Governo: Fiumi di soldi per le imprese’; Centro Studi ‘LepreGroup’: eterna giostra elettorale

LEPRE-GOVERNO.jpg

Una eterna campagna elettorale, una “never ending story”, direbbero gli americani, che in Italia è divenuta minestra riscaldata, per utilizzare un eufemismo.

Eh si, perché nonostante i dati restino negativi sul fronte economico nazionale, ovviamente equiparati a quelli della zona euro, il governo centrale continua a millantare di aver “destinato fiumi di soldi alle imprese“.

Ovviamente nell’immaginario collettivo si fa strada l’idea di una economia in solida ripresa visto il fiume di soldi che ha sommerso le aziende, ma in effetti la questione è molto diversa, fanno sapere dal Centro Studi della Lepre Group.

Soldi non ce ne sono -esordisce Gianni Lepre (nella foto), opinionista economico del TG2 e presidente del Club delle Eccellenze di Confesercenti Campania e Molise- quindi per i fiumi l’immaginazione dell’esecutivo nazionale ha lavorato alacremente a costruire una realtà virtuale nella quale ha inserito il Bel Paese“.

La cosa buffa -chiarisce Lepre- è che questa cosa non l’hanno detta nemmeno alle banche, quindi una prova del nove di quanto affermiamo potrebbe tranquillamente essere il recarsi in Banca e cercare di farsi attribuire quanto millantato dal premier Conte e dal ministro Gualtieri“.

Dei 113 miliardi di risorse elargite di cui parla la Uil -incalza Lepre- quante effettivamente sono state concesse e quante sono state annullate per non bancabilità?

Sappiamo che il 48% di questa somma è andata alle imprese mentre il resto alla cassa integrazione ed al sostegno al reddito; quindi alla fine ragioniamo su un 48% di cui non si conosce però la percentuale reale di accesso al credito, ma solo quella millantata nella giostra elettorale.

Il vero fiume di soldi è quello in arrivo con il Recovery Fund, almeno quelli sono circa 209 miliardi di euro reali che l’Europa mette a disposizione di un’economia ‘lacustre’ come la nostra, dove la carta filigranata passa la dogana della politica per fermarsi negli stagni della burocrazia, in genere infestati da coccodrilli.

Ma questo il governo lo sa bene, come sa bene che ‘senza soldi non si cantano messe’ che, tradotto in linguaggio consono all’economia reale, significa che, se si continua solo sulla strada degli sgravi alle tasse delle imprese, con elemosine una tantum nel carosello del dare e avere, il Sistema Paese colerà a picco inevitabilmente perché non supportato da liquidità reale ma solo da quella derivante dall’analisi di un credito d’imposta.

Questo -conclude il professor Lepre- è il momento del coraggio: investire il tutto per tutto sul Made in Italy per far ripartire il motore di questo Paese i cui ingranaggi sono a nord, mentre il combustibile è nel profondo sud, dove le idee diventano realtà, dove l’eccellenza risiede da sempre“.