Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta » Giustizia ‘ingiusta’ ma chi paga? scarcerato dopo 22 anni di ingiusta detenzione chiede 66 milioni di euro Google+

Giustizia ‘ingiusta’ ma chi paga? scarcerato dopo 22 anni di ingiusta detenzione chiede 66 milioni di euro

Posted on Gennaio 25, 2019 by

22 anni di galera da innocente: ora vuole 66 milioni di risarcimento.
Giuseppe Gulotta (nella foto in alto) fu arrestato ingiustamente nel 1976 e solo nel 2012 fu assolto; ora vuole un maxi risarcimento dallo Stato italiano.

Giuseppe Gulotta aveva solo 18 anni quando lo misero in manette, nel gennaio del 1976.

L’accusa era di aver ucciso i carabinieri Salvatore Falcetta e Carmine Apuzzo (nella foto qui accanto, tratta da Wikipedia), agenti della stazione di Alcamo Marina, in provincia di Trapani.

Nel 2012 la Corte d’Appello di Reggio Calabria ha stabilito che, all’epoca, il giovane Gulotta si auto dichiarò colpevole dopo ore di torture.

Dopo 36 anni tra carcere e libertà vigilata, dunque, Giuseppe Gulotta è stato completamente assolto dalle accuse.

Nel 2016 la corte ha stabilito un risarcimento di 6,5 milioni di euro da parte dello Stato per l’ingiustizia subita dall’uomo.

La richiesta dei legali di Gulotta però ammontava a 56 milioni, richiesta nuovamente presentata in questi giorni al Tribunale di Firenze, e intanto lievitata a circa 66 milioni.

La strage di Alcamo Marina

La notte del 27 gennaio 1976 si consumò quella che è nota come strage di Alcamo Marina.

Nella caserma “Alkamar” morirono, per colpi d’arma da fuoco, due carabinieri, Salvatore Falcetta e Carmine Apuzzo.

I sospetti ricaddero inizialmente sulle Brigate Rosse, ma molto presto furono acciuffati quattro ragazzi alcamesi, che passarono per capri espiatori.

L’anarchico Giuseppe Vesco (trovato impiccato in carcere pochi mesi dopo), accusò della strage Giuseppe Gulotta, Giovanni Mandalà, Gaetano Santangelo e Vincenzo Ferrantelli.

I giudici condannarono i primi due all’ergastolo, gli altri a 20 anni.

Santangelo e Ferrantelli si rifugiarono in Brasile tra un processo e l’altro, ottenendo lo status di rifugiati.

Mandalà e Gulotta, invece, finirono subito dietro le sbarre.

Mandalà morì in carcere per cause naturali nel 1998, mentre Gulotta uscì definitivamente di prigione solo nel 2010, dopo aver scontato un totale di 22 anni in gattabuia, ottenendo la libertà vigilata.

L’assoluzione degli innocenti

Nel 2008 ci fu una svolta: l’ex brigadiere dei Carabinieri Renato Olino confessò i metodi illegali utilizzati durante l’interrogatorio dei giovani.

La Procura di Trapani aprì due inchieste che portarono ad un nuovo processo.

Da quest’ultimo, cominciato nel 2011 alla Corte d’Assise di Reggio Calabria, è emersa l’innocenza degli accusati, ai quali la confessione della strage fu estorta per mezzo di torture e violenze inaudite da parte dei Carabinieri che li interrogarono.

Anche Giuseppe Vesco confessò che fece i nomi dei quattro ragazzi incarcerati ingiustamente per far cessare le torture dei carabinieri.

Inoltre, il suo presunto suicidio per impiccagione resta ancora avvolto nel mistero: Vesco, infatti, aveva una sola mano.

Dopo l’assoluzione, il risarcimento dello Stato

Nel febbraio del 2012, arrivò l’assoluzione definitiva: Giuseppe Gulotta ha dovuto aspettare 36 anni per riavere la sua libertà, ingiustamente portata via.

A luglio l’assoluzione giunse anche per Ferrantelli e Santangelo; nel 2014, infine, la corte assolse anche Mandalà, sebbene post-mortem.

Nel 2016 il ciclo si è chiuso, quando la corte stabilì un risarcimento di 6 milioni e mezzo di euro per Gulotta, il più alto della storia della Repubblica.

In un’intervista del 2006 a “Il Fatto Quotidiano” l’ex ergastolano ha dichiarato di sentirsi finalmente felice per la fine dell’ingiusta vicenda, ma anche che nessuna cifra colmerà mai il vuoto lasciato dal furto della sua vita.

(Lorena Fantauzzi – https://facebook.com/fantauzzipress/posts/279884836023744 – Comunicato Stampa – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

© 2019 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 80 queries, 1,533 seconds.