Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta » Napoli-Piedimonte Matese. Morto l’ingegner Pietrangelo Gregorio, ‘inventore’ della TV locale Google+

Napoli-Piedimonte Matese. Morto l’ingegner Pietrangelo Gregorio, ‘inventore’ della TV locale

Posted on Gennaio 10, 2019 by

Mesto addio dei napoletani riconoscenti al precursore dell’emittenza televisiva locale,

ingegner Pietrangelo Gregorio (nella foto), originario di Piedimonte Matese, in provincia di Caserta (dove pare fosse giunto dall’Irpinia), ove ugualmente sostenne la nascita di una TV locale affidata al figlioccio Guido Riselli, e avviò la produzione (e quindi la vendita) di amplificatori televisivi e vari accessori, tanto da dare lavoro ben quindici persone.

Sua fu anche l’invenzione del “rullo” attraverso il quale avviò una sorta di notiziario “scorrendo” i titoli dei quotidiani.

Grazie all’estroso professionista, nel 1966 a Napoli fu varata la prima TV privata del Paese: “Telediffusione Italiana – Telenapoli”, che trasmetteva via cavo solo agli abbonati napoletano.

Da quell’esperienza nacquero infinite realtà analoghe in tutta Italia; fu anche tra i fondatori di Canale 21.

Il suo nome forse a molti dice poco o nulla, ma è grazie a Pietrangelo Gregorio che nacque la televisione libera italiana.

Gregorio, classe 1928, morto il 7 gennaio 2019 a novant’anni, fu il precursore delle emittenti private con Telediffusione Italiana – Telenapoli, TV via cavo, nata a Napoli l’antivigilia di Natale del 1966.

Nel 1971 Telediffusione diventa la prima emittente televisiva italiana a produrre ed irradiare trasmissioni a colori.

Viene ripreso a colori l’intero Cantagiro di Ezio Radaelli, mentre la RAI trasmetteva ancora in bianco e nero; da tempo il geniale ingegnere campano stava sperimentando le trasmissioni televisive tridimensionali, anche in questo caso, per quant’è dato sapere, precursore assoluto nel mondo; non a caso su internet e in particolare su Youtube sono presenti numerosi servizi e video ispirati o comunque dedicati al compianto.

Pietrangelo Gregorio raccontò la sua epopea in una bella biografia, nella quale spiegò come i suoi molti ritrovati tecnici, molti dei quali brevettati ma puntualmente copiati nel resto d’Italia, furono poi alla base dell’emittenza privata berlusconiana.

Gregorio lo scorso anno fu premiato, per la sua inventiva, dal sindaco di Napoli

L’epopea di Canale 21, storica TV privata napoletana

Gregorio fu anche tra i fondatori di Canale 21, altra storica emittente televisiva partenopea, tuttora esistente.

Volto noto e amato dal pubblico napoletano, l’ingegner Gregorio ha condotto per oltre mille puntate “Filo diretto”: una trasmissione aperta alle telefonate dei cittadini.

Inventore e detentore di vari brevetti nel settore delle telecomunicazioni, nel settembre scorso, in occasione dei suoi 90 anni, il compianto aveva ricevuto la medaglia della città dal sindaco Luigi de Magistris, che così ha commentato la sua scomparsa: Pochi mesi fa in Sala Giunta avevamo premiato l’ingegnere Pietrangelo Gregorio per i suoi novant’anni e per la sua splendida carriera. Oggi, sapendo della sua scomparsa, ne ricordiamo il tratto gentile e la luminosa creatività.

Siamo vicini alla sua famiglia“.

Per i suoi indiscussi meriti, il mese scorso il Comune di Piedimonte Matese gli aveva conferito la cittadinanza onoraria.

Al cordoglio degli operatori dell’informazione televisiva consapevoli, non solo partenopei, si aggiunge quello della nostra redazione.

Cliccare sulla foto per il video ricordo della premio conferito dal Comune di Napoli al geniale inventore

(Fonte & Agggiornamenti: https://napoli.fanpage.it/e-morto-pietrangelo-gregorio-luomo-che-ha-inventato-la-tv-privata-italiana/ – News archiviata in #TeleradioNews ♥ il tuo sito web © Diritti riservati all’autore)

© 2019 Teleradio-News ♥ mai spam o pubblicità molesta copyright - Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved; Sviluppato da PSD to Wordpress; Disegnato da ; ; Realizzato da WordPress & Web Design Company per TeleradioNews
[ Vai all'inizio della pagina ] 78 queries, 1,681 seconds.