Castel Volturno. Emergenza criminalità: volontario della Caritas aggredito da un pusher

Cesare Diana, ex consigliere e volontario Caritas (nella foto qui accanto),

ha subìto un tentativo di aggressione, in Via Antonio Ranieri, da parte di un pusher che spacciava droga.
Fortunatamente la vittima è riuscita a divincolarsi e ad allontanare lo spacciatore, recandosi immediatamente presso la caserma dei carabinieri di Castel Volturno, dove ha denunciato l’accaduto.
L’ennesimo atto -dichiara Diana- contro noi castellani. Purtroppo tutti noi temevamo quello che sta accadendo, ovvero che lo stop dovuto al Covid-19 portasse a un incremento della criminalità.
In questo periodo -fa sapere il volontario- sono aumentati anche le rapine ed i furti nelle abitazioni. Orde di disperati assalgono case, ville ed appartamenti nell’indifferenza generale. La fame sta diventando più pericolosa del Covid19 e, nel nostro comune, rischia di mietere sicuramente più vittime”.
La terribile situazione viene stigmatizzata anche da Rino, residente in Pinetamare, che ha dichiarato: “Sono settimane che nella zona delle villette di Pinetamare c’è un via-vai continuo, con extracomunitari che spadroneggiano e terrorizzano i residenti.

Ne sono accadute di tutti i colori, diversi furti sono stati portati a termine; altri sono stati sventati dagli stessi malcapitati che, accorgendosi in tempo, sono riusciti ad allontanare i delinquenti senza rimetterci la vita.
Alcuni si sono limitati a chiedere soldi ma una di loro, una prostituta attiva in zona, non ricevendone ha iniziato a sputare in faccia alla gente“.
Gli extracomunitari – spiega il castellano – sanno di restare impuniti, quindi non si pongono il problema di entrare nelle abitazioni, anche se all’interno ci sono i proprietari.
Per esempio un immigrato, con un cappello giamaicano, che gira ancora pericolosamente per la città, ha cercato di introdursi in una villa in pieno giorno, scavalcando il muro con una scala.
Una signora, invece, si è ritrovata di faccia quattro balordi, che si erano introdotti al piano terra portando via televisori, stereo ed altri oggetti presenti in casa.

Tre dei delinquenti sono scappati nella pineta, nella strada Tagliafuoco, diventata area di spaccio e di ingresso privilegiato per i criminali al Villaggio Coppola, direttamente dalla domitiana.
Uno (nella foto qui accanto) siamo riusciti a seguirlo ma poi è scappato nei vialetti alle spalle dell’Agip.
I carabinieri, giunti sul posto, hanno perquisito una palazzina piano per piano, ma, nonostante il lavoro impeccabile, non sono riusciti a stanarlo.
Lo straniero sì è dileguato nel nulla e si aggira ancora libero per le strade del comune”.
Vorrei chiedere al primo cittadino – conclude Cesare Diana – di essere il primo realmente, guidando questa città senza lasciarla in balia degli eventi.
Purtroppo noi castellani sentiamo sempre di più che non ha il controllo né delle istituzioni comunali, né del territorio.
Petrella non può lasciare implodere così la città, sotto il peso di vecchi e nuovi problemi mai affrontati.
Il sindaco ha delle responsabilità nei confronti della sua comunità, se non è all’altezza deve dimettersi”.
(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Teleradio News

tel. (+39) 0823 862832; 333 148 1414 - 393 2714042 - 334 539 2935; mail to: info@tr-news.it - info@teleradio-news.it - http://teleradionews.info - web: www.tr-news.it - htps://www.teleradio-news.it e vari siti web collegati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: