Napoli. ‘Boss in gonnella graziata’: 12 anni di carcere ‘annullati’ grazie all’acume dell’avvocato Dario Vannetiello

Clamorosa assoluzione del boss in gonnella: annullata sentenza di condanna ad anni 12 per la moglie del boss Domenico Pagnozzi.

Era stata condanna ad anni 12 di reclusione per aver diretto ed organizzato il clan Pagnozzi, quando fu tratto in arresto il marito Domenico Pagnozzi, consorteria operante a cavallo delle province di Benevento ed Avellino, con diramazioni a S. Giovanni a Teduccio nonch* con comprovato recente radicamento addirittura nella città di Roma.

La condanna fu confermata dalla Corte di appello di Napoli.

Ma in cassazione le questioni giuridiche sollevate nell’articolato ricorso redatto dall’avvocato Dario Vannetiello, del Foro di Napoli, portarono i giudici della seconda sezione penale della Suprema Corte ad annullare la sentenza di condanna in quanto alcuni importanti temi tracciati dalla difesa non erano stati valutati dai giudici di merito.

Si è quindi svolto il giudizio di rinvio innanzi alla Corte di appello di Napoli – seconda sezione penale – presieduta dalla dottoressa Grassi, giudici a latere i dottori Rovida e Carapella.

Nonostante le precedenti decisioni avessero condiviso in pieno il teorema accusatorio e nonostante anche l’Ufficio della Procura Generale in udienza ha chiesto e insistito per la totale conferma della sentenza di condanna ad anni 12 di reclusione, le penetranti e diffuse argomentazioni offerte nella appassionata arringa tenuta dall’avvocato Vannetiello hanno finito per convincere la Corte.

Il verdetto è stato sorprendentemente e completamente ribaltato ed i giudici hanno mandato assolta la signora Rame per non aver commesso il fatto.

(Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Benvenuto su TeleradioNews ♥ Mai spam o pubblicità molesta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: