Scuole: riapertura fissata per il 7 gennaio, ma per la Campania il presidente De Luca insiste sulla gradualità

Sento che si parla della riapertura dell’anno scolastico il 7 gennaio, queste sono cose che mi fanno impazzire. 

Come si fa a dire ‘si apre’ senza verificare il 3, il 4 gennaio la situazione? In Campania non apriamo tutto il 7”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante il vax-day all’ospedale Cotugno di Napoli.

Si devono valutare i dati e l’idea di mandare a scuola il 50% degli studenti è un’idea che la Campania non condivide, valutiamo un passo alla volta il rientro, ma certamente non mandiamo in blocco il 50% a scuola

Verso la fine di dicembre Lucia Fortini (assessore all’istruzione della Regione Campania) ha delineato all’Ansa il piano di rientro a scuola

Il 7 gennaio la scuola riaprirà con le prime e le seconde “poi valuteremo la curva dei contagi, ricominceremo lo screening degli alunni e avvieremo una riapertura graduale”.

l’11 gennaio la riapertura di tutte le classi della scuola primaria, poi dal lunedì successivo, il 18 gennaio, tutte e tre le classi della secondaria di primo grado e dal lunedì 25 la secondaria di secondo grado”.

Il  piani sarà poi sottoposto a valutazione dall’Unità di crisi regionale.

“È un percorso condiviso – continua Fortini – anche con le parti sociali e infatti mercoledì ho una riunione con i sindacati per fare il punto prima della riunione con l’Unità di crisi nei primi giorni dell’anno nuovo”.

Ottimista sulla riapertura il 7 gennaio  è la ministra Lucia Azzolina

È fra i banchi che si costruisce, mattone dopo mattone, il futuro di ciascuna e ciascuno, il futuro della Nazione. Per questo sulla scuola non possiamo arrenderci e dobbiamo, ciascuno degli attori coinvolti, operare uniti”

La ministra ha sottolineato che sono stati assunti impegni precisi sulla “questione del potenziamento dei trasporti, corsia preferenziale da attivare per i tracciamenti nelle scuole, maggiore scaglionamento degli ingressi di istituti scolastici, di uffici e attività commerciali”.

Sulla riapertura delle scuole è intervenuto al Tg3 anche il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini: 

Sarebbe giusto che il governo nelle prossime ore ci riconvocasse e insieme prendessimo una decisione, in maniera molto laica”.

Ad ogni modo, molti sono gli scettici sulla riapertura prevista per il 7 gennaio, in primis Matteo Salvini (Lega): 

Il 7 gennaio il 50% degli studenti torna a scuola, con gli stessi autobus, gli stessi treni, gli stessi tram, le stesse metropolitane, gli stessi orari, lo stesso numero di alunni per classe, come le stesse cattedre vuote”.

Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, ritiene inopportuno riaprire prima di aver conosciuto i dati dei contagi avvenuti a Natale.

Secondo l’ordine dei medici per riaprire le scuole è necessario istituire la zona rossa

Se facciamo la zona rossa possiamo mandare i ragazzi a scuola.

Se davvero tutti stanno a casa, riducendo così la pressione sui trasporti, e se i ragazzi non possono aggregarsi fuori, i sistemi di tutela messi a punto all’interno delle scuole possono funzionare”.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: