Coronavirus. Il Saut di Caiazzo trasferito a Ruviano

“Il trasferimento del Saut di Caiazzo a Ruviano disposto dall’Asl di Caserta nelle more di reperire locali più idonei alla struttura è un errore e va revocato”. Lo afferma, annunciando eventuali azioni presso le opportune sedi istituzionali, qualora non dovesse essere revocata la disposizione in questione, il Segretario Organizzativo Nazionale del SAUES, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria, Nicola Mincione, tenuto conto che “questa scelta avrà ripercussioni assolutamente negative sul servizio”.

La nuova postazione, decisamente più distante dalle città servite dallo stesso presidio 118 spiega Mincione –, comporterà tempi di collegamento con gli ospedali casertani e di intervento delle ambulanze notevolmente più lunghi”. “Dovendo affrontare strade dissestate o alternativespiega -, raggiungere località come Liberi, Formicola, Pontelatone, Alvignano, Piana di Monte Verna, Bellona o Vitulazio richiederà ben oltre i venti minuti disposti dalla normativa nazionale e non meno di tre quarti d’ora, con tutti i rischi del caso e le relative conseguenze di carattere medico-legale”.

Tra le criticità del provvedimento, anche i tempi del trasferimento del Saut a Ruviano che, secondo Mincionenon potrà attuarsi tempestivamente, come chiesto dall’Asl, visto che implicherà il trasferimento e la reistallazione degli armadi e degli elettrodomestici destinati alla custodia e alla conservazione dei presidi sanitari e dei farmaci, oltre che delle poltrone-letto previste per il riposo cosi come disposto dal contratto collettivo nazionale di lavoro a cui non è possibile prescindere”-

Il tutto era cominciato, in data 4 aprile 2020,  con la richiesta di Paolo Ficco ,presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria,  formalizzata   ai vertici dell’Asl di Caserta di trasferimento temporaneo del personale 118 del Saut di Caiazzo in un altro stabile aziendale o comunale. 

L’istanza era stata determinata dalla  notizia del contagio di cinque operatori sanitari di stanza nello stabile di via Caduti sul lavoro a Caiazzo, edificio nel quale operavano  tra gli altri anche gli operatori del locale Saut. 

Tutti gli operatori sanitari di quello stabile sono stati sottoposti  al tampone nasofaringeo – ebbe a dire  Ficco – , ma e’ chiaro che vanno comunque messe in campo misure ad horas, a tutela del personale sanitario e dei cittadini, a partire dal trasferimento del personale 118 gia’ particolarmente carente nel Casertano”. 

 

L’articolo Coronavirus. Il Saut di Caiazzo trasferito a Ruviano proviene da BelvedereNews.

(Fonte: BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati