Nei giorni scorsi è stata disposta una perizia con relativo incarico peritale sul bambino seviziato dai genitori. L’incarico peritale è stato affidato al Prof. Ciro Esposito,  con la collaborazione dei periti dottori Pasquale Giugliano e Giovanni Severino.

Concetto Bocchetti (47 anni) e Alessandra Terracciano (37 anni) entrambi residenti a Portici, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato. Pare che la donna (peraltro madre di sette figli, di cui 4, che vivono col primo marito e tre con l’attuale compagno, di cui i più grandi ospiti di una comunità della Calabria) non essendo di religione cattolica non ha valuto partorire in ospedale ed aiutata appunto dal suo attuale compagno ha dato alla luce il bimbo a cui è stato strappato il cordone ombelicale.

Intervenuto prima il 118 e poi i carabinieri i due furono arrestati e date le condizioni mentali della donna, prima ricoverata all’ospedale del Mare il giudice per le Indagini Preliminari Dott.ssa Rosaria Maria Aufieri, disponeva successivamente il suo internamento presso la sezione psichiatrica del carcere femminile di Pozzuoli. Bacchetti

Nel corso delle successive indagini si appurava che era stato lo stesso Concetto a chiamare il 118,  il quale riferiva loro, nell’immediatezza, che la sua compagna, Alessandra Terracciano, avente problemi psichiatrici, aveva partorito in data 12.3.2021 il figlio Vincenzo, a cui aveva involontariamente strappato il cordone ombelicale, nel tentativo di pulirlo, causandogli una lacerazione all’altezza dell’addome, con una conseguente fuoriuscita di liquido ematico.

Ciò lo aveva spaventato, per cui egli aveva richiesto sia l’intervento dei Carabinieri, contattando il 112, sia quello del personale medico, contattando il 118.v I militari sull’uscio dell’abitazione notavano che la compagna del Bocchetti, la Terracciano, versava in uno stato confusionale; la stessa affermava che il piccolo non necessitava di cure, in quanto godeva di ottima salute, la qual cosa trovava però una smentita nella situazione constatata dagli operanti, che notavano che il neonato presentava una vistosa ustione sul capo e sulla guancia sinistra.

Giungeva di lì a poco prima il personale del 118 e poi la madre dell’indagata, Giuseppina Pianese; la Terracciano, tenendo sempre stretto il figlio tra le braccia, rifiutava di farlo visitare, fino a quando i presenti riuscivano a prelevarle dalle braccia il bambino, che subito appariva in condizioni gravi, tanto che lo stesso era subito trasportato, per le cure del caso, presso l’ospedale Santobono.

Il padre del bambino, il Bacchetti, seguiva l’ambulanza con la propria vettura, giungendo in ospedale insieme al piccolo, a cui erano subito riscontrate ustioni multiple, con prognosi riservata: lo stesso, dopo l’accettazione in pronto soccorso, era nell’immediatezza collocato in terapia intensiva.

L’indagata, appena si allontanava l’ambulanza, si barricava in casa, riuscendo a chiudere, con una mossa fulminea, un cancello in ferro, e rifiutava di far accedere all’interno i militari ed i sanitari, fino a quando, solo intorno alle ore 13.50, i vigili del fuoco riuscivano a tagliare la serratura, sicché i Carabinieri facevano accesso all’interno dell’appartamento e prelevavano la donna, la quale a quel punto chiedeva di essere visitata e trasportata in ospedale, in conseguenza del parto, sicché la stessa era condotta presso l’Ospedale del Mare, ove era ricoverata presso il Reparto di Psichiatria.

Nell’immediatezza i CC. sentivano un vicino di casa, Gianluca Scognamiglio, il quale riferiva di aver saputo che la Terracciano aveva partorito alcuni giorni prima, allorquando era giunto presso l’abitazione, ove la donna viveva con il Bocchetti, personale del 118, che si tratteneva all’interno dell’appartamento appena pochi minuti. Di lì a poco egli era stato raggiunto da Bocchetti Concetto, detto Tino, che gli aveva raccontato di aver aiutato la sua compagna a partorire, di aver riposto la placenta e di aver tagliato il cordone ombelicale. Il Bocchetti, alla sua domanda – proseguiva il testimone – circa le ragioni per cui essi non si fossero recati in ospedale per il parto, rispondeva che la Terracciano professava una religione diversa dalla cattolica… senza aggiungere altro.

(Fonte: Cronache Agenzia Giornalistica – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)