Caiazzo. I ‘sacchetti della fregatura’: pagati due volte dai contribuenti: sul ruolo comunale e nei negozi

Da oltre due mesi i caiatini non hanno più la possibilità di prendere al Comune i sacchetti per la spazzatura.

Eppure li paghiamo tutti… e come li paghiamo.

Pare che chiunque vada al comune per ritirarli,venga liquidato con la scusa che si possono usare tutti i tipi di sacchetti, quindi invitati ad acquistarli.

Capisco benissimo che la questione Covid 19 ha creato non pochi problemi, ma ora ne facciamo anche una questione economica.

Se è vero che il pagamento di molti tributi è stato sospeso, lo è altrettanto che a breve si dovranno pur pagare e sono convinto che nelle rate che andremo a pagare, saranno compresi i costi dei sacchetti che di fatto non sono stati mai utilizzati.

Tutti in paese si chiedono che fine abbia fatto il distributore automatico? Dove sono finite le buste con il codice a barre? Soldi sprecati?

Speriamo di riuscire a sensibilizzare l’amministrazione comunake, che su questa vicenda sicuramente sta dormendo o semplicemente ci si è affidati a un responsabile che ultimamente sembra avere troppi impegni e, si sa, quando si fanno troppe cose. si rischia di non farle bene.

(Mauro Della Rocca – Gruppo consiliare “Caiazzo Bene Comune” – Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: