Vicissitudini di un paziente ‘oncologico’ fra strutture dedite solo al Covid-19 o quasi

Il giuramento di Ippocrate è l’impegno ad assistere i malati e a somministrare le cure

 con lo scopo di guarirli, senza violenza e rimanendo umani… 

Sarò in controtendenza, ma non vi voglio parlare della #Shoà e dei milioni di #genocidi che ci sono nel #mondo, piuttosto voglio parlarvi del #SistemaSanitarioNazionale che ormai è al #collasso!

Si, al collasso, non per il #virus in quanto tale, ma per far fronte a questa #emergeza e agli ammalati di #COVID19 si trascura l’altro #ammalato!

Ecco l’#avventura capitata ad un’#amica di #famiglia, di cui non faccio il nome per delicatezza, e soprattutto per una questione di #privacy. Pertanto, la persona la chiameremo M.

M. scopre di avere un #cancro alle ovaie e peritoneo, già con un ascite, quindi situazione abbastanza compromessa!

Urge ricovero: il nosocomio non la può accettare, in quanto malato oncologico.

Il consiglio del medico del pronto soccorso è andare in una clinica privata.

M. va a visita privata dal primario e direttore, ma al momento del ricovero, scoppia un focolaio di Covid nella clinica e non se ne fa più nulla.

Intanto M. viene trasportata d’urgenza in un’altro ospedale, in questo caso specializzato in Ginecologia, ma purtroppo, da specialisti del settore, stranamente diventa specializzato in SARS-Cov19 appena due giorni prima! Quindi non viene nemmeno visitata in Pronto Soccorso!

Altro giro, altra corsa in un’altra clinica, solo per accertamenti, e le viene tolta momentaneamente l’ascite, con il consiglio di cominciare il trattamento chemioterapico.

Il primo ospedale oncologico disponibile non poteva accoglierla prima di un mese, per il secondo doveva riunirsi il comitato scientifico per l’accettazione e quindi un altro nulla di fatto.

M. parte per il Policlinico Gemelli di Roma: diagnosi, e chemio in Day Hospital… Ma senza curare il resto, come la perdita di appetito, più volte denunciata e mai supportata a livello medico /parenterale.

La domanda per la nutrizione artificiale viene inoltrata all’ASL di appartenenza M.: primo appuntamento disponibile solo dopo 20 #giorni con urgenza!

Ho saltato dei passaggi crudi e non per dimenticanza, lo faccio anche e soprattutto per rispetto di M. e del buon nome di qualche #Medico.

Perché non bisogna fare di tutta un’erba un fascio!

Nella situazione della signora ci sono milioni di persone, il sistema ormai è al collasso perché al soldo di una classe politica che valuta un malato di Covid più importante non perché più grave, ma perché rende di più… e gli altri malati non sono più nessuno! Anzi, se non hai il Covid non ti accolgono!

E allora mi chiedo: Il giuramento di Ippocrate dove ve lo siete ficcati?

#restiamoumani

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: