Bruxelles. L’intesa sul ‘Recovery Plan’ galvanizza Patriciello (Forza Italia): ‘ha vinto l’Europa, ora l’Italia punti sul Sud’

Una vittoria importante e un passo avanti verso la ricostruzione delle nostre economie”.

Lo ha detto Aldo Patriciello, parlamentare europeo e membro del Gruppo PPE, commentando l’intesa raggiunta in seno al Consiglio Europeo dai leader dei 27 Paesi membri sul bilancio pluriennale e il piano per la ripresa Next Generation Eu.

“Con l’accordo raggiunto sul Recovery Plan l’Europa dimostra ancora una volta di saper andare oltre gli egoismi dei singoli Stati membri.

Ora l’Ue è pronta a far ripartire il continente. 

Sono molto soddisfatto per il risultato raggiunto” ha dichiarato Patriciello, che poi ha aggiunto:

“Alla fine, a prevalere, è stato lo spirito di solidarietà europea e la convinzione che ci si salva solo se saremo capaci di restare uniti. I veti di Polonia e Ungheria sono stati superati senza per questo dover cedere sullo stato di diritto: un successo del Parlamento, della Commissione e del Consiglio Ue”.

La prossima settimana il Parlamento europeo dovrà votare l’accordo in plenaria. Poi i Parlamenti nazionali dovranno procedere alla ratifica.

Il via libera del Consiglio arriva giusto in tempo: il nuovo bilancio e il Recovery potranno partire a gennaio 2021, come previsto. Le prime risorse dovrebbero arrivare in primavera.

Con l’intesa raggiunta – ha spiegato l’eurodeputato azzurro – l’Unione Europea può finalmente dare inizio alla fase operativa e sbloccare le ingenti risorse destinate al rilancio economico dell’intera Europa.

Stiamo parlando di cifre a dir poco importanti: 1.800 miliardi di euro tra bilancio pluriennale e Recovery Plan, tra cui i 209 miliardi per l’Italia.

Ora tocca a noi farci trovare pronti e dimostrare di saper gestire al meglio questi fondi.

Le prossime settimane saranno decisive: mi auguro che il Governo italiano – ha concluso Patriciello – abbia le idee chiare sui progetti di rilancio per il nostro Paese, a cominciare dal Mezzogiorno”.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)