TEVEROLA: TRE CONDANNE PER L’OPERAIO MORTO

TEVEROLA – Una giustizia perfettamente equilibrata, tre le condanne e tre le assoluzioni emerse durante la lettura della sentenza al termine del processo per la morte di un’operaio avvenuta ben dieci anni fa.

Era infatti il 25 settembre del 2009 quando Gianluca Bonfini rimase letteralmente schiacciato da un pannello mentre prestava la sua attività lavorativa per la costruzione di un’opificio.

Ad emanare la sentenza il dott. Giovanni Mercone, giudice monocratico del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nella quale risultano condannati per omicidio colposo: Marco Zecca (due anni, responsabile del montaggio del capannone), Carmine Canciello (due anni, committente dei lavori) e Dino Di Pietro (un’anno e otto mesi). Tutti e tre, sempre da quanto emerge dalla sentenza dovranno risarcire i danni in favore della parte civile.

Escono “vincitori” e quindi assolti Michele Canciello, Francesco Martelli insieme all’ing. Pietro D’Orazio.

L’articolo TEVEROLA: TRE CONDANNE PER L’OPERAIO MORTO proviene da BelvedereNews.

(BelvedereNews – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: