Ippolito riporta Neruda a Capri

Il giornalista e scrittore Roberto Ippolito venerdì 7 agosto sarà a Capri, l’isola seduttrice del poeta cileno, per presentare il suo ultimo libro Delitto Neruda.

Una giornata speciale dedicata al Poeta cileno Premio Nobel, con una passeggiata nei luoghi vissuti e la presentazione del libro-denuncia condotta da Luciano Garofano con l’intervento di Renato Esposito. In particolare quest’ultimo ricorderà l’intensità del rapporto con Capri dove sbocciò l’amore per Matilde Urrutia, diventata poi sua moglie, e dove scaturì l’ispirazione per un’opera come I versi del capitano.

Tante le ombre sulla morte di neruda: nel 2017 dice il nipote Rodolfo Reyes nel cors della sua visita a Capri: «Il mondo deve sapere la verità sulla morte di mio zio Pablo.»

Capri e Pablo Neruda: un legame eterno. L’isola, cantata in versi immortali dal poeta come la “regina di roccia” e la “cattedrale marina”. Il 7 agosto alle 18 la giornata diventerà ancor più speciale grazie a Roberto Ippolito, che guiderà una passeggiata nei luoghi vissuti dal Premio Nobel nel 1952 “sviluppando la felicità” ma anche “il dolore” durante l’esilio, come ricordato da lui stesso. Alle ore 19 la presentazione del suo libro-denuncia Delitto Neruda, pubblicato da Chiarelettere. Sulla copertina si legge «Il poeta premio Nobel ucciso dal golpe di Pinochet.»

Delitto Neruda, viene proposto nella Sala Pollio del Centro Congressi, in via Sella Orta 3 (a 150 metri dalla Piazzetta), con la conduzione di Luciano Garofano e l’intervento di Renato Esposito, entrambi esperti della presenza di Neruda a Capri e più in generale della sua storia.

L’allestimento della sala è previsto con il rispetto di tutte le regole di sicurezza sanitaria.

L’appuntamento per la passeggiata nell’isola seduttrice del poeta insieme a Roberto Ippolito è ai Giardini della Flora Caprense, in via Sella Orta 3. Lo affiancano Luciano Garofano e Renato Esposito. Durante la camminata si toccherà in particolare Casetta Arturo, messa a disposizione dallo scrittore e naturalista Edwin Cerio, Via Tragara e i Faraglioni.

Sono luoghi che il nipote Rodolfo Reyes e la compagna Elisabeth Flores, in visita a Capri nel 2017, hanno ripercorso, con lo stesso incanto del poeta e con l’emozione di ripetere i suoi passi.

Con le pagine del suo libro, Roberto Ippolito fa rivivere e conoscere la tragica sorte del poeta, mettendo insieme gli episodi, i versi, l’allegria e l’orrore. L’instaurazione della dittatura militare di Pinochet, in Cile, l’11 settembre 1973, è la fine di un sogno. Le case di Pablo Neruda devastate, i suoi libri incendiati nei falò per le strade. Ovunque terrore e morte. Anche la poesia è considerata sovversiva. A dodici giorni dal golpe che depone l’amico Allende, il premio Nobel per la letteratura 1971, il poeta dell’amore e dell’impegno civile, amato nel mondo intero, muore nella Clinica Santa María di Santiago. La stessa in cui, anni dopo, morirà avvelenato anche l’ex presidente Frei Montalva, oppositore del regime. Il decesso di Neruda avviene alla vigilia della sua partenza per il Messico, ufficialmente per un cancro alla prostata. Ma la cartella clinica è scomparsa, manca l’autopsia, il certificato di morte è sicuramente falso.

Ippolito ha raccolto le prove sostenibili, gli indizi e il movente della fine non naturale di Neruda, sulla scorta dell’inchiesta giudiziaria volta ad accertare l’ipotesi di omicidio, e per questo contrastata in ogni modo da nostalgici e negazionisti. Per la sua drammatica ricostruzione, l’autore si è avvalso di una vasta documentazione proveniente dalle fonti più disparate: archivi, perizie scientifiche, testimonianze, giornali cartacei e on-line, radio, televisioni, blog, libri, in Cile, Spagna, Brasile, Messico, Perù, Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Italia.

Il libro, che viene presentato a Capri, è scritto con il rigore dell’inchiesta e lo stile di un thriller mozzafiato. Protagonista, una figura simbolo della lotta per la libertà, non solo in Cile, vittima al pari di García Lorca, suo grande amico e illustre poeta, ucciso dal regime franchista.

Delitto Neruda raccoglie i forti apprezzamenti di tutti gli ambienti culturali. Quelli degli scrittori Giancarlo De Cataldo e Diego De Silva, lettori in anteprima, sono sulla quarta di copertina.

Dice De Cataldo: «Chi uccide un poeta uccide la libertà. Roberto Ippolito firma un’inchiesta stringente e appassionante sulla misteriosa morte di Pablo Neruda.»

Osserva De Silva: «Ippolito raccoglie i fatti e li processa, li ricompone, li inchioda. Sembra di essere davanti a una fedele applicazione del principio pasoliniano del sapere fondato sulla ricerca intellettuale. Solo che qui ci sono anche le prove.»

Roberto Ippolito, scrittore e giornalista, conoscitore del mondo letterario, organizza eventi che portano la cultura fra la gente nei luoghi più vari: centri commerciali, mondiali di nuoto, navi, aeroporti, scuole, pullman (per il giro a tappe “conPasolini”), musei, siti Unesco. Ha curato a lungo l’economia per il quotidiano La Stampa, con attenzione ai grandi fatti globali. È stato editor del Festival dell’economia di Trento. Ha dato vita al Tour del brutto dell’Appia Antica. È stato direttore della comunicazione di Confindustria e direttore delle relazioni esterne dell’Università Luiss di Roma, dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.

Autore di libri d’inchiesta di successo, ha pubblicato Evasori (Bompiani 2008), Il Bel Paese maltrattato (Bompiani 2010) e, con Chiarelettere, Ignoranti (2013), Abusivi (2014) ed Eurosprechi (2016).

Il doppio appuntamento è organizzato della Città di Capri, a cura dell’Assessorato alla Cultura.

Una giornata speciale dedicata al Poeta cileno Premio Nobel, con una passeggiata nei luoghi vissuti e la presentazione del libro-denuncia condotta da Luciano Garofano con l’intervento di Renato Esposito. In particolare quest’ultimo ricorderà l’intensità del rapporto con Capri dove sbocciò l’amore per Matilde Urrutia, diventata poi sua moglie, e dove scaturì l’ispirazione per un’opera come I versi del capitano.

Tante le ombre sulla morte di neruda: nel 2017 dice il nipote Rodolfo Reyes nel cors della sua visita a Capri: «Il mondo deve sapere la verità sulla morte di mio zio Pablo.»

Capri e Pablo Neruda: un legame eterno. L’isola, cantata in versi immortali dal poeta come la “regina di roccia” e la “cattedrale marina”. Il 7 agosto alle 18 la giornata diventerà ancor più speciale grazie a Roberto Ippolito, che guiderà una passeggiata nei luoghi vissuti dal Premio Nobel nel 1952 “sviluppando la felicità” ma anche “il dolore” durante l’esilio, come ricordato da lui stesso. Alle ore 19 la presentazione del suo libro-denuncia Delitto Neruda, pubblicato da Chiarelettere. Sulla copertina si legge «Il poeta premio Nobel ucciso dal golpe di Pinochet.»

Delitto Neruda, viene proposto nella Sala Pollio del Centro Congressi, in via Sella Orta 3 (a 150 metri dalla Piazzetta), con la conduzione di Luciano Garofano e l’intervento di Renato Esposito, entrambi esperti della presenza di Neruda a Capri e più in generale della sua storia.

L’allestimento della sala è previsto con il rispetto di tutte le regole di sicurezza sanitaria.

L’appuntamento per la passeggiata nell’isola seduttrice del poeta insieme a Roberto Ippolito è ai Giardini della Flora Caprense, in via Sella Orta 3. Lo affiancano Luciano Garofano e Renato Esposito. Durante la camminata si toccherà in particolare Casetta Arturo, messa a disposizione dallo scrittore e naturalista Edwin Cerio, Via Tragara e i Faraglioni.

Sono luoghi che il nipote Rodolfo Reyes e la compagna Elisabeth Flores, in visita a Capri nel 2017, hanno ripercorso, con lo stesso incanto del poeta e con l’emozione di ripetere i suoi passi.

Con le pagine del suo libro, Roberto Ippolito fa rivivere e conoscere la tragica sorte del poeta, mettendo insieme gli episodi, i versi, l’allegria e l’orrore. L’instaurazione della dittatura militare di Pinochet, in Cile, l’11 settembre 1973, è la fine di un sogno. Le case di Pablo Neruda devastate, i suoi libri incendiati nei falò per le strade. Ovunque terrore e morte. Anche la poesia è considerata sovversiva. A dodici giorni dal golpe che depone l’amico Allende, il premio Nobel per la letteratura 1971, il poeta dell’amore e dell’impegno civile, amato nel mondo intero, muore nella Clinica Santa María di Santiago. La stessa in cui, anni dopo, morirà avvelenato anche l’ex presidente Frei Montalva, oppositore del regime. Il decesso di Neruda avviene alla vigilia della sua partenza per il Messico, ufficialmente per un cancro alla prostata. Ma la cartella clinica è scomparsa, manca l’autopsia, il certificato di morte è sicuramente falso.

Ippolito ha raccolto le prove sostenibili, gli indizi e il movente della fine non naturale di Neruda, sulla scorta dell’inchiesta giudiziaria volta ad accertare l’ipotesi di omicidio, e per questo contrastata in ogni modo da nostalgici e negazionisti. Per la sua drammatica ricostruzione, l’autore si è avvalso di una vasta documentazione proveniente dalle fonti più disparate: archivi, perizie scientifiche, testimonianze, giornali cartacei e on-line, radio, televisioni, blog, libri, in Cile, Spagna, Brasile, Messico, Perù, Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Italia.

Il libro, che viene presentato a Capri, è scritto con il rigore dell’inchiesta e lo stile di un thriller mozzafiato. Protagonista, una figura simbolo della lotta per la libertà, non solo in Cile, vittima al pari di García Lorca, suo grande amico e illustre poeta, ucciso dal regime franchista.

Delitto Neruda raccoglie i forti apprezzamenti di tutti gli ambienti culturali. Quelli degli scrittori Giancarlo De Cataldo e Diego De Silva, lettori in anteprima, sono sulla quarta di copertina.

Dice De Cataldo: «Chi uccide un poeta uccide la libertà. Roberto Ippolito firma un’inchiesta stringente e appassionante sulla misteriosa morte di Pablo Neruda.»

Osserva De Silva: «Ippolito raccoglie i fatti e li processa, li ricompone, li inchioda. Sembra di essere davanti a una fedele applicazione del principio pasoliniano del sapere fondato sulla ricerca intellettuale. Solo che qui ci sono anche le prove.»

Roberto Ippolito, scrittore e giornalista, conoscitore del mondo letterario, organizza eventi che portano la cultura fra la gente nei luoghi più vari: centri commerciali, mondiali di nuoto, navi, aeroporti, scuole, pullman (per il giro a tappe “conPasolini”), musei, siti Unesco. Ha curato a lungo l’economia per il quotidiano La Stampa, con attenzione ai grandi fatti globali. È stato editor del Festival dell’economia di Trento. Ha dato vita al Tour del brutto dell’Appia Antica. È stato direttore della comunicazione di Confindustria e direttore delle relazioni esterne dell’Università Luiss di Roma, dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.

Autore di libri d’inchiesta di successo, ha pubblicato Evasori (Bompiani 2008), Il Bel Paese maltrattato (Bompiani 2010) e, con Chiarelettere, Ignoranti (2013), Abusivi (2014) ed Eurosprechi (2016).

Il doppio appuntamento è organizzato della Città di Capri, a cura dell’Assessorato alla Cultura.

L’articolo Ippolito riporta Neruda a Capri proviene da Lo Speakers Corner.


(Fonte: Speakers Corner – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati