Campania ‘gialla’ ma attenzione, non senza regole: in alcuni casi occorre ancora l’autocertificazione

Zona gialla non significa che non ci siano delle regole da rispettare, anche riguardo l’autocertificazione per gli spostamenti. Il modulo è necessario per uscire dai confini della regione di domicilio o residenza (per i motivi che andremo a vedere) e per stare in giro dopo le 22.00; infatti – anche in zona gialla – vale il coprifuoco.

Almeno fino al 15 febbraio 2021, per gli spostamenti interregionali il modulo di autocertificazione  è sempre richiesto e chi non ha un comprovato motivo rischia la multa fino a 1.000 euro.

Ecco quando occorre l’autocertificazione, chi deve averla, cosa scrivere e che fare se non si può stampare il modulo.

In zona gialla spostamenti fuori regione con autocertificazione

In tutte e tre le zone di rischio (zona gialla, arancione e rossa) fino al 15 febbraio 2021 è vietato uscire superare i confini della regione per andare a trovare amici e parenti, gite turistiche e fare sport. Tale spostamento è consentito soltanto per i motivi indicati nell’autocertificazione del Ministero: salute, comprovate esigenze di lavoro e casi di necessità ed urgenza.

Il modulo da consegnare alle autorità è sempre quello del Ministero dell’Interno dove dichiarare le proprie generalità, il luogo di partenza e destinazione e le ragioni dello spostamento. Servono data e firma autografa a pena di inefficacia.

Seconde case fuori regione

In zona gialla serve l’autocertificazione anche per raggiungere la seconda casa ubicata in una regione diversa.  Tale spostamento è ammesso soltanto a coloro sono in possesso di un titolo valido anteriore al 14 gennaio 2021:

“É possibile raggiungere le seconde case, anche in un’altra Regione o Provincia autonoma (e anche da o verso le zone “arancione” o “rossa”), solo a coloro che possano comprovare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi nello stesso immobile anteriormente all’entrata in vigore del decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2.” recitano le Faq del governo

Per tutti gli altri resta il divieto fino al 15 febbraio 2021.

Rientro al luogo di residenza, domicilio e abitazione

Chi abita in zona gialla può spostarsi verso altre regioni o province autonome se lo spostamento è funzionale a raggiungere il luogo di residenza, domicilio e abitazione.

Chi viene fermato da Polizia e Carabinieri per i controlli a campione dovrà giustificare lo spostamento mediante autocertificazione, anche se il luogo di partenza o destinazione fa parte della zona gialla.

Coprifuoco

Gli spostamenti nella fascia oraria 22.00-5.00 sono consentiti soltanto per i motivi indicati nell’autocertificazione, quindi salute, comprovate esigenze lavorative e altri casi di necessità.

Senza una di queste motivazioni si rischia la multa da 400 a 1.000 euro o, peggio ancora, la denuncia per Falso se vengono indicate informazioni non veritiere. Chi non ha il modulo con sé può richiederlo direttamente alle Forze dell’ordine e compilarlo sul posto.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati