Maddaloni. ‘Piovono’ massi dalla recinzione del castello, che cade a pezzi da oltre 30 anni

La collina di Maddaloni sovrastata dalla torre Artus e dal castello continua a perdere pezzi. Nel tardo pomeriggio di sabato una nuova allerta, una nuova denuncia, altri sopralluoghi.

Nel solito giardino di una proprietà privata in via Bixio sono caduti costoni di roccia e pietre tufacee appartenenti al muro di cinta di ciò che rimane del castello e delle torri di Maddaloni.

La paura e la preoccupazione dei residenti ai piedi della collina è tanta. Non è la prima volta che accade.

Sabato nuovo sopralluogo con la polizia municipale e l’ufficio tecnico per le verifiche, con loro sul posto l’assessore ai Lavori Pubblici d’Alessandro e l’onorevole Del Monaco. 

Ricordiamo che, in tempi recenti, a seguito dell’intervento della Procura della Repubblica, la Sovrintendenza ha ordinato la messa in sicurezza dei luoghi.

Messa in sicurezza che è stata intimata ai proprietari del complesso monumentale anche dall’amministrazione con un’ordinanza firmata nel mese di settembre, ordinanza non ancora assolta, a quanto pare.

Nonostante il sindaco abbia con solerzia provveduto a ordinare la messa in sicurezza dovuta, dopo 60 giorni nulla è stato fatto dai proprietari, eredi De Sivo.

Non basta semplicemente delimitare i terreni e le proprietà ai piedi della collina e con essa confinante.

La messa in sicurezza deve essere fatta nella parte alta, laddove sorgono i resti che vanno consolidati. Ma questa è una storia che parte da molto lontano.

Infatti già nel 1989 l’allora sindaco Francesco d’Angelo, con ordinanza 190 dell’11 novembre 1989, chiedeva, a seguito di crolli, la messa in sicurezza.

Oltre 30 anni sono trascorsi invano. Nulla è mai stato fatto in questa direzione e la collina con le costruzioni che la sovrastano continuano a perdere pezzi sotto gli occhi dei maddalonesi impotenti di fronte all’incuria di chi ha obblighi da adempiere.

Le ordinanze quando si emettono e restano inevase, necessariamente dovrebbero seguire un percorso legale, denuncia penale ai proprietari e/o lavori in danno.

Amministrazioni attente dovrebbero fare in modo da espropriare e/o comprare i beni ed attivare finanziamenti ad hoc per il loro recupero e messa in sicurezza.

Attendiamo gli sviluppi che seguiranno a questa ennesima ordinanza, al momento ancora non soddisfatta.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati